Half Japanese
Why Not?

()

Voto:

Riecco gli Half Japanese di Jad Fair, un artista che riesce a comunicare per immagini in una maniera elementare e allo stesso modo di un bambino che ancora non in possesso delle tecniche necessarie, dipinge sul foglio bianco una casa o delle persone realizzando opere astratte e di potente forza espressiva e che 'pasticciando' si macchia e si sporca così tanto di pittura che diventa egli stesso una specie di opera d'arte. Pochi artisti come lui riescono a esprimersi in una maniera così estemporanea e facile e con intuizioni sempre brillanti coniugando sperimentalismi garage e musica pop.

'Why Not?' (Fire Records) ripropone l'immaginario tipico di Jad Fair con composizioni astratte e rimandi a una certa cinematografia elementare horror e di fantascienza degli anni cinquanta e di cui ovviamente coglie gli aspetti più ironici. Le musiche e i testi hanno quello stesso taglio di immediatezza e urgenza espressiva che costituisce una delle caratteristiche del progetto Half Japanese sin dagli esordi e che è espressione dell'età contemporanea dove le cose succedono sempre più rapidamente della nostra velocità di pensiero. Confermatissima la formazione della band (John Sluggett, Gilles-Vincent Rieder, Mick Hobbs e Jason Willett), 'Why Not?' è un disco dalle sonorità per lo più easy-listening e pop-garage ('The Future Is Ours', 'The Face', 'Why Not?', 'Demons of Doom', 'Zombie Island Massacre'...) e dove vanno segnalati gli episodi più particolari come le ballate pop psichedeliche 'Amazing' e 'Better Das', il boogie di 'A World to the Wise', l'ambient space di 'Spaceship To Mars', i rimandi 'Sgt Pepper' di 'Why'd They Do It?' e 'Failing'.

Relativamente 'Hear The Lions Roar', Jad mi spiegò che il disco era una risposta all'elezione di Donald Trump e un richiamo a riconoscere il potere dell'amore e lasciare che questo diventasse centrale nell'assumere le proprie scelte. 'Why Not? in qualche modo riprende lo stesso concept: è un disco carico di amore e di sensazioni positive e che invita l'ascoltatore a meravigliarsi di tutte le cose belle che ci circondano. Proprio come se fossimo dei bambini cercare di lasciarci andare alla bellezza delle cose e una volta tanto nella vita, invece che chiedersi perché, domandarsi perché no.

Questa DeRecensione di Why Not? è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/half-japanese/why-not/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bellissima notizia! E, anche, bella pagina, a partire dal paragone azzeccato ed illuminante.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Si trova facilmente su slsk. Ma se occorre, fammi un fischio!
Almotasim : Bella anche la copertina!
sotomayor: SIcuramente opera sua. Riconosco lo stile. Dipinge moltissimo.
Almotasim : Vero, ha dipinto anche per I miei amati Yo La Tengo.
sotomayor: Bellissimo il disco che hanno fatto assieme.
heartshapedbox
Opera: | Recensione: |
la considerazione finale la condivido al 1001%
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Come si fa a non amare Jad Fair?
BËL (01)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Pur riconoscendo l'istituzione Jad Fair Half Japanese e la sua creatività ogni volta è sempre la stessa cosa, entusiasmo iniziale che si tramuta in disinteresse totale. Credo che sia un problema personale e non so perché ciò accada. Recensione bellissima, condivido al 100% con chi mi ha preceduto (Heartshapedbox) sulla considerazione finale.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
È da un po' di anni che lo trascuro..dovrei rituffarmici?
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Io adoro Jad Fair. Ovviamente consiglio questo disco che è nel perfetto spirito del personaggio. Buttato giù di getto così come i suoi dipinti. Magari non vi regalerà mai il disco della vita (lo ha già fatto con il primo del resto, no?) ma non sbaglia mai.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: