Pink Floyd History
Teatro "La Fabbrica" Villadossola (VB)

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

"Allora Elisa vuoi venire con me questa sera al concerto tributo dei Pink Floyd?" E' l'ultima laconica richiesta a mia figlia.

"Ma ti pare? ahahahah" E' la sua triste risposta ormai del tutto persa in ascolti che mi piace definire "pattume musicale".

Va be, non importa; ci andrò da solo. Villadossola dista soltanto una decina di chilometri da casa e non avrò problemi a raggiungerla, tenendo a bada le mie ansie, le mie paure nell'affrontare luoghi troppo affollati. Ed inoltre credo che l'afflusso non sarà da tutto esaurito; ed è molto meglio per me.

Nell'ultima settimana, salvo rare eccezioni, mi sono immerso completamente nell'adorato suono dei Pink Floyd; un ripasso di tanti dischi che ho consumato nella mia remota gioventù. In automobile, a casa, ogni momento libero è stato da me sfruttato per ascoltare, per riprovare tanti di quei brividi che mi è difficoltoso quantificare. Emozioni mai sopite, pronte a tornare protagoniste.

Sono uno dei primi ad entrare nella zona adibita a bar e biglietteria del Teatro; incontro e saluto molte persone che conosco. Quando le porte vengono aperte qualcuno si ferma a metà sala.

"Si sente meglio; immagini e luci hanno un effetto migliore ad una certa distanza dal palco". Riecheggia questa frase.

Non c'è verso per me; non esiste fermarsi prima. Questa sera ho un solenne appuntamento e devo essere davanti, in prima fila. Ed è quello che faccio; intorno a me il vuoto. Voglio rimanere da solo, non voglio distrazioni; sono già in una sorta di trance agonistica. In solitaria come avviene spessissimo anche nelle mie escursioni tra sentieri e montagne. Montagne e Musica, parte della mia vita.

Con una decina di minuti di ritardo le luci vengono spente; quattro oscure figure si posizionano dietro i rispettivi strumenti. Immagini proiettate nel grande schermo dietro il palco: i Pink Floyd nel fiore della gioventù

E' il manifesto psichedelico di Astronomy Domine ad onorare l'apertura del concerto; coloratissime ed abbaglianti luci invadono la sala ed il mio animo. Un allucinogena See Emily Play a seguire, mentre un sorridente Syd sembra osservare gli artisti che si stanno impegnando nella sue canzoni. E il suono della batteria che mi colpisce (!!): caldo, pieno, forte. Una costante per l'intera durata dello show.

Entrano altri tre membri della band: ora sono in sette sul palco. La coesione tra di loro è perfetta, il suono diventa avvolgente sempre più potente nel succedersi dei brani. A parte Ummagumma vengono omaggiati tutti i dischi Floydiani fino a The Division Bell.

Set the Controls for the Heart of the Sun, Fat Old Sun, una sublime ed interminabile Echoes: decollo, entro nel mio mondo fatto di emozioni, più volte devo togliermi gli occhiali per asciugare lacrime di viva ed intensa gioia. Luci, suoni, immagini, fumi rendono l'atmosfera magica; e la mia mente non può non dirigersi dalle parti di Monza 1989 quando ho visto uno dei concerti della vita. Ma i ragazzi di Lucca ci sanno davvero fare, interagiscono tra di loro ed hanno tutta l'aria di divertirsi mentre si transita nelle vicinanze del Lato oscuro della Luna.

Breathe, Time, Money: non credo sia necessario un mio commento a queste immortali perle.

Entro in sintonia con il chitarrista solista Giacomo, quello che si occupa di tutti i giri della sei corde di David Gilmour; lo incito, lo stimolo a dare di più, a spingere, ad affondare con quegli assoli memorabili che chiunque dovrebbe a memoria conoscere. Lui mi sorride più volte compiaciuto ed affonda il coltello con una cascata di note infinite.

E' la volta del necessario e sentito omaggio a Barrett con Shine on You Crazy Diamond e Wish You Were Here: no comment anche in questo caso. Non mi escono le parole, sono emozioni così intense che mi è davvero impossibile metterle per scritto. Capirete certamente non ne dubito.

Il prepotente Synth-Rock di Welcome to the Machine è una delle immagini simbolo della serata che dovrò conservare e ricordare.

Una del tutto inaspettata ma non di meno efficace Sheep e la band si prende dieci minuti di pausa dopo quasi un'ora e mezza di fuoco.

D'improvviso nello schermo appare un muro, quel muro ed è l'apoteosi, il delirio personale. Sapete cari debaseriani che è il mio disco dei Floyd!!!

Another Brick in the Wall mi annienta e stordisce ancor di più; una commovente Mother...ed il mio pensiero va alla mia cara madre scomparsa ormai da un anno. Manca una brano, quel brano...ma la band passa oltre, prosegue con il viaggio nella storia.

Il tanto per me ingiustamente sottovalutato The Final Cut che viene ricordato con l'omonima traccia. Ci avviciniamo purtroppo al termine; sono già trascorse due ore. Non mi sembra vero ma è purtroppo così.

"Le campane della divisione" sono il preludio di una devastante, sempre a livello emotivo, High Hopes; ed in rapida successione arriva il momento che attendevo, che sognavo, che....ma che devo dire in più...

Comfortably Numb e per l'imponente grandiosità dell'assolo conclusivo mi armo per una volta del telefonino per riprendere il tutto. La mano è tremante, devo reggerlo con ambedue. Sono sommerso, devastato, sconvolto...semplicemente felice.

Così finiscono, dopo averci regalato ancora Run Like Hell.

Esco dalla sala; incontro la band e sono io per primo che li ringrazio per quanto mi hanno fatto provare.

"Tu chiamale se vuoi emozioni" direbbe Lucio.

Rientro verso casa; mi accompagnano le note di The Dark Side of the Moon; ma stasera niente luna nel cielo. Ricomincia a piovere...ma non può farlo per sempre.

Prima di mettermi a riposo un veloce e silenzioso passaggio nella camera di Elisa; l'abituale carezza accompagna le mie parole che sussurro "Cosa ti sei persa amore mio!!"

E la dedico a Gian Luca che era con me a Monza e che mi ha lasciato, nel dolore, tanti anni fa.

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Teatro "La Fabbrica" Villadossola (VB) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/pink-floyd-history/teatro-la-fabbrica-villadossola-vb/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentUno)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
E chiamala scema, a Elisa: penserà che i Pink Floyd suonano brutal-death-grind-core-metal, sarà traumatizzata, povera creatura.
BËL (05)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Perché i Fluido Rosa non suonano brutal-death-grind-core-metal?
Pinhead: Non ne ho idea, io non ci sono mai stato a Villadossola (VB).
sfascia carrozze: Perché lo suonano (eventualmente) solo li?
Pinhead: Certo, altrimenti De...Marga... non sarebbe stato costretto a fare dieci chilometri per andare a Villadossola (VB) e dieci per tornare a casa.
sfascia carrozze: In pratica ha fatto 20 chilometri per sentire del sano brutal-death-grind-core-metal?
Ma, dico, non faceva prima a estrapolare un ciddì a caso dalla Sua (si suppone) sterminata brutalizzante Discogonia casalingua?
Valli accapire stì DeDomodossoliani.
Valli.
Pinhead: Quando la piccola Elisa dorme, il brutal-death-grind-core-metal è bandito da casa De...Marga...
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
il senso di un simile progetto ? La passione ? Boh ! non capisco
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho parlato con i ragazzi della band alla fine del concerto: la passione enorme li guida. Tutto qui Buzzin
ALFAMA: su questo non avevo dubbi.
heartshapedbox
Opera: | Recensione: |
tendenzialmente non mi piacciono per niente questo tipo di operazioni tributo/cover band.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mi ci vorrebbe un'altra recensione per provare a spiegarti le cose, le sensazioni, quello che ho provato quando sono partite le prime note diWish You Were Here (...quante volte l'ho cantata con GianLuca....); ti dico soltanto che mi sono sentito meglio oggi. Credo che andrò a rivederli a Milano il prossimo 27 Novembre; però devo trovare qualcuno che mi accompagni.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Comunque, non se ne abbia ammale, ma stavolta sono sostanzialmente solidale, con la giovine Elisa.
Apprescindere dal cosiddetto "pattume musicale" che Essa ascolta e di cui io non saprei gnente-di-nulla.
Eh.
BËL (01)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Passa ad Elisa il disco di Liberato, così oltre ascoltare impara anche un'altra lingua. è importante conoscere le lingue, nel mondo di domani.
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Perché ché lingua parla, L'Iberato?
puntiniCAZpuntini: M' stí ricenn chi sí na pucchiacc tale chi nun canusc a Liberato? Liberato è o're.
sfascia carrozze: Ho capito: è Esperanto.
Meridionale.
puntiniCAZpuntini: Liberato chist'ann s'accatt o Emmy e Uncellot s'accatt a coppacampiune Guaglioooo
sfascia carrozze: Embe?
Io ho acquistato diverse Coppe del Nonno nei mesi estivi.
E mica me ne vanto.
puntiniCAZpuntini: Ma Dio ti vede e si segna tutto, nella valle celeste la ricompensa è già li che ti aspetta.
aleradio: Caz tell me why je te vogl bene assaje
puntiniCAZpuntini: Pecchè facc i piriti di chi s'ha magnat i criature co' me'e'kapp a'o'pè
sfascia carrozze: La smetta di abusare di Casu Frazigu!
Nico63: Sempiterna gratitudine nei confronti di mia figlia per avermi fatto conoscere "9 maggio". La sua esecuzione dal vivo a Napoli il 9 maggio scorso (vedi video sul tubo) è per me diventata immediatamente oggetto di culto.
puntiniCAZpuntini: Sì nu'brav scugnizz sì.
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Non mi piacciono le tribute band, ma che passione. La prossima volta ci vengo io. E bella anche la citazione al corvo di o'barr
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Hai colto il succo di tutto ciò.
algol
Opera: | Recensione: |
Lacrime per una cover band ? Ma dai ...
BËL (00)
BRÜ (00)

algol: Con i veri PF che ti sarebbe successo ... paralisi ? Choc emotivo irreversibile??? Dai, un po' di misura. Eh.
De...Marga...: Ero con i Pink Floyd a Monza nell'estate del 1989; l'ho scritto. Ho trasmesso ben poco nello scritto delle enormi emozioni che ho provato. Sono stati davvero i miei maestri, i miei paladini. l'ho anche scritto nella mia primissima recensione dei Primus qui su debaser. Non è questione di misura algol.
algol: Lo so che ti fai prendere dalle emozioni. A volte, per uno che le tiene a freno come me, risulti esagerato. Siamo agli antipodi, ma alla fine ti de-voglio bene lo stesso.
De...Marga...: Nessun proplema algol; sai bene che sei uno delle persone che stimo e rispetto di più qui su Debaser. Sono fatto così e avrei potuto scrivere una recensione distaccata come quelle che leggi su molti siti asettici; ma non avrebbe avuto alcun senso e avrei mentito per prima cosa a me stesso. La musica ha quel potere unico di sciogliermi, di liberarmi, di farmi commuovere e non mi dispiace affatto far trasparire ciò che provo. Hai ragione anche sugli antipodi, ma anch'io ti voglio un gran de-bene. Saluti da Domodossola.
De...Marga...: Agli antipodi emotivamente parlando perchè dal punto di vista musicale tante cose ci accomunano.
algol: Yes man. Antipodi caratterialmente / emotivamente. Diversi dai ... suona meglio.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Beh, i Floyds mi han vaccinato. Leggerti mi ha trasmesso emozioni/attivato ricordi. Mi ha molto incuriosito la scaletta. Niente "A Pillow Of Winds" o "One Of These Days"? Per me, son brani chiave. Per la rassegna non sarei arrivato a The Division Bell. Elisa ha sempre e comunque ragione.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Credo di aver contato in tutto diciannove brani suonati; la scaletta è quella che ho riportato, al netto di clamorose (ma non credo) cantonate.
madcat
Opera: | Recensione: |
Tribute band ne ho ascoltate davvero pochissime, mi capitò però proprio con una dei Pink Floyd, mi rimase impressa una versione di Dogs davvero fatta bene. Quando son brave vale sicuramente la pena
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Assolutamente ne è valsa la pena Madcat; tu sai quanto amo i Pink Floyd.
madcat: Una passione che condividiamo assieme a tanti altri gruppi
lector
Opera: | Recensione: |
Neanche io sopporto le tribute band, le trovo inutili. Però tu ti sei divertito, e va bene così.
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: L'unica tribute band che ho sentito dal vero è stato durante una kermesse aziendale, e credo fosse dei Bitols: per giunta con tanto di ridicole parrucchette accasschetto.
Chiaramente in sala non c'erano più fazzoletti di carta: me li ero tutti ficcati nei padiglioni auricolari.
Per gli occhi mi sono autocecato con le forchette.
Almotasim : Neanche le tribute band delle Bikini Kills?
sfascia carrozze: Mai viste!
D'altronde mi autocecai con le forchette.
Per cui.
lector: E la tribute band dell'agenzia tributaria?
De...Marga...: Lector forse divertito non è la parola giusta; ho provato delle "mazzate" emotive inenarrabili. Al termine non ho salutato nessuno a parte la band. Volevo rimanere con quanto avevo dentro, cercando quanto prima di arrivare a casa per quella carezza.
dsalva
Opera: | Recensione: |
io invece sono favorevole alle cover band, e ne ho viste di davvero bravi....per quanto riguarda i Pink Floyd (non conosco questa band) se ti capitano vedi i Brit Floyd (fenomeni) o i nostrani Floyd Machine (romagnoli tutta tecnica). Bella rece
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie mi documenterò sulle band che segnali.
fedezan76
Opera: | Recensione: |
Lo hanno già detto un po' tutti ... e anche io non vado pazzo per le tribute band. Anzi, confesso che ho lasciato la musica suonata moolto tempo fa principalmente perchè non mi andava di fare cover. Ma quel che contano sono le emozioni che proviamo e che trasmettiamo. E tu sei riuscito in entrambe le cose. E va bene così.
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Qui si parla di tribute band e dirò la mia, ma intanto qui c’è tanto demarga, tanta passione ed emozioni provate e su quello mi piego volentieri a 90 in barba a tutti i tecnicismi o discorsi oggettivi di tutti i tipi.

Le cover band le ODIAVO a priori. Poi crescendo e conoscendo pure qualcuno di loro ho capito la passione che ci sta dietro. Ma pensate che passione ci vuole a suonare una vita la musica di altri, rimanendo non nell’ombra ma proprio al buio in tutti i sensi?! Altro che comprarne album o cofanetti. C’è una roba dietro che fa paura, giovani e poi meno giovani che passano la vita musicale ad omaggiare altri... e soprattutto provando emozioni immense nel farlo.
Tanta stima.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Il commento di sotto andava qui... Allora ti dico ancora qualcosa; nemmeno l'ho riletta la pagina, ci saranno sicuramente errori ortografici perchè tremavo oggi pomeriggio mentre la scrivevo. Avevo fretta di arrivare alla fine e credo si possa capire dall'incalzare finale dei brevi periodi. Fretta di chiudere, fretta di scrivere di Gian Luca ed Elisa. Sono fatto così.
sfascia carrozze: @[IlConte]
Magari mi son sempre sbagliatissimo (as usual) ma personalmente ho sempre visto (sentito) le #coverband come mèri sterili adulatori/riciclatori di quel gruppo lì [che viene coverbandizzato], giacché sostanzialmente consci della propria incapacità di andare al di là di quanto aggradito ergo gettare il DeQuore oltre l'o-stabile (ce ne più che di ostacoli in giro, me ne convenga) e cercare di creare qualcosa di personale e proprio.
Come quelli che a 40anni preferiscono farsi preparare la calda minestrina in brodo con le stelline (buonissima, sia chiaro) dalla mamma, che non cercare di sbruciacchiare in proprio qualche padella.
Forse non ho reso l'idea.
Lo scopo era (esattamente) qvello.
UH!
IlConte: Penso che Lei si sbagli... e ho detto su Il perché.
Anzi direi che esistono senz’altro varie tipologie di tribute e di persone. Probabilmente alcune tribute sono come dice Lei, ma io pendo che predomini una vera passione. Prima non la pensavo così, come ho detto.

E comunque meglio una brava tribute band di una grande band che almeno fa grande musica... che inutili che vogliono fare del nuovo e fanno cagare....
Mi sembra molto semplice.

Siamo, ritengo, molto prevenuti (pure io)

Non andrei a vedere una tribute band... ma ciò non toglie che ho tanta stima per quelle che “conosco”.

Ci sono tre/quattro cover band dei Led Zeppelin favolose.... io mi ascolto i Led ma ciò non toglie che loro suonino benissimo...

Inutili?! Forse... ma se c’è passione, approvo.

Altrimenti vanga e badile ahahahahahah
sfascia carrozze: E' qvesta la passione givsta!
N.B.
Qvesto non significa che adesso non proceda con il suo immediato DeBanning per avermi contraddetto!
UH!
IlConte: Ahahahahahahahahahah
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Grazie DeMa.
Ho letto tutto e capisco fino in fondo le tue emozioni.
Bene.
Vado a dormire sereno.
E domani butto in macchina The Final Cut.
Doveroso omaggio all'aperitivo che hai alimentato.
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio: Appetito (zioporko)
😀
Falloppio: Io suono da 30 anni musica mia. Mai voluto fare cover. Cazzo non ha mai pagato... ☹️
Buonanotte.
sfascia carrozze: Io in macchina butterei (volendo anche dal finestrino) The Final.. Countdown.
Europe - The Final Countdown
Eh!
Falloppio: Bleach..... 🤢
sfascia carrozze: Beh, no, dai, "Bleach" resta ancor'oggi un signor disco.
Se magari mi dice "Nevermind" potrei anche arrivare a capirLa.
Falloppio: Quel disco degli Europe mi ha fatto vergognare di essere Metallaro..... Kill em all !!!
sfascia carrozze: Essù!
Chissà quante volte l'avrà cantata..
PARARA-RA!
PARARA-RA-RA!
Falloppio: Brut a te
UH
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Eccomi a te Conte; mi perdonino tutti gli altri ma avevo una voglia enorme di leggere qualsiasi cosa tu avvessi buttato giù. E come sempre hai colto tutto; alla fine a Giacomo ho chiesto più o meno quello che hai pensato tu sul fatto di suonare in tour quasi sempre mi medesimi pezzi, le stesse canzoni. Ma ci rendiamo conto che canzoni, che assoli? Quando è arrivato il momento di "Comfortably Numb" (Marina sa da anni che se dovessi morire presto ha il dovere di farla sentire al mio funerale) ho chiuso gli occhi, ho ripensato all'amico perso, a quella sera di trent'anni fa a Monza. Ma non posso trasmettere a parole cosa ho provato nel mio più profondo; però tu mi hai capito perchè ci conosciamo. Adesso vado a dormire, spengo lo stereo che indovina che cosa sta "suonando"...Learning to Fly...
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
giuro 100% giurin jurello che ho appena finito di ascoltarmi dark side (forse la recensione m'ha fatto venire voglia, boh) ok fighi e tutto ma ora dormo come un pupo, questo c'è.
BËL (01)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
Dear Demi, se non posti entro breve termine ciò che hai ripreso con lo smartphone non ti guarderò più in faccia, nonostante non fossi presente al tributo, dopo averti letto è stato come se lo fossi realmente, quindi voto pure l'opera oltre alla recenzia, ciao e ricorda il mio ultimatum...
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Appena torna a casa mia figlia posterò sul sito il finale di Comfortably Numb e sarà tutta per te!!
Stanlio: Gracias amigo Demi!
De...Marga...: Ci ho provato @[Stanlio] a mettere il video: un disastro, sono proprio un disastro!!
Stanlio: mai paura Demi fatti aiutare da @[sergio60] ... XD
sergio60: @[Stanlio] ma na padellata de c..i tua no eh?...ah ah ah ah ah a h
Stanlio: @[sergio60] na padellata nel cranio te ce vorrebbe proprio, non sia mai che t'impari a postà li link come se deve, ricojonito che nun sì artro co tutte le spigazioni elementarissime che t'avemo fatto da quanno che sì entrato qua ar DeBbio pè scassacce li comesechiameno ogni vorta...
sergio60: il problema non mio in particolare..primo...e poi molti brani non sono disponibili ,appena accenni a scaricare si oscurano,li vedi e li senti in diretta ma appena li copi svaniscono...puoi fare corsi universitari ...fare discorsi dal balcone di piazza venezia ,ma quei video non si vedranno mai...
Stanlio: ncè sta ncazz'afà nun sai postà e macari nun sai manco posteggià... a' burino 'mparate a stà sur DeB artro che scuse & scuse...
Flame
Opera: | Recensione: |
Ma possibile che in Piemonte i bei concerti li facciano solo dalle tue parti, boja faus! Suonicchiando da una vita in gruppi di paese non ho mai capito che divertimento ci sia a fare una band tributo. Io non suonerei nemmeno in una cover band di Zep o Who che sono i miei gruppi della vita. Probabilmente in Italia o fai così o non suoni (con compenso). I pinki a volte li amo a volte non li sopporto. La rece mi è piaciuta, mi hai fatto venire voglia di riascoltarli.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho tirato fuori i sentimenti; potevo fare una recensione molto più tecnica ma sarrebbe risultata fredda.
Nico63
Opera: | Recensione: |
Premesso che nemmeno io amo le tribute band e che in genere prediligo le cover in cui un artista offre una sua personalissima intepretazione di roba altrui (chessò, Hendrix che coverizza Dylan, caso estremo questo in quanto tanto amo il primo quanto mi lascia da sempre indifferente il secondo), trovo bella e di piacevolissima lettura questa pagina, ricca della passione e calda cordialità che in questi anni ho sempre apprezzato nei tuoi scritti. A Monza nell'89 c'ero anch'io. Pink Floyd mio primo grande amore musicale, con alti e bassi una costante della mia vita (dischi solisti compresi). Immagino tu sia al corrente del tour di Mason di quest'anno con repertorio '67-'72. Ne sono venuto a conoscenza in via del tutto casuale, eppure ho avuto la fortuna, pochi giorni dopo la tappa milanese agli Arcimboldi, di deliziarmi con la registrazione del concerto (ma avevo gia' sentito sul tubo quella di Stoccolma).
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ero al corrente di Mson ma ormai faccio una fatica bestiale a muovermi, ad affrontare chilometri, code, casini, troppa gente. E ti ringrazio per i complimenti che mi fai ne sono lusingato.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
nix
nix
Opera: | Recensione: |
diversi anni or sono mi trovai a Viareggio ad assistere a una cover band toscana dei Doors.
Erano letteralmente identici, anche nella scelta degli strumenti originali, ivi compresa la tastiera di Manzarek. L'unico problema è che il cantante era quasi calvo.
Che vuoi che ti dica De...Marga..., fai della musica un fatto talmente personale che qualunque critica espone al rischio di mancarti di rispetto, cosa che non vorrei per niente al mondo.
Considero i Pink Floyd post The Wall come una band priva di qualunque interesse, nonchè quello delle cover band un fenomeno più accomunabile alla masturbazione che alla musica.
Ma tutto questo fermo restando il rispetto e la stima che ho del DeRecensore.
Però questa volta sono dalla parte di tua figlia. Sono certo che mi perdonerai.
Un saluto da Torino.
BËL (02)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: sto ancora ridendo per il Morrison calvo
nix: già RinaldiACHTUNG, figurati io che l'ho visto cantare Light My Fire. E' lì che ho riflettuto sul fenomeno delle cover band.
dsalva: Non c'è nulla si male nella masturbazione e tanto meno nelle cover band. In alcuni casi sono talmente appassionati e calati nei personaggi in maniera ammirevole.....lo stesso che io e probabilmente anche tu avrai fatto cercando di emulare i tuoi idoli nel chiuso della tua stanzetta con lo stereo a tutto busso
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Non vedo perchè avercela tanto su con chi coverizza (sia un brano o tutta la discografia di qualcun'altro), esistono compositori ed esistono esecutori, se ci limitassimo ad apprezzare solo chi compone, che fine farebbero, Bach, Mozart, Beethoven o Zappa ecc.? L'importante e che chi esegue cose non sue sia capace di trasmettere quelle stesse sensazioni che ha provato anche Demi l'altra sera o no?
Pure (tanto per fare due nomi) il grandissimo Miles Davis o l'altrettanto grande Ray Charles l'hanno fatto, embè?
BËL (02)
BRÜ (00)

voiceface
Opera: | Recensione: |
Le cover band dei Pink Floyd non spariranno mai. Impossibile resistere al fascino di suonare e ascoltare dal vivo la musica del più grande gruppo musicale di sempre.
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Esagerat_!
Ammenoché Ella non si rifersica all'altezza (o larghezza) monumentale dei componenti di cui (io) non saprei gnente-di-nulla.
zaireeka
Opera: | Recensione: |
“Un emozione è tutto nella vita è quando siete morti è finita” (Vinicio Capossela in coda a Bardamu, da Canzoni a Manovella).. Ecco, ho detto tutto, a parte che io ho chiesto a mia figlia se volesse venire con me a Bari al concerto di .... Calcutta e mi ha risposto come tua figlia. Lo so, sto parlando di Calcutta, ma che ci posso fare..
BËL (01)
BRÜ (00)

zaireeka: Però in compenso lo ho portata con me ad un concerto dei Flaming Lips, e di è pure divertita. Che tempi
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Bella pagina che si legge in un attimo...sei un sentimentale e sotto sotto t’invidio. Le cover band? Mai provate.

Comunque il rock è una cosa da vecchi. È giusto che i figli prendano la loro strada. Penso che nessuno in questa pagina sia stato “imparato” dai genitori. O sbaglio?
BËL (01)
BRÜ (00)

dsalva: ......ovvio....ma se ascoltano anche i classici è meglio!
De...Marga...: @[musicanidi] : il mio buon padre mi fece scoprire Lucio Battisti e credo che come inizio non sia male per la mia avventura musicale. Solitamente leggo le recensioni che pubblico a mia moglie come ho fatto anche questa volta; più volte ho dovuto fermarmi nel trattenere a stento la commozione. Sono fatto così
Kism
Opera: | Recensione: |
In direzione totalmente opposta alla tua questa estate a Taormina in un Teatro Greco stracolmo di turisti e indigeni ho visto i Brit Floyd...grande sorpresa, bellissimo concerto. Personalmente ho preferito questo concerto al "The Wall" di Roger Waters visto a Berlino, probabilmente perche' poco amante dei Pink Floyd a totale trazione watersiana.
BËL (01)
BRÜ (00)

dsalva: L'avevo scritto pure io....i brit Floyd sono probabilmente i numeri 1
Stanlio
Opera: | Recensione: |
ehm, sapevatele ste news riguardanti i Pinfloi...

Foligno I brani dei Pink Floyd per aiutare gli Amici Gatti - UmbriaOggi
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio: @[madcat] L'è forse il Syd Barrett che s'è riunito coll'altri Floyd Pinky...?
Bubi
Opera: | Recensione: |
Non piacciono nemmeno a me le cover band, ma tanto meglio se ti sono piaciuti e ti hanno dato emozioni. 🍀
BËL (01)
BRÜ (00)

Bubi: Aggiungo anche che una mia amica, mi ha mandato un video su WhatsApp dove lei e altri suonano e cantano in una cantina Whole lotta love e You Start me up, si divertivano moltissimo e quello che facevano gli piaceva, quindi va bene...
De...Marga...: Bello risentirti Bubi; sempre un piacere per me!!
hellraiser
Opera: | Recensione: |
A me le tribute band ( non cover band si intenda, è diverso) piacciono molto. Da noi fino a 15 anni fa ne giravano molte, poi un progressivo calo del numeri dei locali-manifestazioni le ha fatte emigrare tutte verso Asti i Torino, ormai qua a feste di paese o pub mettono i digggei.. che mettono merda ma costano molto meno. Una tribute band su tutte sono i 60/70, praticamente identici ai Purple. Paurosi. E poi anche i The Rover, tributo al Led. Tutta gente molto in gamba. Per tua figlia non preoccuparti, ritornerà ad ascoltare la musica, non sta merda mainstream hippoppettara.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Quoto tutto il tuo scrivere hell!
iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
perché? perché cercare di convincere i figli ad ascoltare le cose che piacciono a noi? perché spendere i soldi per una cover band? perché andare ad ascoltare una cover band dei pink floyd? perché non ci hai parlato di più di Gian Luca che mi sembrava una cosa interessante.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Perché questa è una mia pagina e non una tua pagina. Tutto qui; grazie per la comprensione.
iside: Davvero? 🤔
De...Marga...: Adesso torno serio @[iside] come è giusto che sia perchè è bello avere opinioni diverse. Allora partendo dagli ascolti di mia figlia, potrei chiamarla in causa per testimoniare a mio favore, non ho mai messo ostacoli a ciò che piace a lei dal punto di vista musicale; certo avrei preferito un altro tipo di "cultura" musicale ma avrà tempo per ricredersi o forse no. Tieni presente che la mia collezione musicale, vicina ai 5000 pezzi tra vinili e cd, un giorno sarà sua e potrà farne ciò che vuole. Quando ho acquistato il biglietto, pagato 30 Euro, non mi sono posto il problema che si trattasse di una cover band perchè sapevo fin da subito, come poi si può benissimo leggere dalla pagina che ho scritto, che mi avrebbero travolto con tutta una serie di canzoni che custodisco da decenni nelle mio animo. Una band preparata, molto coinvolta nei brani, senza strafare ma cercando il più possibile di creare quell'atmosfera magica che solo poche band come i Pink Floyd hanno saputo regalara; non si sono lasciati andare a troppe parole, con solo una presentazione finale della band, concentrati soltanto sulla qualità musicale. Gian Luca era un grandissimo amico che mi ha lasciato il 27 Gennaio del 1993, trovando la morte insieme alla sua giovane fidanzata a causa delle esalazione tossiche di una stufa mal funzionante. Avevamo la musica e le montagne come comune interesse; aveva due baite sulle alture delle nostre vallate e spesso ci salivamo tra infinite risate e bevute clamorose. Spero di possa bastare carissimo.
zaireeka: @[De...Marga...] Questo tuo commento è meglio della recensione.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: