Arthur Russell
First Thought Best Thought

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Arthur è uno dei più sorprendenti
ed enigmatici compositori degli anni 70 e 80...
grazie a dischi come questo gli appassionati
della buona musica avranno modo di scoprirlo da soli"

P. Glass

Esistono personaggi alquanto ambigui e trasversali nel mondo della musica, di cui si sa gran poco e quel poco è spesso incompleto o sfalsato salvo poi venir menzionati e pubblicamente ringraziati da veri e propri Mostri Sacri (vedi P. Glass) che ne risollevano i fasti e ne rilanciano le quotazioni.

Di questo Arthur Russell, si sa pochino se non che bazzicava nel giro alternativo tra i 70 e gli 80 spaziando tra i generi più disparati: dalla "disco" fino ai primi esperimenti di house elettronica per arrivare a musiche prettamente sperimentali, minimaliste e "dissociate" come i dischi "World Of Echo" e "Another Tought" o come le musiche contenute in questo doppio lavoro celebrativo uscito da pochissimo dalla Rough Trade e intitolato "First Thought Best Thought".

Il primo cd contiene brani inediti e chicche abbastanza rare racchiuse sotto il titolo di "Instrumentals volume 1" mentre "Instrumentals Volume 2" racchiude brani pubblicati in origine nel 1984 da Le Disques Du Crepuscule.
Definire queste composizioni "geniali" è già di per sè impresa coraggiosa e per certi aspetti discutibile, in quanto queste arie sghembe "al limite dello stonato" suonate da pochi strumenti per lo più orchestrali, ci restituiscono un artista completamente fuori da ogni logica e metrica comunemente adottata da artisti occidentali. Sarà quel retro-sapore indiano che si ascolta nella prima traccia, ipnotica e suggestiva quel tanto da fissarsi nella testa come una mantra ancestrale di natura extra-terrena, sarà per quel modo di suonare "modale" e "polifonico" straniante e poco orecchiabile benché si strizzi l'occhio (e l'orecchio) ad atmosfere da "simil-Beatles orchestrali in pieno trip lisergico", fatto sta che queste composizioni (suonate per lo più in accordi minore su scale orientali) si librano come strane creature senza sesso o bandiera e non ci mollano più (ascoltare il minimalismo disallineato di "Reach One" che fa vibrare percussioni riverberate su basi suonate da 2 piani Rodhes del tutto aliene e inclassificabili).

Il secondo CD recupera "Tower Of Meaning", una lunga suite quasi dispersa e praticamente introvabile con musiche più ostiche e difficili, arrangiate in maniera forse più pomposa e monotona, seguita da "Sketch For The Face Of Elen", una composizione inedita che paga il debito a Philip Glass (appunto), Terje Rypdal e al minimalismo più pesante e di maniera.
Insomma, se ne esce stremati da questo ascolto di oltre 2 ore che poco o nulla concede alla "facile presa" e alla "piacevolezza dell'ascolto" tutto teso nel creare trame cristalline e tortuose che, superate la prima parte di magnificenza e fascino, finiscono alla lunga per stancare, creando quel fastidioso e imbarazzante senso di "tappeto sonoro" noioso e il più delle volte fine a se stesso.
Un doppio lavoro che poteva tranquillamente esser condensato in un unico disco (forse meno dispersivo e più raccolto) e che nella sua "mole" risulta in molti passaggi sfibrante e faticoso benché, almeno 4/5 tracce del primo cd valgono l'intero costo!.

Genio o no, questo Russel merita comunque un attento ascolto (soprattutto il primo CD più ispirato e piacevole) ma mi raccomando... sempre a piccole dosi.
Bau Bye!!

Questa DeRecensione di First Thought Best Thought è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/arthur-russell/first-thought-best-thought/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

odradek
Opera: | Recensione: |
Ascolterò senz'altro questo disco, che pare contenere lavori che non conosco. Consiglio senza dubbio "Another Tought", sul quale avrei scritto, prima o poi, qualche riga. Giusto perchè nel testo non se ne fa cenno, va detto che si tratta di un violoncellista, che ha adoperato il proprio strumento in modo davvero anomalo, e di un musicista apprezzato dai suoi "colleghi" più significativi di quegli anni, come testimonia la frase di Glass. Era anche una persona, a detta di chi l'ha conosciuto, davvero speciale. Bravo Stronko per questa segnalazione.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
Lo cercherò anch'io, mi ha sempre incuriosito. Non c'entra nulla ma: proprio ieri ascoltavo un cd che spiegava la validità della "prima impressione", della valutazione istintiva al primo sguardo rispetto ad una analisi logica e approfondita. Il titolo del cd riassume perfettamente il concetto.

egebamyasi
Opera: | Recensione: |
Russell ha scritto dei pezzi "disco-house" fenomenali negli anni 80. E' stato uno dei pochi a portare la sperimentazione all'interno del dancefloor. Chi crede che la musica ballabile sia di serie B è pregato di ascoltarsi qualcosa di questo mostro. E non lo dico con astio, ma per ampliare la vedute. Le sue composizioni avevano una classe, un'eleganza, che hanno fatto scuola.
Un personaggio davvero imperdibile.

Wanderer
Opera: | Recensione: |
Che fantastica segnalazione! Ho udito qualcosa di strumentale, a cui ben si attaglia la tua descrizione di atmosfere da "simil-Beatles orchestrali in pieno trip lisergico", ma non ho mai preso alcun album del nostro Russell: questo potrebbe fare per me. Great performance, Stronko.

lux
lux
Opera: | Recensione: |
il secondo disco non s'aregge!

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Core-a-core
Opera: | Recensione: |
Ottima proposta anche questa, oggi sto facendo il giro della seconda parte di me.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: