Anathema
Weather Systems

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Piccoli metallari crescono.

Sono passati 15 lunghi anni dal mio primo incontro con gli Anathema, e mai avrei pensato di ritrovarmi a 30 anni ad aspettare l'ultima fatica dei fratellini Cavanagh con la stessa spasmodica attesa con cui si aspettano i grandi eventi.

We're Here Becausa We're Here nel 2010 ha sancito ufficialmente il nuovo percorso artistico della band inglese, facendo storcere il naso ai fans di vecchia data che ancora speravano in quel gothic doom ch li ha resi famosi, ma anche facendo gridare al miracolo a chi, come il sottoscritto, sperava in quell'evoluzione artistica intrapresa già da A Fine Day To Exit.

Weather Systems mette definitivamente una lapide sopra i loro vecchi trascorsi doom e spalanca le porte già aperte con WHBWH, porte che si affacciano sulle pianure sconfinate dell'emotività umana. 

Luci ed ombre, nuvole minacciose e tramonti splendenti, la vita e la morte che convivono in un viaggio unico che non fa più paura.

"Untouchable, Part 1 e 2" valgono l'intero album con i loro passaggi acustici e i duetti tra il sempre più ispirato Vincent Cavanagh e la sempre più presente Lee Douglas, a cui affideranno la meravigliosa "Lightning Song", forse la migliore traccia presente nell'album con il suo crescendo da brividi ed un finale che vi lascerà completamente esausti dalle forti emozioni provate.

Non esagero dicendovi che questo Weather System fa male. Non posso fare a meno di ascoltarlo dalle 4 alle 5 volte al giorno, ed ogni volta mi ritrovo con le lacrime agli occhi, e se fossi uno che piange probabilmente piangerei, so già che uno di questi giorni mentre cammino per le strade di Milano con quest'album nelle orecchie, mi ritroverò ad abbracciare i passanti.

Weather System uscirà il 24 di Aprile, ed il 30 suoneranno all'Alcatraz di Milano. Dal vivo gli Anathema sono un'emozione unca, qest'album è un'emozione unca: portatevi i cleenex.

Tracklist:

"Untouchable, Part 1"

"Untouchable, Part 2"

"The Gathering of the Clouds"

"Lightning Song"

"Sunlight"

"The Storm Before the Calm"

"The Beginning and the End"

"The Lost Child"

"Internal Landscapes"

 

Questa DeRecensione di Weather Systems è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/anathema/weather-systems/recensione-mrbisturi

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciassette)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pur rimanendo un "bel sentire" (e ci mancherebbe), questo disco è probabilmente uno dei meno coinvolgenti della band per quel che mi riguarda... Troppo ridondante nella parte centrale, emozionante nelle "Untouchable 1-2" e in "The Beginning And The End", e con dei testi che definire patetici è fargli un complimento... Un 3,5 che non riesco ad arrotondare a 4.

The Decline: Ho dato uno sguardo ai testi. Brrrr...chissà se hanno delegato Ligabue a questo giro...
Hell: Macchè Ligabue, questi fanno concorrenza a Céline Dion! :D
JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bea. Anche se io sono uno di quelli che preferiscono gli Anathema dei tempi paZZati...

Ralph Malph
Opera: | Recensione: |
I piccoli metallari sono cresciuti e lo hanno fatto insieme. Ecco perchè non posso che essere PIENAMENTE D'ACCORDO con chi ha spinto e spinto e spinto fuori questa sudaterrima recensione!!!
A tutti piace l'amarcord...ma un qualcos de neu el va sempor ben...no?!
Se, i Natali passati sul divano di via trieste a contemplare sulla nostra esistenza alla veneranda età di circa 13/14 anni (dico bene?!), avessimo avuto album così...beh forse avremmo perso la verginità un pò prima...ma forse quello non era il loro tempo come lo è adesso.
Ottimo album, ottima reconsione!!!


March Horses
Opera: | Recensione: |
Lo devo ancora ascoltare bene, ma penso già che meriti l'acquisto...

Taxirider
Opera: | Recensione: |
La recensione è ben fatta. Hai messo nero su bianco quello che questo disco suscita in te ogni volta che lo ascolti. Nulla da obiettare in tal senso. Il dramma è che, ormai, gli Anathema hanno esaurito ogni idea. Questo è del modestissimo e innocuo indie-pop smosciacoglioni. Ancora più noioso di quello contenuto nell'album precedente. Se le prime tre fasi degli Anathema (doom-gothic metal e alternative rock) le ho amate...questa loro terza "evoluzione" mi lascia alquanto perplesso. Chissà che dal vivo non suonino roba decente. D'altronde ho già preso il biglietto :-(

Hell: Ciao Taxi, io sono stato a vederli un anno e mezzo fa ai Magazzini Generali e hanno fatto una setlist bella grassa, 25 canzoni in tutto (oltre due ore, se non dico cazzate...), ma suonarono anche quasi tutti i pezzi dell'ultimo album WHBWH (che adoro), lasciando ampio spazio per i loro "classici" di sempre. Credo che stavolta, oltre a ripescare nuovamente i brani di quel disco, proporranno anche questo WS per intero... E ho paura che lasceranno indietro tante cose ben migliori... Infatti l'idea non mi attira per niente e non so se ne vale la pena...
MrBisturi: Pure io c'ero ai MAgazzini:gran concerto!Credo che anche quest'anno faranno un pò tutto il repertorio almeno da Alternative 4 in poi.Di quest'ultimo credo che le prime 4 le faranno una via l'altra anche perchè sono fortemente legate tra di loro, e pure The Storm Before the Calm che dal vivo dovrebbe rendere più che dall'album
Ralph Malph: me too!!!ottima anche l'interpretazione dell'intramontabile Wish You Were Here...ovviamente!!!purtroppo a sto giro manco...e un pò girano le palle viste il capolavoro che hanno butta fuori...va beh...speriamo di vedere qualcosa di buono a Parigi musicalmente parlando...
MrBisturi: magari ti becchi i Gojira
nes: "gli Anathema hanno esaurito ogni idea" Sì, da alternative 4. forse addirittura da eternity. o forse le idee ce le hanno anora, purtroppo sono delle idee del cavolo. non saprei fatto sta che eternity era una figata alternative 4 anche se non mi piacque quanto eternity faceva il suo lavoro, silent enigma all'epoca aveva il suo perchè e serenades forse ce ne aveva di più. però sono 14 anni che ogni volta che sento qualche cosa di loro di nuovo mi chiedo: maquesti come cazzo è che facevano musica che mi piaceva? Questo non l'ho ancora sentito e non so quando mi capiterà sotto le orecchie.
MrBisturi: @NES:beh come ho detto nella de-rece gli anathema sono cambiati ,o ti piacciono quelli vecchi o ti piaccion quelli nuovi, a me piacicono entrambe le loro fasi artistiche anche se ammetto che ora preferisco questa. Non credo però che non abbiano più idee, scrivono sempre dei grand dischi solo che completamente differenti dalle loro radici e questo secondo me non deve essere visto come un lato negativo.Vedremo col prossimo,, magari si evolveranno ancora....magari faranno rap
Taxirider: Per me gli Anathema sono stati un'ottima doom band e hanno prodotto dell'interessante alt.rock , connotato da elementi psichedelici, fino a "A Fine Day To Exit". Dischi come "A Natural Disaster" o gli ultimi due non mi sono piaciuti. Non ho copie originali né roba scaricata da Internet. Mancano di idee secondo me. I Katatonia, loro colleghi di etichetta, sono maturati in maniera differente e migliore. Ma siccome ho già avuto modo di vedere gli ottimi Katatonia mi son promesso di presenziare almeno ad un concerto dei fratelli Cavanagh. Consapevole del fatto, triste, che da tempo hanno imboccato strade esulanti dai miei ascolti abituali. Tutto qua.
Monadnock
Opera: | Recensione: |
cresciuto con qualche ascolto in più, ma dai, cinque no.

Hell: Già...
The Decline: Sta crescendo qualcosina anche a me...ma non faccio testo, lo sto usando come antidoto a Koloss dei Meshuggah
federock
Opera: | Recensione: |
lo ascolterò di certo, loro mi piaciono molto. Ma il cd quando esce? Sapete, io sono all'antica, uno che lavora e fatica per i cd originali e la f--a!

MrBisturi: il cd esce tra un mese il 24 Aprile
federock: e come hai fatto a recensirlo? Te lo ha portato una cicogna?!!!
MrBisturi: ahaha no, è che sai com'è . a volte l'internette fa le magie
ProgRock: In Europa dovrebbe uscire il 16 di Aprile, il 24 negli USA a quanto ho capito, mi trattengo dall'ascolto attendendo il giorno della pubblicazione per ascoltarlo, i due brani di anticipazione che han fatto ascoltare son comunque stupendi.
MrBisturi: ProgRock se per te quelli usciti sono stupendi quando ascolterai l'album allora potresti sentirti veramente male,cioè dato che hai apprezzato quelli chissà gli altri
ProgRock: @Mr.Bisturi:Bene:) a me piacciono particolarmente più da "A Fine Day To Exit" ad oggi, così come gli Ulver da "Perdition City" in poi(citando un gruppo che condivide l'etichetta del disco recensito per le ultime pubblicazioni) penso di andare sul sicuro con quest'ultimo Anathema.
MrBisturi: @ProgRock:si come ho scritto nella derecnzione, questo album ha messo veramente , per quanto ne so, la parola fine ai vasti di un tempo.Ora il bivio è bello marcato, chi come ha scritto prima nei commenti, rimarrà ad ascoltare giustamente i bellisismi album vecchi, chi come me e te probabilemtne si ritrovano più nelle corde degl iultimi!forse è il determinato periodo della mia vita che mi offusca la ragione, ma quest'album è esattamente ciò che aspettavo e di cui avevo bisogno, e per quanto mi riguarda è un capolavoro!magari l'anno prossimo l'avrò dimenticato ma non credo :WHBWH gira ancora abitualemnte nel mio ipod da 2 anni
MrBisturi: fasti non vasti
ProgRock
Opera: | Recensione: |
Intanto il 5 te lo becchi te.

MrBisturi: tooogooo
The Decline
The Decline Divèrs
Opera: | Recensione: |
La prima idea che mi è venuta in mente è stata quella di prendere i due Untouchable e Beginning me inserirli in WHBWH come bonus track ma sarebbe stato ingeneroso con pochi ascolti alle spalle e (per ora) ho lasciato stare.

MrBisturi: Secondo me sono due album nettamente diversi, seguono la stessa strada intrapresa dal gruppo ma sono nettamente distinti! Forse solo un paio di canzoni potrebbero far parte del precedente
The Decline: Ehilà signor coltello-chirurgico! Quello che voglio dire (perdoni la mia confusione lessicale) è che gli altri pezzi, chi più chi meno, mi hanno lasciato un pelo di amaretto in bocca. Semplicemente, avevo pensato di mettere i tre migliori su We're... così, per non farlo finire mai... (le confesso quel disco lì più lo ascolto e più lo adoro). Salutoni.
MrBisturi: hai ragione quel disco è meravigliosi ed io lo ascolto bene o male 2 o 3 volte a settimana ancora. Però pure questo mi ha preso tantissimo.Staremo a vedere in sede live come rende e se tra un anno starà ancora a girare nel mio ipod come fa tuttora WHBWH
Torre Ste
Opera: | Recensione: |
Questo disco è un gran disco secondo me, ma (per adesso) WHBWR rimane un pelo sopra.
Peccato che il 30 aprile non sarò a Milano, sennò ero già all'Alcatraz. ;)

vlkodlak
Opera: | Recensione: |
non ci credo non ci credo non ci credo... a quasi 40 anni reininventarsi a sto modo, poi senti untouchable one e vai su e giù per la stanza pensando, no non sono loro, ho scaricato un fake devo comprare l'album... porco!"£$%&/()=? che roba


Hellring
Opera: | Recensione: |
Album interessante, non c'è che dire. Molto profondo, forse troppo, iniziano a darmi l'impressione di giocarci un po' con questa storia del "dolore". E' tutto ben fatto, emotivamente perfetto e toccante e alcuni pezzi sono davvero affascinanti ("Untouchable II", "Lightning song", "Sunlight", "The storm before the calm" e "The beginning and the end"). E' anche vero però che il sistema delle "ripetizioni" vocali e del crescendo delle song nella seconda parta sta iniziando a stancare...Per quanto riguarda le influenze: in "Weather systems" ci sento due gruppi in particolare, i Sigur Ros e i Coldplay...Capite benissimo quale dei due è un male...Gli Anathema ora devono iniziare a scegliere quale strada intraprendere, se quella del post rock o quella del pop rock...Ho come l'impressione che stiano per imboccare la seconda...

Sotanaht
Opera: | Recensione: |
Bella recensione e bel disco. Io sono un grande appassionato degli Anathema dai vecchi tempi, ma amo ugualmente tutte le loro evoluzioni (che trovo straordinarie). Questo ultimo album l'ho ascoltato ancora troppo poco (4 volte...il che per me che sono abituato a consumare i loro dischi è molto poco!), mi sta prendendo sempre più, lo trovo molto omogeneo e qualitativamente superiore opera, ma ritengo sia un gradino sotto il precedente We Are Here ecc. Almeno per il momento... In ogni caso questi Anathema sono mooolto diversi, talmente diversi da quelli di una decina di anni fa (soprattutto come umori), che posso capire chi ha oggi serie difficoltà ad ascoltarli!

GreenD89
Opera: | Recensione: |
Non li conoscevo e ho provato a dare un ascolto. Emozioni. Tante emozioni. Fino a The storm before the calm è un album bellissimo, le ultime invece non mi piacciono, o forse devo riascoltarle meglio.
La voce femminile è da pelle d'oca.

MrBisturi: si in effetti dopo The Storm Before the Calm l'album cala un pò qualitativamente, però caro il mio ragazzo , se non li conoscevi beh goditeli tutti ora
GreenD89: Cercherò di ascoltarmi qualcosa d'altro. Non ho mai approfondito perchè sapevo che han cambiato un pò il genere dagli esordi e quindi non sapevo che ascoltare. Consigli?
MrBisturi: beh se questo ti è piaciuto allora non puoi non ascoltarti il precednte we're here because we're here, ma secondo me dovresti farti un bel ripasso da A fine day to exit in poi soffermandoti principalmente su A natural disaster!buon ascolto
pagan78
Opera: | Recensione: |
bella recensione e ottimo album. va ascoltato in particolari momenti e più volte per apprezzarlo. Certamente gli anathema vivono un momento molto prolifico.

ProgRock
Opera: | Recensione: |
Altro magnifico tassello nella loro Discografia.

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
grandissimi sempre.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: