Røt
No hope

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Il duo downtempo deathcore pugliese composto dai fratelli giovanni (voce) e simone pietroforte (chitarra) ha tirato fuori un monolite che trascende il concetto di nichilismo sonoro, un qualcosa di talmente violento che fa pendere questo ep fra la musica e il mero rumore, a volte pendente da uno, a volte dall'altro .

5 tracce di odio viscerale, puro e incontaminato, dove bound in fear, primitive man e black tongue paiono come le ispirazioni portanti.

Il biglietto di visita "disillusionment" parte con il discorso di elliot rodgers (carnefice della sparatoria di santa barbara) per poi esplodere in breakdown abissali che si sposano perfettamente alle vocals esasperatissime ed inumane di giovanni, che in alcuni punti del disco non è ne in growl ne in scream, è letteralmente urlato, al limite della tolleranza delle corde vocali umane .

Le successive "pitch black" e "(050395)" sono un discendere nelle emozioni piú oscure e misantrope che l'uomo puó provare, accomunate da delle atmosfere morbosamente sulfuree e inquietanti, per poi ritrovarsi completamente avvolti nell'oscurita e nella misantropia pura con "ubermensch", il pezzo piú pesante e asfissiante del lotto, dove si raggiunge il punto piú basso che l'uomo puó toccare, completamente corrotto dal male che lui stesso ha creato dove antonio romito degli intercranial purulency sfodera dei growl talmente cupi che uniti alle chitarre bassissime creano una delle cacofonie piú violente che il vostro udito possa ascoltare, il tutto concluso con la disperazione totale dell'ultima traccia "descend into pure nothingness", dove melodie strazianti completano la sensazione di pura disperazione del pezzo, finito magnificamente da una parte di violino/ambient che nel finale raggiungono la tragicità totale .

In attesa del full lenght, possiamo goderci questa piccola gemma di violenza sonora made in italy, un vero must per gli amanti del downtempo che nel marasma di band fotocopia di tale genere riesci a mantenersi in piedi con una sua identità, quindi se avete tempo e voglia, dategli un ascolto !

Questa DeRecensione di No hope è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/rot/no-hope/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Downtempo... Death Core. SlowbutSpeed Metal? Brutal_Tender?

Quindi, Doom?
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Ero curioso, ho sentito qualche secondo di due pezzi: sono i Converge con un batterista normale. Non so se siano bravi o meno, però DeathCore Downtempo è una cosa che non si deve dire.
nightytheshow: Perchè non dovrei dire downtempo deathcore ? E un genere nato dall' unione di sludge, doom, beatdown e deathcore, che vede i suoi esponenti massimi in band come traitors, black tongue, false images, hvter e immoralist .
Poi trovo abbastanza fuori luogo un accostamento ai converge, dato che fanno parte di un genere che non c'entra niente con i røt e che non rientra minimamente nelle loro influenze musicali .
puntiniCAZpuntini: Sì, ovviamente con NON SI DEVE, scherzavo. è che se unisci Sludge, Doom, Deathcore e facciamo tutti finta che il Beatdown esista, escono i Converge con il Growl. L'unico problema dei Converge, è che avevano (hanno?) un ottimo batterista e non un frullatore.

Ne ho sentito qualche secondo, sicuramente hai ragione tu, mi divertono solo i nuovi nomi allucinanti. Non so se c'eri o se te lo ricordi, ma proprio i Converge hanno passato 10 anni a sentirsi dire "siete Sludge!" - "No, siete Postcore!" - "No, Sludge!" - "Postcore!" - "Tua mamma si droga!" - "La tua gliela vende!" - "Ma con quei soldi mi regala Jane Doe!" - "Pezzodimmerda!".
puntiniCAZpuntini: PS
'orcaboja, il beatdown esiste veramente! Praticamente è metal estremo ma ti devi vestire da rapper e muoverti come un rapper pur facendo solo metal e non accennare al rap se non nelle movenze. CARBINE - VIOLATION (FEAT. ALEX TEYEN OF BLACK TONGUE) [OFFICIAL MUSIC VIDEO] (2017) SW EXCLUSIVE @[sfascia carrozze] Wè Giargiana, te lo conosci il Beatdown? PHYYYYGA!
(nighty non te la prendere, noi siamo vecchi e ci divertiamo così)
sfascia carrozze: L'unico che potrebbe risolvere la irta quaestio è @[matteo_brutal]
oppure quel bifolco di
@[MaledettaPrimavera]
Speriamo passino di qùà.
puntiniCAZpuntini: Minimo Matteo Brutal adesso ha 6 figli e ascolta la sigla di Peppa Pig
nightytheshow: Lo puoi chiamare anche col nome piú usato, new york hardcore
sfascia carrozze: D'altronde Peppapig è un classico esempio di riuscitissimo *DeathCoreSlowSpeedMetalBrutalTende r*
nightytheshow
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Essendo che avevo fatto qualche errore grammaticale (che poteva far fraintendere le linee finali), ho deciso di ripubblicare la rece .». Vedi la vecchia versione No hope - Røt - Recensione di nightytheshow Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Sono incuriosito ma anche insospettito dalla presenza del sample di rodgers.
BËL (00)
BRÜ (00)

nightytheshow: Da questo puoi capire come questo ep è giusto un pelettino incentrato sulla misantropia 😂
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Copertina candidata per le più belle ciofeghes do mundo, secunda edisiones. Ma davvero è possibile fondere così tanti generi musicali insieme senza l'autorizzazione comunale allo scarico dei fumi tossici pellaria?
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94: prooot
spiritello_s: Mi sembra un argomento approoopriato.
nightytheshow: Essenzialmente tre generi : deathcore, sludge e doom, ma ci sono band che tendo anche verso l'hardcore di stampo ny .
nightytheshow: A me sinceramente non fa così cagare, c'è di molto peggio(*coff coff primus coff coff*), poi la versione che ho caricato io è un pó sgranata perchè il mio computer è una schifezza, mi fa un downgrade delle immagini ogni volta che le carico su qualsiasi sito o social .

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: