The God Machine
Purity

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Notte insonne o quasi; una delle tante...ci sono abituato, sono abituato a conviverci.

Un improvviso lutto famigliare ha contribuito a rendere pesanti queste ultime giornate, in particolare la notte che sto cercando di superare, di vincere.

Ho pensato, ho cercato di incontrare con il pensiero la mia musica, che sempre mi è d'aiuto in questi enormi momenti di difficoltà...faccio già fatica a scrivere, faccio già fatica ad andare avanti. Ma non voglio, non devo arrendermi. Anche perchè "La Bastarda" bussa alle porte. Dovrò tenere a bada le mie ansie, le mie paure, la mia depressione che vuole ancora una volta farsi viva, e farmi male.

E d'improvviso mi sono venuti in aiuto, in soccorso i God Machine...ed il loro primissimo e già importante passo discografico del Novembre del 1991.

La purezza in musica traducendo il titolo dell'Ep.

Robin, Jimmy e Ronald sono stati i God Machine.

Nativi di San Diego in California, assolato luogo dove sul finire degli anni ottanta non andava di moda suonare Rock Alternativo. Prendono insieme la difficile decisione di attraversare l'Oceano Atlantico alla ricerca di un porto sicuro e giungono a Londra; vengono messi sotto contratto dalla minuscola "Eve Recordings" che li apprezza nell'immediato, dai primi contatti e dalle prime audizioni.

Home, The Blind Man e Purity: tre lunghi brani sono il loro biglietto da visita. Grezze versioni, registrazioni del tutto amatoriali ma che già forniscono quegli elementi di grandiosità che esploderanno in seguito nell'album d'esordio "Scenes from the Second Storey", una pietra angolare degli anni novanta.

Un'ispirazione fuori dal comune, tenendo conto della giovane età del gruppo. Una pressante sequenza di note che si spingono oltre le barriere dell'Hard-Rock e del Post-Punk. Riff ossessivi, costruzioni giometriche perfette, cascate di suoni di imperiosa potenza; poi d'improvviso il rilascio, l'abbandono, il voltare registro: si entra in territori decadenti, romantici, di accesa malinconia.

Non ho mai trovato nessuna band paragonabile a loro: unici, irripetibili, magistrali.

Cupi ed algidi allo stesso tempo; nero e bianco nella medesima canzone. Una cattedrale gotica di suoni, di immagini, di sensazioni nell'ascolto.

Il primo brano "Home" è figlio dei Jane's Addiction: dalla cantilenante voce di Robin, al violentissimo muro sonoro messo in atto. Tutto rimanda alla band di Perry Farrell; ombrose linee di chitarra dall'acidissimo incedere psichedelico. Batteria in drammatica elevazione, un basso sempre in evidenza capace di arroventare i minuti, lo scorrere dei secondi. Cinque minuti e mezzo che volano, che ti annientano, che ti rendono "schiavo". Hanno da subito vinto, mi hanno da subito conquistato. E mai smetterò di abbeverarmi alla loro sacrale e vitale fonte.

"The Blind Man" si apre con un lontano fraseggio acustico. Una chitarra solitaria, sfuggente, struggente...Entra la voce soffocata, accennata di Robin ed il brano decolla. Minuti che si elevano, che si librano nell'aria...Il registro cambia, volge...le chitarre esplodono. Basta con le note acustiche, abbiamo bisogno di rumore, di solidità, di martellamento ai fianchi. Ed è quello che accade con i secondi che trascorrono...la musica diventa tempesta, furia cieca, deflagrazione. Orgia totale, stacchi di chitarra, riprese furibonde...Devastazione assoluta.

Dei nove minuti di "Purity" non voglio aggiungere nulla: mi basta, come ho già sottolineato all'inizio, citare la parola purezza. Spero che il buon tia da Lecco, come me un grande conoscitore dei God Machine, possa dire la sua, possa lui stesso spendere due parole sulla canzone. Per rendere la pagina migliore.

L'improvvisa morte di Jimmy Fernandez, appena terminate le registrazioni del secondo disco, ha messo fine nel 1994 alla carriera della band. Non aveva senso alcuno continuare senza l'amico fraterno...Boy by the Roadside...

E la dedico a mio suocero Giovanni, "Ul macelar da Preglia" come era conosciuto qui da me.

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Purity è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-god-machine/purity/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiSette)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Gruppo enorme.
#forse irripetibile.
Forza e coraggio Fratello.
Ajo!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Irripetibile...Come lo sei tu qui da noi bel fiol!!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Mi accodo a safascia. Un abbraccio.
BËL (01)
BRÜ (00)

nes: Sfascia... Un altro abbraccio.
De...Marga...: Grazie grande nes...
Stanlio
Opera: | Recensione: |


Come diceva Samuel Langhorne Clemens ovvero Mark Twain:
“Non ho paura della morte.
Sono stato morto
per miliardi e miliardi di anni
prima di nascere,
e ciò
non mi ha causato
il benché minimo disturbo.”

In ogni caso, condoglianze sincere, amico Demi.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Gran bella citazione Stan!!
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Grazie per le parole e le immagini che tiri fuori Dema; la tua recensione, come in molti altri casi, arricchisce persino l'opera che uno poi va ad ascoltare. Un Abbraccio.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ho appena letto il tuo commento a mia moglie...ci hai messo i brividi ad entrambi. Sei un bravo figliuolo, ragazzo del Sud!!
RinaldiACHTUNG: grazie dema, un abbraccio a voi tutti
algol
Opera: | Recensione: |
Tieni duro DeMa. Un forte abbraccio a te.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie uomo dei navigli...
Flame
Opera: | Recensione: |
hold on
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Lo farò di certo
luludia
Opera: | Recensione: |
abbraccio...
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Contraccambio...
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Condoglianze a te e famiglia
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie Simon...
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Un abbraccio, carissimo DeMa.
La pagina è molto bella.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Sono parte di me da decenni i God Machine. Nata così d'improvviso pensando al lutto improvviso che, nel mio stesso modo, ha colpito la band.
Almotasim : Se son parte di te, questa è purezza!
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Prima o poi la musica ci viene in aiuto. Mi dispiace my climber, ti sono vicino.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Anche io a te...
Mojoman
Opera: | Recensione: |
Condoglianze !
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
GuuuuuuddddddMasciiiiiinnnnn!!!
L’i mportante è che non abbia sofferto troppo Brother... la morte è naturale, la sofferenza una bestia schifosa.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ti aspettavo Robby...e sono orgoglioso del tuo passaggio. Salutami le tue donne.
IlConte: Sono un po’ fuori nel periodo, Brother... ci capiamo...
Onirico
Opera: | Recensione: |
Vivida pagina!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: È vero...
Onirico: vedrai che tornerai in sella... il tempo è guaritore
fedezan76
Opera: | Recensione: |
Parole e musiche perfette. Condoglianze ed un abbraccio anche da parte mia.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie fede...
lector
Opera: | Recensione: |
Meno male che c'è la Musica.....
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Hai ragione......
gaston
Opera: | Recensione: |
Non ci conosciamo, se non marginalmente e virtualmente attraverso Debaser.
Se posso vorrei lo stesso esprimerti il mio dispiacere per il difficile momento che stai attraversando.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie gaston, davvero grazie...
dsalva
Opera: | Recensione: |
Bella la rece, bello il disco, brutto il contesto....mi spiace amico mio, un abbraccio!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Avevo dimenticato di rispondere al tuo commento...grazie per le tue parole!!!
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Colpevolmente in ritardo arrivo solo ora ma è stata una giornata lunga e compressa ed il tempo lo trovo solo ora. Cuffie sulle orecchie e Purity che riecheggia rarefatta tra i miei padiglioni auricolari.. Faccio fatica a parlare dopo avvenimenti tragici come il vostro e soprattutto quando sono così inaspettati e non credo che la tastiera di un computer sia il mezzo migliore per farlo ma ci provo a renderti meno pesante questo momento sicuro che una semplice e calorosa stretta di mano o un semplice scambio di sguardi farebbe molto di più .. ma per fortuna la dolcezza dei primi quattro minuti e trenta di intro sussurrati mi aiuteranno. Dapprima lontane scudisciate agli ottoni e poi sono palpitazioni tenui che si accavallano rincorrendosi tra echi di voci lontane, arpeggi delicati e suoni elicoidali di cello e violino che sinuosi s'intersecano; se tutto ciò avesse un colore avrebbe i toni lenitivi e malinconici del blu, come si fosse a mezz'aria in un azzurro cielo, tra un celeste ed un blu pastello. I toni del blu acquistano corpo, ciò che era rarefatto diventa volume e siamo all'indaco per raggiungere in un istante il blu notte che si infiamma e diventa porpora :
Se ti mostro la verità - If I show you the truth
Mi mostrerai la bellezza - Will you show me the beauty
Se ti mostro il dolore - If I show you the pain
Mi mostrerai la purezza - Will you show me the purity
Se ti mostro le cicatrici - If I show you the scars
Mi mostrerai le tue - Will you show me yours
È lo stesso dappertutto … It's the same all over It's the same all over …
Poche parole a mezz'aria in equilibrio tra cielo e terra, roboanti, scandite, lapidarie; verità e bellezza, dolore e purezza si rincorrono qui, là, in ogni dove; it's the same all over e si ripete ciclicamente. E' la vita, è la morte. La purezza, quella d'animo, è merce rara e tu rendendoci partecipe del tuo dolore dimostri di possederne oltre la media. Ciao, il tuo amico montanaro.
If I show you the truth Will you show me the beauty If I show you the pain Will you show me the purity If I show you the scars Will you show me yours It's the same all over It's the same all over …

BËL (01)
BRÜ (00)

tia: e dormi sereno!
De...Marga...: Andava scritta qui la mia risposta...maledetto telefonino......Lo sapevo...non avevo dubbi...il tuo commento rende la mia pagina come la più BELLA e vera di tutte quelle che ho scritto su Debaser...Grazie Mattia ti abbraccio forte e spero un giorno di stringertela davvero quella mano. Ora posso dormire sereno...dai un bacio ai tuoi meravigliosi diamanti...For our Friend JIMMY...
De...Marga...: Prima di dormire dovevo fare una cosa...riascoltarmi Purity in cuffia rileggendo il tuo commento...leggendo il testo che sembra fatto apposta per quanto mi è accaduto in questi giorni. Ho scelto I God Machine non a caso Mattia...La Musica è per me, è per noi un qualcosa di irrinunciabile, un amica che mai ci abbandona. Sono le 2.30...ho sonno, domani mattina la sveglia suonerà alle 5.30...ma sono felice, semplicemente felice...
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Lo sapevo...non avevo dubbi...il tuo commento rende la mia pagina come la più BELLA e vera di tutte quelle che ho scritto su Debaser...Grazie Mattia ti abbraccio forte e spero un giorno di stringertela davvero quella mano. Ora posso dormire sereno...dai un bacio ai tuoi meravigliosi diamanti...For our Friend JIMMY...


BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |

BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: Questa è tutta per te DeMa, che poi è vero che nei momenti di schifo anche il rock'n'roll serve a tirarti su alla grande.
De...Marga...: Che grande che sei Pinello!!!!
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Un abbraccio a demarga. I God Machine restano un gruppo unico e speciale, qui la versione di Purity è forse superiore a quella definitiva che sta su "Scenes".
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Salomonico pareggio per me riguardo Purity; ambedue le versioni sono eccezionali. Grazie nanga e contraccambio l'abbraccio.
nangaparbat: e bravo a citare i JA....sempre mai abbastanza lodati.
Dragonstar
Opera: | Recensione: |
Ciao DeMa, non potevo rinunciare a passare. Le mie più sentite condoglianze.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie Dragon.....
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Eccelsa
BËL (01)
BRÜ (00)

Marco Orsi: Condoglianze anche da parte mia.
De...Marga...: Sei un grande Marco...
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Vero , non ha senso continuare un'avventura senza un'amico fraterno
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Hai ben ragione Buzzin...
Harlan
Opera: | Recensione: |
Un abbraccio forte Dema.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Contraccambio di cuore giovine Harlan...
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «...ancora qualche aggiustamento...». Vedi la vecchia versione Purity - The God Machine - Recensione di De...Marga... Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grannnn diZchettoso Machinoso... mmmmitico OfMargah!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ola buon JURELLO!! Ogni tanto ti fai vedere sul debasio...quanto ci manca la tua ironia per la miseria!! E scrivila una recensione sul concerto del duo Cavalera a Roncade!! Stammi bene e dai un mega abbraccio alla tua ridente prole...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: