Embryo
Rache

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Fucina di bizzarri, grotteschi e assurdi sperimentalismi, contaminazioni  ed influenze; coacervo di elettronica, Kosmiche Musik,  Freak spaziali, poesia underground ed aberranti scorribande psichedeliche. 

Culla di contorte ed evanescenti sonorità, fertile suolo per innovazioni, rivoluzioni e tumulti musicali.

La Germania di quarant'anni fa. Prodiga di talenti, creatività, anomalie sonore e misture elettro-acustiche.

In codesto teutonico terreno, molle e limaccioso, germoglia prodigiosamente il seme della fusione, l'amalgama e l'intreccio sonoro; eccentriche, genuine e vivaci composizioni pregne di orientali aromi, tribali e selvatiche vibrazioni ed esotici sapori esercitano un fascino incontenibile sulla duttile mentalità del germanico volgo.

Ed  è la fusion per antonomasia, quella tra jazz e rock, ad attingere ed amalgamare meravigliosamente sonorità provenienti da inesplorate ed enigmatiche terre sovente inaccessibili alla cultura occidentale. 

Fondere e miscelare, un'arte egregiamente coltivata dagli Embryo.

Ricettacolo di esoterici e policromi costumi, arcane tradizioni e speziato folclore  Embryo's "Rache" (1971), secondo  lavoro dei poliedrici, versatili e geniali Embryo , seduce, inebria e desta stupore; il suono  genuino, fresco e vivace è avulso da stucchevoli manierismi o melliflue pretenziosità.

Desertici, polverosi e stepposi paesaggi sono splendidamente pennellati da un impasto sonoro gravido di deliziosi arabeschi fiatistici; sax e bucolici flauti tratteggiano avvolgenti, sensuali e caldi ricami sonori squisitamente sposati con maestosi tappeti organistici (organo hammond e mellotron in grande evidenza) e sublimi atmosfere evocate dal piano elettrico Fender Rhodes ("Revenge").

Poderosi, aspri e lancinanti bordoni di violino sferzano, infuocati venti carichi di sabbia su rinsecchiti arbusti, il liquido e bollente tessuto strumentale dell'opera intrecciandosi con ancestrali bongoes e belluine percussioni foriere di mediterranei, etnici ed esotici umori ("Tausendfüßler", "Time", "Change")

Un affresco sonoro di straordinaria potenza e superba bellezza.

Da sottolineare infine la caustica vena "politica" dell'ensemble ravvisabile in "Espagna si, Franco no" ("Spain yes, Franco finished"), lungo brano caratterizzato da un copioso impiego di tastiere (mellotron, Fender Rhodes), opulenti fraseggi fiatistici (sax, flauto e violino) e granitici riffs di basso accoppiati con stravaganti interventi vocali di matrice indiscutibilmente  sovversiva. ("Revolution is the only way"... ).

Embryo's Rache, degno successore di "Opal" (opera prima, 1970) e gemma primigenia non solo del Kraut Rock, ma del rock tutto.

Accadeva in Germania, quarant'anni fa.

Questa DeRecensione di Rache è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/embryo/rache/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

fedezan76
Opera: | Recensione: |
Ciao Ivo, recensione splendida come sempre. Prima o poi dovrò decidermi ad approfondire anche questi territori musicali. E certo le tue parole incoraggiano a farlo. Bravo!
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Il mio preferito degli Embryo, bravissimo tu nel recensirlo
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ohhh! Era un po' che non ti leggevo.. Addirittura 5 al disco?:)
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Caro Ivo, se non ci fossi dovrebbero inventarti :)
BËL (00)
BRÜ (00)

ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Un piacere leggere una rece così ben fatta. Bravo
BËL (00)
BRÜ (00)

Ivo Avido
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti per essere passati, siete il mio "pubblico" di nicchia, :D! Grazie! Blech, i lavori degli Embryo, almeno fino al 1974, sono tutti da cinque pallini! Macaco, grazie, mi lusinga assai la tua esclamazione! Tele, anche questo è il mio preferito insieme a We Keep On! Alla prossima Sirs.
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
Bella scelta, bella recensione!
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
Pieno pieno, come non darlo in questi casi. Pietra miliare del rock tutto, sono d'accordissimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Ottima segnalazione,grazie... Purtroppo di questo piatto teutonico avevo solo sentito parlare, e visti gli ingredienti, sono pronto all'assaggio.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Più li ascolto più mi chiedo cosa avrebbero potuto fare con più tempo, più strumenti, e una sala di registrazione degna; magari sui monti del Rif. Ci vorrebbe qualcuno che risuonasse una trentina di loro pezzi adesso, precisi identici, ma almeno registrati bene. (magari con i suoni del fender un po' meno pianola-chicco)

BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: