Offlaga Disco Pax
Socialismo Tascabile

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Lo so è già stato recensito. Ma ormai quest'album, per vari motivi, mi è entrato nel sangue. Lo conosco a memoria, tutto, o quasi. E in fin dei conti solo la musica ha questo potere di entrarci nel cervello senza spingere, perchè lei ha il telepass, e non fa la coda ai caselli. ma il pedaggio lo paga pure lei. Quindi andiamo a ricontrollare quanto è stato pagato. In questo caso ben poco. ci era entrato nel cervello con la stessa velocità con la quale ne uscirà. Ma di questo forse ne avevamo la sensazione anche al momento dei suoi primi ingressi. Quelle storie strane, ma non troppo; quella musica innovativa, ma non troppo; quel pasticcio domenicale tanto buono quando lo tieni un pò in frigo, ma meglio mangiato appena tiepido.

Conosco una persona che mangia per nervosismo cucchiaiate di zuccherini al limone, quella roba lì, citrosodil o comecazzosichiama. Conosco un altra persona che ha perso il senso del gusto per aver fumato troppe sigarette. E ne conosco un'altra che ha lasciato case e chiese, rumori gentili e traccie sottili (magari sugli zerbini dei miei pianerottoli) non ho la competenza-voglia di indagare il suono e la sua qualità, di questo ne parleranno-hanno parlato altri. Io voglio parlare del fenomeno commerciale.  Questo è un cd che è COMMERCIO. Si basa sui principi basilari del marketing:

  1. trovare un target di persone
  2. essere appetibili anche per un range di persone che si avvicina a questo target (o addirittura, come nel caso di questo cd, crearne da zero uno)
  3. creare (o sfruttare, all'occorrenza) un immaginario collettivo (i feticci visivo culturali del comunismo) e un immaginario simbolico intimo del gruppo (il wafer tatranky, il toblerone, il pupazzo, il negozio di dischi di cavriago)
  4. naturalmente, creare anche della discreta musica
  5. non so se voluto, ma ne ha tutti i "crismi", fare in modo che si accenda una disputa tra 2 complessi musicali (e non aggiungo altro, il materiale trampolino di lancio della vostra curiosità verrà soddisfatto dal testo di Tono metallico standard, mastro google trabocca)

Il target di persone a cui si rivolge si manifesta in: frequentatori di centri sociali in felpetta e bandiera della pace, amicisti e pacifichevoli; trentequarantenni liberi professionisti disillusi; ogni tipo di adolescente che debba seguire una moda per non essere escluso dal resto della società. Il target creato dal cd è rimpolpato da esuberi di ogni fazione e scelta politica, età o inclinazione sessuale che ritenga essere stato citato nelle canzoni. Il merito principale di questo cd è avere creato una bolla atemporale, un buco nero cosmico nel quale infilarsi senza rischiare la disintegrazione molecolare, purtuttavia restando abbastanza angosciati da come il tempo possa essere una fase alterna e la vita un ricordo così pesante da non essere spezzato dal tempo futuro, ma anzi vittima di un percorso sprezzante dove la musica possa invilupparsi attorno e creare dimensioni nuove.

Ascoltatelo però il cd, eh!

Questa DeRecensione di Socialismo Tascabile è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/offlaga-disco-pax/socialismo-tascabile-prove-tecniche-di-trasmissione/recensione-expresuntuoso

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

killrockstar76
Opera: | Recensione: |
mah, a me sembra un disco sinceramente molto sopravalutato e noioso. molto noiso e i paragoni fatti da alcuni con i cccp mi sembra basfemo


expresuntuoso
Opera: | Recensione: |
boh a me non è dispiaciuto...è il contorno che ho descritto che lo abbassa di valore...

cmq secondo me coi cccp non c'entrano proprio niente, nè nei testi, nè nelle musiche, nè nell'immaginario da cui traggono solo linfa comune affine (gli ideogrammi di sinistra) ma la trasfigurano in tutt'altra veste.

Occulto Supersovrano
Opera: | Recensione: |
Ti sembrava il caso di fare la quarta rece di 'sto disco miserabile? Un gruppo veramente pessimo, che fa musica(?) di merda. Il target te lo dico io: i coglioni come te.

expresuntuoso
Opera: | Recensione: |
motiva quello che scrivi..perchè musica di merda? io poi non l'ho votato berlusconi, sappilo..


mikornr
Opera: | Recensione: |
Recensione inutile di un disco che resta (e parlo con gli snob quì sopra)tra le cose migliori del 2005..

Bisius
Opera: | Recensione: |
Il disco è un capolavoro di critica e denuncia sarcastica... ma di recensioni cominciano ad esserne fin troppe di questo disco, e questa non è scritta nemmeno benissimo.

hugoniot
Opera: | Recensione: |
BASTA!!!!!!!è la sesta rece de sto album...BASTA!!!

Occulto Supersovrano
Opera: | Recensione: |
le altre recensioni non le ho lette, ma questa mi è piaciuta (nonostante il disco/gruppo mi stia un po' sui coglioni.

expresuntuoso
Opera: | Recensione: |
accetto tutte le critiche solo non capisco il problema che ci sia più d'una recensione su di un disco...in fondo è anche bello che la gente che voglia dire la sua su una cosa abbia la facoltà di farlo (e forse è anche questo lo scopo principale del sito, oltre a vendere magliettine :-) eppoi io trovo gustoso il fatto di cercare a volte una rece nella ricerca e trovarne più d'una, magari leggo e passo avanti se non gradisco, ma questa critica (a parte chi pensa che l'album faccia cacare o sia ingiudicabile, e non pare il tuo caso bisius, visto il 5 che dai) mi pare ripeto ingiustificata.
c'è più gusto a sentire più opinioni, soprattutto su una cosa che piace/ha colpito/non capisce ancora appieno/ ecc..ecc..ecc.. in più ad una breve occhiata alle altre rece, credo di aver sostenuto un punto di vista, non di aver papellato su un cd già recensito.
poi il cd in questione ha acceso la discussione più dei recensori che dei commentatori, e questo è un punto a favore della tua tesi secondo il quale non converrebbe pubblicarne ulteriori, magari questo è un invito a commentare sulle rece già scritte, non lo prendo in scarsa considerazione, per il futuro. d'altronde spesso i commenti sono più importanti della stessa rece scritta, come dimostra il caso di molte recensioni sul disco scarne o incomplete che hanno acceso la discussione di chi commentava, quando è saltabile/omettibile il giudizio ad una recensione palesemente incompleta o piena di spunti critici.
un esempio? la recensione di dark side of the moon che ho messo tra le consigliate.


hiver
Opera: | Recensione: |
Per quanto riguarda la rece confesso che mi urtano le premesse eccessivamente autoreferenziali e giustificatorie, quindi sono un po' con le braccine corte quanto a voti. Il disco è quello che è: carino davvero. Rinverdisce i fasti dei migliori cccpcsipgr massimo volume ecc ecc ma con una dose in più di ironia che vale l'acquisto.

hiver
Opera: | Recensione: |
Concordo pienamente sulla non inutilità circa la presenza di più DeRecensioni di uno stesso disco. expresuntuoso ha detto cose condivisibili.

Orwell
Opera: | Recensione: |
..le altre rece le trovo di gran lunga più ke esaustive.,vedo inutile aggiungere
altri pareri.infondo i commenti ci sono appositamente.altrimenti appesantiremo il de-database con lw stesse (e non parlo di album)recensioni..solite robe

Orwell
Opera: | Recensione: |
se dopo è il nostro egocentrismo che urla..allora le cose stanno diversamente

ArnoldLayne
Opera: | Recensione: |
ma ci so 8 rece su sto disco??

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: