Sto caricando...

Offlaga Disco Pax
Socialismo Tascabile (Prove Tecniche Di Trasmissione)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Gli OFLAGA DISCO PAX. Vengono da Cavriago “un paesino alle porte di Reggio Emilia” e ci raccontano che l’unione fa ancora la forza, che niente è perduto anche se “ci hanno preso tutto” , anche se le multinazionali hanno piantato i loro marchi nella storia tremenda ma dignitosa dei paesi dell’ Est Europa.

Un disco militante quello degli Offlaga ma zeppo di spunti sognanti, di momenti delicati, taglienti come solo i ricordi dolci sanno essere perché riposti in una zona della nostra mente collegata dritta la cuore, memoria che è passato condiviso e perciò ancora toccante. L’apertura è sospesa su accordi di 7° maggiore su cui il basso e la chitarra costruiscono uno spazio sonoro aperto che allontana ma non chiude la vicenda umana dello studente e di Kappler professore di agraria così soprannominato “visto l’ abito e lo stile”. Il cantato è saltato per un recitativo che ricorda i Massimo Volume ma che è soprattutto distanza nostalgica e ironica, la drum machine è un relitto tecnologico che sembra un telegrafo in perenne S. O. S. Enver e Robespierre (la settima traccia) paiono le uniche “canzoni” del disco; in cui la voce si modula e a tratti si affievolisce o grida, ma tutto il lavoro è retto da un costante misunderstanding ideologico che è il precipitato della passione politica in reazione con l’odierno. Come in "Khmer Rossa" in cui alla italiano si sovrappone una femminile voce slaveggiante che segna lo scarto entro la stessa visione del mondo. La parte centrale regala forse i momenti più alti, con "Cinnamon" rivisitazione di storia attraverso i gusti delle chewin gum, "Tono Metallico Standard" che sfronda le snobismo di certi sedicenti alternativi e Tatranky dolente presa di coscienza della fine del utopia socialista. "Piccola Petroburgo" contiene già nel titolo lo spirito del gruppo, parla infatti di Cavriago, e "de Fonseca" riporta al dettato minimalista della quotidianità come luogo di epifanie struggenti.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

mayhem
mayhem
Opera:
Recensione:
Nooo.. la volevo fare io questa... complimenti comunque!


SouthMan
SouthMan
Opera:
Recensione:
Tra i primi dieci capolavori del decennio. Un album struggente e devastante. "Ci hanno davvero preso tutto".


AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
Cavolo la mia prima recensione e mi sono pure dimenticato di firmarla....


giov
giov
Opera:
Recensione:
ciao aristarco (complimenti bel nick di cacca ;D...) e benvenuto.
Questi li hanno premiati di recente come miglior gruppo indie italiano miglior disco italiano dell'anno ecc ecc...ma mi mancano.


AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
Si hanno vinto il MEI.


sfascia carrozze
sfascia carrozze
Opera:
Recensione:
Cordiale De-Recensore Monsieur AristarcoScannabue (complimenti per il notevole nickname..), in tutta franchezza non conosco i tricolorici in quaestionem, altresì Le dico che la Sua piacevole de-commentazione mi intrigò assai anzichenò. Ossequi a iosa et anche di più. Your S.C. di (s)fiduciam.


AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
Grazie a voi, Sfascia e giov (grazie per il benvenuto) e tutti gli altri, per le vostre attestazioni di stima, nn è facile fare una recensione specie di un gurrpo nuovo e già così discusso anzi mi aspetto di vederne una completamente diversa e trinciante, molti di noi sono legati all'epopea dei Cccp e soci ma credo che le due cose siano abbastanza divergenti sebbenbe chiaramente una filiazione dell'altra.


AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
Grazie a voi, Sfascia e giov (grazie per il benvenuto) e tutti gli altri, per le vostre attestazioni di stima, nn è facile fare una recensione specie di un gurrpo nuovo e già così discusso anzi mi aspetto di vederne una completamente diversa e trinciante, molti di noi sono legati all'epopea dei Cccp e soci ma credo che le due cose siano abbastanza divergenti sebbenbe chiaramente una filiazione dell'altra.


ingenuapupattola
ingenuapupattola
Opera:
Recensione:
sigh... quando ascolto Kappler penso sempre alla mia trista condizione di insegnante :) ... bel disco, senza scherzi.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
La recensione è buona. Il disco è fastidioso e bruttino, anche se non privo di qualche momento interessante. Naturalmente parere personale, 'che, come reitera Sfascia, De Gustibus è d'uopo.


Sallu
Sallu
Opera:
Recensione:
miglior disco italiano dell'anno. Se la gioca con gli amari


Vivis
Vivis
Opera:
Recensione:
....e bravi gli offlaga...oggi per la prima volta li ascolto dopo che il mio spacciatore di fiducia si è ricordato della mia agonizzante situazione di dipendenza da cd .... e caz non mi aspettavo il parlato su tutto il disco... una voce che all' inizio ti fa aggrottare la fronte un po scettico.... e poi trasforma la smorfia in un dilagante sorriso...a volte anche un po amaro....un disco bellissimo emozionante "sognante" è vero caro aristarco scannabue!!!hai fatto una recensione azzeccatissima bravo!!...e bravi gli offlaga...vivis


LunaStorta
LunaStorta
Opera:
Recensione:
Piccola precisazione: Non uno degli ODP è di Cavriago, sono tutti di Reggio, giusto Enrico abita appena fuori. Grandi gli Offlaga a cui voglio pure bene.


Sanjuro
Sanjuro
Opera:
Recensione:
Questi li ho visti dal vivo 2 anni fa quando non erano per nulla famosi, molti durante la serata si sono tagliati le vene altri apparivano interessati e incuriositi, non un capolavoro certo...il cantato raggiunge a volte un monotonismo pre suicida che mi fa passare la voglia di vivere:) Bella la rece, la mia preferità è Kappler. Voto rece 4.5 Voto disco 2.5 o 3 - - -


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
cacchio complicata questa recensione... però sembra simpatica... il disco invece è simpaticissimo!!!!!!


Jam
Jam
Opera:
Recensione:
Disco splendido!!!


santi_bailor
santi_bailor
Opera:
Recensione:
il migliore italaino da qualke anno...tra un pò me li vado a vedere live...:)


demi1977
demi1977
Opera:
Recensione:
Prima recensione? Niente male.
Il disco : esaltante, accattivante, originalissimo davvero meritevole di tutti i premi che ha ricevuto.


demi1977
demi1977
Opera:
Recensione:
Prima recensione? Niente male. Il disco : esaltante, accattivante, originalissimo davvero meritevole di tutti i premi che ha ricevuto.


Greg*89*
Greg*89*
Opera:
Recensione:
Sono grandi. e questo basta.


black_eyed
black_eyed
Opera:
Recensione:
e non sarai mai.. un'emozione da poco..


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Si, bella recensione, però almeno bisogna conoscere quello di cui si parla.
Gli offlaga non vengono affatto da Cavriago, ma da Reggio Emilia. Di Reggio sono e Reggio vivono, da sempre.
A Cavriago c'è semplicemente il Calamita, ovvero il posto dove hanno iniziato a suonare e a cui per ovvie ragioni sono molto legati.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Socialismo Tascabile (Prove Tecniche Di Trasmissione) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link