Il Torquemada
the killer EP

()

Voto:

La musica sta cercando nuove strade distributive, nuove idee per una maggior esposizione. Internet è diventato il tramite ideale, a discapito delle major che ogni anno presentano conti in negativo. Un "Do it yourself" multimediale che non sempre riesce nel suo intento. Apprezzabile la scelta di alcuni gruppi di incidere il proprio album e caricarlo poi su sito o su my space, con la scelta dell'acquisto (per gli affezionati ai vecchi formati) o del free downloading.

Ovviamente i risultati qualitativi possono essere altalenanti, cosa che non succede con "The Killer EP", il nuovo EP dei Il Torquemada (sì,con l'articolo davanti). A distanza di un anno dall'esordio "Tales from the bottle", ritroviamo il trio in ottimo stato di forma.

Alfonso Surace, Luciano Finazzi e Davide Perucchini ci regalano una lunga discesa verso abissi noise, stoner, punk. E la via di uscita dove è? Semplicemente, non c'è. E' un vortice di dissonanze, di rumori e di ottime idee.

"Disaster" apre le danze: ritmica sincopata, cantato roco e incisivo, uno sballottamento tra i Jesus Lizard, gli Shellac di "At action park" e i primissimi One Dimensional Man. "The killer" è il classico pezzo che sogneresti di sentire su qualche rock Radio (se ancora ne esistono): voce urlata, un riff che sembra quello di "Let there be rock" suonato dai Rapemen, sezione ritmica perfettamente cadenzata, un coro finale che cerca di trovarsi uno spazio tra il contrasto melodico-dissonante.

"No!" è un blues sgangherato, sbilenco, anfetaminico, sorretto dal pubblico che applaude direttamente dal regno di Satana, girone Mississippi se non sbaglio. Il bridge centrale sembra estrapolato dall'animale senile melvinsiano.

"People" e "Il Torquemada" non avrebbero sfigurato sul disco d'esordio, basate sul contrasto dissonanza/riff tanto caro al gruppo. La prima fa scuotere la testa come i RATM dei bei tempi passati, la seconda ricca di quei stop & go tanto cari al gruppo.

Non fatevi ingannare dai riferimenti vari, la loro proposta è veramente interessante e i tratti stilistici personali sono riconoscibilissimi, non facendoli così cadere nella retorica italiana della scopiazzatura fine a sé stessa.

Nota a parte merita la produzione, in cui nitidezza di suoni e chiarezza sonora tendono a creare un muro di suono che mi riporta ad alcune percezione uditive ricreate da Favero all'interno di "Nell'impero delle tenebre".

Per informazioni sull'EP: www.myspace.com/iltorquemada

Questa DeRecensione di the killer EP è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/francesco-barilli/the-killer-ep/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

claISdead
Opera: | Recensione: |
dì la verità, sei del gruppo, nevvero? :D
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
buon disco, "inutile" recensione. ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
vado ed ascolto
BËL (00)
BRÜ (00)

maryg
Opera: | Recensione: |
ep molto carino... la jestrai fa proprio belle cose.
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
come minimo sono tuoi amici, vero? :D
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
alessioIride me l'hai tornata ah?Ma di dove sei?Saluti
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
Ricordo che non suono in questo gruppo. Conosco il cantante (prima però ho conosciuto la loro musica) ma il voto è un parere il più possibile oggettivo. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
maci, tornata un pò pero con tono ironico. quindi tranquillo, non era per offendere. solo per scherzare. oggi ho riascoltato l'Ep... non male quasi 4 direi, ma questione del tutto soggettiva. direi che assomigliano un po ai One Dimensional Man... è un complimento. Comunque lo si può scaricare gratuitamente dal sito della jestrai. Ah, ho ascoltato anche l'ultimo dei Fiub. Non male anche quello. Dimenticavo: sono di napoli. Ma perchè questa domanda?
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
riascoltato ancora... credo che lo compro. un 4 ci sta tutto
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
chiedevo così per curiosità, magari se eri della zona si poteva fare due chiacchiere. Peccato che io sia un polentone lombardo :-) Mah, a me l'ultimo dei Fiub non mi ha particolarmente entusiasmato, calcolando che di entrambi i componenti sono amico da un po' di tempo, per cui non valutando soggettivamente la cosa. Hanno sperimentato ma è un lavoro assolutamente transitorio. "The killer EP" ascoltato sul supporto originale è ancora meglio, fidati. Sì assomigliano ai One Dimensional Man e tentano (penso che sia il verbo giusto) strade alla Shellac (abbastanza rischiosa la cosa)
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
ah proposito...Sabato sera vado a vedere Il Teatro Degli Orrori dal vivo...Forza Capovilla
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
il teatro dal vivo fa paura. UNICI... te ne accorgerai :)
comunque credo che lo prenderò originale... magari non ora. con calma ;) il disco dei fiub a me è piaciuto solo che non ho capito 'sta storia del 10 pollici. mi sembra una stronzata... gia vanno via pochi dischi, poi lo fai solo in 10 pollici... boh, contenti loro. transizione? e verso dove? :)
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
verso dove lo vedremo successivamente...Forse verrà ristampato con qualche pezzo in più per il formato cd. Non vedo l'ora di vedere Il Teatro. Già ho visto tre volte i One Dimensionl Man dal vivo e mi hanno sempre soddisfatto, per cui non vedo l'ora di ascoltare la loro nuova avventura musicale
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
gli ODM innanzitutto, e poi questi e i fiub... bisogna sostenerle queste band, andate ai loro concerti cazzo! FATELO PER LA CAUSA. EBBASTAMMERDA! (grazie maci, avevo perso per un attimo di vista la scena, ma ora ho recuperato al volo. Sempre viva la jestrai)
BËL (00)
BRÜ (00)

maci
Opera: | Recensione: |
anche io sono di quest'idea. Bisogna tornare e invogliare a vedere i gruppi dal vivo, non le cover band! Riapropriamoci di una cultura musicale in cui la musica non svolga solo la funzione di contorno
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: