Primus
The Desaturating Seven

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Ai più questo lavoro a quattro mani sembrerà sordido, superfluo, ma eccovi la tenzone che ha visto coinvolti gli spocchiosi ed impertinenti De…Marga e Almo a proposito del nuovo LP dei Primus, “The Desaturating Seven”, in uscita il 29 settembre (voluto omaggio a Mogol).

Questo LP merita una accoglienza tutta dispari, cioè senza pari. Dopo aver speso una vita ad odiare gli elfi, Les Claypool, finalmente, si decide a dedicare un intero album ai goblin. Se sentirete dire che l’ispirazione viene da un libercolo che Claypool leggeva ai figlioletti per farli addormentare, si tratta, per l’esattezza, di balle! La realtà è più prosaica. Il punto è che il goblin è basso, e Les cosa suona? Poi il famigerato Clash Royale, coi goblin cerbottanieri, notoriamente figli di cerbottana, ha fatto il resto. È risaputo che lui ci giochi in maniera compulsiva e non faccia uso di pseudonimo.

Dopo “Green Naugahyde”, Les ha fatto per due anni il custode alla banca dei maghi Gringott, poi si è alleato con Sauron per realizzare “Primus & The Chocolate Factory With The Fungi Ensemble”, nella location segreta di Arda. Quindi, risolta qualche grana legale (ventiquattro, n.d.r.), è tornato con gli amici di sempre, Tim e Larry per fare un po’ di quello che sa fare meglio: polpa di polka psichedelica.


Les si impone, qui definitivamente, come contrappuntista, come architetto, ma anche come maestro, per il quale la danza è ragione di vita e fonte costante di stimolo. Così, stavolta, rende omaggio alla Polonaise, al Minuetto, alla Giga e alla Sarabanda. La stessa idea che aveva avuto Bach per i Concerti Brandeburghesi. Les è proprio un grande! Se ne è accorto anche Sean Lennon, che ha voluto cointestargli un album.
I testi sono curati, soffrono un po’ del rachitismo tipico dei goblin, ma sono curati.
Potremmo dire che il brano di lancio, “The Seven”, il classico tormentone estivo, assomigli vagamente a “Here Comes The Bastards” e, invece, no. È solo identico spiaccicato. Ma che importa? Gli altri sei pezzi, oltre a fare bella mostra dell’ articolo determinativo, stanno a metà strada tra “Salmon Man” e “The Last Salmon Man”. Dopo tre giorni puzzano. A memoria plautina.


Le acrobazie del basso non sono meno spettacolari che in “Antipop” e si avvicinano ai fasti di “Rhinoplasty”. Quindi Les è sempre Claypool, anche se qui, udite, a farla da padrone è Larry LaLonde: ad alcuni potrebbe sembrare “un impazzito e assurdo incrocio tra Alex Lifeson dei Rush e Robert Fripp” dei Giles, Giles & Fripp. Ma, ai più attenti, non sfuggirà la somiglianza con Dorothy "Dot" Wiggin, chitarra solista delle Shaggs. Quanto a Les, evidentemente ci sono sempre delle grandi signore dietro a un grande gruppo, lui sembra sempre più a Rachel Wiggin, la quarta Shaggs. Barba compresa.
Insomma, “The Desaturating Seven”, non sarà certo come navigare in un mare di formaggio, ma almeno una pestata ad un Formaggino Mio, sì. Quello sì.



Orbene, or dunque mi sovviene, a questo punto, una domanda a me stesso: giunti i Primus al traguardo del nono album, riusciranno ancora a sorprenderci, se non ad entusiasmarci? Per quanto mi riguarda nessun dubbio a proposito: ci riusciranno eccome e non è cosa da tutti i giorni e da tutti, tenendo presente del generale appiattimento di valori musicali in questi ultimi anni. Nella loro ormai quasi trentennale carriera sono riusciti nell'intento di "demolire" e fare a pezzi la struttura della musica popolare, passando senza alcun problema dal Rock al Blues, dal Funky al Jazz, con una spruzzata di acidosa psichedelia progressiva che infiamma il tutto. Ricomponendo poi la loro esplosiva miscela sonora ed andando a creare un crossover generazionale che ha preso spunto da una triade di artisti sensazzzionali (sì, con tre zeta perché rende di più l'idea... PORK SODA!!): lo zio Frank da Baltimora, il Capitano Cuore di Manzo ed infine, last but not least, quel Tommaso che, aspetta, di cognome fa Waits.


Il disco, come il solito, è stato pensato, composto, registrato nella casa-studio di Les, quel "Rancho Relaxo" dove sicuramente regna un clima speciale, una distensione infinita che spinge i nostri musichieri a dare sempre il meglio di sé. Però bisogna fare i conti con i due figli del bassista (“Los Bastardos”, secondo voci di corridoio…) che anche questa volta hanno cercato in tutti i modi di complicare le cose, disturbando pesantemente la band, sviandola dalla ricerca perfetta delle loro sconclusionate trame strumentali.
Tempi pari, tempi dispari, tempi svergoli e strambi. Basso liquido, chitarra che sembra sempre da tutt'altra parte. La batteria secca, tagliente è il biglietto da visita del rientrante Tim (sempre sia lodato il suo proverbiale tocco ritmato, in controtempo che cementifica ancora una volta, quel suono aitante, stimolante e florido, che mai mi stancherà).

Ho ascoltato, come tutti del resto fino a questo momento, solo il singolo apripista: ma mi è bastato, con quelle linee di basso così precise, liquefatte, incessanti ed un finale che vira inaspettatamente verso i Rush, ma anche verso il Re Cremisi. Ma sono sempre e soltanto i PRAIMUS, i numeri UNO da sempre e per sempre.

Le sedute di registrazione, come al solito, sono state rapidissime perché si narra che i tre astanti non apprezzino troppo l'acqua nella sua forma liquida. Si lavano assai poco e si deduce che puzzino alquanto, se non parecchio; del resto PRIMUS SUCKS (appunto e virgola).
O tempora, o mores! Primus haec intellegit.

Detto questo concludo con una considerazione: chiunque da tempo bazzichi per Debaser dovrebbe ascoltare il disco almeno una volta, anzi due, tre, quattro, cinque, sei...THE SEVEN...!!!

Ad maiora. Ad maiora.

De…Marga & Almotasim

Questa DeRecensione di The Desaturating Seven è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/primus/the-desaturating-seven/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiSei)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «voluto per evidente». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Primo!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim : Bravo! E col pedibus!
tia: Ma scusa dovevi scrivere primus!!!
tia
tia
Opera: | Recensione: |
Secondo me sono secondo. Bello scritto a quattro mani. Che poi o siete ambidestri oppure sarebbe meglio dire a due mani.
BËL (01)
BRÜ (00)

tia: Mi correggo. Se scritta al computer quattro mani e' corretto.
Almotasim : Ambisinistri della tastierona. Grazie del tuo commento; tia-spettiamo ancora...
Venusiano Sarcastico
Opera: | Recensione: |
Vi amo. Amo loro. Amo l'attesa straziante che ho per l'uscita dell'album. What else?
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie Venusiano! Aspettando godo, diceva Beckett.
De...Marga...: Venusiano!!! Qual buon vento!! Ma davvero li conosci???....Ahahahahahahahah.........
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Se non sbaglio questa è la vostra seconda recensione a quattro mani. Buona la prima ancor meglio questa più affiatati. Buon singolo che non fa` altro che accrescere la mia impazienza per l'uscita dell'album con la formazione originale al completo, ultima volta 1995.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: No, c'è Animals Should Not Try To Act Like People, che contiene quello che secondo me è il loro miglior pezzo di sempre in assoluto. È un Ep ma spacca come un triplo lp.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Grazie John! La formazione originale e' la cosa piu' ghiotta, tra le premesse al disco. Hai ragione a sottolinearlo. De...Marga e Almo? Brut snacaios.
BËL (00)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Bene. Non ci ho capito un cazzo. Quindi cinque.
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie Algol! Pero' Giovanna era la migliore, ma e' un ricordo che vale dieci lire. E non c'e' niente da capire.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
madcat
Opera: | Recensione: |
Vabbeh, ma quando esce il disco cosa posterete? Un video con commento track by track mentre ballate assieme in mutande su ogni singolo pezzo del disco?
BËL (04)
BRÜ (00)

De...Marga...: Insieme a te e Damon Albarn!!
madcat: Ah beh, allora a sto punto scelgo Graham Coxon! Se po fa?
algol: a questo punto speriamo non esca il disco.
Almotasim : Pork Soda Caustica!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
ma i rancho relaxo c'entrano qualche cosa con lui? potrei controllare su internet prima di scrivervi, ma a quel punto non saprei che altro dire se non "bravi, ma se siete due Almo chi è?"
BËL (01)
BRÜ (00)

nes: ok, i R.R. sono norvegesi, c'entreranno una cippa...
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Rancho Relaxo e' anche una spa collocata sulle montagne di Springfield, nella saga dei Simpson. Il celebre Troy McClure ne e' il testimonial. Grazie del passaggio Nes.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Credo - PUÒ ESSERE UNA STRONZATA - che venga da un testo di Zappa.
Almotasim : Speriamo sia così. E' qualificante.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
bella rece, bravi entrambi. Loro sono sempre nel mio cuore, anche se l'ultimo album ascoltato è "tales from the punchball".
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie del passaggio Nang! Essi piacciono.
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Ottimo ragazzi..! le recensioni a quattro mani sono sempre difficili..ma ditemi, rischio le botte dalle vostre quattro mani se vi dicessi che non ho mai ascoltato una nota dei Primus?!
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Tranquillo! Nessun linciaggio. Almeno da parte mia. Potrebbero piacerti... sono molto alternativi e Claypool e' un virtuoso del basso, come pochissimi. Grazie PoetaCosmico! Mi riscotevo ardente, calpestavo il suol pieno, le mie ombre legando, slegando sotto il velo...
CosmicJocker: ma quant'è ipnotica la Giovane Parca?!..quel poema per me è il suo vertice..
Almotasim : Condivido!
puntiniCAZpuntini: Mary The Ice Cube. È giusto un pezzo, scommetto 5€ che ti piace (sentilo in cuffia in buona qualità), se perdo le verso a debaser. Giuro. Tanto ti piace.
Harlan
Opera: | Recensione: |
Coem CosmicJocker, anche io (ahimè) non ho mai sentito una canzone dei Primus, ma rimedierò. Sulla recensione non ho niente da dire, se non complimenti, ma ora come si dice...Non c'è due senza tre :D
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : "Is it luck?". Parti da quel pezzo! Grazie del passaggio!
algol
Opera: | Recensione: |
eppure alla lunga mi stancano. Ho Pork Soda e Sailing the Seas of Cheese e raramente entrano nel lettore.
Non so ... mi danno un perenne senso di implosione, nella vaga attesa di qualche detonazione che non arriva mai, compressa tra le spire di sbilenchi virtuosismi.
Quasi claustrofobici ... non so se mi spiego. Con ciò anche un sordo come me capisce l'eccellenza tecnico / bassistica e l'unicità della proposta.
Riesco a sentirli solo a piccole dosi, ecco.
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : L'esperto dei P. e' DeMa, in attesa che dica la sua, anche io ho quelle impressioni, ma qualche rara volta arriva anche un senso di liberazione. Tecnica, isterismo e crogiuolo di generi. Tutto alternativo, ha un certo fascino grangiugnolesco.
algol: hanno il fascino del grottesco, quella fascinazione mista a disgusto che si prova innanzi a qualcosa di deforme. Comunque per me grandi momenti e grande fatica, nello stesso momento. Sono veramente assurdi. Ascolteremo anche questo.
De...Marga...: Allora da dove comincio? Ho già detto tutto e tante volte sul mio amore assoluto verso i Primus. Band non certo facile nell'ascolto, è fuori discussione. Forse il loro unico disco un po' meno sbilenco ed in qualche modo più "commerciale" rimane "The Brown Album" del 1997; detto questo aggiungo che, per quanto mi riguarda, mai mi stancheranno anche se posso capire l'argomentare di algol. Per quanto riguarda i loro live una cosa mi ha sempre colpito: Les e Larry non si guardano mai in faccia e non sbagliano mai uno stacco, un cambio di ritmica e di tempo. Sulla loro bontà dal punto di vista tecnico poco da aggiungere: sono dei mostri di tecnica e di bravura e secondo me non si perdono mai in troppe seghe mentali con i loro intrigati giri di basso e di chitarra. Avrò bisogno un solo ascolto, anzi nemmeno quello, perchè "The Desaturating Seven" diventi il mio disco del 2017; come è accaduto, dal lontano 1991, ad ogni loro pubblicazione.
Almotasim : Ok, ma il 29 esce anche il nuovo di Alexia... non si sa mai...
algol: Brown album lo recupero
puntiniCAZpuntini: Sì, brown album. Il batterista più piattoso che cassoso costringe Les ad essere meno virtuoso, altrimenti non si capirebbe una minchia.
Io comunque ripeto sempre e per sempre che Animals Should Not Try ecc ecc spacca il culo a tutti.
puntiniCAZpuntini: Secondo me di Les ti piace anche Highball With The Devil, non sono i Primus ma Les e
amici suoi che non ricordo ora
nangaparbat: per me i Primus sono stati uno dei gruppi piu' geniali di fine anni 80-primi anni 90. frizzle fry e sailing the seas of cheese due capolavori assoluti, hanno riletto mischiato zappa, i rush, gli xtc, la psichedelia californiana con le istanze del metal moderno (alla Faith No More). Pork soda un eccellente riassunto del loro stile mentre "tales" il loro disco piu' prog. Poi li ho un po' persi di vista, ma quei quattro dischi bastano e avanzano per ,me.
puntiniCAZpuntini: Quello era il periodo divertente e demenziale, poi sono cambiati ma per me, i pezzi più belli vengono dopo. Per racchiudere tutto Les Claypool dal 89 al 2007/8 a 224kbps ci son voluti due cd rom da 700 mega, li ho in auto da allora e quando li metto ormai salto tutto quel periodo e metto sempre il dopo, al massimo qualcosa di Pork Soda. Sono un po' come gli Elii, il percorso è relativamente simile a parte che Les ne ha fatti molti di più. Seas of cheese non lo sento da una vita e Tommy the cat ormai non mi dice nulla, molto meglio una roba tipo The Final Voyage Of The Liquid Sky, MA DI BRUTTO.
puntiniCAZpuntini: Oppure una Kalamazoo, dove minchia la trovi una Kalamazoo se non nei progetti di Les. Volendo esagerare si potrebbe anche dire che "i primi dischi sono quelli commerciali" e il bello è che si potrebbe dire anche il contrario e litigare per ore.

Les Claypool è uno con due coglioni enormi, snobbandolo si perde tanta tanta tanta roba.
nangaparbat: ok puntinicaz, mi hai incuriosito. grazie per le dritte!
Almotasim : Ok, quello che viene dopo Pork Soda lo conosco ben poco. La tua analisi lo esalta! Urge aggiornamento, thanks PCP!
nangaparbat: ha due pezzi clamorosi come "Professor nuttbutter " e "southbound pachyderm" degni dei migliori King Crimson.
blues4theredsun
Opera: | Recensione: |
Allora il rimando ai King Crimson non è arrivato solo a me ascoltando "the seven"!!
A proposito dell' album di sicuro non deluderà.
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Non son sfuggiti al DeMa(nio). 125 rece sulle spalle e I Primus come complesso preferito. Grazie del passaggio.
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Ad MaiorCa!!
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Palma d'oro!
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Fino alla storia del formaggino Mio, la recensione è un piccolo capolavoro; da lì alla fine, c'è solo da mettersi le mani nei capelli.
La tua peggiore, caro Almotasim, chiediti come mai :-)
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim : Ahahahahah. Eh? Oltre a Plasmon e Ovomaltina ti occupi anche di Formaggini Mio... non per essere indiscreto, ma sei gia' stato svezzato? Comunque sia... bravo Claypool, eh? Ma Dee Dee e C.J. sono un'altra cosa, ti do ragione. Bravo Pinhead, grazie per averci cagato, grazie.
De...Marga...: Pinhead dormi con le porte e le finestre ben chiuse perchè sto arrivando; questa volta non scherzo.............
Pinhead: Lo sai pure tu che è colpa tua se è venuta fuori una schifezza.
Almotasim : Ma al posto del Formaggino Mio preferivi il Belpaese o il formaggino Susanna? Un po' di scamorza? Formaggio Quark, Formaggio Asìno? Non ti capisco Pin! I'm a teenage lobotomy.
mrbluesky
Opera: | Recensione: |
Uhh questi qui,questi qui
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Uhh! Uhh!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Seven Up per tutti, offre De...Ma...
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim : La gazzosa, 7up, non il terzo album degli Ash Ra Tempel... 7up, io pensavo ci fosse scritto Zup...
Zosimus
Opera: | Recensione: |
Secondo me è un gran passo indietro rispetto alle tue vecchie recensioni... Peccato. Ma immagino sia per la presenza di De Marga. I Primus è dai tempi di ''Pork Soda'' che li ho persi di vista ora che ci penso.
BËL (02)
BRÜ (00)

llawyer: Zosimus, ti sta rammollendo?
De...Marga...: Quoto quello zozzone di Zosimus, lettore infaticabile di ogni scrittura debaseriana. Applausi a scena aperta!!
Zosimus: Lettore infaticabile? Può darsi... In effetti è stato faticoso arrivare fino all'ultimo rigo.
De...Marga...: A dire il vero volevi già fermarti al quinto rigo...Prova tu a scrivere una recensione senza nemmeno aver ascoltato il disco!! Coraggio puoi farcela Zosi.
rossana roma: 😂😂😂😂😂😂
Zosimus: Dove avrei detto che mi sarei fermato al quinto rigo? Hai le allucinazioni?
De...Marga...: Noi hai colto l'ironia della mia battuta; ne consegue che con conosci la band romagnola "Quinto Rigo". Sei proprio un Rospo allora.
Zosimus: Deve essere davvero una grave colpa.
MoodyFrazier
Opera: | Recensione: |
Scusate, na domanda: Ma se esce il 29 settembre come l'avete ascoltato? :\
BËL (01)
BRÜ (00)

llawyer: Seduto in quel caffé, io non pensavo a teeeee... lucio battisti - 29 settembre
Almotasim : Moody hai presente "Ritorno al Futuro"? Non c'entra niente. La rece e' semiseria. Il disco non l'abbiamo votato... visto che onesta' intellettuale?
MoodyFrazier: Comunque non vedo l'ora di sentirlo.
spiritello_s: Ma è semplice!! Hanno una versione pirata sottratta dal sito web di Les con un "Vile" (o vail per i più attenti...) atto di "cracking"....daltronde non si può aspettare sempre settembre per ascoltare le nuove uscite, ma che male gli fa anticiparle ad agosto?? Proprio non si capisce....
Almotasim : In realta' facciamo da babysitter ai pargoletti della band, proprio a Rancho Relaxo. Quando abbiam chiesto a Les di seguire le registrazioni e' stato accondiscendente, applicandoci pero' una drastica riduzione del compenso settimanale (gia' modesto). Io non avrei accettato, ma DeMa, che non ha il senso degli affari, ha detto subito si'. Morale: per tre settimane abbiam ricevuto una pacca sulla spalla. Tanto cervellotici negli accordi, tanto accorti col portafoglio.
hypnosphere boy
Opera: | Recensione: |
Un caro saluto a De...Marga...: ho votato ovviamente il singolo. La recensione è estrosa, divertente/divertita ma anche arguta, e molto competente. Anche secondo me i Primus sono tra i migliori degli anni '90 (e non solo di quel decennio). Complimenti ad entrambi. D
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Grazie Hypno! Ci si voleva appunto divertire un po'.
BËL (01)
BRÜ (00)

hypnosphere boy: Ars Recensorea \ m / ;)
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ehi! Fermi tutti! Mà è diggià uscito. E, in caso affermativo, sappiamo anche quando rientra? Mah! Un_ non può mancare un paio di quartidora (accademici) ché qùà succede il DeFinimondo: dicesi DeRecenze di disculi ancora/mai usciti.. in pratica: consideratevi bannati entrambi! DioG_à!
BËL (00)
BRÜ (00)

HOPELESS
Opera: | Recensione: |
Non sapevo esistessero ancora, giuro. Mi sa che devo recuperare l'ep Animals Should Not Try to Act Like People stando a quanto dice Caz più sopra. Dopo il primo pezzo di questo qui mi ero detto "che schifezza", poi a fine ascolto devo dire che è bello che dopo tanti anni e tanti dischi facciano ancora album così interessanti. Molto oscuro questo e copertina bellissima. Visti dal vivo sul finire dei novanta ad un Neapolis, c'era Brain allora che frantumò la batteria su Tommy the Cat.. LaLonde sempre uno tra i miei chitarristi preferiti degli anni 90. Les vabbè, lo sappiamo tutti.. @[GenitalGrinder] ti commento qui che è uno spasso.. Hi Bastards.
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim : Grazie del commento Hope!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: