The Dream Syndicate
Out of the Grey

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


E' di questi giorni la confortante ed attesa notizia sul nuovo disco dei Dream Syndicate: è pronto ed uscirà il prossimo 8 Settembre. Sapete già come la penso sulla band e su Steve Wynn: da decenni si sono meritati un posto in primissima fila nelle mie assolute eccellenze musicali.

"Out Of The Grey" è il terzo disco della band californiana; pubblicato nel 1986.

Ahahahahahahahahahahahahahah; scusate la grassa et grossa risata ma ora vi spiego il motivo di tale mia ilarità.

In tutti questi anni ne ho sempre lette di ogni sul disco; nella maggior parte dei casi commenti del tutto negativi.

Per qualche critico saccente si tratta di un lavoro bolso (e che cazzo vuo dire poi bolso, scusate!!), svogliato, malprodotto dallo stesso nuovo chitarrista entrato nel gruppo da pochi mesi. Per altri ci troviamo di fronte a canzoni fiacche ed anonime (??), aggiungendo anche un cantato e dei testi per nulla ispirati da parte di Steve; esecuzione delle canzoni non troppo convinta da parte di una band che sembra svolgere il minimo indispensabile, senza nessun tipo di divagazione acid-psichedelica.

Potrei andare avanti ancora con i giudizi critici che ho letto in tutti questi anni su riviste di settore ed anche in rete; giudizi per me totalmente sbagliati, fuori luogo e che non condivido per nulla.

Una cosa è certa: l'album in questione non raggiunge le irrangiungibili vette (perdonate il bisticcio di parole) dei suoi due predecessori "Medicine Show" e "The Days Of Wine And Roses" (soliti immensi brividi soltanto nel riportare i titoli di queste due autentiche opere d'arte del Rock Americano degli anni ottanta). E' altresi vero che un chitarrista esplosivo, dinamico, mai fermo come Karl Precoda sia molto difficile da sostituire; Paul B. Cutler ha un suono ed un atteggiamento molto più disciplinato, attento e ragionato. (Ricordiamoci sempre che è sua la spumeggiante ed irresistibile chitarra che ha reso leggendario il "Live At Raji's" che i nostri suonarono nel Gennaio del 1988 concludendo la prima parte della carriera, fino alla reunion del 2012).

Mi chiedo come sia possibile non schizzare dalla poltrona ed aumentare il volume dello stereo quando partono le primissime note di "Forest For The Trees": furiose ed incontrollate le bordate tirate dalle due chitarre, sostenute da quel basso così presente di Mark Walton e dalla batteria secca e pungente suonata, senza mai perdere un colpo, da Dennis "il metronomo" Duck.

Il Rock Blues forte e roccioso di "50 In A 25 Zone" dove è proprio un assolo ispiratissimo di Cutler a far decollare il brano; la brillantezza easy listening di "Now I Ride Alone". Ed arriviamo al capolavoro del disco "Boston": la Mia canzone preferita del Sacro Sindacato!!!. Con quel riff portante della sei corde così epico, dannatamente coinvolgente (l'ho provato dal vivo e posso confermare il tutto). Proverbiale e da antologia il suo incedere in continua crescita, in drammatica ascesa fino al finale dove tutta la strumentazione viene messa a dura prova dai musicisti che si lasciano andare, mollano i freni e ci regalano un qualcosa di inenarrabile da tanto bello e coinvolgente.

E ci sono ancora almeno tre pezzi da massimo dei voti.

Ma qui mi fermo perchè il mio impianto stereo sta diffondendo le prime note di "Boston" e non posso rimanere seduto....

Come sempre mi accade massimo dei voti ai Dream Syndicate.

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Out of the Grey è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-dream-syndicate/out-of-the-grey/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

woodstock
Opera: | Recensione: |
Si può dire che Out of the Grey è almeno - ma almeno eh - sul podio delle mie tre canzoni preferite dei DS? Si può dire sì? Affanculo anche i critici
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ma direi che provo somma gioia e godimento nella tua affermazione woodstock!! Ti dico il mio podio del Sindacato: Boston, The Days ecc..ecc... e Merrittville.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Dicesi "bolso" quell'organismo unicellulare o pluri (sempre cellulare) la di cui esemplare femmina della specie è la famigerata Bolsa: detta volgarmente anche Borsa. Quella insomma dove la vede frugare per hore ed infine estrapolare l'oggettistica più bislacca ma senza cavarne un effettivo DeRagno dal buco. Capito-mi-hahahahahahahahahahahahah a?
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Tengo altresì a specificare che questo mio erudito commento di cui sopra sottolinea il fatto ché del DeDisco "bolso" di cui sopra né saprei meno-di-gnente. Ecco, ma solo per la precisione.
spiritello_s: Bolsa? Tu vole complale? Tle eulo, tle eulo!
De...Marga...: Sfascioso sfascia si metta da subito, da adesso alla ricerca di quell'epocale disco dal vivo che segnalo nella mia erudita paginella. Le do tempo poche giornate per documentarsi, poi passerò a chiederle il suo critico giudizio in merito.
sfascia carrozze: Vedrò quel che posso fare. Ma soprattutto quel che non posso fare. As usual.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Cinquant'anni e non sentirli, I Dream Syndicate, sarebbe un peccato.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Anche fra cinquanta di anni sarai autorizzato a dire la medesima cosa Almo!!!
Almotasim : Quando commenti I Dream sei "younger then yesterday"!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Sono tanti gli album che sto rivalutando o meglio valutando senza pregiudizi in questo ultimo anno. Questo è gran bel disco quattro Stelle li vale tutto. Certo che con Wynn Smith e Precoda i Dream avessero un sound più nervoso e sperimentale. Tolto i due rimane Wynn che è si un fuoriclasse ma anche la parte più calma e meno sperimentale .
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Anch'io sono legatissimo alla prima ofrmazione dei Syndicate, con la bella presenza al basso della Signora Kendra Smith; però Walton e Cutler non scherzano.
Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pagina nostalgica ma secondo me poco obiettiva. Vedo... vedo: farfalle nello stomaco! Eh, l'amore. Ben vengano le farfalle, ci mancherebbe, tra l'altro io nell'86 ero all'asilo, ma insomma, gli altri dischi sono delle cazzo di bombe, questo un minicicciolo di quelli che tiravamo ai giardinetti. DeMa, ho sentito il singolo appena uscito: è un pezzaccio psichedelico di 11 minuti; suona molto Dream Syndicate, ma in modo nuovo. A me piace molto
BËL (02)
BRÜ (00)

Festwca: *"gli altri dischi": quelli prima
De...Marga...: Ho sentito il nuovo singolo e concordo sulla sua consistenza; suona del tutto Dream Syndicate. Riguardo Out of the Grey purtroppo siamo alle solite, nel senso che non riesco mai ad essere obiettivo quando devo parlare di una del miei amori musicali. Per me è un gran disco, certamente un buon gradino al di sotto delle due bombe ad orologeria che conosciamo entrambi. Ci risentiamo a Settembre per l'uscita del nuovo lavoro anche se puoi già da adesso ben immaginare il mio insindacabile giudizio. Saluti da Domodossola.
sfascia carrozze: Eh.. che belle le DeFarfalle svolazzevoli allo stogamo.. io il disco non lo conosco ma nel '86 ero già "vecchio": seconda/terza superiore (si fa per dire). Bei tempi. Ma mica tanto, a penzarci bene.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Le solite minime correzioni dovute alla mia abituale foga scrittoria...(non cambierò mai le "brutte" abitudini!!!).». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Assolutamente ignaro dell'imminente lp brand new, mi hai rallegrato la giornata!
Out of the Grey, album tanto amato e "diversamente bello" rispetto agli eletti "The Days Of Wine And Roses" e "Medicine Show" (ho apprezzato tanto anche Ghost Stories). Casi ecclatanti di lavori sottovalutati ce ne sono a iosa e lasciano il tempo che trovano, è stato bistrattato anche un capolavoro come Animals dei Floyd...ho detto tutto!!! Out of the Grey contiene brani che meritano il giusto riconoscimento, specialmente Boston (concordo pienamente con te). Anima e cuore, recensione bella e sentitissima come tutte quelle che partono dalla tua penna. Bel colpo De'M !
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie come sempre delle tue belle parole Jonatan!! Se non l'hai ancora fatto ti consiglio la lettura della mia recensione "fiume in piena" del concerto che i Dream Syndicate hanno tenuto a Trezzo sull'Adda nel maggio del 2014.
JonatanCoe: Appena posso mi precipito a leggerla!
Cialtronius
Opera: | Recensione: |
Lette di OGNI

anche tu utilizzi questo nuovo BRUTTO modo di dire della NUOVA lingua Italiana che va dal merdosissimo MA ANCHE NO a tutte le nuove storpiature del nuovo millennio

UNO!!!!!!!!1!!!111!1!1
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ok Ribaldo siamo alle solite; giustamente non ti paice il mio modo di scrivere e di questa cosa nella posso farci. Però porca zozza per una volta, per un volta soltanto parliamo del disco. Conosci la band? Hai mai ascoltato qualcosa della lora discografia? Sei al corrente del ritorno discografico dei Dream Syndicate? Dai vieni giù dal piedistallo per una volta; e molla i soliti tuoi due o tre idoli musicali (qualcuno ha detto Queen o Battisti del periodo Panella). Coraggio puoi farcela; argomentiamo sulla musica perchè io sono solito scrivere recensioni proprio per entrare in contatto con gli utenti per scambiarci opinioni, anche negative ci mancherebbe, sul disco in questione. Senza rancore stimato cugggino un caro saluto dalle montagne ossolane.
Cialtronius: no non li conosco dai
lasciami stare non li voglio ascoltare
voglio solo mettere gli UNO e rompere il cazzo

:)
De...Marga...: Niente da fare; ecco perchè ti voglio un gran bene cugggino!!! Serissimamente ovviamente (ma si potrà usare questa frase ti chiedo "Prufesur"?).
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Cioè, "Forest for the Trees" e "Boston".
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Infatti!!! Ecco perchè le cinque stelle comun que bisogna appiopparle al disco.
Pinhead: Per quei due 5 a vita.
Pinhead: Oh, per non saper né leggere né scrivere il biglietto per Bologna l'ho già preso :-)
Pinhead: De Ma vieni a Bologna pure tu, dai
IlConte
Opera: | Recensione: |
Beh ma come non avevo commentato una tua rece?! E di quel sindacato che mi hai fatto conoscere?! Una delle più belle scoperte qui! Ho i vini e le rose e lo show della medicina questo manca @[Pinhead] (5)
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Acquisto assolutamente da effettuare Conte; come sempre devi fidarti di un quasi cinquantenne....ops cinquantenne volevo scrivere.
IlConte: Mifidociecamente! Una nobile anima rocker del 67 con attributi come si deve in tutto e' più unica che rara eccheccazzo!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: