Breus e i suoi commenti

Opera:
Recensione:
Bisogna dire che questo album non tradisce le aspettative. E' esattamente come ce lo aspettavamo.


nes: io neanche me lo aspettavo un album dai pink floyd...
Opera:
Recensione:
non esagero... a volte certi passaggi me li sogno di notte e alla mattina mi sento strano... è una musica sinistra... non eccessiva e dichiaratamente oscura tipo primi Current... apparentemente è più misurata, però "dentro" ha qualcosa di molto sinistro


Psychopathia: ma infatti la rece è efficace. se un giorno avrà distribuzione lo compro sicuramente
Opera:
Recensione:
il disco m è pervenuto assieme ad altri da un amico che mi smista un sacco di cose da recensire ogni due mesi circa... non so se avete presente... demo, dischi mainstream, test press, ecc. io ricevo parecchi cd e vinili durante l'anno e molta roba nemmeno la smaltisco... mi rendo conto che non ci sono notizie da nessuna parte, ma io che ci posso fare??... ho recensito il cd perchè è molto particolare, non lascia indifferenti e ha un'aura inquietante


Psychopathia: ecco, ora sei stato chiaro. così se un giorno avrà un pò di distribuzione me ne ricorderò e forse lo comprerò. ora non ti rompo più i coglioni e grazie per aver chiarito perchè non c'ero arrivato
Opera:
Recensione:
Bè ragazzi, pensate quello che volete... io il disco ce l'ho e l'ho ascoltato. Non trovo strano che dischi del genere non lascino traccia di se, anzi penso sia voluto per creare interesse.


Psychopathia: non era mia intenzione offendere nè scatenare polveroni, solo che dopo 2 giorni di ricerche uno due domande se le fa... condivido tra l'altro ciò che hai detto sul mistero, però potresti darci qualche dritta su dove sentirlo o comprarlo
GIANLUIGI67: non vedo il senso nel recensire un disco inesistente, comunque è molto strano che non esista traccia, almeno per un minimo di distribuzione. Deve essere un'autoproduzione limitata distribuita a mano.
Psychopathia: sì, come dicevo sopra, i primi 3 album degli ain soph erano così, e infatti nessuno sapeva che esistessero. però se in tutto google c'è solo sta recensione, altro che mistero ed ermetismo! nell'84 a confronto i current 93 erano famosi come springsteen!
In: The Hunter di Breus
Opera:
Recensione:
Ho dato un 3 perchè la tracklist è appesantita da qualche brano che poteva essere tagliato, dando all'album più coesione e un profilo migliore. In realtà una mezza dozzina di pezzi è davvero superlativa e merita l'acquisto del cd. Fate decantare questo disco e lo apprezzerete assai.


In: Statues di O__O
Opera:
Recensione:
Band di genere completamente fuori dai miei gusti... eppure... eppure un pezzo come "The time is now" è veramente stratosferico. E poi la voce della Murphy mi è sempre piaciuta.


Opera:
Recensione:
Molti suoni sembrano presi peso da vecchi album di Deca (Phantoms, ad esempio, che è del '98) e di Harold Budd. Al secondo ascolto mi pare roba già sentita da tempo e sicuramente non mi crea vibrazioni inattese.


Opera:
Recensione:
Rai Trade ha sempre prodotto dischi. Cose di genere, artisti poco noti, ma di grande livello qualitativo. E' significativo che la Rai abbia prodotto un disco di musica sperimentale, no?


Opera:
Recensione:
Avevo recensito anch'io questo bell'album di questo grande compositore... recensione passata quasi inosservata. Come sempre i nomi che non vanno di moda o non hanno venduto 10 milioni di copie restano lettera morta. Eppure sono sempre tutti lì a cercare nuove cose eclatanti... beh, Deca è eclatante!


Opera:
Recensione:
Comunque io non ne ho parlato bene di questo disco. Adesso non fatemi passare per quello che perora la causa dei musicisti fregoni! Non l'ho nemmeno votato...