Sto caricando...

Charlie & The Cats
Greatest Tits

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


78 minutes of real casino!
(dalla prima di copertina)

Brescia... una città, agli occhi di molti, anonima, grigia, industriale... I bresciani... gente di poche parole (rigorosamente in dialetto!), votata per natura al duro lavoro e poco incline alle amenità della vita. O no?

Appartenendo alla realtà descritta non posso negare lo stereotipo ma, quasi vent'anni fa, nel 1993, una rivoluzione investì la Leonessa: Giancarlo Cinelli, in arte Charlie Cinelli, assieme al bassista inglese Alan Farrington e al batterista Cesare Valbusa, da vita ai Charlie & The Cats, il gruppo rock dialettale bresciano per eccellenza! "Greatest Tits" è il primo album dei Cats, un'opera che supera abbondantemente l'ora di durata, nella quale i tre esperti musicisti, tutti over 30, possono dare libero sfogo al loro estro irriverente.

Volgarmente si potrebbe parlare di rock demenziale ma i nostri sono molto, molto di più! All'interno del disco, infatti, il trio si cimenta con successo in vari generi: si passa dal rock diretto (La pappatoia, La ranza, Osti) al funky più slappato (Get Down), tra sprazzi reggae (Little Girl) e coinvolgenti rock and roll-simil blues (El papagalì), per non parlare delle canzoni più delicate (Ninna nanna del malghese, Attimpuri, Passera) e, udite udite, trovano posto anche due ballate! (Il film siamo noi, Due in uno). Completano il quadro canzoncine dall'efficace retrogusto demenziale, come Kerahadebala ketaghetadoh e Distrattamente ma, in tutta sincerità, nessun brano è da prendere sul serio. Ciò che fa la differenza sono i testi, parte in dialetto, in italiano, in inglese, divertenti e svitati al punto giusto, col pregio di non scadere mai nella più becera volgarità.

Al di là dell'ilarità generale che permea l'intero album, qualcosa di serio c'è: la musica. Non siamo al cospetto dei blasonati Elii ma si può affermare con sicurezza che i Cats sanno il fatto loro: Valbusa, batterista di formazione jazz, si dimostra abile e creativo anche alle prese con un genere statico come il rock; Farrington è un bassista dalle doti eccezionali, versatile e bravo anche dietro al microfono; infine c'è lui, Charlie, di professione bassista ma contestualmente impegnato alla chitarra, alle tastiere e, soprattutto, alla voce. Personaggio istrionico come pochi, considerato una sorta di Dio all'interno del panorama musicale bresciano, Charlie guida con forza i Cats nell'avventura musicale più bella: non è un caso se Greatest Tits è l'album ricordato con maggiore affetto dal pubblico, a ragion veduta per la presenza di alcuni evergreen come Và Gina!, El papagalì, El gat de Paol, Nom al stadio e per l'accoppiata vincente quantità/qualità.

Passione provinciale e autentica creatività fanno di "Greatest Tits" il vero capolavoro dei Cats, un album sempre fresco che saprà farvi trascorrere oltre un'ora in totale spensieratezza. Fatelo vostro!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

SUPERBOIA
SUPERBOIA
Opera:
Recensione:
Ignoro chi siano. Ma l'accoppiata John Holmes + Greatest tits fa sempre centro.


MrBisturi
MrBisturi
Opera:
Recensione:
Grande Charlie Cinelli.Loro me li sono visti 2 o 3 anni fa a Cremona,non li conoscevo per niente e alla fine della serata ero impressionato!bravissimi e divertentissimi


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
Superboia, m'hai tolto le parole di bocca.


stonecoldcrazy
stonecoldcrazy
Opera:
Recensione:
Greatest Tits??? Ma son pure più great delle tits di Cristina del gf11?


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
carini e simpatici. un tempo charlie ci accompagnava pure negli scioperi proletari poi temo che si sia un po' perso.


cece65
cece65
Opera:
Recensione:
I mitici Charlie & the Cats resteranno sempre nel mio cuore. Negli anni '90 mi sono sbudellato almeno una decina di volte ai loro concerti.


miraggio2
miraggio2
Opera:
Recensione:
titolo del millennio.


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
A questo punto è lecito chiederselo: sei di Brescia? E comunque limitare Charlie alle canzoni divertenti e demenziali ("Va Gina" e "Mandolossa" quante volte ai suoi concerti) sarebbe fargli un torto, è un chitarrista sopraffino e da giovane ha suonato e vissuto in Inghilterra. Inoltre è un valorizzatore del dialetto bresciano, cercando di rievocare canzoni e sonorità della cultura popolare bresciana. In questo periodo gira i piccoli teatri della provincia con un'orchestra, grande Charlie!


JohnHolmes
JohnHolmes
Opera:
Recensione:
@telespallabob: esatto, provincia però. Sono consapevole del valore di Charlie come musicista, non ti preoccupare ;) cercherò di fare luce anche su quell'aspetto prossimamente, per il momento ho intenzione di recensire i lavori dei Cats.


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
J.H. sta a castenedolo...telespalla sta a ospidaletto ma l'è un terù!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Greatest Tits è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link