Jimmie Dimmick e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
Se sei un adolescente o simile tutto regolare bella storia continua così
in caso contrario mi permetto di ricordarti che tu non sei Carmelo Bene e non lo sarai mai.
Tu sei Vinny Sparrow!
BËL (00)
BRÜ (00)

VinnySparrow: Hai letto da qualche parte che io sono o mi paragono a Carmelo Bene ? Non lo sono e mai lo sarò. Certo, sono VinnySparrow.
Jimmie Dimmick: Amico mio, tu ne sei la brutta copia, in questo scritto almeno. Copi il flow na mean? ma sei un adolescente o no?
VinnySparrow: Magari fossi la brutta copia. Non farmi complimenti che non merito...amico mio
Opera: | Recensione: |
Bella recensione, c'è dell'amore
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Bella recensione ma perdonami che due coglioni murubuto! "Serve solo il grooooove!"
Perchè non si limita a scriverli questi capolavori? Perchè non fa slam poetry?

BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
perdona l'ignoranza, ma chi o cosa è popcorn, oltre ad un gustoso snack ricavato dal mais che magnificamente si presta ad accompagnare la visione dei film?
BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
e diamogliele ste cinque stelle a sto film!
Che sono contate? No? E allora che ve frega, diamogliele ste di cinque stelle!
In più, avete presente il delirio che è stato produrlo? Gli sbattimenti che si sono fatti Mastandrea&Co (con splendida lettera a Martino Scorsese inclusa)?
La recensione è molto bella, specie la parte sul finale.
in più ti posso dire che le storie raccontate mi sono risultate talmente familiari e realistiche, verosimili, da farmi impressione e da farmi sentire davvero immedesimato come raramente mi capita coi film.
Ho riso e pianto insieme ai due eroi, ho sofferto nel vedere così fedelmente riportati sullo schermo tanti problemi così tristemente noti, così spiacevolmente conosciuti.
Eppure il fascino cinematografico è intatto, non è mai documentaristica, pare un'epopea scorsesiana, che però come giustamente dice strummer non punta in alto, ma si occupa dei "pesci piccoli". Tanto piccoli da essere disperati. E quella disperazione Caligari la doveva conoscere davvero bene, da vicino, per poterla raccontare così bene.
BËL (01)
BRÜ (00)

Jimmie Dimmick: e dice bene (di nuovo) strummer: la felicità prevale, nonostante tutto.
Opera: | Recensione: |
Diciamo che qua almeno non c'è fiorello2

BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Zio figa oh! La street life? LA STREET LIFE? Ma di che cosa vuoi che ti parli un cristiano di di 35 anni e passa che musicalmente ha già fatto storia e che sta in testa a tutti gli adoloscenti del suo paese?
Come si possono paragonare frasi scritte quasi vent'anni fa a quelle di oggi? Cosa facevi tu vent'anni fa? Io personalmente mi nutrivo succhiando latte da una tetta (cit.). "gugugugu gagagaga mamama paa" le mie dichiarazioni. Ora, io sinceramnte intendo i dogo per quello che sono, un gruppo di simpatici zarri invecchiati che parla di quello che fa e che ha perfettamente capito la regola d'oro per stare sulla cresta dell'onda. Loro sfornano hit su hit e punto. I testi? Fanno ridere! Ma non ci sono solo loro nel panorama italiano! Ci sono tanti di quei rappers! Se cerco cose un filo più profonde mi rivolgo altrove, coi Dogo so già cosa trovo: puro e semplice intrattenimento, all'americana. Se facessero ancora i vent'enni, se avessero ancora quella visione del mondo lì, in bianco e nero, sarebbero degli stupidi o degli ipocriti. Meglio così e bona l'è.
BËL (01)
BRÜ (00)

In: THE LADY di RIBALDO
Opera: | Recensione: |
E invece questa serie rasenta il capolavoro.
E' scritta, girata, montata in modo del tutto inedito. Lo scopo che Lory sembra essersi prefissata (consciamente?) è quello di raccontare esattamente tutto quello che di solito viene lasciato alll'intuito dello spettatore. Lory non ci mostra la festa, ma i suoi preparativi. Il principio solitamente applicato a tutto ciò che riguarda il sesso qui viene applicato a qualsiasi cosa. E quindi nulla accade sotto gli occhi dello spettatore, ma si intuisce che sia accaduto nel mondo di Lory, grazie alle conversazioni dei personaggi che raccontano allo spettatore quello che si è perso. Non ci sono protagonisti, ma solo tanti, casuali narratori, rigorosamente inseriti senza alcuna spiegazione nel film. I dialoghi rasentano l'assurdo se visti con occhio realistico, sono semplicemente da contestualizzare: nulla è reale, nulla è realistico; ci troviamo nel mondo di Lory, un mondo di ricchezza benessere, di uomini e donne che nulla hanno da spartire con le problematiche comuni e dunque, liberi dalle costrizioni dei bisogni terreni, possono librarsi nei cieli della filosofia e delle più alte arti conoscitive, interrogandosi sul proprio destino, sul proprio ruolo nella società, sull'amore e su tutto ciò che da sempre affligge l'anima dell'uomo.
W Lory Del Santo

BËL (00)
BRÜ (00)

In: Argo di ilfreddo
Opera: | Recensione: |
Pur essendomi piaciuto molto, concordo pienamente con Moustache: è quasi un film di propaganda.
Gli iraniani ne escono come le merde che più merde non si può e uno dice: si, ma pure la Cia non fa una bella figura. E qua casca l'asino. La Cia ne esce da dio. Per il finale (non pigliamoci i meriti per il bene dell'umanità....fa ridere al cazzo) e perchè la cia cambia! Gli stati uniti sono una democrazia, cambiano i governi, cambiano i servizi segreti. Abbiamo commesso crimini inenarrabili? D'accordo, ma ora siamo cambiati! Forza di una grande nazione democratica. L'iran, loro si che sono delle merde. E lo sono tutt'ora. Perchè nulla è cambiato da quegli anni, il potere è sempre nelle mani dello stesso "partito" (ovvero i musulmani, che rimangono sempre e comunque il male).
Un ottimo film di propaganda dunque, messo giù come realistico, con tanto di confronto con le foto reali alla fine per farti capire che è tutto vero.
BËL (00)
BRÜ (00)