Akira Yamaoka
Silent Hill 2

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


L'incubo sonoro (e visivo) del secondo episodio dell'affascinante serie di Silent Hill sarà protagonista di questa recensione.

Come tutte le altre colonne sonore della serie (anche quella del film), il compositore è Akira Yamaoka.

La luce è poca.

La luce della salvezza sembra non esistere in queste note.

Il silenzio, la notte, la nebbia più profonda.

L'animo umano tormentato, l'angoscia senza fine, la solitudine.

Benvenuti a Silent Hill.

« This town has something... Wrong... »

L'intera colonna sonora è pervasa da una perenne oscurità.

Interamente (a differenza delle altre composizioni della serie che verranno) strumentale: atmosfere languide, spettrali, malincoliche, rumoristiche. Un senso di vuoto perenne.

La prima composizione (che poi fungerà da leitmotiv nel corso del gioco) è "Theme of Laura": una bellissima composizione rock con degli ottimo intrecci  chitarristici; pezzi con questra struttura nel dischetto sono anche "Love Psalm", "Overdose Delusion", "Promise". Alcune di queste sono una variazione del tema principale ("Theme of Laura").

Gli altri brani sono di durata molto breve ma sono molto intensi, sono composti da trame di pianoforte (la celebre "Laura Plays the Piano"), da rumori, influenze elettroniche, ambient ("Fermata in a Mistic Air"), violoncelli che disegnano pura malinconia ("True").

Saranno loro ad accompagnarci prevalentemente per le vie via si Silent Hill. E il nostro cuore non finirà mai di battere. L'adrenalina salirà alle stelle.

Sicuramente, per comporli, il maestro Yamaoka si è ispirato all'elettronica tedesca, all'industrial ("Terror in the Depths of the Fog" sembra uscire dal repertorio dei Nine Inch Nails), al rumorismo dei Einstürzende Neubauten e alla claustrofobia dei Killing Joke.

Lasciatevi rapire!

Questa DeRecensione di Silent Hill 2 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/akira-yamaoka/silent-hill-2/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Lazlow
Opera: | Recensione: |
Recensione discreta, disco capolavoro ( ma io son di parte )
BËL (00)
BRÜ (00)

Sotanaht
Opera: | Recensione: |
La recensione è sapiente ma parca, se avessi speso maggiori parole sarebbe stato meglio, comunque un buonissimo lavoro. L'ost in questione è pura poesia del nascondimento, parabola ancestrale della follia, catatonìa assurda di certa esistenza. Insomma un'opera d'arte. Come il gioco del resto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Harry Mason
Harry Mason Divèrs
Opera: | Recensione: |
s8lent hill? 5
BËL (00)
BRÜ (00)

Harry Mason
Harry Mason Divèrs
Opera: | Recensione: |
Preferii l'ammorbante e decadente incubo sonoro che accompagnò me giù nella perdizione del caos di fuoco.
La recensione è comunque pessima.
BËL (00)
BRÜ (01)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
il film non ha una colonna sonora vera e propria: la OST del film è un insieme delle varie canzoni dei primi 4 episodi del gioco.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
colonna sonora troppo frammentata. 30 brani sono veramente troppi alcuni non hanno nessun motivo per esistere, mentre altri sono decisabente belli.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: