Protest The Hero
Fortress

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Ciao, tutto apposto? Ho ripreso il lavoro e ne ho già le ..... piene, meno male che si fa ancora tre giorni questo fine settimana.. Hai sentito i Protest the Hero? Il cantante è veramente devastante.."

"Ehilà vecchio screamer de Dios, qui tutto apposto, mi dispiace per il lavoro, so che lì da te è dura.. No, non li ho ancora sentiti, com'è questo cantante?"

"Mah, è una sorta di Mike Patton, più pulito nelle parti alte, ma lo devi sentire, cambia voce cinquanta volte in cinque minuti.."

"Sti cazzi, indagherò su questo nuovo fenomeno, lo sai che sono un onnivoro divoratore di figliol prodighi vocali.. Mi hai incuriosito..".

Dunque, Protest the Hero, vediamo un po', album... Fortress.., deve essere mio!

Preso! Vediamo un po' che fanno questi nuovi fenomeni: ho letto che sono canadesi, attivi dal 1999, giovanissimi, catalogati come metalcore/mathcore band.. Mah, qualche dubbio ce l'ho.. Ma se il mio metal-mentore mi assicura che ne vale la pena, non indugio oltre..

Parte la prima traccia "Bloodmeat", intro progressive stile Rush ("YYZ") con più gas sull'acceleratore, il batterista aggredisce il doppio pedale, rullante e toms, scale in crescendo di chitarra, poi parte Rody Walker con una linea vocale che tiene toni degni di Mr. Cedric Blixter.. Sono un po' spiazzato, queste sono accelerazioni e stacchi prog, ma un attimo.. Tiro hardcore con screaming, cambio di tempo, apertura melodico sinfonica, con solenne cantato femminile.. No, è sempre lui..

Ancora urla, tempi dispari, falsetto stile Muse, armonici vocali Pattoniani come schegge impazzite che seguono stacchi e tempo di chitarre e batteria, e si riprende con un prog hardcore che lascia il posto, subito dopo, a uno stacco pacato e melodico, con apertura ancora sinfonica chiusa da un riff pesantissimo alla Pantera in chiave growl..

Bene, resto allibito.. Che musica fanno questi? Boh.. Andiamo avanti..

"The Dissentience": intro Slayeriano, la voce spazia tra note altissime, scream e growl, poi il tempo rallenta in un prog stranissimo in tempo dispari.. Stop and go, e poi via con tiro forsennato, scale di chitarra continue, cambi di tempo (Il batterista è un mostro, già dopo due pezzi si capisce..), aperture solenni e chiusura death.. Andiamo avanti..

"Bone Marrow", apertura di sola batteria, scale prog di chitarra, tiro hardcore forsennato.. Sembra di sentire il cantante dei Mars Volta sotto un tiro bestiale.. Scream, growl, voce solenne, chitarristi in perenne tapping e inerpicati in scale ripidissime. Poi tutto si ferma dopo l'ennesima sfuriata, note di tastiera molto dolci accompagnate da chitarra acustica chiudono il pezzo.. Non me l'aspettavo.. "Sequoia Throne" è assurda: inizio al fulmicotone, tempo forsennato, voglia di strafare a tutti i costi.. Ma questo quando lo prende il fiato? Come fa a passare da toni growl, urla lancinanti, ad acuti e falsetti pulitissimi? Cambi di tempo continui e melodie legate tra loro in modo assurdo e impensabile, concepite solo da menti geniali e alquanto fuori di testa, sfociano in un'unica canzone con un filo logico.. Mi viene voglia di togliere il CD e scaraventarlo fuori dalla finestra, uscire e saltarci sopra a piedi uniti.. Tutto il resto non si discosta molto da quello ho cercato di descrivere sopra..

Band assurda, la consiglio agli amanti del genere assurd nevrotic mad metal, quaranta minuti di follia musicale..

Devastanti

Questa DeRecensione di Fortress è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/protest-the-hero/fortress/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

ThirdEye
Opera: | Recensione: |
Oh, sicuro che non ti sei dimenticato qualche altro genere???

robyco
Opera: | Recensione: |
insomma una merda! mike patton ha fatto delle gran cose con i faith no more,perchè i brani non li scriveva lui;da solo ha fatto cose tremende e irritanti.Ci mancano solo dei dementi che lo emulino

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Sei stato stretto coi generi. La rece non è male

IcnarF
Opera: | Recensione: |
Stai deGENERando! Comunque ho sentito il singolo e, purtroppo, devo dire che é un accozzaglia mal riuscita dei generi più disparati! Non fa per me.

Cornell
Opera: | Recensione: |
Mah, ero indeciso se metterne ancora due o tre.. A parte gli scherzi, lode a questi virtuosi per la tecnica, ma veramente non ce la fai a ascoltarlo tutto l'album, ti vien voglia davvero di farlo volare fuori e saltarci sopra a piedi uniti. Se non ami il genere è meglio lasciar perdere..

Larrok
Opera: | Recensione: |
Nei generi bastava mettere "Metalcore da MTV" ed era più che sufficiente. Notevole tecnica, ma inutile poichè sprecata in inutili seghe sugli strumenti. Canzoni che vanno dall'inutilmente casinista allo scontato al derivativo. Lasciamo perdere il cantante che c'entra come un cazzo in un convento di suore.

Hell
Opera: | Recensione: |
Ossignore quale dei DeGeneri è quello esatto?? O_o

beso
Opera: | Recensione: |
Si ce l'ho anch'io il cd. Sono molto tecnici ma un pò privi di fantasia. Soprattutto le chitarre al terzo pezzo di fila di sempre tapping a mille all'ora fanno venire l'orchite. Però averne di band così al tempo attuale. Se riuscerro ad essere più vari nella scrittura delle canzoni potrebbero avere un futuro radioso, ma mi sembra gli manchi un song-writer leader. Ognuno scrive la sua linea per il suo strumento pensando solo ai virtuosismi, che poi cmq non raggiungono le vette su questo genere dei mostri anni 80/90. La rece è esaustiva.

Crimson87
Opera: | Recensione: |
sono semplicemente assurdi. dopo aver ascoltato gli arcturus, credevo di avere trovato l'apice della pazzia umana, invece vedo che si può fare di meglio (o peggio, a seconda di come la pensate) !

Dregen
Opera: | Recensione: |
Sinceramente per riuscire a "comprendere" quest'album l'ho ascoltato 10 volte in 2 giorni, ho letto i testi e alla fine mi sono arreso al fatto che hanno un potenziale assurdo. Tecnica eccelsa, forse uniscono troppi generi, avete ragione, ma definirli "metalcore da MTV" mi sembra proprio ingiusto.

nightdriver
Opera: | Recensione: |
Quest'album è funanbolico si, ma contiene molta melodia e tutto sommato un filo conduttore tra la musica, i testi e delle linee degli strumenti tra di loro lo vedo. Chiaro non è un album che "arriva" subito ma è cmq suonato in modo molto più diretto di tanto altro metal tecnico. Le origini dei PTH (canada) fanno venire in mente nomi eccellenti di altri generi (che cmq sono pertinenti alla loro musica) come giustamente sottolineato dal recensore i Rush e io ci metterei pure gruppi più moderni e metal magari come i Martyr...
Non vedo questa somiglianza tra il cantante e Mike Patton, quest'ultimo oltre ad avere un'estensione vocale molto più ampia giova di una maturità artistica che i PTH non possono avere, senza contare che Mike non riesco ad affiancarlo a nessuno (è uno dei miei idoli non ce la fo!), forse scomoderei più i Muse come tipo di canto (growl a parte :) ).
Cmq io trovo l'album piacevolissimo frenzy al punto giusto ma è chiaro degustibus!
Sono curioso di vedere come sarà il prossimo fino a questo cè stato un miglioramento, vedremo se ci sarà un altro step in avanti.
Ciao a tutti

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: