Sto caricando...

The Flaming Lips
American Head

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ed alla fine successe, c'era da aspettarselo, ed è bello e giusto così…

Dimenticare le follie, le distorsioni e le contorsioni musicali, quasi tutte spedite sulla faccia oscura della Luna, a fare penitenza.

Solo un risveglio di normalità dopo una vita passata ad inseguire, fra palloncini colorati e coriandoli, un eterno big-bang ai limiti di una insaziabile voglia di essere diversi.

Canzoni morbide, sognate su “cuscini di vento”.

Chiusi nella loro grotta a piangere lacrime colorate pensando al passato, ad aspettare che questi giorni di isolamento ed angoscia passino.

Canzoni prevedibili, a volte, come la consapevolezza che "ogni persona che conosci un giorno dovrà morire".

Canzoni da confessionale.

Il “Sea Change” dei Flaming Lips.

Canzoni (quasi..) d'amore, nostalgiche, dal sapore settembrino, sfuggite ai Beach Boys di fine anni 60, quelli orfani di Brian, quelli di Dennis.

La disperazione lenta delle canzoni di “The Terror”, che talvolta emerge, ripulita però dell’angoscia sonora e della claustrofobia di quell’album.

Canzoni senza fretta.

Canzoni per augurare la buonanotte, dopo una bellissima giornata estiva passata sulle spiagge assolate e fiorite di Nettuno.

In fondo a questa inaspettata normalità, ci sono comunque sempre loro.

Con la loro malinconia magica, spesso accompagnata dall’eco lontana dei passi di un cavallo scintillante volato in cielo qualche anno fa.

E mi accorgo che, a contemplare la discografia di questi balordi, puoi trovare tutto l’arcobaleno della vita umana.

Sono sempre loro, non c’è alcun dubbio.

Fermi per un po’ di più del solito sulla Terra, a deliziarci con i loro giochi di prestigio, solo un po’ più facili da capire, in attesa che l’astronave riparta.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Bisogna anche smetterla, ad un certo punto, di anelare sempre alla novità a tutti i costi. La spontaneità ha un sapore semplice, spesso. Sa di familiare.
Bella pagina Z., stavolta si vede che te la sentivi.


zaireeka: Si
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
lasciamoci cullare...


luludia: io però non capisco perché mettere il grassetto...le frasi si evidenziano da sé, grazie al ritmo...
sfascia carrozze: Qvale grassetto ?
luludia: quale cosa?
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
Le stranezze forzate mi hanno annoiato perchè spesso non portavano a un LP degno Questo lavoro ,ho sentito tutti i pezzi un paio di volto attratto da fatto che parlavamo di canzoni e meno stramberie .le canzoni ci sono, c'è la malinconia che li ha sempre distinto.
Belle canzoni- stramberie 1-0 in attesa del secondo tempo


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Sono curioso. Si avvicina almeno un po' a Soft Bulletin?


zaireeka: Non ho capito se intendi sia una cosa buona o no.. a tanti TSB non piace... Comunque si, piu lo ascolto più scopro che c’è tutta la loro musica da Coids Taste Metallic in poi, oggi mi sono reso conto che due brani sembrano outtakes di zaireeka..
zaireeka: Clouds non Coids...
zaireeka: Chiaramente solo la parte più malinconica e riflessiva di quegli album non certo il frastuono caciarone
MikiNigagi: Sì, sarebbe un fatto positivo per me. L'ho tirato fuori perché mi sembra forse il disco dei FL in cui vengono più chiaramente fuori le forme canzone. Vabbè, ora mi do questo nuovo.
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi sembra di aver letto da qualche parte che sia un disco ispirato dalla figura del compianto Tom Petty.
A modo loro, ça va sans dire.
Ma #forse mi (s)confondo.
As usual.


zaireeka: Lo ignoro, ma disignorero’!
Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Lo scritto "più migliore" che ho letto ultimamente.
Ho ascoltato il brano...niente male.Se mi dovessi affezionare a un nuovo gruppo, il merito sarà solo Tuo.


zaireeka: Non conosci i FL?? Ma come , conosci le cose più particolari e ricercate dell’universo e non conosci i FL???
Dr.Adder: Ahahah!Li conosco, ho ascoltato qualche cosa, ma non ho mai approfondito...per il momento ho solo un CD dei...Flamin(g) Groovies...👀
Darkeve
Darkeve Divèrs
Opera:
Recensione:
Zaireeka che scrive dei Flaming Lips, e mi tocca tornare sul DeB. Ciao a tutti, stronzetti. Li sto ascoltando ora <3


zaireeka: Ciao dark!
snes: we ciao!
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Li ritrai proprio bene. Ricantano a Pillow of winds, una delle più belle dei Pink Floyd?


zaireeka: L’atmosfera di morbidezza è spesso quella, si
zaireeka: Citazione assolutamente voluta
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
@Zaireeka : Flaming Lips = @iside : Faust'o


lector
lector
Opera:
Recensione:
Tolti gli "effetti speciali" restano solo le belle canzoni e, quelle, o le sai scrivere oppure no. Il resto è fuffa.


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Gruppo "freak" per eccellenza.


Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Loro mi stanno un po' sulle palle, ma tu scrivi così bene


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
Sentito solo una volta. Potrebbe piacermi, difatti l'ultimo FL che mi è piaciuto veramente rimane proprio The Terror, e la sua malinconia claustrofobica.


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Giusto una cosa... non ho dato molto peso scrivendo questa recensione, tranne pochi accenni, al contenuto dei testi e all’argomento di questo album. Purtroppo nella edizione CD dell’album da me acquistata i testi non ci sono nemmeno 🙁. Ebbene, li ho cercati in internet ed in qualche modo tradotti, ed ho scoperto che (almeno) quello del primo brano è davvero notevole. Parla di perdita di tanti amici, parla di droga (un accenno era presente anche sul booklet di Trasmission come scrissi nella relativa recensione). Mi ha fatto venire in mente il cantico dei drogati, anche se chiaramente il cantico ha tutto un altro stile poetico, prima che qualcuno mi accusi di blasfemia... Riporto qui una parte del testo (malamente tradotto con google) : “ Stelle cadenti (stelle cadenti)
Schiantarsi nella tua macchina (schiantarsi nella loro macchina)
Cosa è andato storto (cantando canzoni)
Ora tutti i tuoi amici sono andati (tutti i tuoi amici sono andati)
E urlano (e urlano)
Urla dall'aldilà (urla dall'aldilà)
Ascolta la loro canzone (ascolta la loro canzone)
Ora tutti i tuoi amici se ne sono andati
Tornerai?
Verrai giu?”. Lo penso sempre di più, grande album.


Baccanali
Baccanali
Opera:
Recensione:
Si è sposato, ha avuto un bambino, ha quasi sessant'anni. Ci sta. Produzione eccelsa come sempre!


zaireeka: Ha avuto un bambino?? Che notizia.... mica lo sapevo...
kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
Il “Sea Change” dei Flaming Lips, allora mi piace!
Bella rece, as usual.


zaireeka: Grazie k. Il riferimento all’album di Beck è assolutamente voluto, come quello a Pillow of wind dei PF
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Bella, Nobile. Ho preso qualcosa - probabilmente mi avevi consigliato tu non ricordo - sono la in lista di attesa per la chiavetta... non li conosco quasi per niente.
Oddio le canzoni postate non mi entusiasmano... troppo morbido e lineari ad un primo ascolto per me.
Ne riparleremo.


IlConte: I primi non mi dispiacciono ma devo risentirli
zaireeka: Si, questo è davvero troppo morbido per te 🙂
gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Alla fine, attratto dalle recensioni e dalle copertine, ho un sacco di roba di questi ragazzi.
Magari prima di prendere anche questo, ascolto qualcosa...:)


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Bel discozzo come non ne facevano ormai da tempo. Aloha!


zaireeka: Finalmente qualcuno che giudica questo (discretamente stratosferico...) album oltre il resto 🙂👍. Non pensavo che ti potesse piacere, sopratutto in questa misura, ricordavo avessi gusti gusti più “hard”, anche per quanto riguarda le varie fasi dei FL (ricordavo ti piacessero quelli più ruspanti e meno raffinati, e questo album è taaaanto raffinato, oltre che bellissimo, immo)
aleradio: Appestato!!!!!!
snes
snes
Opera:
Recensione:
mai piaciuti, ma nel pezzo proposto lui ha una voce splendida.


zaireeka: Assumo che non stia scherzando, ma parlare di voce splendida per WC sembra uno scherzo, certo io la adoro..
snes: anche a risentirla mi piace molto. bello non vuol dire perfetto o ordinato. bello vuol dire bello.
poi tanto son solo gusti.
snes: mi ha rapito quel:
"And I almost pulled through
But in the end"
con la voce che quasi affoga in gola, suona da dio.
zaireeka: Ecco, confermo che una critica la ho: perché diavolo nel booklet, a differenza di tuti i loro slbum a partire da TSB (anzi, da Zaireeka), mancano i testi?? Mah
algol
algol
Opera:
Recensione:
Malinconia?
E allora può fare al caso mio. Le esibizioni caciarone e decentrate dei FL non le ho mai troppo sopportate.


zaireeka: Ciao algol, ci contavo su un tuo passaggio.. penso che ti possa piacere. Anche troppa malinconia, ma in certe pezzi è davvero sublime (almeno quanto è “tossica”)roba da farti stare bene in maniera (quasi) leopardiana..

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di American Head è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link