Sto caricando...

Les Fleur de Lys
Reflections

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Per me “mettere a posto” è una scusa, mi conosco...

Quando decido di svuotare un cassetto dove giorno dopo giorno butto di tutto per mettere un po’ di ordine so che significa rivedere vecchie foto, rileggere lettere, rivivere situazioni.

Quindi provare emozioni. Mi ci vuole poco, ho vissuto parecchio e la mia mente, ma soprattutto il mio cuore, ci ritornano volentieri, o forse non mi frega più nulla perché penso il “bello” sia passato, o forse entrambe, o probabile siano solo nobili deliri ahahah.

Ovviamente le Contesse sono la mia vita ora, il resto conta poco o nulla, se non quei “famosi” valori che devono sempre essere lì, presenti e spontanei.

Con i dischi è diverso. Mentre nel cassetto devi riordinare (che brutto termine!) e sai già cosa trovi, se sposti degli album vi è sempre la sorpresa di un album che non ricordi, che fai fatica, al primo impatto, ad associare a persone o situazioni. Quindi è come un album nuovo o quasi, perché poi lo risenti e (ri)associ tutto.

Questo cd non ricordavo di averlo ma ricordavo di averlo sentito. Stranissimo per me che non so scaricare un album e che da anni luce non ascolto musica a casa di qualcuno (e mai mi è piaciuto, la musica è una cosa mia, non esiste ascoltarla mentre parlo o mentre altri parlano). L’unico neurone rimasto a dare un minimo di ragionamenti logici al nobile cervello si mette automaticamente in azione e mi riporta indietro ai tempi dell’album.

Les Fleurs de Lys. Ma così è scritto errato no?! Se lo scrivo - in francese - se metto les ci vuole la s in fleurs, oppure tolgo la s in les e mi tengo fleur senza s.... per creare ancora un po’ di confusione potete trovare il nome della band in parecchi modi, compresi un The Fleur de Lys e un Fleur de Lys senza articolo che forse sarebbe meglio. Decidete voi, figuriamoci se mi metto a fare il letterato “estero” e che comunque interessa il giusto, zero.

Storia strana e di cui si conosce poco. Band di Southampton, la loro carriera si è sviluppata tra il 1964 e il 1969 con centro focale ovviamente Londra.

Di quel periodo possiedo tantissimi album acquistati in quegli anni novanta che videro il nascere di una nuova fase psichedelica e quindi la stampa o la ri-stampa di tutto il possibile dei sixties. Presi, ma ascoltati poco.

E questo, riascoltato oggi, è assolutamente un gran bel ciddi.

La psichedelia inglese è stata un fenomeno prettamente musicale e di costume. Al contrario degli Usa non c’erano guerre alle quali opporsi, studenti scontenti e arrabbiati o neri trattati come merde. Quindi nessuna protesta specifica, solo una voglia matta di variare il blues ed il rock’n’roll rendendoli più vari e fantasiosi. Tutto si colora, Londra diventa il centro di tutto. Si vive, si suona, si balla, ci si sballa, divertimento assoluto. Fin troppo e, come sempre quando le cose sono belle, finirà presto.

Ma gli anni della Swinging London saranno epocali (e mai sta merda abusata di parola qui ci sta da dio!).

Penso che chi ha avuto la fortuna di passare la giovinezza in quel decennio abbia vissuto dieci volte la mia vita e 100 quella di un inutile del giorno d’oggi sempre “in fila per tre” e improponibile per la (mia) nobiltà d'animo.

Tutto era compresso al massimo, tutto si bruciava immediatamente, ci si godeva al limite del possibile e, pure dell’impossibile, ogni istante. Perché quando una carica di adrenalina circonda e abbraccia una intera generazione è la nobilissima follia ad imperare... non lo so, non c’ero, ma è così che immagino fosse.

E quindi accadeva che per un gruppo che aveva successo ve ne erano decine che non riuscivano a raggiungerlo veramente mai.

In quel colorato, euforico e folgorante periodo poteva accadere che uno dei primissimi gruppi della Swinging London finisse la carriera senza incidere neppure un album.

Eppure questi ragazzi erano uno dei gruppi leggendari di quella Londra psichedelica, tra i più popolari nei club più alla moda della capitale inglese.

Sono oggi una clamorosa band di culto di quegli anni, ricordata e ammirata dagli “addetti ai lavori” (intendo gente che c’era, colleghi o amanti e “collezionisti” di rock britannico del periodo).

Hanno sfornato parecchi notevoli singoli, apprezzati tra gli appassionati, ma non sono riusciti mai a sfondare. Stranissimo che siano durati così tanto; di solito se un gruppo non raggiungeva il successo nel giro di uno/due anni, si scioglieva.

Qui sta l’altra loro particolarità. Hanno cambiato almeno quattro/cinque/sei formazioni (la loro storia non è così documentata) con un unico membro, il batterista tal Keith Guster, sempre presente. Ecco perché hanno attraversato più fasi, con più etichette discografiche, tra le quali anche l’Atlantic.

E, senza farlo apposta (o chissà proprio per farlo invece), incisero singoli anche sotto le mentite spoglie di altri gruppi con nomi quali Shyster, Chocolate Frog, Rupert’s People o The Staccatos. In questi ultimi sembra che i componenti, a parte l’inossidabile batterista, fossero tutti ex Creation... altra band leggendaria con un po’ più di successo discografico (e altra tra le mie preferite). In altri casi si sono uniti e hanno aiutato le carriere di cantanti solisti tra le quali la formidabile ventenne Sharon Tandy.

In questo caso suonavano per la Stax (si i Neri, forse unica band bianca) in quella che fu la loro fase (anche) soul. E hanno accompagnato in tour artisti di livello assoluto come Aretha Franklin ed Isaac Hayes.

Aggiungiamo poi che sembra purtroppo non si sappia dove sia finito il materiale di registrazioni dei Fleur de Lys con l’astro nascente del rock mondiale. Nel 1966 a Londra, in quella stupefacente Londra, stava spiccando il volo tal Jimi Hendrix. Era il loro anno, erano anche loro sulla rampa di lancio. Ma non era destino. Vorrei tanto sentirle quelle registrazioni.

Un ricco e succulento buffet psichedelico da 24 portate, ma leggero e suadente. Finirete in forma, per niente appesantiti, anzi ... dondolanti, appunto.

Si può ascoltare la psichedelia della band sotto varie sfaccettature. Spesso strettamente legata a quel semplice beat british di quegli anni, a volte più vicino ad atmosfere più rilassate alla Byrds o Beatles od al soul con la splendida voce di Sharon.

Ci sono poi anche una eccitante cover di "Circles" degli Who ed un singolo, stranamente di discreto successo commerciale "Reflection of Charles Brown" che, più che ricordare, è quasi uguale ad " A Whiter Shade Of Pale" dei Procol Harum... tanto per creare ancora più "confusione" attorno all'identità della band.

Ma si sente, eh se si sente, che il loro meglio esce quando sono più aggressivi con quel sound denominato "freackbeat", dove lasciano andare tutto ed una splendida chitarra acida, graffiante e distorta si prende la scena. Ecco che probabilmente quell'incontro con Jimi li aveva segnati davvero tanto. "Prodigal Son", "Mud In You Eye", "Gong With The Luminous Nose", "One City Girl", "Hold On", "Daughter Of The Sun", "Liar", "Tick Tock", "Hammerhead", "So Come On", "I've Been Trying" .... va beh, a parte un paio di episodi scialbi, potrei elencarle tutte.

Potrei finire ma devo dirvi cosa mi era subito venuto in mente associato al cd.

Belle gnocche, goliardate con gli amici, feste, concerti?!. No... mi è venuto in mente che alla base dell'acquisto del cd, informato dal mio amico che "sapeva tutto", c'entrava un ventenne già sveglio e smaliziato, il "mio" Diavolo (che palle oh ahahah). Il primo a credere nei Fleur de Lys, a produrre i loro primi 45 giri ed a suonarci pure è stato lui.

Ma stavolta non ce l'ha fatta Jimmy a far decollare questi ragazzi. Poi fu preso da altre cose (Yardbirds e il Dirigibile), all'inizio era veramente carico a mille.

Ma poi era troppo presto, il ragazzo doveva ancora recarsi sul crocevia per barattare l'anima.... e niente cari ragazzi non era destino.

Buon ascolto, gran sound, fidatevi.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciassette)

Pinhead
Pinhead
Opera:
Recensione:
Fleur de Lys, tutto quello che desideri (citazione talmente colta da esserne spossato).
Ciao Conte!


IlConte: Ahahahahahahah cioè vuol dire quello?!
straordinerio, ma d’altronde qui siamo alla purissima classe innata. Ciao Maestro!
Pinhead: Noooooooo ahahahahahahahah però se sei alla ricerca di un bel libro da leggere, mi permetto di suggerirti "L.A. Confidential" di James Ellroy, la citazione è tratta da lì.
IlConte: Annoto, anzi carrello subito sarà il prossimo basta che non sia un mattone che mi rompo i maroni subito ahahahahah. Grazie mon ami.
Pinhead: Oppure la versione cinematografica, pure lei bellissima, di Curtis Hanson, con una Kim Basinger (tra gli altri) mai tanto brava e bella.
IlConte: Ah beh il film l’ho visto...
Pinhead: Perfetto, la Basinger lavorava per Fleur de Lys, tutto quello che desideri :-)
IlConte: Porco cane, tutto torna vedi?!
Immenso....
Pinhead: Poi, se te lo leggi e ti piace recensiscilo pure da par tuo, ché su DeBaser di Ellroy non c'è niente.
IlConte: Lo leggerò, promesso, se non crepo prima.... se crepo gran feste eh, gnocca e rocchenrolle. Se mi mandi dei fiori ti vengo a prendere ahahahah
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
Conosco
Rupert's People che se non sbaglio ripresero anche " Reflection Of Charles Brown". Loro li conosco bene a nome ma mi sfuggono come pezzi. Dovrei recuperarli ma fa troppo caldo.


IlConte: Ahahahahahahahah e hai pure ragione!
Si “Reflection” sono loro sotto il nome di Rupert’s People. Di questi 24 pezzi penso che la metà facciano per te, sono proprio quella psichedelia lì, magari un po’ sempliciotta per te ma bella. Gli altri si dividono tra roba più “leggera” e roba più “soul”
Però erano un bel gruppo.
Comunque c’è sul tubo (magari di sera o in autunno ahahahah)
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Bella!


IlConte: Grazie Nobilissimo, sempre viva Brasil (e il “solito” pensiero a mio papà è automatico)
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Beh, nonostante "l’unico neurone rimasto a dare un minimo di ragionamenti logici al nobile cervello" mi pare di poter dire, da mononeuoronico-D.O.C. conclamato quale mi pregio d'essere da tempi insospetti, che la DePagina sia particolarmente bella e piacevole.
Ma ora non mì si (s)monti la testa.
E, se lo dovesse fare, almeno non facci cadere il povero e solitario (ma funzionante) mono , mi raccomando.
Che poi si (tri)lussa.
E son dolori.


IlConte: Ahahahahahahahahahahah Signore della Nobile Isola mi ha dato una splendida notizia. Oltre al suo passaggio e commento sempre atteso con trepidazione sono felicissimo di averla quale Presidente dei mononeuronici (in quanto Conte di Debaser procedo io in automatico alla denomina, ne ho facoltà assoluta).
Il club di Debaser dei mononeuronici
Presidente Sfasciacarrozze
Vice Presidente IlConte

Per iscrizioni portare certificato che manifesta l’esplicita mononeuronicita’.

Così fu deciso.
luludia: io di neuroni ne avrei due, vedrò di liberarmi di quello in più...
sfascia carrozze: Magari, DeAmabile @[luludia] quello in surplus potrebbe cèderlo a chi nè è (del tutto) sprovvisto.
Sul DeBasio, così come nel mondo esterno più o meno civilizzato, sè né riscontrano diversi casi.
Anche Umani.
IlConte: Ahahahahahahahah
Johnny b.
Johnny b.
Opera:
Recensione:
Tutto come al solito, super recensione e proposta intrigante.


IlConte: Grazie mille nobile che passi sempre. Qualcosa di magico di quella a Londra.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «una parola e uno spazio». Vedi la vecchia versione Reflections - Les Fleur de Lys - Recensione di IlConte Versione 1


luludia
luludia
Opera:
Recensione:
grande proposta...


IlConte: Questi nostri stupefacenti, colorati sottoboschi...
hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Ottima band, di quelle che hanno arricchito ancor di più il panorama già straricco dei sessanta. Volevo passare prima ma solo ora son riuscito a leggere con tranquillità cosa hai scritto, sempre all' altezza come sempre. Ed è bello vedere queste bands in prima pagina. Per tirarti su il morale che sei appena stato esonerato ti do un bel 5... ti aspettiamo in Italia, bravo Conte!


IlConte: Ahahahahahah puoi passare se, come e quando vuoi caro Nobile, è un onore. Eh quei due annetti in quella Londra....

Ahahahahahah quel parrucco gobbo!!!
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Riesci sempre a "sconvolgermi" nel senso assolutamente positivo del termine. Le prime righe, le prime frasi che butti giù nella tua pagina le avrei potute scrivere io stesso! Siamo coscritti ed anche molto simili sotto molti punti di vista; l'amore per la Musica, per le donne di casa. L'ascoltare la stessa Musica quasi sempre in solitudine. Che sensazioni meravigliose...Detto questo ora posso proseguire con la lettura. Buone cose mmmitico!!


IlConte: Eh vecchio mio, queste sensazioni personali sono la nostra “vita”... tu in più hai quelle splendide montagne e io stammerda di pianura padana ahahahah!
lector
lector
Opera:
Recensione:
Bravo: i Fleurs sono stati ben più che una semplice meteora


IlConte: Nobilissimo grazie...
Ma tu qui a quest’ora cosa fai??!!!
lector: Sono fuori sede, in giro. Orari sballati, tablet posseduto dai demoni, caldo insopportabile.....
Ancora per poco, per fortuna.
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
puff...puff...(nel senso fumettistico del termine)...arrivo. Bella roba, NobilSignore, peccato sia svanito (per me) l'effetto-sorpresa dopo quel Suo ascolto di un po' di tempo fa, adeguatamente e reciprocamente commentato. La Londra - o giù di lì - in technicolor merita sempre spazi da dedicare a orecchie ed occhi (e mente, per tutto quello che si porta con sè)


IlConte: Ahahah in effetti avrei dovuto farla li ma poi demoni di qui, ansia di la, Contessina da accontentare....
Grazie mille del passaggio... eh quella Londra che delizia di colori, visioni e suoni deve essere stata, parbleau...
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Ueila', la Swinging London! So much of hat!


IlConte: Ueila Nobile mi dici che sono molto grasso eh?! Ah no che c’è cosi caldo eh si.... ah no che ho tanto cappello si ma boh ahahahahah
Eh quella Londra...
Almotasim : Non so se si dica in quel modo ululì... il senso era sciapò! Gran pagina, Conte!
IlConte: Ahahahah grazie nobile, tu puoi dire di ogni in lingue estere e io ci credo ahahah
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Grande recensione ormai ci hai proprio preso la mano. Si si, mi ricordo che avevi messo un loro brano qualche giorno/settimana fa ed era molto bello, ottimo auspicio.


IlConte: Oh nobilissimo giovane amico nonché grande pusher di qualsiasi tipologia di musica, sai che ti sarò sempre grato... eh questi sono bravi ma più che altro sono queste storie pazzesche in quegli anni formidabili...
Harlan
Harlan
Opera:
Recensione:
Non conosco niente di loro (mannaggia a me), ma ne parli sempre come fossero amici che vedi ogni giorno. Grande nobile, tanta invidia! ^


IlConte: Ahahahah mitico Signore del metallo!
Beh questi non li conoscono in molti e come dicevo ad hj le storie di quegli anni hanno un fascino unico...
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
davvero davvero cool sti tizi, grazie nobile


IlConte: Grande ragazzo della nobil trinacria!!!
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Un grazie del tempo che mi dedica spesso a @[macmaranza], il nobile meno rompicoglioni del debasio. Impeccabile, silenzioso, coscienzioso ahahah, grande!


Battlegods
Battlegods
Opera:
Recensione:
Da sposarti solo per come scrivi! Non li conoscevo, li sto ascoltando e not bad at all!


IlConte: Ahahahahahahahahah

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Reflections è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link