Sto caricando...

Them
The Angry Young Them

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


“Gloria”...

“Gloria” apre “Horses” di Patti Smith. Qualche esoterica nota di piano, “Gesù è morto per i peccati di qualcuno, ma non per i mei”, poi giù a rotta di collo.

Però Gloria è di Van Morrison. Ed è una specie di archetipo rock'n'roll...

Rappresenta la magia dell'inizio. E niente, niente è più importante dell'inizio. Niente.

Non so, pensate, alla prima volta che avete visto la vostra bella. O all'eleganza di quel numero dieci che correva a testa alta quando avevate dieci anni. Beh, è quello l'inizio..

_________________________

L'inizio...

E mi viene in mente la mia prima bibbia musicale, ovvero: “Un buon budino fatto in casa, storia quasi ufficiale del beat inglese”

Non male come titolo, vero? E ancor meglio era quel che diceva sui Them...

“Attimi di gioia svelta, pieces cattive e graffianti, insulti precisi a tutto il cristallo Beatles e al nostro cercar musica dolce”.

Sugli scarafaggi l'autore di cotanta prosa avrebbe poi cambiato idea. Del resto parlar male dei Beatles è come parlar male della marmellata di mirtilli

____________

L'inizio...

Blues, errebi e soul sospinti da un'inedita furia, l'armonia che lascia spazio all'urgenza espressiva, la sensazione che tutto possa accadere...

E, certo, non solo i Them, ma tutta la british invasion, anche quella zuccherina e sognante.

A tanti anni di distanza quell'inizio toglie ancora il fiato. Anche perché quasi tutto quello che amiamo da li ha preso le mosse. E spesso vi fa ancora ritorno...

Specie in certi casi di grave anemia quando si ha urgente bisogno di una trasfusione di sangue. Vero, zia Patti?

________________________

Che l'idea della zia Patti era preservare il mito del rock'n'roll.

Niente di meglio allora che tornare alle sacre fonti. E “Gloria”, beh “Gloria” era perfetta.

La pensava così anche il suo sodale, quel Lenny Kaye che era stato qualche anno prima il compilatore di “Nuggets”, antologia garage rock dei sixties americani.

“Nuggets”, il suono sporco, la serie b e il quasi punk di una miriade di gruppi che seguivano proprio il canone Them declinandolo però in una forma più primitiva.

Poi, ok, la zia Patti ha aggiunto la sua febbricitante poesia. Lenny Kaye e soci l'han spostata in territorio Velvet. Ma Gloria è di Van Morrison...

___________________________

Van Morrison...

Ci sono delle foto da giovane dove sembra Johnny Rotten.

Stessi capelli rossi, stessa aria accigliata.

Stessa cupa energia concentrata negli occhi, stessa aria da folletto malefico.

Che i rossi (o i rossicci) son come gatti striscianti ai piedi delle streghe, specie se irlandesi, specie se dediti al rock'n'roll

___________________________

Ah, signori, il Van, per me, è quello sguardo da spiritello punk...

Per questo mi vien facile immaginare il caos del Maritime Club nella Belfast dei primi sessanta.

Col nostro che, magnificamente incazzoso, affida a una musica mezzo inferno e mezzo paradiso il suo favoloso idioma irish black

Una specie di Rotten appena appena sovrappeso e con la voce di un dio.

___________________________

Sentite qua:

“Gli unici Them son quelli del Maritime club, i dischi sono una schifezza” (Van Morrison)

E perché mai, Van? Per via dei troppi turnisti impiegati? Per il fatto che la furia live si sente appena appena?

Perché alcuni brani nati da improvvisazioni avrebbero richiesto un corposo minutaggio e non i soliti tre minuti tre?

Per il fatto che il risultato finale non assomiglia alla tua antica faccia da Rotten?

Oh caro Van, guarda che non fa niente, Forse che l'album dei Pistols restituisce del tutto quella sensazione magica di caos in diretta?

Davvero, non fa niente. Anche perché i tuoi dischi con i Them sono bellissimi. E ci si trova tutto quel che serve: gli strumenti che corrono veloci, l'organino pre psichedelico che pompa, il cielo delle ballate soul...

E la tua voce...la tua voce della madonna

__________________________________

Che faccio vi cito qualche pezzo?

Non so, l'opener “Mystic eyes” è un errebi selvaggio con armonica favolosa e chitarrina parlante

“You and I could be a two”, ovvero il già citato cielo della ballata soul.

“Lttle girl”, tirata e secca con un organino lirico che via via impazzisce inseguendo le urla del Van. ”Mi sei entrata nell'anima!!!”...“MI SEI ENTRATA NELL'ANIMA!!!” “MI SEI ENTRATA NELL'ANIMA!!!” The

“You just can't win”, iper ballad che parla all'ormone misterioso della malinconia e ha una strana classicità quasi alla “Kicking against pricks” di Nick Cave.

Qualche ottima cover...

E “Gloria”, ma di “Gloria che volete che vi dica?

Aloha...

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Van "the man", quel soldo di cacio irlandese. Come si può non amarlo?


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
Sbam! Sei sempre più bravo, e partivi già da media altissima. Insomma, sei uno SCRITTORE della madonna (ma potrebbe essere diversamente, per uno allevato a Bertoncelli?)


luludia: troppo buono...
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
lectione n°1

Come far rinascere un album


luludia: grazie stan...
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
dopodichè, ma quanto sarà delittuoso che un pezzone clamoroso come 'Here Comes the Night' non compaia a 33gg.? Lo dico anche e soprattutto al recensore, bowiano di ferro...


luludia: concordo, gran pezzo...pin ups invece, pur omaggiando dei grandissimi, non mi piace granché...
nix
nix
Opera:
Recensione:
Van Morrison forse è il mio cantante preferito. Mi vengono i nervi quando, su qualche vecchia guida discografica, vedo l'autore di "Astral Week" classificato sotto voci come "adult contemporary" (quasi come un film porno) o, peggio, "blue-eyed soul".
Van Morrison è Van Morrison, forse il più grande di tutti. Questa recensione, piena di intimi pensieri e sentimenti, si allontana da quelle ridicole categorie e restituisce a questo fantastico artista quello che si merita: la condivisione di emozioni e ricordi personali (roba che vale più dell'oro) e la gratitudine. Complimenti.


Carlos
Carlos
Opera:
Recensione:
Mancavano i mitici....Them e Van Morrison XXX GRATIS adult contemporary - hardcore - vintage - blowjob - anal - XXX


hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Discone storico, poco o nulla da aggiungere. Forse solo che mi sarebbe piaciuto avere vent'anni in quel periodo lì per andarmeli a vedere dal vivo e non solo loro ma oggi sarei un arzillo (?) quasi ottantenne e forse meglio così. Bravo


luludia: ci vorrebbe la macchina del tempo...
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Ottima scrittura tra pensiero, suggestione, incanto e dissolvenze. Grande e ineccepibile Morrison.


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
ecco, l'ho già, scritto e 'ascoltato', perciò come i vecchi con l'alzheimer mi ripeterò: i Them 'americani' senza Van The Man, quelli di 'Now and Them' e di 'Time Out! Time In For' sono piuttosto generalmente e criminalmente - per il mio debole parere - ignorati, invece, pur con meno errebi-garage-rocccherolle e molta più pissichedelia, valgono assai. Tanto vi dovevo


imasoulman: ekm...*l'ho gia DETTO, scritto etc.
luludia: buono a sapersi...
hellraiser: Sottoscrivo Ima in pieno
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Penso che la”definizione” sul debasio di questo Signore sia mia. Signore appunto, basta e avanza. Album ovviamente stupendo come quegli anni. E oltre al Signore, anche i “compari” degni, molto degni!
Ricordiamo queste perle, grande Poeta.


Johnny b.
Johnny b.
Opera:
Recensione:
Band straordinaria e poi c'e Van Morrison.


Zimmy
Zimmy
Opera:
Recensione:
Sempre belle le tue rece, lulu. E poi i Them del Van... E poi Gloria...


Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Grand Lulu. Mi hai messo un appetito con un antipasto da re. Ora li lascio girare un po' ed immancabilmente dovrò passare a quel fottuto di VM e al suo Tupelo Honey. Sei sempre il Top 🎩


luludia: grazie Fall...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Angry Young Them è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link