Sunn O))) & Boris
Altar

()

Voto:

I Sunn O))) si sono messi a fare pop, chi l'avrebbe mai detto! Eppure dalle prime gelide ed oscure note dell'opener "Etna" si sarebbe affermato piuttosto il contrario, dato che le atmosfere sono tali e quali quelle del precedente "Black One", oscuro macigno doom dalle venature black metal. Ma è solo una fugace impressione: ecco che di fatto spunta fuori una batteria, entità sconosciuta per il duo americano, ma state pure tranquilli, non si tratta di un canonico quattro quarti (ci mancherebbe altro...), bensì di colpi scoordinati e male assestati che ben si amalgamano ai drones malefici a noi tanto cari. Seguono colpi di gong, un riff elefantesco quasi degno dei Neurosis e un assolo malatissimo che suggella uno dei pezzi più belli ed ispirati mai scritti dalla band.

Eh sì, di novità ce ne sono in questo "Altar", album scritto a quattro mani con i compagni di label Boris. Come e quanto abbiano influito costoro nell'evoluzione del sound Sunn O))) non saprei dirlo, dato che ignoro chi siano e che cosa facciano nella vita. Posso dire solamente che in "Altar" troviamo melodia, batteria, voci e in definitiva meno chitarre. E dato che il sound Sunn O))), per come lo conosciamo e per come si è imposto alle nostre orecchie, è da sempre l'esatto contrario, ossia zero melodia, zero batteria, zero voci e chitarre assordanti, direi che ci sono seri rischi che l'album in questione possa spiazzare, se non deludere, più di un fan della band.

Ma è solo questione di sintonizzare il cervello su altre frequenze. E' vero che qui i suoni si alleggeriscono non poco, è vero che si viene a perdere la peculiare ed intransigente ostilità che da sempre caratterizza e contraddistingue la proposta di Anderson e O'Malley. Tuttavia i territori qui esplorati sono quelli del noise, della psichedelia, del rock spaziale, dell'avanguardia rumoristica, sonorità che ben si sposano con i drones spietati e con le colate chitarristiche dei Nostri. E poi i Boris sono pur sempre giapponesi, e da bravi giapponesi, anche nei momenti più pacati, riescono comunque a risultare lontani anni luci da molte ruffianate indie e post-rock che vanno oggi per la maggiore (ragion per cui preferisco di gran lunga i Mono ai Mogwai, ma questa è un'altra storia).

Per questo, invece di lamentarci del fatto che Anderson e O' Malley si sono messi a fare musica per signorine, dovremmo rallegrarci del risultato e lasciarci andare alle note sognanti ed eteree di pezzi come "The Sinking Belle" (Blue Sheep)", in cui i Sonic Youth più rilassati sembrano jammare con una stonata Julie Cruise, o come "Fried Eagle Mind", un etereo e liquido rock spaziale che si fregia di sensuali e minimali vocal femminili ad opera della stessa cantante dei Boris. Brani, questi, che, come intuibile, non ci incastrano davvero una mazza con il caratteristico sound dei Sunn O))), se non per gli immancabili drones e per certi effetti che rendono il tutto più confuso e lisergico. Sembra quasi che il titolo "Altar" (che invece faceva presupporre tutt'altro tipo di sonorità) voglia suggerirci che sull'altare siano stati sacrificati i Sunn O))) stessi.

Cosa comunque non del tutto vera (non facciamo troppo i cattivoni), poiché anche i più irriducibili e masochisti fan del combo americano potranno trovare pane per i loro denti, e non solo nella stupenda opener, di cui si è già parlato, e nella successiva "N. L. T. " (un tutto sommato anonimo intermezzo atmosferico): "Akuma Na Kuma", disturbata dalle voce artefatta di Joe Preston e da inserti di tromboni in stile peplum, è per esempio quanto di più folle abbiano scritto i Sunn O)). Mentre nella conclusiva "Blood Swamp", Anderson e O'Malley finalmente decidono di imbracciare le loro chitarre, regalandoci così un quarto d'ora da infarto con una mazzata di estenuante doom apocalittico come solo loro sanno fare e che ci ripaga dell'eccessiva orecchiabilità delle song precedenti: un viaggio allucinante, che si apre con l'arpeggio acido e settantiano dell'ex Soundgarden Kim Thayil e prosegue con i vari strati di chitarre, comprese quelle dei Boris, che si vanno ad aggiungere progressivamente.

Che dire, certe cose potevano essere fatte meglio e con maggior cura (in effetti, si ha l'impressione che i Nostri abbiano tirato un po' via, sia in sede di arrangiamento che in sede di mixaggio), per cui a tratti il tutto può apparire un po' scontato e superficiale. Tuttavia questo "Altar", oscillando fra oscura drones music e scanzonata psichedelia, si fa ascoltare con enorme piacere, rilucendo di una freschezza e di una immediatezza inedite per il sound oppressivo dei Sunn O))). Rimarranno delusi i fan più accaniti, ma in compenso gioirà il resto del mondo.

Stay easy, la vita è bella. Lasciatevi dronare anche voi.

 

Questa DeRecensione di Altar è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/boris/altar/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

Galakordi Urtis Krat
Opera: | Recensione: |
"lasciatevi dronare"... GRANDE!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

therealramona
Opera: | Recensione: |
mi drono spesso. forse troppo (uh non conosci i boris. male).
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
cazzo in un giorno due recensioni fregate. è da un po' che volevo farla....che dire per me è un 3.5, diciamo che diventano insieme una versione + digeribile dei sunn o))). Poi devo dire sinceramente che i momenti pseudo ambient incensati dalle riviste americane mi sanno un po' di scoperta dell'acqua calda. Ma c'è di peggio sicuro.
BËL (00)
BRÜ (00)

birobiro
Opera: | Recensione: |
mi hai convinto. Dei Boris devi recuperare assolutamente "absolutego" e "amplifier worship" mi raccomando
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
ma anche akuma no uta non è poi malaccio, lascia perdere invece l'orrido ultimo lavoro "Pink". Ah akuma no kuma in questo sta per "l'orso diabolico" e ci sta tutto come titolo.
BËL (00)
BRÜ (00)

birobiro
Opera: | Recensione: |
è uscito un altro gruppo di O'Malley che si chiama Aethenor l'album si intitola "Deep in ocean sunk the lamp of light" ne sapete niente? l'avete ascoltato?
BËL (00)
BRÜ (00)

Tepes
Opera: | Recensione: |
recensione che volevo fare io, ma che hai saputo fare in maniera di sicuro più imparziale.Faccio parte dei fan delusi, per quanto mi renda conto che la formula dei sunn o))) oramai era stata un po' abusata e non c'era più molto da dire.La domanda che mi pongo è solo questa: ora chi suonerà Drone?
BËL (00)
BRÜ (00)

Galakordi Urtis Krat
Opera: | Recensione: |
dei Boris procurati decisamente Amplifier Worship. e (per tepes), ma che dici? si tratta soltanto di uno split. e dovresti sapere che quasi il 99 percento degli split album sono fatti per deviare dal percorso abituale stilistico di una band, o per integrarlo con lo stile di altre band. ma poi alla fine non succede mai che il gruppo cambi rotta definitivamente. si tratta soltanto di parentesi (e benvengano, talvolta è interessante anche sapere che i tali gruppi si conoscono) e questo succede per ogni genere musicale.
BËL (00)
BRÜ (00)

birobiro
Opera: | Recensione: |
galakordi sul sito della southern lord dicono che non si tratta di uno split cd ma di un album vero e proprio (anche xchè lo split solitamente si divide tra le songs di due gruppi, in questo è tutto mischiato)... che i Sunn e i Boris abbiano trovato una nuova strada musicale da battere? potrebbe essere il nuovo supergruppo del drone definitivo, non vi pare? i Boris secondo me da soli nn hanno più nulla da dire (almeno dai tempi di Akuma no uta) mentre i Sunn con l'ultimo black one hanno dato fondo alla loro ispirazione.. comunque grande Galakordi "Amplifier" è il mio preferito
BËL (00)
BRÜ (00)

Galakordi Urtis Krat
Opera: | Recensione: |
eheheh, birobiro, fidati... dai Sunn O))) ci si può aspettare di tutto. anche uno split "album". ;-) comunque l'aver già suonato assieme ad altri esponenti musicali (tipo Merzbow, o Malefic, o etc) è una loro prerogativa. praticamente nascono come band aperta a contaminazioni di ogni tipo. è questo che li rende grandi. secondo me non hanno ancora dato tutto. anzi, credo che ci aspettino ancora delle sorprese. nel frattempo droniamoci... fratelli...
BËL (00)
BRÜ (00)

Marcel Proust
Opera: | Recensione: |
gran disco.
orgie chitarristiche,giubilo dei MOOG,incanto e deblastazione vocale,melodia e disconnessione armonica completa tutto in uno!!
Molto meglio del nuovo degli ISIS,che mi sembrano un po' troppo tooliani-pseudo-industrial-specie le parti di batteria....inoltre l'artwork di Aaron Horkey per Altar guarda veramente dall'alto qualsiasi altra grafica,compresa quella di A.Turner per "In absence of truth",che è direi abbastanza pessima...
Disco lisegico,sbiellante,assolutamente spiazzante nelle parti melodiche-sembra quasi di sentire i Jessamine o certa roba inglese/scozzese fine anni '90,se non addirittura Bjork!
Se siete scompisciati dall'idea di non trovare più musicisti che suonano "drone" (come se questo fosse un genere...in realtà è un attitudine musicale),anzitutto ricredetevi,e poi andate a scoprire nomi tipo Birchville Cat Motel,Zelienople(a proposito di pop...),Fathmount,Wolfmangler,My Cat is an Alien,e via dicendo....
miao
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
pink col cazzo che è orrido... comunque arrivato a sto disco grazie ai boris dei quali mi innamoro sempre di più... akuma non uta non è poi così malaccio? mah... for me, che nient'altro sono che il mio dio e la mia verità ai miei occhi è incontestabile, akuma no uta è uno dei dischi più belli del nuovo millenio.
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Ottimi i sunn
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: