Sto caricando...

Pink Floyd
The Wall

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questo è l'album che chiude gli anni 70, un periodo di grande importanza per la musica, dominato dal progressive e sfumato quando invece ci fu l'esplosione del punk. Però si può dire che pochi gruppi avevano saputo interpretare un decennio così' complesso come i Pink Floyd.

Questo album molto ambizioso non solo fu il loro ultimo capolavoro, ma anche un'opera che sapeva leggere alcune tematiche del decennio attraverso la metafora del muro: sia le divisioni e le segregazioni politiche, che la condizione di separazione tra Roger waters e il pubblico, tra lui e il suo passato (tantissime le figure chiave, in particolare la madre tratteggiata nella bellissima "Mother") e tra lo stesso Waters e i restanti membri della band.

Musicalmente il lavoro è superbo: se Waters era l'indiscussa e monarchica mente, Gilmour per conto suo riusciva a ritagliare spazi incredibili, con assoli fantastici come in "Another brick in the wall" e sopratutto "Comfortably numb", che dimostrano che l'essenza della musica dei Pink Floyd è sempre quella di alienare l'ascoltatore, perso in bellissime dimensioni psichedeliche.

Sicuramente il miglior album dei Pink Floyd assieme a "the piper at the gates of dawn". "The wall" è un grandioso affresco sulla paura dell'uomo di non riuscire a comunicare con il prossimo, e di restare solo in un mondo che non comprende. Dopo di esso, la fine dei Pink Floyd.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantUno

DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Anche io dico quello che penso, e tu sei frustrato. Se pensi che io sia un faro, ti posso solo ringraziare telematicamente. E Barrett è il più grande. ;D


AleFearSatan
AleFearSatan
Opera:
Recensione:
però sei un genio se ti svegli un giorno e ti viene la malsana idea di recensire the wall...prova con atom earth mother la prossima volta


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
earth??? HEART!!!!!


aniel
aniel
Opera:
Recensione:
Uno dei dischi che rientra nella mia top 5 di sempre. Uno dei migliori della storia della musica. Qualche concetto buono sul concept lo stavi per esprimere ma lo hai stroncato brevemente.


aniel
aniel
Opera:
Recensione:
"concetto sul concept" sono grande!!! :D


Cristo
Cristo
Opera:
Recensione:
ultimo grande disco dei '70


tom traubert
tom traubert
Opera:
Recensione:
Bastano i voti, direi.


FLOYDMAN
FLOYDMAN
Opera:
Recensione:
la fine dei PF un bel paio di palle...e the final cut? e a momentary? e division bell??? tutti dischi da 10, senza poi parlare di amused to deathe dello splendido On An Island. Amici è inutile che ece la meniamo, i floyd non finiranno mai, che vi piaccia oppure no. recensione corta, mediocre ed inutile


Alias
Alias
Opera:
Recensione:
10 a momentary e division bell? ma cazzo questo posto si sta riempendo di mentecatti, ma cosa vi sta succedendo ragazzi?? tra strampalate recensioni e commenti ancor più imbarazzanti da demenza senile , siete da ricovero tutti quanti!!


C.H.A.R.L.I.E Nokia
Opera:
Recensione:
floydman io ti farei tagliare le palle da un ebreo sotto tortura nella seconda guerra mondiale, ma non ti vergogni razza di infimo idiota?


Galakordi Urtis Krat
Opera:
Recensione:
sembra che io sia l'unica persona al mondo a trovare questo album "palloso"


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
Siamo alle solite: la recensione messa li' apposta per provocare, l'entusiasmo dei passatisti, l'indulgenza dei newbies, la nostalgia dei floydiani, l'ira dei punkettoni, le spammate di Vic Sorriso, il sacrosanto cinismo dei piu' saggi (mopy, chat, bjorky, corey, iside, saputello and more)... W DEBASER! :-)))


iside
iside
Opera:
Recensione:
sacrpsanto cinismo? + saggi??


Ashluke
Ashluke
Opera:
Recensione:
...che noia...


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Minchia è vero, le tue recensioni iniziano tutte allo stesso modo! :-DD


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Huummm.. però anche alcune delle mie iniziano con la stessa forma.. Ohibò.. :-|


Lord
Lord
Opera:
Recensione:
Cominciano i Pink Floyd che non riesco a digerire. La recensione, è ignobile


tyler durden
tyler durden
Opera:
Recensione:
...Ma basta!!!! miseriaccia infame, ma quanti doppioni bisogna leggere????
a questo punto evito proprio del tutto!!! recensione davvero orrida!!


Bonny91
Bonny91
Opera:
Recensione:
bastaaaaaaaaaa


Zarathustra
Zarathustra
Opera:
Recensione:
Kecco
Kecco
Opera:
Recensione:
sadeyedpocahontas
Opera:
Recensione:
non scrivi male, però su un classico come questo avresti dovuto fare di più: magari la prossima recensione falla su un album che non è ancora stato recensito.


Axlspark
Axlspark
Opera:
Recensione:
La rece nn è male, buon uso del linguaggio e riesci a descrivere bene un capolavoro.


Roby86
Roby86
Opera:
Recensione:
Disco monumentale... comunque devo ammettere che, in questo periodo, gli preferisco "The Final Cut" (che, negli ultimi tempi, ho completamente rivalutato!!!)


cptgaio
cptgaio
Opera:
Recensione:
Recensione che non serviva e che in piu' non dice quasi nulla,sull' album parla il voto.


Ummagumma
Ummagumma
Opera:
Recensione:
La recensione non mi piace però hai un ottimo linguaggio... per il disco l'ho votato così tante volte che mi vien la nausea a mettere sempre lo stesso voto! ;D


TheVoice84
TheVoice84
Opera:
Recensione:
le tue recensioni sono la fiera delle banalità


Prog87
Prog87
Opera:
Recensione:
wildthing
wildthing
Opera:
Recensione:
concepito da Waters in un delirio di onnipotenza. eccessivo. ma in fondo coraggioso.


Alevox
Alevox
Opera:
Recensione:
Il più grande. Recensione ignobile. Per recensire bene questo disco bisognerebbe almeno scrivere un libro.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Wall è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link