Robert Plant
Live in Milano 27 Luglio 2018

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Robert ne fa 70. Buon compleanno ragazzo.

“Se prendo i biglietti e mi decido ad andare verresti con me al concerto di Plant?!”

“Certo, perché no, volentieri”

“...... no dai lo prendo e se me la sento vado da solo ... mi scazzo io...”

“Fai ciò che vuoi, perché me lo hai chiesto poi... mah....”

Mi conosce da un po’ la Contessa e quindi riesce ormai a comprendere le mie menate... le conosce quasi a memoria. Le bastano pochi secondi o uno sguardo per capire perfettamente come cazzo sono messo ogni giorno, ogni minuto.

Era tanto tempo che non vedevo un concerto (dall’inizio alla fine ancora di più). Qualche tentativo, più o meno fallito. I demoni - potete chiamarla ansia, attacchi di panico, disturbi nervosi o fobico ossessivi ecc ecc ecc, ormai uno psicologo dopo decenni mi fa una pippa proprio, lo esaurisco in due sedute - non mi danno tregua e, soprattutto in queste occasioni, danno il loro meglio. Sono favolosi, ti rompono il cazzo proprio li dove sanno puoi godere maggiormente. Giusto così, che demoni sarebbero altrimenti...

Stavolta parto. Con un caldo da delirio che amplifica le mie paure e fobie. Odio il caldo, sudare, i vestiti che si attaccano... mi danno un fastidio cane. Adoro il freddo.

Treno, macchina?! Il treno è un casino, vado in macchina. Guidare per l’ansia non è il massimo ma avere la tua auto è una via di fuga (eventuale) a disposizione molto efficace verso i demoni se si incazzano e se sto da culo.

La prima menata fortunatamente evapora nel nulla. Raggiungo tranquillamente l’ippodromo di Milano senza file in tangenziale, incredibile!

Un 15 minuti a piedi ad andatura veloce e arrivo davanti all’ippodromo.

Aprono alle sette. Già tanti inutili devastati in fila, ammassati ... la follia.

C’è un caldo porco, la gente beve, suda e puzza. “Vestita” in modo improponibile con canotte e bermuda... e ciabatte!!!....

Ciabatte??!! Zio porco ma sei al concerto di Robert Plant e sei in ciabatte?! Che poi le ciabatte sono l’emblema della schifezza estetica (e non solo!). Io neanche in casa o al mare... ma stiamo scherzando?!

Un tempo mi sarei ubriacato, ora non tocco nulla da due anni e mezzo... è il momento più duro, perché le attese sono, per me, devastanti. Odio le attese, mi sale tutto... I demoni hanno via libera, campo aperto.

Decido di mettermi di fianco alla fila, da solo, vicino ad un albero e attendere il segnale degli addetti per buttarmi tra la plebaglia. Sono troppo bello e ho troppa classe per stare lì in mezzo (i demoni non pregiudicano il narcisismo).

Sono in mezzo alla bolgia, che lentezza zio porco... tremore, tachicardia, respiro affannoso... tengo duro, provo... arrivo, entro... la fila non c’è più, spazi ampi, ognuno per i cazzi suoi... Favoloso.

Ora forse riesco a pensare al concerto. Non riesco ad essere contento davvero... però va bene ce l’ho fatta, sono qui e fra un paio d’ore suona il Vecchio.

Mi aggiro per il parco e noto subito che il pubblico richiamato dal Vecchio Dinosauro è veramente di ogni tipologia, soprattutto di tutte le età; dai suoi coetanei ai giovanissimi.

Mi riempie di orgoglio vedere tanti giovani con le magliette dei Led Zeppelin.

Le donne danno il meglio... ci sono quelle vecchie Signore che possono essere definite come le groupie dell’epoca per il Plant (quando "groupie" per il sottoscritto è nell'accezione positiva del termine e quindi un nobilissimo complimento alla faccia di tutti i bigotti falsi e viscidi), donne tra i 40 e i 50, in gruppetti come se dovessero andare ad un ritrovo, ad una festa, di quando erano adolescenti. Poi ci sono le giovanissime, con il moroso; in coppia a vedere colui che potrebbe essere loro nonno... belisim! Durante tutto il concerto queste nobili donzelle, sia attempate che fanciulle, ballano sempre... favolose!

Robert non ha si è mai atteggiato a rockstar dopo i Led Zeppelin. La sua carriera solista è sempre stata all'insegna dell'umiltà, del romanticismo, della tranquillità e della dolcezza d'animo. Il suo pregio più grande è quello di essersi calato, con la massima naturalezza, in una nuova dimensione.

Quante volte gli hanno chiesto perché non riunirsi, almeno per un disco e un tour. Alla faccia dei soldi e di tutte le conseguenze “positive”, Lui ha sempre detto no. I Led Zeppelin sono dentro di Lui ma, al contrario di Jimmy, Robert ha sempre guardato avanti. Da ragazzo lo “odiavo” per queste prese di posizione, col tempo ho capito e la mia stima per lui è infinita.

Mentre attendo l’inizio, ascolto e capisco che molti dei presenti lo hanno visto parecchie volte negli anni, lo seguono dove e quando possono. In effetti non sembra di essere in attesa di un normale concerto ma, piuttosto, di un evento che ti trasmetterà qualcosa di antico. Qualcosa da raccontare ai figli o ai nipoti, tanto è il bagaglio storico di vicende, leggende, racconti mitologici che questo vecchio Signore ti trasmette con la sua sola presenza, anzi solo pensando e ricordando.

Eccolo Robert, ore 21.00, perfetto, senza tirarsela. Se la tira il cretino che ne ha bisogno.... Lui è Robert Plant, la Storia e non ha bisogno di trucchi e pagliacciate per farsi notare o, peggio, desiderare.

In formissima il Vecchio, sinceramente non me lo aspettavo cosi. Tirato a lucido (per la sua età si intende), ti coinvolge da subito. Plant fa parte di quella ultima nobile pattuglia di "eroi" che se ne stra-fregano dell'industria discografica, del business, dei soldi, del successo. Forse perché se lo può permettere, Lui che tra i 20 e i 30 è stato un Dio del Rock... o molto più probabilmente perché è uno di quei pochi che ancora hanno cari valori come cuore, passione, classe, generosità d'animo.

Esce con i "suoi" The Sensational Space Shifter una magnifica band folk/blues che dal vivo rende ancor più che in studio. Tutto è perfetto, nulla è lasciato al caso. Bellissima atmosfera, pubblico carico senza deliri da sfigati, pronto ad accogliere le emozioni che il Vecchio ci trasmetterà.

Ho gli occhi chiusi, sto come aspettando che .... e parte una "The Lemon Song" che accende subito... tutto il possibile!

Ho già detto altre volte che penso che la voce di Robert sia più bella ora che in passato, che la sappia utilizzare molto meglio. Non ha ovviamente l'estensione di mezzo secolo fa, ma canta meglio, più cosciente dei propri pregi e dei limiti attuali. Sembra che tratti la sua voce ... come una figlia. Stasera poi, non è una mia impressione perché confermata da chi lo vede spesso, è particolarmente in forma.

Ammalia Robert, lo ha sempre fatto. Non è mai stato un frontman fisico (anche se una volta lo esibiva eccome il fisico, "pacco" compreso) ma carismatico. Non ha bisogno di correre in lungo e in largo come Jagger per far vedere che è in forma... Robert ti parla un attimo, canta... e ti cattura.

Scherza sul freddo (c'è un caldo schifoso!), scherza sull' essere in Europa, si prende in giro sui propri vocalizzi, sui propri acuti "femminili" (di una volta). Parla del blues, dei grandi del Blues (non capisco ciò che dice ma i nomi, quelli li conosco).

Ma che voce cazzo che ha ancora!

Io sono un novizio dei suoi concerti e quindi ho "paura"... vorrei ascoltare anche dei pezzi dei Led Zeppelin, ma non vorrei rimanere deluso...

La "Lemon Song" iniziale però mi fa capire, mi tranquillizza (oddio) e mi fa felice dentro. Robert sa benissimo di non poter fare i pezzi dei Led Zeppelin come li facevano Loro. Non ci sono gli altri tre, lui è vecchio ed ha un certo tipo di musicisti al fianco. Adegua i pezzi come meglio, penso, non potesse fare. Che classe Robert, quella non ti è mai mancata!

La band crea trame sonore stupende, un’amalgama di rock, blues, folk, ritmi tribali, atmosfere da deserto, suoni celtici... chitarre heavy, acustiche, tamburi, violini, mandolini... un po’ come l’ultimo, splendido “Carry Fire”, di tutto e con tanta qualità.

Tutto bello, molto bello ma inutile menarsela... tutti aspettano soprattutto alcuni di quei pezzi, quelli la. E quindi al boato iniziale per ogni pezzo segue come un ascolto quasi silenzioso, religioso, dove ognuno ricorda la propria vita, le grandi emozioni ed i sussulti avuti con quelle canzoni... un ascolto intimo, da conservare, da collezionare.

E allora eccole tutte rielaborate meravigliosamente. La mia adorata “Black Dog” è una magnifica coltellata allo stomaco, una versione splendida che tutti abbiamo cantato insieme, poi “Going To California”... qui mi sento una botta non so di cosa... decido di andare più in là nel pezzo di campo rimasto vuoto, di sdraiarmi, distrutto e stanchissimo, facendomi abbracciare dalle note di quella magica canzone.

“Gallows Pole” è quel tipo di pezzi folk tradizionali tanto amati dagli Zepp e da Robert e “Baby, I’m Gonna Leave You” è la successiva carrellata interiore di ricordi, un tripudio di emozioni unico, da groppo in gola, a dir poco.

Finito, devo alzarmi perché so che manca Lei, mi sento la farà ora nel canonico bis....

E con Lei DEVO essere in piedi. No, L’ ALTRA non la fa... fa parte di un altra epoca.

“Whole Lotta Love” è l’inno Zeppeliniano per eccellenza, il riff che invita tutti all’attacco, all’arrembaggio, un patrimonio di tutti. Brividi ovunque tutti a saltare e cantare quel ritornello che ti spacca cuore e cervello!

Tutti felici verso l’uscita, consci di aver assistito ad uno splendido concerto ma soprattutto di aver fatto parte di un pezzo di storia del rock per merito di quel bellissimo Vecchio.

Io sono stravolto, felice ma a pezzi.

Il ritorno sarà un inferno, ma arriverò a casa.

Mi dispiace per il nobile algol... ti avrei incontrato tanto volentieri ma non sarei stato affidabile e odio non mantenere promesse o accordi presi, all’ultimo. Spero in un’altra volta...

Dedico questa mia a tutti voi che “eravate la con me”, alle amate Contesse... e soprattutto a Catia che mi guarda da lassù e che, un pochino, sarà fiera di me.

“Thank you”

Questa DeRecensione di Live in Milano 27 Luglio 2018 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/robert-plant/live-in-milano-27-luglio-2018/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentaTre)

sergio60
Opera: | Recensione: |
Cribbio...70 primavere....allora non invecchio solo io!...ma per me è sempre quel ragazzo biondo della foto sul retro copertina del primo lp...anche se non raggiunge più quegli acuti o se la voce è più roca e meno metallica ,in fondo dobbiamo molto a questo" eterno" ragazzo. ..e i difetti e le ingiurie dell età passano in cavalleria. ..
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahah in cavalleria proprio!
sergio60: Non potrebbe essere altrimenti. ..stiamo parlando del DIRIGIBILE mica cazzi
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Ancora mai visto dal vivo, devo approfittarne finché viene ancora in Penisola. Bello vedere un tuo mito dal vivo, ti riempie di soddisfazione, a me è successo non più di 10 giorni fa con Steven Tyler, un leone, come lo sono tutti i reduci di quella inimitabile stagione musicale. L'età non conta, hanno ancora bravura, malizia e tanto talento, ma tanto... bello!
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: E’ vero nobile, ho visto (a pezzi e dal backstage) i Purple un paio di volte... questi diventeranno non bravi sottoterra (forse!)
hellraiser: Grandissimi Purple, visti a Torino e Nizza 2001, mancava Lord che si era mi pare rotto il femore ma grandissimi. E chi li sotterra questi? La leva dei 40 e 50 è immortale...
Stanlio
Opera: | Recensione: |
e cinque stelle vanno all'opera (pur se rispecchiasse anche solo la metà di come ce l'hai raccontata) nonostante non fossi la

bravo Conte hai superato te stesso tornando alla musica live, non mollare e tornaci appena puoi, che a uno come te può solo far bene, anche tra vent'anni...

bella l'immagine dove decidi di andare più in là nel pezzo di campo rimasto vuoto, di sdraiarti, distrutto e stanchissimo, facendoci (a tutti noi qui) abbracciare dalle note...
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Grazie mille Stan, per me è molto difficile... sono di quei mali che non si vedono ma ti “costringono”...
Stanlio: eh melo immagino va là, non me ne parlare, son stato sfiorato da quei demoni per brevi e lunghi periodi in passato e ancora adesso ogni tanto mi sfiorano, ormai ho capito che fan parte del vivere, per cui ho imparato a conviverci anche se non mi ci son mai abituato, ciao bello e a la prochaine...
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Dopo a casa la leggo e credo che dovrò tenere a bada, non riuscendoci, la commozione. Un abbraccio
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: L'altra non puo che essere Stairway...mi gioco tutto per la miseria. Avevo avuto anch'io una mezza idea di presenziare; ma poi non sono riuscito a venire. Capisco tutto quello che hai provato dalla prima all'ultima parola del tuo scritto. Faccio fatica a dire altro...qui mi fermo e ti ringrazio per la tua presenza qui da noi.
IlConte: Ahahahah, hai vinto, ovviamente! So che comprendi tutto infatti. Però se arrivavi mi regalavi un pogo buttandoti addosso a tutti ahahahahah muoio rotolando!!!
spiritello_s: Riprendo un po' in ritardo la questione per dire che "l'altra" per me sarebbe potuta essere "since i've been loving you" che ho sempre adorato alla follia. Certo che Stairway é un mito e non la discuto. Ma quel blues strappamutande marianna gane!
IlConte: Io non faccio testo e se mi metto a pensare è “finita”... così d’acchito direi che 4 pezzi potrebbero identificarli al massimo: Whole Lotta Love per la parte hard/psichedelica, Since i’ve bene loving you come apice assoluto del loro blues, Kashmir per tutto ciò che rappresenta legata ai suoni etnici e tribali oltre che alla imponente struttura....poi sarò classico ma Stairway è il capolavoro, la loro canzone, la somma di tutto di loro, soprattutto l’apoteosi della loro caratteristica... luce e buio, piano e forte, leggero e pesante che contraddistingue tanti loro pezzi...
spiritello_s: Good times bad times, The song remains the same, black dog, moby dick, achilles last stand, communication breakdown, dazed and confused...ce ne sono troppe...
IlConte
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Qualche piccola correzione avanti e indietro
Non sono neanche capace ahahah». Vedi la vecchia versione Live in Milano 27 Luglio 2018 - Robert Plant - Recensione di IlConte Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Zimmy
Opera: | Recensione: |
Stupenda rece, emozionante, viva... Nobile, sottoscrivo quanto dice Stan, ti sei superato. Grazie per queste emozioni, sembrava di essere lì e non è una frase fatta... Lui gigantesco, se tornerà in Italia dovrò decidermi una buona volta ad andarmelo a vedere
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahah beh Robert ha davvero classe da vendere, non me l’aspettavo così dico davvero...
algol
Opera: | Recensione: |
In realtà i Demoni erano lì a gustarsi il concerto. Anche perché sono proprio loro ad avere ispirato quelle note. Li hai incontrati, e non dovresti più negarti un simile privilegio.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: E non scusarti, anzi ... correggi la recensione e levale. Io, come molti qua dentro, sono con te. Avrei avuto piacere anche in carne ed ossa, e magari avremo altre occasioni. Ma sono dalla tua a prescindere, senza condizioni. Sempre. Con immutata stima. Anzi non immutata, ancora maggiore. Ciao Conte.
IlConte: Ahahah ma sono “scuse” per il mancato abbraccio e caffè tra nobili non per le mie paranoie... era bello, ci tenevo e ho voluto “ricordarlo” Doc, tutto qui.
Sempre tanta stima, pure se un giorno ci manderemo a cagare... sarà con immutata stima ahahah!
IlConte
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «I’m». Vedi la vecchia versione Live in Milano 27 Luglio 2018 - Robert Plant - Recensione di IlConte Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

Rocky Marciano
Opera: | Recensione: |
premesso che chiunque può far quello che gli pare, ma ha ancora senso nel 2018 far concerti a 70 anni? penso che molte cose siano legate al loro tempo e vedere live i led negli anni 70' doveva essere spettacolare, ma oggi come oggi vedere della gente di 70 anni su un palco solamente per monetizzare e poco più mi sembra una presa per il culo, la pensione è una cosa bella, ogni cosa ha il suo tempo.
BËL (00)
BRÜ (01)

Stanlio: ma che cazzo ti stai a dire?
se uno ha la forza e il coraggio di riproporsi anche a novant'anni è encomiabile che lo riesca a fare e lo sta a dimostrare la folla che riesce a radunare ogni volta che si propone
e poi senza nulla togliere alla tua persona ma detto da uno che si mette un nick name e la foto di due quasi centenari è il caso di dire proprio che lascia davvero il tempo che trova...
IlConte: Mi tocca rispondere e non ne ho molta voglia...
Vedi caro Rocky e pure Marciano (grandissimo pugile, hai letto la mia sul documentario Ali/Foreman?!) ognuno giustamente ha la sua opinione... ma la tua poteva avere un senso logico (non per me ma poteva averlo) fino al se aveva senso far concerti a settant’anni (a settant’anni comunque oggi anche fisicamente c’è gente che da paga a dei quarantenni rottamati!)... ma ripeto un senso poteva averlo....

Ma monetizzare???!!!! Zio bestia vaca monetizzare legato a Robert Plant uno che, se non lo sai, basterebbe avessi letto ciò che ho scritto, è miliardario e se volesse qualche dollaro in più... basterebbe un best, un greatest, una Reunion volante.... questo Signore ha venduto attorno ai 400 milioni di dischi.... sono magnanimo oggi e non ti offendo perché minimo del coglione lo meriteresti eh...
Ora fammi un favore non dire ennesime cagate che non ne ho voglia.
E leggi prima di sparare cazzate...
sergio60: Il tuo pensiero è fuorviante e sbagliato. ..vosa sarebbe il rock oggi se all'epoca non ci fossero stati dei vetusti musicisti a diffondere il blues. . Oppure New Orleans sarebbe cosi affascinante senza quei vecchietti pronti a suonare jazz in ogni angolo della città. ..e di rimando come puoi stigmatizzare degli artisti che consci di aver scritto le più importanti pagine del rock tout court se ancora "se la sentono calda"...personalmente sono grato a tutti quelli che nonostante l età ancora calcano i palchi di tutto il mondo ,se cosi non fosse molti ragazzi non avrebbero modo di saggiare cosa può essere un esibizione dei Rolling Stones o Bob Dylan o qualunque altro big...senza contare il fatto che sovente sono più dinamici di molte "star"
sergio60: Odierne...
Rocky Marciano: va bene, che vi devo dire, godeteveli... secondo me i live è meglio vederli con gli artisti al loro apice, quando incarnano esattamente lo zeitgeist del momento.
IlConte: Su questo hai ovviamente ragione, ma non c’entra molto...
Rocky Marciano: come non c'entra molto? è esattamente quello che ho detto con il mio primo commento. raramente, molto raramente nella musica le cose migliori vengono fuori in tarda età.
sergio60: Guarda ho visto i vdgg al centrale fel foro italico qualche anno fa. ..incanutiti ma autori di uno show da brividi..se avessero mollato non avrei mai potuto vederli...senza contare che a età avanzata le cose vengono curate nei più piccoli particolari ,cosa che prima trascuravano perché sotto pressione e potevi incappare in serate scialbe...come vedi ci sono pro e contro
IlConte: Non c’entra che è meglio vederli al loro apice perché è talmente ovvio che non fa commento dai cazzo. Poi ognuno ha la sua storia. Plant solista ha una sua stra dignitosa storia, sarà vecchio (oddio fossero tutti così tanti cagasotto trentenni) ma a me è gustato... poi ti ho detto storia lunga la mia personale e con gli Zepp.

E queste cose te le sta dicendo uno che la pensa come te di base per quanto riguarda molti aspetti, ma, a mio parere, non bisogna diventare patetici tutto qua. Plant oggi ha tanta tanta dignità e tanta tanta classe, oltre che una band “giovane” favolosa.

Per dire il contrario di ciò che si può pensare... io adoro ancora i Purple live vecchi come cadaveri...e non ho goduto per nessun loro album negli ultimi 30 anni... tutto è relativo...
Rocky Marciano: bene così, sarò l'unico allora che preferirebbe vedere un concerto di una band dei 70' nei 70'.
IlConte: Eh va be non mi leggi... fa nulla dai ahahahah
Rocky Marciano: ho scritto il commento prima di leggere il tuo sopra, ho capito il tuo punto di vista, non lo condivido del tutto ma va bene uguale, ci sono state troppe reunion o ritorni solo per monetizzare, io non so se sia questo il caso, ma il sospetto c'è anche se magari in questo caso può essere infondato.
IlConte: E’ infondato davvero stavolta... sono il primissimo a non sopportare queste cose e a riconoscerle subito...
Sugli Zepp non si passa. Unico gruppo che si scioglie alla morte di uno di loro... bastava un altro batterista e altri soldi a palate.... ma i valori tra loro erano altri. Se hai voglia e tempo leggiti qualche mia qui su di loro.... so che li conosci bene ma magari qualche situazione al di fuori della musica ti sfugge...
Stanlio: scusasse se m'intrometto nuovamente ma è solo per dire due cose:
1. non è che solo quando si è allo zeitgeist del momento si può esibirsi mentre poi si deve chiudere baracca e burattini e non farsi più vedere in un concerto, è un discorso che non sta in piedi...
2. non è possibile vedere nuovamente un concerto di una band dei 70' nei 70' dopo i '70 il concetto lo espresse chiaramente Eraclito ancora 500 anni avanti cristo, riassumendolo brevemente con "Pánta rheî" ovvero "tutto scorre" o meglio " Non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume"...
Rocky Marciano: eppure è pieno di artisti che dopo il loro periodo migliore, per un motivo o per l'altro non si fecero più vedere in concerto o addirittura su disco, so che indietro nel tempo non si torna ed infatti io personalmente visto che non posso godermi le band dei 70' live al loro top, nel 2018 vado a vedere altro, che il suo zeitgeist lo sta vivendo in questi anni.
Rocky Marciano: "when we have nothing left to give, there's no reason for us to live"
lector: Dico anche io la mia. Perché mi piace dire la mia, anche se qui sembra tutti contro uno ed a me non piace tanto stare dalla parte della maggioranza....
Però, secondo me, il fatto è che il nostro @[Rocky Marciano] confonde artista con performer. Cioé: io sono d'accordo che, se parliamo di performance, allora è chiaro che per fare certe cose ci devi avere anche il fisico! Insomma si può apprezzare che Madonna a 60 e passa anni salti sul palco, canti, balli e mostri il culo; ma è chiaro che è meglio vederlo fare da qualche sgallettata di vent'anni. Così come è patetico vedere certi gruppi metal posare da macho, truccati ed imbellettati dopo trent'anni di carriera, per non dire di certi pseudo-punk che fanno gli incazzati con la pancetta e l'abbronzatura da piscina.
Però tutto questo non ha più senso se parliamo di artisti. Lawrence Olivier è stato uno splendido Amleto quando non aveva certo più l'età di Amleto (e chi se ne frega), Miles Davis spargeva carisma e magia musicale ancora con un piede nella fossa e le dita rattrappite e doloranti, Leonard Cohen poteva anche stare solo zitto e seduto a guardarti per non dire di Muddy Waters (guardalo - ad esempio - in "the Last Waltz" mettere in riga quei ragazzini!). E potrei continuare, ma credo di essermi spiegato (e poi c'è il bebè qui che frigna e sbava latte...).
Plant è un artista o un performer? A voi l'ardua sentenza.
Per quanto riguarda i soldi: se uno ti paga per fare la tua cosa, il problema sei tu o chi ti paga?
Io pagherei ancora oggi per vedere Maradona giocare, con tutta la pancia, il cervello spappolato e quel suo sorriso ebete. Ma io, su certe cose, sono un idolatra.
IlConte: Ahahahahahahah, ecco appunto.
Ma poi “noi” non siamo normali e lo sappiamo Lec.

Però dai con Plant i soldi proprio non c’entrano un cazzo... ma nulla.

Sui Metallari patetici ahahahahah sentire il @[De...Marga...] grazie....
IlConte: Mi hai fatto tornare voglia di vedere per l’ennesima volta il documentario di kusturika e Diego... strepitoso... sembra follia, è realtà...
lector: Magia!
Rocky Marciano: dipende anche molto dal tipo di musica proposto, mi ricordo molti anni fa la reunion dei Throbbing gristle ed esempio, ero assai scettico ma comprai il loro disco e capii che era non solo al passo con i tempi ma addirittura avanti per molti aspetti, allora quella fu una reunion con un senso assai profondo perchè la band sperimentava cose nuove e non riproponeva copie sbiadite di cose già proposte da loro in passato, questo è un'esempio ma dovrebbe rendere l'idea di come la penso, o si ha qualcosa di nuovo da dire oppure a certe età secondo me sarebbe meglio stare tranquilli. siamo certi che Plant da solista proponga qualcosa di nuovo??
luludia: Forse, e dico forse, il rock non andrebbe suonato da dei miliardari.
Per tanti motivi 1) Non è bello che quel tizio che sta suonando guadagni tutti quei soldi 2) Non è bello che qualsiasi essere umano guadagni tutti quei soldi 3)Tutti quei soldi tolgono verità (e poesia e bellezza) a quello che avviene sul palco.
Solitamente, chi ha successo, salvo rare (rarissimissime) eccezioni finisce per fare musica del cazzo. Le rare (rarissimissime) eccezioni sono rappresentate da chi ha ancora qualcosa di nuovo da dire e non si limita a riproporre una copia sbiadita del glorioso passato. Sbiadita, si badi bene, non tanto dal tempo, ma dal fatto che quel tizio sul palco è diventato un essere irreale.
Un vecchio bluesman invece può anche riproporre sempre le solite canzoni, lui non è diventato un essere irreale, lui è sempre vero.
Le rock star dovrebbero fare come San Francesco, spogliarsi di tutto e fare concerti dove nessuno, ma proprio nessuno, abbia il minimo sospetto di chi siano veramente.
Detto questo, mi pare che il Robert se ne vada in giro, tranquillo tranquillo, a fare la musica che gli piace e, di questo tanto di cappello. Non fa come quel coglione di Jagger che finge di non avere settant'anni e che ogni volta che lo vedo mi viene da vomitare...

IlConte: Rocky porco dio, a parte che sto qualcosa di nuovo mi ha rotto i maroni... a quando mai dopo cent’anni di musica moderna pretendi ci sia del nuovo ma dove?! Hai sentito l’ultimo di Robert?! Non so se nuovo... del lui vecchio c’è poco... a molto bello.
E ti ripeto parla uno che avrebbe preso a sassate tutti gli album di Plant degli anni ottanta, primi novanta. Ognuno ha il suo percorso.
Però col nuovo basta dai, ma che nuovo?!
IlConte: Lulu, d’accordissimo. Dignità, dignità, dignità, passione, cuore... dimenticare chi sei stato... Robert è uno dei rari casi umani...
lector: Ibrahim Ferrer negli anni '50 suonava per strada ed a qualche festa, aveva cominciato 13 anni ed era il più grande cantante di bolero di tutti. Per 40 anni ha dovuto fare ogni tipo di lavoro per poter cantare. Poi smise.
Quando si accorsero di lui era ormai vecchio.
Cantava lo stesso bolero di 40 anni fa, ma la voce era quella di chi aveva vissuto l'arte e la vita in quel modo.
Vecchio lui, vecchia la sua musica. Niente di nuovo, originale o altro.
Ma...per dio!
Lo vidi a Napoli qualche anno prima che morisse.
Sono stato fortunato!
Rocky Marciano: Conte, di musica nuova ne esiste e ne è esistita eccome in questi ultimi anni, ciò che facevano i led nei 70' era qualcosa di nuovo, ciò che fa plant oggi no. echecazzo.
IlConte: Vabbè ci mollo ok...
“Nuovo”=bello
Vecchio= brutto

Se ragioni così meglio smettiamo. Non è così che io giudico. A parte i gusti diversi io ascolterò sempre blues, ritmandblues, soul e hard rock. Sono vecchio?!
Vecchissimo...
Dai stop sono stanco... continuate voi...
Stanlio: @[Rocky Marciano] ok hai detto la tua stronzata e non c'è problema, lo facciamo tutti, però dacci un taglio e non continuare a menarla perchè sennò pare che gente come (tanto per far qualche nome) Fran Sinatra, Van Morrison, Louis Armstrong, i King Crimson, Neil Young e gli altri CS&N, Wynton Marsalis, Frank Zappa ecc. avrebbero dovuto appendere le chiappe al chiodo e non farsi più vedere?
Ma dai...
Rocky Marciano: non ragiono assolutamente così, ascolto un fottio di roba vecchia (che ai tempi era nuova ed ha influenzato un casino di bella roba venuta dopo) ma il plant del dopo zeppelin è sempre stato vecchio, il suo l'aveva già dato prima, dico plant ma potrei dire tanti altri nomi, questo è il senso del mio discorso, non è difficile no?
sergio60: Cari miei...ho sfiorato i mitici anni 60...lambito gli intricati anni 70 vissuto gli indecenti anni 80...arrivato alla soglia dri sessanta anni posso dire che ad oggi se vuoi sentire qualcosa di "nuovo" devi ascoltare le cose degli anni 60/70...perché fu in quel periodo aureo che il florilegio di idee innovative trovo' sfogo...tutto ciò che venne dopo è derivativo...magari anche di grande qualità ma non diciamo CAZZATE...fu allora che la musica visse il suo momento migliore ,e allora sentire che oggi si fanno cose nuove solo perché attuali...contemporanee..mi fa ridere...amaramente ma ridere ,inoltre chi afferma una tesi cosi astrusa o non "studiato" o è in malafede. .basti pensare a quante ristampe o scoperte relative a quel periodo escono con regolarità oggi..e in molti casi fanno più "rumore" di uscite attuali e questo perché c era cisi tanto materiale sonoro che il mercato non riusciva ad assorbire ...e da quel poco che vedo la stessa cosa non succede con i vari "fenomeni" odierni...vuoi perché riempire un cd con oltre un ora di musica comporta il fatto che non ci possa essere un archivio di inediti futuri e sopratutto ve dendo le ristampe di lp di una ventina di anni fa vi si trovano al massimo delle alternate take dei stessi brani dell'originale quasi mai delle perle nascoste. ..e allora se i vecchietti ancora calcano i palchi nonostante tutto qualcosa vorrà pur dire no?...il buon b.b. king ha suonato fino alla morte ...avrebbe dovuto mollare solo perché anziano?..e cosa ci saremmo persi?...tanto ..troppo...sarebbe stato uno spreco e non ce lo saremmo potuto permettere ,visto sopratutto il panorama attuale. ..
Stanlio: guarda Roky ti ripeto un'altra volta e poi la pianto, non è il fatto di ascoltare roba "vecchia" che ti ristabilisce ai nostri occhi dall'aver detto na bojata, ma te non saresti andato a vedere un concerto di quelli di cui ho fatto i nomi sopra una volta che avessero superato i sessanta?
Non ti ci vedo così prevenuto e ristretto mentalmente ma forse mi sbaglio...
Rocky Marciano: non è una cazzata, purtroppo avete rigirato le mie parole a vostro favore come il commento sopra il tuo, a cui non rispondo perchè non c'entra assolutamente niente con il discorso che facevo io, andrei a vedere un concerto di qualche artista molto vecchio solo se continua a ricercare qualcosa di nuovo, a non riciclare se stesso.
Stanlio: ok, facci un esempio magari con gli ultimi concerti che sei andato a vedere e con quelli che andresti a vedere, diciamo 5 e 5 se ti va, così tanto per capire...
algol: Plant sarà pure vecchio, ma è uno dei pochi che alla sua veneranda età è in grado di veicolare autorevolmente energia, emozioni e composizioni intramontabili, senza tempo. Il tuo discorso Rocky sarebbe anche condivisibile in molti casi, ma non in questo. E non perché siamo una congrega di adepti con le fette di salame su occhi e orecchie, proprio per Plant non si può fare il tuo discorso, a prescindere dai gusti. Quest'uomo ha fatto un patto coi demoni. Eh. È una fottuta eccezione.
Zimmy: C'è poco di cui discutere, la risposta te la dai da solo nell'esordio del commento: "premesso che chiunque può far quello che gli pare...". Appunto. Libero l'artista di suonare a settant'anni, liberi noi di andarlo a vedere o meno. Se io vado a vedere un artista ultrassettantenne lo faccio perché mi piace, se l'artista ultrasettantenne continua a calcare i palcoscenici lo fa perché gli piace, e non vedo chi siamo noi per proporre un pensionamento. Io ho visto e recensito Dylan poco tempo fa, quasi ottantenne si regge a fatica in piedi ma fa ancora 150 concerti all'anno in giro per il mondo (in questi giorni sta in tour in Estremo Oriente e nonostante le critiche che periodicamente riemergono riempie ancora i teatri) e lo farà finché la salute glielo permetterà sbattendosene del resto... Parliamo di artisti legati al loro tempo, allo zeitgeist del momento ecc, ma mi sembra un discorso un po' posticcio... hanno fatto il loro tempo (in senso buono), a quel tempo sono sopravvissuti (e non tutti hanno avuto questa loro fortuna!) e sono ancora lì che continuano a fare quello che gli piace fare, con la passione di sempre. Devono fermarsi perché il loro tempo è passato? Dovrebbero mettersi a fare musica più moderna perché sennò non rispecchiano lo zeitgeist del momento? Sono nato negli anni Novanta, non ho la più pallida idea di cosa siano stati gli anni Sessanta e Settanta se non per averne letto e sentito parlare, non dovrei avere la possibilità di andare a vedere un Plant o un Dylan o uno Springsteen o un McCartney perché sono fuori dallo zeitgeist? Sarà sicuramente vero che negli anni Settanta gli spettacoli degli Zeppelin erano migliori di quelli di Plant oggi, ma di qui a dire che non ha senso che Plant canti ancora, parliamone... "il tempo di questi signori è scaduto"? Il tempo scade quando si muore, eccheccazzo. Nel frattempo lasciagli fare quello che vogliono, poi che tu non li voglia andare a sentire perché pensi che non ne valga la pena, ci sta ed è legittimo, ma è un altro discorso
IlConte: Ecco, algol e Zimmy hanno chiuso la “questione”.
algol: Recentemente sono stato a sentire Lanegan in concerto, altro sopravvissuto non proprio di primo pelo. Beh, da farci sentire, in ogni accezione del termine, ha ancora parecchio. Prova ne è la sua parabola di trasformazione e ricerca non ancora compiuta. Ecco un altro fulgido esempio che smentisce il tuo teorema, e te lo dico senza astio e intenti sterilmente polemici Rocky. Il punto è che sbagli clamorosamente le premesse, ogni cosa ha il suo tempo. Beh, non è vero. Ci sono artisti e opere senza tempo.
sergio60: Ne ho visti di concerti di "dinosauri"..e sovente risultavano molto più vibranti di esibizioni di artisti piu giovani...vuoi perché all emozione da palco da debuttante ci sono più che abituati vuoi perché il loro show è ben più che rodato vuoi perché chi vive di palco sa cosa il pubblico vuole e sa cosa può dare....ma essere "vecchi"...è soprattutto un fattore mentale ,a me vedere i Rolling Stones che in un età in cui il99%dei coetanei portano ai giardinetti i nipoti e danno le briciole ai piccioni ,saltano ,ballano ,strillano ecc ecc mi fa star bene...c erano quando sono nato c erano quando ero pischello c erano quando ho avuto la prima ragazza e ci sono ora che ho due figli maggiorenni. ...perché farli smettere se ne hanno ancora?...r questo vale per tutti ....pure per l odiato Vasco Rossi. ..perché a parte criticarlo e ignorarlo dal punto economico(nel senso che mai acquisterò un suo lp) in fondo non cambieranno lo status quo ,e qui magari si possono fare tutti i discorsi che di vuole ,perché i grandi restano grandi gli zammammeri (vedi Vasco) restano tali , ma ci sarà sempre un pubblico per loro a prescindere dall età. ..
Rocky Marciano
Opera: | Recensione: |
@stanlio un novantenne sul palco se vi va di andare a vederlo quello è un vostro problema, parlando di plant (ma mica solo lui) il tempo per questi signori è scaduto oggi come oggi SOLAMENTE nella dimensione live, i dischi storici rimangono capolavori, e sempre lo saranno. che c'entrano il nick o l'avatar? sono il primo a preferire molte cose vecchie nella musica o nel cinema a roba nuova, un conto è ad esempio vedere gli Zeppelin negli anni 70' e un conto è vedere un concerto del loro cantante oggi, se non riesci a capire questo semplice ragionamento non so che dirti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio: sei tu che continui a vederlo come un problema quindi il problema è solo tuo e te lo lascio volentieri
Alexander77: Guarda che questi sono i RP and the sensazionale spaceshifter. Non i Led. Invece di insistere, ascoltali, che ti fa solo bene...poi vedi che cambi idea e se non la cambi peggio per te, Plant non sta facendo il dinosauro, sta facendo ancor oggi grandissima musica. Sveglia.
IlConte: Ciao Alex...
Alexander77: Ciao caro. Bravo, ero scettico quando comprai il biglietto per Pistoia ma dopo averlo visto mi sono reso conto che Plant è veramente e soprattutto un grande musicista. Band straordinaria! E bella rece, davvero.
IlConte: Penso anche una gran persona, umile che non se la tira. Gente che ha fatto un decimo di ciò che ha fatto lui fa la primadonna del cazzo a manetta. Ricordo sempre quando Lenny Kravitz, metà o fine anni novanta, doveva partire per un tour non aveva un gruppo spalla e Robert "vengo io nessun problema, anzi che gusto"... la faccia del Kravitz che era nato con loro "in casa"... grandissimo...
Poi magari sarà un rompicazzo per altro, ma hai voglia lo sono io un rompicazzo chissenefrega... anzi!
Alexander77: Ovviamente posso solo riportarti quello che vidi a Pistoia. Molto schivo, tranquillissimo, un signorotto molto elegante con una vera band di world music. Beh, la perfezione non è di questo mondo, avrà anche lui le sue lune, ma ne ebbi un'impressione allucinante, di grande tranquillità e di naturazza, privo di certe frivolezze da rockstar. Grandissimo personaggio, davvero.
Rocky Marciano
Opera: | Recensione: |
@ilconte mi ricordo una reunion dei Led qualche anno fa addirittura con i figli al seguito a suonare con loro, hanno sempre inciso su major, girato con aerei privati ecc... se non è monetizzare questo, da come ne parli nella rece sembra che parli dell'etica che ne so di mackaye, e così non è. poi che i led siano un mito e che abbiano prodotto grande musica questo è un fatto. (no, non l'ho vista la tua rece alì- foreman, rimedierò)
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte: Appunto, quindi Plant avrebbe bisogno secondo te di suonare per soldi oggi?!? Porca troia ma è miliardario!!! Io capisco che in questo mondo di merda dove tutti guardano solo il vil denaro non si possano concepire più altri valori ormai scomparsi.... ma già Plant è uno di quelli che canta e gira il mondo per passione per la musica e per la vita in generale... lui canta e gira il mondo, Page piange e ricorda la sua creatura... due modi diversi... ma denaro ora no dai fa ridere i sassi...
O comunque va bene eh ognuno la sua opinione... io ho combattuto un altra battaglia al concerto e ho visto il mio Vecchio, mi sta bene...
Grazie del commento.
lector
Opera: | Recensione: |
Astaroth, che ritrova le cose perdute dagli uomini, Behemoth il mescitore di piaceri e la bellissima Echate, dagli occhi di fuoco erano lì con te quella sera. Ma, soprattutto, era lì Lucifero, il portatore di luce, quello che Dio odia (e teme) di più.
Accoglili i tuoi demoni, perché combatterli? Loro, senza di te scomparirebbero all'istante, ma tu, senza di loro, saresti solo uno dei tanti.
Quale sarà il demone che mantiene così giovane Robert?
Io, coi miei, ci sono venuto a patti tanti anni fa. Ora sono qui con me (come sempre) e mi dicono di aver gradito molto la tua pagina.

BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahah grande Lec, lezioni e storie di vita.
Ci mancherebbe non li combatto da un pezzo... non ho più cose folli ma diciamo che sto così... sono così... ma infatti va benissimo, sono stato stra fortunato in tutto lo dico sempre... saluta i ragazzi (i demoni) e i tuoi splendidi piccoli (altro tipo di demoni ahahahah)
sergio60: Mai avuto dubbi...leggere lector è propedeutico. ..fa bene allo spirito ,mai una banalità posso ritenermi fortunato di averlo incontrato...
lector: Mitico @[il Conte] il piccolino mi ha appena innaffiato completamente di latte e ridacchia, so che ti ricambierebbe il saluto se potesse, lui i demoni li fa fuggire via a gambe levate solo con una risatina. Caro @sergio60, sei troppo gentile, ma se sapessi fino a che punto so essere un cazzone.....
sergio60: Non hai idea di quanto lo possa essere io
IlConte: Ahahahahahahah lo scacciademoni!!! Lec junior!!!
luludia
Opera: | Recensione: |
Concordo sulle ciabatte e sui bermuda...ai tempi della niuvave uno così non ne sarebbe uscito vivo...bella pagina...
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Chi ?! Uno in ciabatte e bermuda?! Con canotta annessa magari attillata e fradicia ad una panza abnorme... dai raga un minimo di dignità porco zio ahahahahah...
Lao Tze
Opera: | Recensione: |
c'è modo e modo d'invecchiare, lui e Dodi Battaglia debbo dire sono invecchiati abbastanza bene (come performers).
Più che altro perché, dei due, io dal vivo ho visto soltanto uno. Indovina quale.
Su Robert mi fido di te solo perché sei IlConte, di un altro non mi fiderei e i tuoi demoni mi prenderanno nel sonno se non è vero.

In generale, io sarei sempre per "farli continuare finché se la sentono". Tanto poi ci siamo qua noi a giudicare, per quello che conta, con la nostra passione (come la tua), ed eventualmente - quando ci vuole - i nostri consigli di ricovero in geriatria.
In ogni caso a questi mostri non puoi mai imporre un "quando". Neanche prenderei per verità assoluta la fine di un artista quando ha fatto i milioni (in certi casi sì, eccome) - non ascolto più i dischi di Springsteen ma guarda là che passione che ha ancora...
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: Consueta classe Nobile Lao.
noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Sympathy for the devil.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Forever (tra le poche parole inglesi che conosco)
noveccentrico: E allora, nell'incertezza ti devo scrivere che Sympathy = Condoglianze ;)
IlConte: pensavo tipo compassione.... ma non so davvero nulla in inglese, grazie
noveccentrico: Anche... significa condividere un patimento. E se c'hai un prozio de Brighton che se n'è andato alla veneranda de 106, alla veneranda prozia de 104, le puoi dire sympathy. Soltanto nei paesi latini "simpatia" ha un'accezione positiva (m'ero ripromesso di approfondire l'argomento) e poi un paio di volte l'ho ritrovato in un testo di Psicologia generale (ma lì ho approfondito così poco che finì con un 25).
IlConte: Grazie mille, Nobile. Alla prima occasione me la tiro con qualche inutile!!! ahahahahahah
imasoulman: beh oddio, sin-pazein in greco antico voleva dire proprio quello 'soffrire insieme--->condividere sofferenza'. e i greci antichi mica ci erano arrivati a Brighton, almeno, che mi risulti...
IlConte: Oh non fatemi troppo casino porco zio che già starvi dietro è un “lavoro” e non mi piace faticare...
noveccentrico: Sì, claro, arriva dal greco. I brightonesi hanno dato la corretta interpretazione. In italia invece risulta l'opposto. Dov'era, in Ovosodo che dicevano che la simpatia in Italia è un sentimento democristiano?
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Fighissimo. Ti invidio per essere andato solo a vedere un concerto. Forse si gode di più nel durante. Ed il dopo deve essere bello. Ricordi, immagini, demoni. Alleluia
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Sempre goduto a far le cose da solo. Anche perché avendo “equilibrio” 0 in tutto.... o solo o in brigata ma spaccando tutto!
Falloppio: Allora ci vediamo un concerto insieme. Sono curioso di vedere i tuoi demoni. ;)
ErosGiannini: Voglio condividere con Falloppio l'invidia. A queste concerti non si dovrebbe mancare! Ad ascoltare Plant ... ma vi rendete conto?
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Non è Plant che è troppo vecchio per fare concerti (massimo rispetto per lui e quelli come lui che ancora salgono su un palco per il piacere di farlo), sei tu che sei troppo vecchio per andarci :-)
BËL (04)
BRÜ (00)

sergio60: Quanno ce vo"...ce vo'...bravo pinehead
Pinhead: È che non sopporto tutti 'sti vecchi come il Conte che infestano DeBaser colle loro recensioni da vecchi e i loro ascolti da vecchi. Largo ai giovani come te e me, Sergio! #fuoriivecchidadebaser
IlConte: Ti piazzo il bel perché meritato... però sto partendo in macchina... quando devo andare da qualcuno per prenderlo per il bavero... i demoni sono con me ahahahah
IlConte: Ma hai ragione però.... ma io sono rimasto la... e per i nuovi ci siete voi a farmeli conoscere... sono stanco oh porco zio, sono vecchio...
sergio60: A conte...prima fe pijallo per bavero ..damma retta..accisccaje 'n piede r partije de capoccia...poi lo piji per bevero e je dici che d'è che me volevi di?....funziona..garantito..e nun riporta' la sveja a casa cge nun serve...la matina c arzamo de nostro
IlConte: Ahahahahah dici benissimo Serge, cazzo se funziona!
Però il Maestro mica lo picchio, lo prendo per un orecchio dai, secondo te, voglio un sacco bene al Pinhead, anzi lo difenderei contro chiunque!
Pinhead: Comunque non si può picchiare uno con gli occhiali, li porto solo per questa ragione, avendo 10/10 per occhio.
IlConte: Un classico li giù in terronia ... falsi invalidi ahahahah
sergio60: @pinehead @ilConte.. è vero..uno con gli occhiali non può essere picchiato in volto..ma cazzarola due calcioni nel culo li può prendere benissimo....e non venirci a dire che hai i denti proprio li....
Pinhead: Pungo e volteggio, stile da combattimento. Non fossi così schifosamente buono e gentile vi avrei già steso tutti da un pezzo :-)
sergio60: Brrrr....mi tremano i lembi dei pantaloni. ...comunque se ci incontriamo ...io e te amici eh?!....
zaireeka
Opera: | Recensione: |
Bella bella... Tu al concerto hai voluto andarci da solo, ma in verità tramite quanto hai scritto in questa pagina ci hai davvero portati tutti con te, personalmente mi sembrava di esserti proprio affianco. Bella l’immagine di tè steso sul prato, e bella quella considerazione sulla rivalutazione e sulla stima per Plant cresciuta con gli anni (da ragazzi si è sempre un po’ ciechi e troppo convinti delle cose, ma deve essere così, bisogna crescere per arrivare un giorno ad essere capace di avere dubbi, e rimpianti, con tutti i demoni che inesorabilmente si portano dietro..)
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Proprio così.... il passare del tempo e le esperienze ti portano (se hai un minimo di cervello) ad analizzare e rivalutare tante cose che da adolescente ribelle e magari con un carattere particolare avevi etichettato in un modo, convinto e cieco appunto, parecchie volte.
Centrato in pieno, grazie
imasoulman
Opera: | Recensione: |
'to have the blue devils'. Senza quelli, non saresti tu, ma te l'han già detto. E non sarebbe nata la nostra musica. E il vecchio leone riccioluto non sarebbe ancora lì, a fare dischi degnissimi e concerti a quanto pare stupendi
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahah parole sante e demoniache allo stesso tempo caro Nobile. Il vecchio leone ed io ringraziamo.
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Vecchio, andare ancora ai concerti dei giovanotti( non di Jovanotti )Vai in un bel Rave con la gente della tua età. La leggo più tardi perché la mattina ci vedo male.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Non ho capito ma ho un solo neurone e quando non è in forma sono messo così....
dsalva
Opera: | Recensione: |
non aver paura dei demoni quando fai qualcosa che desideri tantissimo....loro lo sanno e ti lasciano stare!..Bella Nobile, vedere questi vecchietti che invecchiano bene, è uno stimolo per tutti.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Due gran nobili pensieri Salva!!!
Bromike
Opera: | Recensione: |
E che dire della recensione, probabilmente una delle migliori mai lette su Debaser di un concerto… Complimenti Conte. T'invidio decisamente per averlo visto dal vivo, e non sto scherzando. Probabilmente la cosa che mi avrebbe dato più fastidio non sarebbe stato il pubblico in ciabatte e canottiere sudate, ma il tormento della nostalgia per la mancanza degli altri tre, ma alla fine il cuore va in pace facilmente. E di parole su quest'argomento ne ho già spese abbastanza. 5 perché non posso darti di più.
BËL (01)
BRÜ (00)

Bromike: P. S. Vedo che qualcuno sopra ha toccato di nuovo un tasto dolente per te e sembra averlo fatto anche peggio di me. Ma mi hai fatto tornare la voglia di andare a un concerto. Ne ho visti pochi e quei pochi mi hanno lasciato a bocca aperta, ma mai avrei pensato che mi sarebbe tornata la voglia di vedere un artista dal vivo.
IlConte: ahahahah grazie mille del tempo e di ciò che dici. No guarda la mancanza degli altri tre penso proprio che non la noti più nessuno nel senso che al di la di quella leggenda unica, Plant è questo da 40 anni quasi...
Bromike: Di niente figurati. Si forse parlo della mancanza perché non ho mai visto né Plant né gli Zeppelin dal vivo. Unico ed inimitabile.
zappp
Opera: | Recensione: |
... Robert Plant 1 minuto dopo lo scioglimento del Dirigibile, è stato il più lesto nel prenderne le distanze anzichè cavalcare la comoda onda e campare di conseguenza, con il rischio a posteriori poi, di esserne additato come "ridicolo vecchiaccio".
Negli '80 fu in parte "ruffiano" nel cercare di far proprie le sonorità del momento, e coraggiosamente umile nel contempo, voltando le spalle a quel "se stesso talmente grande" che non poteva più essere replicabile, ma era pur sempre un artista che ci stava provando.
Con l'arrivo del nuovo secolo, ha iniziato a proporre cose più sincere, meno artefatte, di più larga veduta (ha bazzicato pure territori a lui lontani con Alison Krauss, il che la dice lunga..) rimettendosi sempre in gioco, anche difronte a platee talvolta nane per un gigante come lui, sempre con umiltà, senza paura di salire sul palco con gente che potevano essere suoi figli rendendndo enormemente più stridente il divario anagrafico e artistico, ma ha sempre saputo reggere il passo e l'odore di muffa non si è mai sentito.
Dal vivo poi, lo vedo vispo e vitale.
10 anni fa, a 60 anni, ha fatto una reunion di una sera con il Dirigibile, e in quella sera ha spaccato il culo in tante fettine a giovani rocker che improvvisamente tanti 20/30enni sono apparsi (loro si!) rugosi e muffosi.
Quindi di cosa cazzo stiamo parlando?
Posso capire che non piaccia la sua attuale musica, però si scivola sul soggettivo, quando oggettivamente è pur sempre musica fresca, sincera, vitale e credibile.
Mica sta scimmiottando gli Zep dal 5/12/80 ad oggi, non lo hai mai fatto.
Perchè dovrebbe smettere, se trattasi di artista che da 40 anni ormai sta guardando sempre avanti anzichè dietro?
Perchè lo sfiatato Sonny Rollins a l'artritico Ahmad Jamal entrambi 90enni dovrebbero smettere, quando ogni volta attaccano un nuovo pezzo, per almeno i primi 30 secondi sanno ricreare la STESSA identica magia di 60 anni prima che SOLO loro sanno ricreare, e nessuno mai 20/30enne clone ci riuscirà campasse anche 10 vite, perchè dovrebbero smettere?

Sono esempi diversi, ma è il come ti proponi e le vibrazioni che propaghi che fanno la differenza, ed in virtù di questo in qualsiasi forma d'arte non deve mai esistere un età pensionabile.
E' triste invece vedere giovanotti che nel breve volgere di una canzone o un disco (azzeccato!) sono riusciti nell'impresa di esaurire tutto quel che artisticamente avevano in corpo, per subito dopo vederli sgonfi come preservativi appena gettati e deambulanti se stessi sempre in chiave più bonsai per il resto della loro artistica vita.

Che Dio (se c'è) ce lo mantenga in forma Plant, lui, e quelli come lui.

A te Bonzo che ti devo dire.....quando fai emergere la vena sanguigna, la pianti di essere razionale, prima agisci e poi pensi, sei il James Ellroy di DeBaser.
Te l'ho detto altre volte, ma bada bene non è un complimento (quindi non ringraziarmi) ma solo constatazione.
Poi parli di Plant, e beh...è come palleggiare con Federer.


ps: non prendere a sassate i dischi made in Percy degli 80, il ragazzo ci stava provando, è un altro che mi fa incazzare ed andrebbe preso a calci in culo per troppa pigrizia.
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: ahahahahahaha mi gusta un sacco quando non ti fermi più.... Grande zappp!!!

Tutto d'accordissimo... anche se i dischi ottanta continuano a farmi abbastanza cagare senza togliere nulla a Robert sempre in cerca di nuove sonorità... e infatti tutti i dischi del nuovo millennio ( chi + chi - ) mi piacciono tutti, l'ultimo in particolare.

Non so chi sia il tipo che citi sono troppo ignorante soprattutto in letterature ed affini ma spero che sia uno un po' strano, sveglio e fuori dai canonici "schemi".

Non ho capito chi è quello che andrebbe preso a calci in culo....
zappp: è un tipo indemoniato, e ti piacerebbe molto, fidati ;-)

l'altro da prendere a tacchettate, il più grande strimpellatore di sempre dopo Jimi, quello zozzone dello sciamano, che si fa desiderare nei secoli.....
IlConte: Ahahahahahahah ma Jimmy è diverso..... ci ha provato ... ma è tutto inutile il suo cuore è la e basta... la Sua Creatura ....
Nico63
Opera: | Recensione: |
.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ola Nico, mersi de tua presens!!!
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Raga scusate ma ripudiare qualcuno solo perché c'ha i milioni in banca mi sembra stupido... Sono tutti soldi meritati, cosa c'è di male? Conte grande come sempre... Penso sia stato il tuo più bel concerto, vero?
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: infatti io la penso spesso all'opposto se un miliardario fa ancora tour (e non in stadi da 60000 persone per dire)
suda e lo fa con passione ripeto ammiro al di la di Plant o altri...
Ne ho visti pochi per ovvi problemi... mi ricordo un paio dei Purple post reunion 1984, uno di Bowie a Firenze boh primi novanta, quello mitico di Buckley (ma ero con due gnocche ubriaco perso e non ricordo quasi nulla), i Dire Straits in Svizzera "scappando" da casa cinnazzo....
RinaldiACHTUNG: In ogni caso concerti di un certo livello nobile, quello di Buckley meriterebbe una recensione ahaha
IlConte: Ahahahahah verrebbe un pochino scarna di contenuti, c'era @[dipsomane] lascio la palla al Nobile...
RinaldiACHTUNG: ahahha
dipsomane: eh, bravo giovinotto, ma io mica ho il tuo talento per scrivere recensioni se no l'avrei fatto. io 'partecipo' leggendovi! epppoi, a parte nel tuo caso e pochissimi altri, i nobili li decapiterei come faceva il grande Saint-Just ;-)))))
IlConte: Ahahahahahahahah ma la mia/nostra nobiltà è mica quella di quei cretinetti ridicoli.... la nostra è vera nobiltà d’animo (da non confondere con bontà d’animo - parolone del cazzo inflazionato da inutili) che comprende taaaante “cose”. E poi io sono ignorante in quasi tutto non mi fottere con trappole... ma chi el Saint Just?!
Ahahahahah ciao ragazzo!
dipsomane: Saint-Just l'era un giovane rivoluzionario francese 'leggermente' severo che tagliava teste a destra e a manca e infine perse anche la sua! ahahahah, ciao ragazzo! ;-)
IlConte: Ahahahahah mi piace un sacco il Saint Just, approfondisco!!!
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
La recensione è scritta a quattro mani col cuore. L'incessante guerra contro il male oscuro che ci affligge tutti, consapevoli o meno, la disillusione, il fardello da portar sulle spalle ogni giorno. Giusto farlo presente e non nascondersi dietro un dito. Le persone stanno male e i bermuda e le infradito sono solo un sintomo. Trovare il coraggio per tornare nella folla urlante e sudata per riaccarezzare il sogno di quella musica che ci ha reso felici è un gesto di coraggio e di volontà. Direi rivoluzionario. Per uscire da questo vuoto pneumatico creato da una società materialista è priva di valori morali sani. Spero che Roberto Pianta sia solo l'inizio del percorso di risveglio.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Non so che dirti, se non grazie... troppo bello dalla prima all'ultima parola...
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella storia, specie quando ti sei dovuto stendere sul prato sopraffatto dalle emozioni. Mi viene una piccola analogia. Un paio di giorni prima del tuo Plant sono stato al concerto di G. L. Ferretti e mia figlia di 11 anni e' voluta venir con me. Abbiam chiaccherato durante il concerto, bevuto acqua io e te' lei, ben freschi data la calura agreste del contesto. I suoi commenti mi piacevano un sacco. Alla fine, meno I bis, ha valutato 6- il concerto. Ahahahah. Saluti, Conte.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: ahahahahahahahahahah io l'analogia tra me Ferretti Plant tu e la tua "piccola" non l'ho capita... e forse è meglio così ahahahahahah..... Nobiltà, sempre!
sergio60: E te credo pora fija...portala a vedere gli Stones...poi vedrai che commenti farà. ..dai sarà p e la prossima volta...ah ah ah ah ah ah
HOPELESS
Opera: | Recensione: |
Mah, nel termine groupie non c'è nessun connotato negativo per me, conosco una percentuale prossima allo zero di gente a cui non piacciano blowjobs consenzienti e pieni d'ammore e bella vita per musica e sesso, chiedere a Pamela Des Barres e Cynthia Plaster Caster ad esempio. Odi il caldo? Ami il freddo? Siamo sulla stessa nave di cristallo, un giorno me ne andrò in Alaska e vi scriverò ogni tanto da lì....
We come from the land of the ice and snow from the midnight sun where the hot springs flow the hammer of the gods

BËL (01)
BRÜ (00)

Stanlio: Magari capitasse anche ammè una volta nella vita 'ma croupier così consenziente zioporko...
IlConte: Ahahahahahah ma infatti... ma io stimo anche proprio la groupie al di la del sesso.... ho letto parecchi libri (non leggo di cultura ma ste robe mi intrippavano... sarà perché un minimo ho avuto) e l'ho dicevo per le fanciulle che leggeranno la "recensione". Quasi sempre viene visto come termine negativo o denigratorio per me è proprio il contrario... quante storie d'amore nate tra artista e groupie, quante splendide canzoni scritte per loro.
E poi se vogliamo buttarla nel sesso.... perché (quasi) tutti danno delle puttane alle groupie e degli "approfittatori" agli artisti... chi dice che non erano le nobili fanciulle ad approfittarsi della loro avvenenza e della debolezza di quegli uomini??!! Solito MAINSTREAM bigotto viscido e falso...
IlConte: Bellissime storie comunque ...
HOPELESS: Esatto, mai pensato a loro come troie (che potrebbe essere anche un gran bel complimento, comunque), ma sempre come essenza e fisicità schiumante di gioia ;-) hahahha
IlConte: Cazzo ecco mi ero dimenticato di dire pure che per me "troia" è un grandissimo complimento.... diciamo che la prima volta che conosco la fanciulla.... fa un pochino fatica a capirla la cosa ma poi mi conosce e capisce ahahahah
HOPELESS: hahhah
RinaldiACHTUNG: bellissimo ahahhaha
Dislocation
Opera: | Recensione: |
Ho aspettato un po' e l'ho fatto apposta, per essere l'ultimo a farti i soliti, noiosi complimenti per la veridicità del tuo scritto, la sua sincerità ed immediatezza. Poi, e scendiamo sul personale, credo di essere l'unico ad averlo notato, è la prima volta che parli della Contessa, l'hai fatto innumerevoli volte della Contessina (a cui va, e non te lo ripeto più, un mio bacio sulla fronte ogni volta che ci sentiamo, non c'è più bisogno di dirtelo...), ma della contessa nulla si sapeva, forse neanche se ne sospettava l'esistenza.... bene, ora lo sappiamo....
Così non mi dilungo, la tua recensione m'è piaciuta un goccio più delle tue altre perché parla di un concerto e non di un disco, ed essendo un concerto di Roberto Pianta, inutile a dirsi, il rispetto è massimo e l'applauso d'in piedi è d'obbligo. Un mio caro amico che spende, beato lui, in concerti buona parte della sua paga, mi ha confermato, avendolo visto insieme a te, che Plant ha cantato molto bene, rispetto all'età, anzitutto, ed anche rispetto alla media degli ultimi anni che ha sconfortato parecchi puristi.
Ma, come dicono i nostri comuni amici negli interventi prima del mio, stiamo parlando di Robert Plant... e allora, di nuovo, in piedi, applauso, lacrimuccia, a casa.
Un abbraccio, Conte, un baciamano con inchino alla Contessa e per la contessina già lo sai, mi tocca sempre ripeterti tutto, vecchio rincoglionito.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahah il mio vecchio rocker tuttologo...
È incredibile come qui sopra sembra, con alcuni, di conoscersi davvero anche fisicamente e da una vita... sembra di parlare con vecchi amici che non vedi magari per ragioni logistiche ma che, ripeto, conosci da tanto tempo... dalle braghe corte...
Strano è incredibilmente bello per rincoglioniti che tengono ancora a valori/cagate ormai scomparsi...
Mi sono auto esonerato totalmente (tutte le volte possibili e talvolta riesco anche a quelle impossibili) da una vita sociale che prima mi vedeva sempre è agitato in prima fila, sempre senza un filo di equilibrio.... la pur presente misantropia era soppressa dall’amico alcolico. Ora, per scelta, è incredibile quanto il mio unico voluto e desiderato sfogo verso l’esterno sia attraverso uno di quelle tantissime cose che ho sempre odiato... un social...
Ma è Debaser, mica un social normale... non è normale pure lui come i nobilissimi figuri che lo frequentano... come una élite fuori dal mondo, un manipolo di eroi, rincoglioniti, ma eroi.
Grazie ragazzo, per tutto...
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Bello leggere di un pubblico composto dai 20 ai 70 e di Plant ancora in forma. Bravo Conte solita recensione straordinaria.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ciao Johnny scusami, ti avevo saltato, colpa di quel tipaccio di @[sfascia carrozze] che mi ha coinvolto in quella discussione assurda ahahah.
Grazie di te, come sempre. Ma le cose che sembrano le più scontate sono semore le più belle perché poi se non avvengono ci rimani davvero male.
sfascia carrozze: Quale sarebbe la DeDscussione absurda?
Per la cronaca (rosa ma anche nera) io faccio solo disquisizioni dotte e pregne di significanza.
IlConte: Ahahahahahahahahah, ma quella qui sotto da dove arriva questo giovanevecchio Plant... poi è intervenuto anche il genoano che ha incasinato ancora di più.... questi liguri loschi figuri ahahahahah
sfascia carrozze: Capisco.
Si fa sempre (molto) per dire.
Ma non sono d'accordo.
Anche perché non ho ancora ben capito chi sia questo Roberto Pianta.
Eh!
IlConte: Ahahahahahahahahahah
sfascia carrozze: O ci decidiamo a fare DeRecensioni come si deve che spiegano tutto per benino o me ne vado su Ondarroccka.
IlConte: Ahahahahahahahah e Lei cia’ pure ragione.... ma badi che potrebbe trovarmi pure la come opinionista ahahahahahahah. Basta scherzare che la sono professionisti poi ci dicono che siamo elitari, strani e altezzosi....
Johnny b.: Fantastici a tutti e tre.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Sa che non ho (micca) ben capito chi sia con esattezza qvesto citato Roberto Pianta?
Ma è uno nuovo ché fà concerti da poco?
Oppure viene fuori da qualche talentscaut?
Mi sia più chiaro, ohibò!
BËL (01)
BRÜ (00)

Dislocation: Gliè un giovine anziano, invecchiato, vieppiù, ohibò, che conobbe glorie, fasti, soldi, coca, zoccole, tutto in gioventù ed oltre e adesso, perdio, ci ricorda quanto fu. E non la Pianta. Certo, il pianto a Pienza fa il ponte e non pontifica la malapianta, e pianta le piante del pianto. Pio. Pio pio.
IlConte: Dal talentscaut di quella bellissima zona musicale di Birmingham.... miniere, pub e musicisti geniali...
sfascia carrozze: Troppo génio non fa per mè.
Io volo basso.
Rasoterra, direi.
Dislocation: In genere il genio s'ingegna e l'ingegneria generica genera generi, generalmente.
sfascia carrozze: Degenerato!
hellraiser: Arriva da The Voice...
sfascia carrozze: Ah, ecco.
Ora né sò meno di prima.
Dislocation: M'accodo. E d'accordo per l'accodo includo la coda per la corda in cordata, cosicché la coda vi si rechi in Skoda, ancorché. Sursum corda!
sfascia carrozze: Ci dica la verità: in Lighuria, lì, fà molto caldo.
Dislocation: Ma parecchio. E m'apparecchio. E occhio, che l'occhio è per occhio.
sfascia carrozze: Suppongo che il dente sia già caduto da un pezzo.
Dislocation: Il dente s'addenta e s'addentra, entro il Lentro che sdentato entra l'intro.
hellraiser: Il fatto è che Dislo buonuomo ha bisogno di ferie...
Dislocation: Se tu sapessi quanta ragione hai ti spaventeresti da solo. Ma con domani stop al lavoro e se ne riparla a settembre. Grazie per la comprensione, hell!
hellraiser: Io se Dio vuole solo più domani, poi una settimana in Liguria ed una a Venezia. Ne ho enormemente bisogno...
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Ho approfittato del temporale che si è abbattuto su Roma (o almeno sopra casa mia visto che mi dicono che nella zona accanto no, non è così forte, vabè...) per leggermela, un po' in ritardo ma eccomi. Che dire, ci sono artisti che nemmeno dei "soggetti" come me o te (che sia pigrizia, misantropia o un mix di entrambe le cose) possono ignorare, per quello che ci hanno regalato è quasi dovuto. L'ultimo di Plant che mi consigliasti è un bel dischetto in effetti, molto piacevole e con belle canzoni. Mi piace la dignitosa strada "sotto le righe" intrapresa da Plant nel dopo Led Zeppelin, ha continuato a fare ciò che più gli piace in modo anche molto intelligente secondo me.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Esattamente Nobile tutto (soprattutto l’ultimo pensiero sul ragazzo)
IlConte
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: