Terence Trent D'arby
Introducing the Hardline According to Terence Trent D'Arby

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Artista, parola apparentemente semplice, eppure dalle molte sfaccettature.

Chi è mai un artista?

Un personaggio che esprime la sua creatività attraverso varie forme.

Un artista può essere un pittore, uno scultore o architetto, un cantante (sì, anche Paolo Meneguzzi è, purtroppo, un artista se guardiamo al significato letterale del termine...), un ballerino, un attore teatrale, un musicista...

Artista è colui che fa sua e plasma un'Arte.

E' una persona che possiede un talento particolare (non tutti, però, ce l'hanno, sia chiaro...) e lo esterna al mondo che, compiaciuto, applaude, sentenzia, si entusiasma e lo porta all'apice, ma può anche distruggerlo e buttarlo all'Inferno...

Terence Trent d'Arby è quello che io considero un artista a 360°, dotato di una voce calda, sensuale, graffiante, ma anche vellutata, dai falsetti suadenti e controllata in ogni sua emissione (non a caso ha vinto un Grammy per la migliore voce maschile R&B nel 1998).

Ma non si limita al solo ruolo di cantante, poiché scrive, arrangia, suona la maggior parte degli strumenti in tutti i suoi album e balla come Dio comanda.

A tutto questo si aggiunge che Sananda Maitreya, sì, perché ora è questo il suo nome, dovuto ad un radicale cambiamento di vita in seguito a una profonda crisi vissuta, possiede anche un fisico invidiabile, anche adesso, a 46 anni suonati, unito a una gran bel faccino dai lineamenti leggermente orientaleggianti e pelle mulatta.

Sananda Maitreya è un figo, ha talento da vendere a migliaia di artisti, anche a rate rimborsabili a tasso zero... Pochi cazzi.

Ho avuto il piacere di vederlo in concerto nel 2003, alla veneranda età di 41 anni e vi assicuro che il Signore (ho messo la S maiuscola non per caso) ha tenuto uno show veramente con i contro cazzi, ha suonato, cantato e soprattutto ballato per quasi due ore, senza mostrare alcun segno di calo o cedimento.

Il primo album "Introducing the Hardline according to Terence Trent D'Arby" esce  nel 1987, e subito inizia la scalata delle classifiche grazie al singolo "If You Let Me Stay", trascinante sin dalle prime note, con percussioni un po' caraibiche, fiati, cori e tastiere che accompagnano la magica voce di Terence in un vortice r & b di pregevolissima fattura.

Mi ricordo che nei juke-box all'epoca, era un continuo, tra "Sign Your Name", grandissima ballad e forse il suo pezzo più famoso, "Dance Little Sister", un ritmo strappa mutande, chitarra e batteria funky, un groove da urlo, e il culo inizia a muoversi senza accorgersene e "Wishing Well".

L'influenza e la lezione dei grandi, come Sam Cooke e Stevie Wonder si sente fin dalla prima traccia "If You All Get To Heaven", passando per "Seven More Days" e la toccante, a cappella, "As Yet Untitled".

La musica si mette a servizio della voce, niente è mai esagerato, ogni nota, ogni arrangiamento, ogni giro sono perfettamente calibrati per valorizzare appieno il talento di Terence.

I cori sono perfetti, i fiati danno ai pezzi il perfetto stile soul e funky che solo i grandi come James Brown sono riusciti a trasmettere, il ritmo ti entra piano nel sangue e porta camionate di ossigeno ai muscoli, che iniziano, volenti o nolenti a seguire il tempo.

Quest'album è trascinante, dalla prima traccia all'ultima e finirà per raggiungere la soglia dei 12 milioni di copie vendute.

Se nascessero più artisti come lui, la scena pop non sarebbe così misera come ai giorni nostri.

Questa DeRecensione di Introducing the Hardline According to Terence Trent D'Arby è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/terence-trent-darby/introducing-the-hardline-according-to-terence-trent-darby/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiQuattro)

emanuele
Opera: | Recensione: |
ha una voce anormale
BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
ce l'ho in musicassetta, comprata da my sister quell'anno, mi sa. Da rispolverare.
BËL (00)
BRÜ (00)

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
l'inizio recensione è veramente... boh, non mi viene la parola? chi è un artista? mi viene in mente quando giobbe covatta faceva le rassegne stampa a mai dire goal... "ed eccoci al tirreno e alle sue domande inquietanti: (riguardo la scoperta del fuoco) Fuoco, arma di distruzione di Massa? e Carrara?"
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
In effects all'epoca Terenzio era un bel pezzo d'artista r&b, soul\funk ( almeno fino al sottovalutato 'Vibrator', ke ormai nun vendono manco nei discount..): after ha perso la bussola,
tra cambi d nome + ridiculi de Prìnz & la lux improvvisa del Signore; insomma dissipatori di talento
como lui ce ne sò stati pochi. Bbona rece Cornell, but el Grammy est 1988.
P.S. -Comunque 'Let love rule' del Kravitz lo spakka in 2 codesto bel disculo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Iruben
Opera: | Recensione: |
Grande artista e grande disco. Ho tutti i suoi album. Symphony or Damn è ancora meglio, sul piano compositivo e degli arrangiamenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERVAI1986
Opera: | Recensione: |
WOW VOCE DAVVERO ECCELSA
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Maronna Black, ma quand'è che la finisci con 'sti commenti del cazzo? Quand'è che esci dal mondo dei bammbaccioni? Quand'è che la smetti di imitare Sfascia? Quand'è che la smetti di fare il Romano? Ormai sei la parodia di Te stesso. Cazzo, Ti ho difeso e voluto bene, ma ormai sei ridicolo. Finiscila, per favore, sei più triste di Rambo e Pippo Baudo messi assieme. P.s. : il disco non l'ho mai ascoltato per intero, però Sign your name sta nei migliori pezzi pop degli anni '80 in assoluto.
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
Opera: | Recensione: |
Sì, decisamente è tornato azzo!
BËL (00)
BRÜ (00)

pedraelighe
Opera: | Recensione: |
smesso di leggerti al:" uno show veramente con i contro cazzi"
BËL (00)
BRÜ (00)

Barbanera
Opera: | Recensione: |
E' un po' paraculo il ragazzo, eh... Però...
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
porca paletta, era unarece che avevo in mente di fare io dopo tanita tikaram... la rece è diversissima da quella che avevo in mente di scrivere, ma d'arby sprizzava talento puro.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
T.T.T. idolo degli anni '80 (solo per questo album paraculato) l'ho sempre odiato
BËL (00)
BRÜ (00)

djmushroom
Opera: | Recensione: |
Ho visto D'Arby in concerto in un'edizione di Sonoria memorabile 10 anni fa ( con Cure - Page/Plant - Curve - C.s.i. ). Veramente un grande soprattutto live . Live da 5 disco da 4.
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
sign your name è una delle canzoni più belle che ho ascoltato in vita mia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
@azzo: your post 7 si auto-comment & commisera da solo, impotente et stolto. Quanto ai 'presunti commenti del caz' siamo almeno pari, Coglione. 'Romano'? 'Sfascia'? But vafàngul va, tu et quel tuffatore olimpic de Crespo..Gracias por l'accostamento to John & Pippo. Onorato. Io comunque
not giudico né difendo persone on DeB como fa your capoccia x darsi un ridiculo ( quello si) "tono"
da pirla. L'intrepido & sagace azzuccio, ke potrebbe vincere 'na gara d stile libero nuotando a rana.

BËL (00)
BRÜ (00)

Ghemison
Opera: | Recensione: |
sì dai una bella rissa verbale!!! cazzo insultatevi... finalmente. era tanto che non c'era una bella diatriba volgarozza qui su deB. in tanto io prendo le scommesse degli altri utenti e chiamo un po' di amici a raccolat. voi sfogatevi, mi raccomando.
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
No basta, nun voglio infierire ora a -6..
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Ghemi scusa, ma io non capisco un cazzo di quel che dice Merdadicane. Se me lo traduci Tu, forse riesco a replicare...
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Povero ladro pijainculo a strisce nerazzurre, puoi understand? Sei solo chiacchiera & distintivo,
se not la finisci te manno a casa Papa Waigo. Prepara el pannolone extra-large.
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Quanti nick hai, cazzone? 25? But vergognati, piuttost. Presuntuoso & immorale, codesto homo sei.
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
Opera: | Recensione: |
Peccato un linguaggio così greve sia nella recensione che nel dibattito (del tipo:FregaNiente). il disco lo adoro ma invecchia un po' maluccio. sono molto legato a Neither Fish nor Flesh, sottovalutatissimo, ma degno. P.s. Sapevate che T.T.D./Sananda vive a Milan?
BËL (00)
BRÜ (00)

GustavoTanz
Opera: | Recensione: |
"Ghemi scusa, ma io non capisco un cazzo di quel che dice Merdadicane." BUHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHA HAHAHAHHAAHAHAHAHAHAHAAAHAHAHA!
BËL (00)
BRÜ (00)

darth agnan
Opera: | Recensione: |
bel disco. alcuni pezzi a dir poco fantastici.
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
illo jè stat na meteora o nu meteorite? o come na cometa senza scia? (non c'azzecca na uallera ma me sona bbuono) o come te senz'ascia? boooh "ai posteriori l'ardua scemenza" come diceva Uill I'Am Sex Pir...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: