The Deviants
The Deviants # 3

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Un barattolo di zuppa ha scritto la storia, primeggiando negli indici di popolarità con Madre Teresa
di Calcutta e Madonna (entrambe). Tutto maledettamente vero! L' Andy dalla steppa eurasiatica
come capigliatura le combina di tutti i colori...alle Gioconde e alle Monroe; un tocco di rossetto
rosso scarlatto all'austero Mao e voilà, ecco il despota sornione che non t'aspetti. La Pop Art è
l'arte della società poichè la società è 'poppartica'. E basta con questi dipinti epici di cavalli
imbizzarriti e valorosi guerrieri con la spada protesa verso il sacrificio, verso la libertà...
Mamma mia, che pipponi. Vuoi mettere, televisori, lavatrici, riviste, frigoriferi e lattine, si, le lattine
della 'PorcaCola' che in tema di espressività vincono facile anche con la Gioconda. In questo
universo multicolor votato alla provocazione ronzano i Deviants sin dalle loro origini con
l'onomatopeico esordio 'Ptooff!' e, dopo l'amnesia illustrativa (o mania di protagonismo) di
'Disposable', con il terzo e ultimo, omonimo 'The Deviants'.

Una suora.
Un bambino sotto la suora (retrocopertina).
Un ghiacciolo in bocca al bambino.
Un ghiacciolo in bocca alla suora.

Assodato che il primo impulso suscitato non è quello di prostrarsi in preghiera, mi chiedo: 'Perchè
non la solita lolita svedese?' L'anno '69 è un caso o ha una sottile congruenza con il tema?
Lo sguardo ammiccante e allusivo della 'tunicata' non lascia scampo. Neanche la voce sepolcrale
di Mick Farren nel suo virile baritono lascia scampo, mentre pronuncia quel 'BILLYYY'...douff.
Solo le voci che gli rispondono a tono 'The Monster' si dissociano da questo amplesso di immagini
e suoni, con gli scroti serrati dal filo del microfono. Tutto suona indicibilmente cool&sexy. Immagino
belle donne dalla pelle d'ebano muovere a ritmo le loro rotondità, in una danza sensuale che...che...
e niente di tutto ciò, semplicemente Mick consiglia a Billy di far attenzione lungo il suo cammino.
Un basso così suadente meritava ben altra trama, anche perchè infoia non poco. Sanderson batte
cinque a Hunter e le bacchette picchiano ed oscillano per aria, disegnando nuovi corpi e nuove fantasie
che si infrangono puntualmente, questa volta contro un paio di 'biscotti spezzati'. Il ghiacciolo nel
frattempo si sta sciogliendo ma la religiosa non muta l'espressione. "First Line (Seven the Row)".
Stesso copione e stessa morgana. Hunter picchia e Rudolph si perde nelle sue scorribande
chitarristiche, tra le pentatoniche scale usate per sfuggire allo spirito degli Stooges o dirigersi contro,
con il timone fuori controllo. Tre.Due.Uno. Impatto! No, nessun impatto, altro falso allarme. La
marcia è visibilmente ridotta in prossimità di "The People Suite" che apre con una assonanza allo
'spaventapasseri' dello stralunato Syd. Solo quelli Rosa mancavano all'appello! Ennesima cantonata,
perchè pian piano che il "Devianti #3" si addentra nei nerissimi solchi, più neri di.. più neri del...
neri come.. la veste della pia leccatrice in copertina, si accalcano ai margini del disco i genitori di
Tommy, giunti a bordo dell'aeroplano di Jefferson, lo zio italo-americano Frank, con gli inseparabili
Lou e John. Roba da strabuzzare gli occhi e allertare le orecchie. Anzi nessuna delle due. Basta
tenere a freno un' inguaribile e galoppante fantasia. I Deviants sono davvero bravi, non c'è che dire.
Bastano una manciata di note e di riff e si spicca il volo; e per chi soffre di vertigini come me conviene
rimanere con i piedi per terra.

Anzi, ora che ci penso, viva il realismo, il romanticismo, il classicismo. E 'fanculo le lavatrici colorate,
i frigoriferi, le Gioconde, le 'PorcaCola' arcobalenate ed i fagioli in scatola.
E la banana, no??
Come?
Già fatto?

Questa DeRecensione di The Deviants # 3 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-deviants/the-deviants-3/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Non li capisco.
Li trovo distanti dai miei gusti.
Però Derecenzia da paura.
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: A volte non li capisco neanche io! Però che sound, innovativo ed originale. Riesci a coglierne l'unzione della flower power ma non è un disco hippie; la psichedelia, ma sobriamente allucinante per essere annoverato come disco psichedelico, il tutto condito dagli embrioni di quel che chiamarono, cinque anni dopo, punk . Concedigli un altro ascolto, potrebbe sorprenderti. Grazie carissimo!
Caspasian
Opera: | Recensione: |
"Bella hawaiana, attacchete a 'sta banana..."
BËL (01)
BRÜ (00)

Caspasian: Il disco è torbido e brillante, che goduria...
JonatanCoe: ...e meravigliosamente discontinuo e pieno di variazioni, giusto, che goduria. Grazie Casp!
ErosGiannini
Opera: | Recensione: |
Disco poco conosciuto, ma che va assolutamente ascoltato.
Va detto che era l'anno 1969.
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Certo, merita un attento ascolto, come lo meritano a pieno titolo i precedenti 'Ptooff!' e 'Disposable', due capolavori, senza mezzi termini. Grazie Mr.Giannini!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Chapeau!
Le tue pagine sono grandiose, per il deb sono quello che negli '80 era il paginone centrale per Playboy.
Tostissimi i Deviants...
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Certo, merita un attento ascolto, come lo meritano a pieno titolo i precedenti 'Ptooff!' e 'Disposable', due capolavori, senza mezzi termini. Grazie Mr.Giannini!
JonatanCoe: Questa è proprio bella, rispondo al sig. Giannini e magicamente il commento si ritrova nel tuo spazio! Cose dell'altro mondo! Comunque mi vedo come un Hugh Hefner in erba attorniato da una bella schiera di silouette mozzafiato... sto viaggiando troppo con la fantasia, Grazie Almo, come al solito troppo buono!
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Certo, merita un attento ascolto, come lo meritano a pieno titolo i precedenti 'Ptooff!' e 'Disposable', due capolavori, senza mezzi termini. Grazie Mr.Giannini!
BËL (00)
BRÜ (00)

JonatanCoe: ...ed inizio puntualmente a sbagliare area di commento, piazzamento at cazzum!
ErosGiannini: Tranquillo. Gli errori di battitura sono un male comune.
Comunque ribadiamolo pure: Mick Farren ha il suo posto d'onore di fianco a Iggy Pop, Arthur Brown, Velvet Underground e tutti quei pazzoidi della fine anni sessanta.
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Link rotto». Vedi la vecchia versione The Deviants # 3 - The Deviants - Recensione di JonatanCoe Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Nell'estathe del '84 addentai per l'ultima volta un ghiacciolo:
mi venne una fitta talmente forte agli incisivi e ai premolari che ancora oggi mi vengono i brividi al solo pensiero.
Tutto qvesto è molto deviante.
#forse
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Caro autodemolitore, provi ora, i ghiaccioli nel 2019 hanno un altro gusto, si sa!
sfascia carrozze: Giammai!
JonatanCoe: ahahahh
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Meravigliosiamente fuoriditestamente grandiosi.
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Cavolo, credevo fossimo in pochi noi devianti e invece... Grazie Hj!
ps. Ricordami che ho da dirti qualcosa, tra qualche giorno, ma dubito me ne scorderò!
hjhhjij: Tra qualche giorno ? :D
JonatanCoe: E si, tra il basilico da annaffiare e le scaccolature di stagione il tempo non basta mai, si sa!
hjhhjij: Ma sono qui, dica pure, tra un ghiacciolo e l'altro si capisce.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Sarà per la tua solita impaginazione disordinata; sarà che conosco poco la band; sarà che ho capito ben poco...ma tu sei sempre tra le penne migliori dell'attuale debaser. E non solo di quello attuale.
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Una cosa così, detta da un monstre del DeB mi imbarazza, e non poco!
Che dire, lusingato e felice. Grazie De'!
Alexandrakis
Opera: | Recensione: |
Disco psichedelico eccellente, chitarre in alcuni casi con il suono Pink Floyd di Interstellar Overdrive, canzoni a volte serie a volte provocatorie, come la l'assolo di batteria fatto con la bocca e applausi finali...secondo me un disco che apre la mente...ciao a tutti
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: E si, sembra tante cose, tanti artisti, tanti brani, ma soprattutto un bel disco dei Deviants.
Grazie per il passaggio!
emgag
Opera: | Recensione: |
Bellissimo!!! Ricordo che Ty Segall parlava di loro come tra i preferiti e fonte d'ispirazione ma per la mia pigrizia li avevo saltati a pièpppari. Mi pare parlasse di Ptoff! il ragazzo.
Che grande scoperta! Anche riguardo alle influenze sui californiani d'oggi, mi hai aperto un mondo!
BËL (02)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Sicuramente di Ptoff! , il capolavoro indiscusso, nonostante questo sia un pregevole lavoro. Non mi meraviglia affatto che Ty Segall citi i Deviants, si sente chiaramente l'influenza nella loro musica. Grazie mille Emgag!
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Il ghiacciolo a tre gusti verde arancio rosso sarà dal 1989 che non lo fanno piu. Ne andavo matto. Per loro, che dire, granderrimi. Però preferisco Pitoffe, è uno dei miei dischi cardine. Vedo che la compagna ieri sera ti ha fatto le lasagne, non può essere altrimenti...
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Ahahahahaha! Il ghiacciolo, almeno in Italia, era 'edito' dalla Eldorado, si chiamava Arcobaleno ed aveva ben 4 colori: marrone cocacola, rosso, bianco e verde, mangiato a vagonate, anche se preferivo il Lemonissimo. Ptoff! è il capolavoro, chiaro, ma purtroppo (o per fortuna) qualcuno ne ha già scritto. Ma che lasagne! D'estate bisogna mantenersi in linea, un'insalata e parti di slancio! Grazie Hell!
hellraiser: Lemonissimo con la stecca di liquirizzia! Il top. Vero vero, era quello allora.. mica ci arrivi a settembre solo con l'insalata ragazzo! Va anche bene ma un qualcosa di piu godibile ci va.. sarai mica un caprone? Ah ah;^))
JonatanCoe: Vegetariano si, ma m'ingozzo come non puoi capire!
hellraiser: Una pizza almeno ogni tanto ci vuole ;^))
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Che piglio che hai!
Loro, se ben ricordo, mi piacevano un botto..

BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Ma siccome non so se ricordo bene non voto il disco..
Cerco pur sempre di essere onesto intellettualmente

#forse
JonatanCoe: Giusto, non fa una piega! Grazie Cosmico!
imasoulman
Opera: | Recensione: |
io invece adoro ‘Disposable’. Quello è all’apparenza il più ‘normale’ loro... ma...appunto ‘sembra’, e’ il prodotto di una corte dei miracoli hippie, un folk surreale suonato da degli iconoclasti punk ante-litteram
Dei tre, questo è quello che ascolto meno (anche meno del pastiche pseudo-dadaista del Mick Farren di ‘Mona’...)
BËL (01)
BRÜ (00)

imasoulman: Quindi un 3emmezzo
JonatanCoe: Su ‘Disposable’ il mio appunto riguarda solo il fatto che si discosta dalla pop art nell'artwork. In effetti è un album immenso, al secondo posto solo perchè al primo ci metto un certo Ptoff! Grazie Anima!
lector
Opera: | Recensione: |
Un grande albero che ha saputo dare frutti deliziosi dai Pink Fairies a "Think Pink" passando per Wayne Kramer....E Mick Farren che ci lascia le penne lì sul palco, solo che - proprio in quei giorni lì - decide di andarsene anche J.J. Cale e, così, di Mick se ne accorgono in pochi.
Un irregolare, sempre e comunque.

BËL (00)
BRÜ (01)

JonatanCoe: Dici bene, quanta sostanza magica ha orbitato nell'universo di Farren. Ci sono artisti che vengono sdoganati solo dopo la morte ma a lui neanche questo, eternamente all'ombra degli allori nonostante ne meritasse a palate. Grazie Lec!
Flame
Opera: | Recensione: |
Sto disco l'ho ascoltato un mucchio qualche anno fa, ora non ricordo manco più come fa. Copertina da Oscar delle copertine. Gran rece.
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Scusa il ritardo! Vero, la copertina è da cornice e il disco... Grazie Flame!
Battlegods
Opera: | Recensione: |
Le tracce perfette, per me, dei Deviati sono "Deviation street" e "I'm coming home". Le jam degli altri due album le trovo un pò standard...amo la pazzia, ma va beh!
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Cavolo, hai citato due pezzoni del capolavoro. Ma i livelli sono altissimi pure in questo omonimo lavoro, specie nei tre brani iniziali. Grazie Bat!
Battlegods: Pensavo più alle jam di "Somewhere to go" e "Metamorphosis exploration"...più feedback e meno scale standard, ma va beh!
JonatanCoe: Mea culpa, come ho fatto ad omettere "Metamorphosis exploration" ? Amnesie da caldo eccessivo. Certo, hai ragione!
MikiNigagi
Opera: | Recensione: |
Viscidi mistici
BËL (01)
BRÜ (00)

JonatanCoe: Miki, che sorpresa! Se lo dici tu è legge, grazie!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: