Red
End Of Silence

()

Voto:

Dal vastissimo panorama Christian Rock sono recentemente emersi, almeno negli USA, i Red. Personalmente, non seguo molto il panorama Christian Rock/Christian Metal, perché sono moltissime le band che di artistico hanno poco o nulla da offrire: vedi The Letter Black, Evanescence, o Decyfer Down. Oppure i Flyleaf, che, dopo un disco d'esordio abbastanza buono, si sono afflosciati con la successiva release. Insomma, quello che voglio dire è che il genere musicale Christian Rock / Christian Metal non offre tante band talentuose.

Ci sono delle rare eccezioni: band come gli Skillet o i già citati Flyleaf sono riusciti a creare qualcosa di buono. Anche i Demon Hunter, agli esordi, non erano male (si sono rovinati in seguito, ma questa è un'altra storia). E poi ci sono loro: i Red.

Ho scoperto End Of Silence, il loro primo album, per puro caso: stavo guardando un video di una canzone e, tra i video di risposta, ne ho notato uno chiamato: "Red-Breathe Into Me". E va bene, mi sono detto, proviamo a vedere. La canzone mi è piaciuta, così ho deciso di approfondire i miei rapporti con il gruppo, ed è così che sono arrivato ad ascoltare End Of Silence, il loro album d'esordio. Mi rendo conto che questa recensione arriva in ritardo: infatti l'album è datato 2006. Di questo, però, ha colpa solo lo scarso interesse dei media Italiani riguardo alle canzoni Rock estere.

Ma veniamo al sodo, altrimenti qui mi dilungo troppo. La formazione del gruppo è:

*Michael Barnes - voce

*Randy Armstrong - basso, pianoforte, seconda voce

*Anthony Armstron - chitarra, seconda voce

*Jasen Rauch - chitarra

*Hayden Lamb -batteria

Il sound è un Hard Rock senza troppe pretese, condito qua e là con riff di derivazione Nu Metal (Breathe Into Me, Wasting Time), anche se da qualche parte aleggia odore di Grunge (Break Me Down, ma di più Hide) e di Pop (Pieces). Il tutto è condito con un'orchestra che sa il fatto suo e con suoni elettronici tipicamente Ambient. L'album contiene un Intro di un minuto, che sfocia in Breathe Into Me, la prima vera e propria canzone e il primo singolo. Questa canzone riflette un po' l'anima di tutto quello che è End Of Silence e presenta la canzone-base del gruppo: riff aggressivo,  strofa aggressiva, ritornello melodico. Le chitarre sono abbastanza rocciose, il batterista non è troppo virtuoso ma nemmeno troppo monotono, il basso fa il suo lavoro senza eccedere, la voce di Michael non è male. Il cantante ci sa fare, canta quasi sempre in modo molto melodico con qualche vario scream inserito al punto giusto.

End Of Silence è un prodotto abbastanza vario,  che si fa apprezzare dopo numerosi ascolti, in particolare tracce come Already Over o Pieces possono annoiare la prima volta che si sentono, ma con il tempo acquistano un'identità e un fascino particolari. I momenti migliori sono senz'altro l'emozionante finale in sfumando di Let Go, l'equilibrio tra melodia e distruzione della finale Hide, la malinconicità di Lost, il capolavoro dell'album. Le due tracce più aggressive sono, ahimè, anche le meno ispirate: Gave It All Away e Wasting Time, a mio parere, avrebbero dovuto fare da cornice alla melensa ballad Pieces, per spezzare l'alone di monotonia.

I difetti dell'album sono la banalità dei testi, a cui comunque si può passare sopra, e certe sonorità dannatamente Pop che strizzano l'occhio alle radio, a cui la band deve la sua popolarità in America. Tuttavia, questo è un buon album, ancora acerbo in alcuni sensi, ma presenta un'ottima base per il futuro. Concedete almeno un ascolto a questo album perché il gruppo ha le sue buone capacità. Voto 7 su 10.

Questa DeRecensione di End Of Silence è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/red/end-of-silence/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

orgasmatron
Opera: | Recensione: |
Di Christian possedevo già " Un'altra vita un altro amore " e " Cara " . Mi fa piacere che qualche emulo sia tornato a rinverdire i suoi fasti di un tempo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Abercrombie
Opera: | Recensione: |
Quando ascoltai breathe into me, rimasi colpito e ascoltai l'intero album: delusione!
Molto meglio la loro seconda uscita!
BËL (00)
BRÜ (00)

Starblazer
Opera: | Recensione: |
gli evanescence sono christian rock? non lo sapevo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Niglas
Opera: | Recensione: |
@Starblazer, non è che sono proprio christian rock, però tutto il loro album "Fallen" è incentrato sulla ricerca di Dio, e sono di fede cristiana.
BËL (00)
BRÜ (00)

FrancescoX
Opera: | Recensione: |
Ehm, guarda che i Decyfer Down sono molto più talentuosi sia di Red che di Flyleaf...
BËL (00)
BRÜ (00)

Niglas
Opera: | Recensione: |
A me sembrano molto banali, ho ascoltato tutti e due i loro dischi e non mi hanno comunicato niente. Poi vabbè, sui gusti non si discute. Comunque, se hai sentito solo questo, ti consiglio di ascoltare il secondo album dei Red, che è molto meglio del primo.
BËL (00)
BRÜ (00)

FrancescoX
Opera: | Recensione: |
Si, già l'ho sentito, infatti non sono male, 3 e mezzo direi per ora. Comunque stavo parlando tecnicamente, questi mi sembra che rimangano un pò troppo sulla stessa nota, i Decyfer Down invece hanno più swinging e assoli; cmq entrambe le bands hanno fatto solo 2 cd per ora, vedremo in avanti come se la caveranno. I Flyleaf sono parecchio scarsetti a mio parere cmq.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alekshell
Opera: | Recensione: |
Niente male, Breathe into me e Hide quelle che preferisco, non sarà un capolavoro ma è particolarmente godibile come album.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: