Per la mia prima recensione vorrei parlare di un grande gruppo australiano famoso in tutto il mondo e cioè gli inimitabili Ac/dc!!! Prima di tutto vorrei fare una premessa sul gruppo: essi nacquero nel 1974 grazie all'iniziativa dei fratelli Young; nel giro di pochi anni essi raggiunsero un successo su scala mondiale e riuscirono a mettere daccordo tutti, anche il pubblico non strettamente metal. Il loro sound è bastardo e grezzo ed è caraterizzato dalle forti venature blues che sostengono la voce al vetriolo di Bon Scott, uno dei simboli del gruppo, e alla chitarra dell'eterno folletto Angus, famoso per le sue lunghe escursione solistiche. Quando la band ormai sembrava inarestabbile Bon Scott muore per i suoi problemi con l'alcol e il destino ormai sembrava segnato... ma poi sappiamo tutti come riuscirono a rialzarsi.

Ho scelto di recensire questo cd, anche se era difficile scegliere un disco della prima fase di carriera di questo mitico gruppo, e l'ho scelto perchè secondo me è il più rappresentativo. Per quanto riguarda le canzoni prese in singolo non voglio stare qua a divulgarmi inutilmente tranne accenando solamente la title-track, che è diventate parte fondamentale della storia; la caratteristica di questo cd è che sprigiona energia da tutti i pori e la band era in forma straordinaria, dimostrando come suonare rock'n'roll in maniera potente e convincente.

Per concludere dico alla gente di ascoltare questo cd perchè secondo me rappresenta il culmine creativo della band (grazie sopratutto all'inimitabile Bon Scott) rispetto agli altri lavori che diventeranno troppo fedeli a se stesso, togliendo ovviamente l'intocabbile "Back in Black"!!!

Carico i commenti... con calma