Sto caricando...

2000 e i suoi commenti

2000
Opera:
Recensione:
un interstellar del discount praticamente


Vituperio: Il film è pessimo ma adesso non esagerare, Intermerdar è molto peggio.
joe strummer: Bisognerebbe aprire un capitolo a parte: quanto è odiato Interstellar
(a me piace)
fedezan76: A me Interstellar è piaciuto.
Vituperio: No non odio Interstellar, è semplicemente una termoputtanata colossale con teorie scientifiche campate in aria, ma questo non è il difetto principale poi dovete aggiungererciuna sceneggiatura ridicola piena di buchi (neri), confusa ma soprattutto sbagliata e una durata di 150 minuti. Con il passare degli anni ho sviluppato una sottospecie di teoria... spesso in questi casi l'affermazione più citata e che riteniamo giusta è: i gusti non si discutono, ma la soglia della soggettività ha un limite ben preciso, Interstellar si colloca ben sotto questa soglia. In sintesi quando un film è una merda non c'è soggettività che tenga, non stò scherzando io la penso così.
2000: Sono d'accordo con joe, non capisco l'odio per questo film, non è un capolavoro ed è un pelo troppo lungo ma tutto sommato è un buon film. Poi i gusti son gusti
Vituperio: Fidati Interstellar è tutto al difuori che un bel film.
fedezan76: È una tua opinione, ma non cercare di farla passare come una cosa oggettiva. Perché non lo è.
Vituperio: Scusate ma non ci siamo capiti tralascio il discorso scritto in precedenza, anche se non sono d'accordo con voi... non ci vuole poi una grande mente per capirlo... Non odio Interstellar non ne vedo il motivo ma quando un film è fatto male non ci sono scusanti. Interstellar se fosse stato diretto da un regista italiano sarebbe stato demolito in una frazione di secondo giustamente, ma se alla regia c'è il mediocre Nolan il discorso cambia... Fatevene una ragione viviamo in una società "omologata" il più costoso prevale sul meno costoso, il famoso prevale sul meno famoso etc, ma un film brutto rimane comunque un film brutto. NON ODIO è brutto e basta. Pace e bene fratelli.
fedezan76: Mah, per me stai dicendo stupidaggini. Nolan, soldi o non soldi, è un regista che finora non ha sbagliato un film che sia uno. Tra l'altro la tematica è a lui cara e affrontata spesso nei suoi film. Nel caso specifico si è pure affidato ad un affermato ad un affermato fisico per rendere il tutto "credibile". Che non vuol dire "scientifico". Ma è quello che si chiede generalmente ad un buon film di fantascienza. Se la parte "fantastica" prevale su quella "scientifica", mantenendo una certa credibilità, per me è in ogni caso un bene.
Vituperio: Ah si, la stronzata che si è affidato a un espertone come no, se a te un professore di fisica ti dice che 2+2=5 gli dai ragione? Ma cosa stai dicendo? ci sono più puttanate in questo film che nei b movie degli anni sessanta. Un buon film di fantascienza è bello quando la fantasia è ben amalgamata con la scienza, mica puoi vedere un cazzone che con una navicellina, del cazzo, entra in un buco nero (senza ovviamente venire disintegrato) e riuscire non si sa per quale ragione, in un altra dimensione dietro la libreria della cameretta di sua figlia. Questa non è fantascienza, è merda ma poi ripeto fosse questo il problema principale... Guarda ok hai ragione tu è un bel film passo e chiudo.
Motoko: Per un amante della FanstascienzA Interstellar è un insulto, concordo con Vituperio al 100%.
Se poi vogliamo metterlo tra i film godibili ok, per chi non è appassionato di Fantascienza e accetta le cose scienzapprossimative, è un buon film. Tanti effetti speciali etc etc... Ma è giusto esigere il meglio da certi generi. Non entro nel dettaglio perchè l'ho visto al cinema e dopo mai più riguardato, l'ho meritatamente rimosso ma l'impressione quella è rimasta. Passo e chiudo.
fedezan76: Si dà il caso che questo Kip Thorne non sia l'ultimo arrivato, ma qualcuno gli ha consegnato (forse per sbaglio a questo punto) un Nobel. Io comunque l'avevo trovato interessante, e non credo di essere il solo. Nulla toglie che ci siano pensieri differenti, ma cerchiamo di non farli passare come verità assolute. Interstellar spiegato semplice - Il Post Interstellar - Recensione - LaScimmiaPensa.com Interstellar: la spiegazione del film di Christopher Nolan - Cinematographe.it
joe strummer: È il passaggio del "tesseract" che disturba tanti, credo, ma non è una cazzata
Motoko: I paradossi spaziotemporali non sono una novità nel genere (anzi.. sono il classico), ma c'è modo e modo di rappresentarli. Un film secondo me che bene li rappresenta è Contact del 97, non a caso basato su un romanzo di Carl Sagan, mica cazzi.
Gli articoli da te postati in quale punto mettano una pezza su quanto ha fatto notare Vituperio non l'ho capito proprio.
fedezan76: Ma Vituperio non ha fatto notare proprio niente.
Motoko: Che il film è pieno di incongruenze, pezzi di storia che sembrano incollati con lo sputo e molte di queste incongruenze derivano da inesattezze scientifiche. Sicuramente ho perso qualcosa di tutta la discussione, ho solo visto che si faceva a merda Interstellar per gli motivi gli stessi motivi per cui anche io non lo reputo di certo un capolavoro e non ho resistito alla tentazione di inserirmi.
Vituperio: Ti dico io come è andata senza che mi fai vedere inutili filmati. Nolan aveva sforato in termini di tempo e probabilmente soldi per girare questo aborto, si era già accorto che il film era quello che era ma ormai doveva produrlo, così ha pagato mooooolto lautamente questo kip Thorne per creare un alibi solida. Non crederai mica che Thorne non sappia di quante stronzate siano raccontate nel film, con il denaro tutto è possibile... ragazzi, su via scendete dalle nuvole.
fedezan76: Kip Thorne è anche produttore esecutivo, ma vabbè. Facciamo che è stato interessante discutere con un pozzo di scienza come te.
Vituperio: Si come no, anche mio nonno è un flipper perché possiede 5 palle.
fedezan76: Ormai potresti negare qualsiasi cosa, ma che ti piaccia o no è proprio così. Thorne è un Nobel, produttore esecutivo del film e ti dirò di più: ci ha pure scritto un libro. Ma è chiaramente tutto per gioco e per soldi, ovviamente.
Motoko: Casualmente anche Contact è basato sugli studi di Kip Thorne, lo sto vedendo proprio ora. La differenza a questo punto credo stia proprio nel fatto che l'adattamento di Contact è stato fatto dallo stesso Carl Sagan mentre per Interstellar è stata scritta da Nolan&Nolan, quindi non degli scienziati. Nella fantascienza ci vuole la base scientifica, non a caso i maggiori scrittori di narrativa fantascientifica sono stati degli scienziati a loro volta. Non è un optional... Anche Kubrick ha lavorato con A. Clarke, per dirne un'altra.
fedezan76: Contact è BASATO sugli studi di Thorne (che però non vi collabora), mentre su Interstellar quest'ultimo è direttore esecutivo e consulente scientifico. Se poi la scrittura dei Nolan ha spinto più sul lato "fantastico", ma è logico pensare che il compito di Thorne fosse di dare credibilità alla storia. Se ne ha poi scritto anche un libro, certamente è per monetizzare, ma non credo che un Nobel ci guida a scrivere boiate. O magari si.
fedezan76: E vabbè, non è guida ma goda.
Motoko: Infatti ti sto facendo il nome di Carl Sagan che invece si, ci ha collaborato eccome e non è un pinco pallino qualunque... ha smesso di collaborarci solo perchè è morto di malattia prima che uscisse il film. Spero che tu, se non sai chi è, te lo sia cercato adesso, non è obbligatorio saperlo ma utile per capire di cosa stiamo parlando e spero non mi accuserai di presunzione perchè sto cercando di arrivare a un "dunque" con te e sarebbe bellissimo, un primato qua su Debaser. Nessuno sta affermando che Thorne sia un impostore, il suo cazzo di Nobel se lo sarà meritato. Si dice solo che la resa scientifica di questo film, che vuole essere di fantascienza, è debole. E se a queste cose ci badi, come me che leggo moltissima fantascienza e ho una formazione tecnica, Interstellar è solo un film bellino. Il connubio scienza e narrazione cinematografica, nel caso di Interstellar, per me non ha funzionato. Ecco.
joe strummer: Ma poi è FANTAscienza non scienza
fedezan76: Anche io sono appassionato del genere. Però mi piace anche la parte "Fanta". Che poi spesso nel tempo ha aperto nuove prospettive alla "Scienza". Ad ogni modo il mio pensiero è già stato espresso a sufficienza, mentre lo spunto su Sagan lo accolgo volentieri. Approfondirò. Dovrei anche riprendere Contact, perché al tempo in cui lo vidi non mi rimase impresso.
Motoko: Ovviamente, la fantascienza é appassionante proprio per questo motivo. A me piacciono principalmente quelli con connotazione sociologica. Contact anche a me all'inizio era piaciutino, diciamo così. L'ho rivisto un paio d'anni fa e ho trovato fosse una bomba. Mi rileggerò l'intera discussione perché di certo ho perso dei passaggi fondamentali dell'intera discussione. Ma interstellar no, su questo film il mio giudizio é definitivo.
Motoko: Quelli= intendo romanzi
Motoko: Joe, ok la FANTA. Ma la SCIENZA é fondamentale per poter reputate credibile una storia, altrimenti é solo Fanta (quella che si beve). La credibilità per me é un presupposto fondamentale del genere. Deve aprire la mente a una riflessione seria.
fedezan76: Io per esempio non ho gusti così definiti. Tra i miei preferiti in assoluto c'è però la saga dei Fabbricanti di Universi di Farmer, che tende molto sul fantastico.
Motoko: Il mio ultimo letto é Dune, un bel mattoncino che tende molto al fantastico infatti alcuni lo collocano al di fuori della fantascienza in senso stretto ma mi é piaciuto lo stesso. Questo che mi citi non lo conosco ma se mi dici che vale ci faccio un pensierino. É abbastanza vecchio perché lo trovi facilmente nella libreria ebook che non riuscirò mai ad esaurire .. nemmeno nella prossima vita ahahah
fedezan76: Se ben ricordo è abbastanza sullo stile di Dune, di cui però ho letto solo il primo libro. Ma sto parlando di parecchi anni fa e la mia memoria vacilla.
Vituperio: Ragazzi finiamola con questa farsa ma che vi pagano per parlar bene di questa porcheria? Si insomma siete grandi e vaccinati, siete appassionati di cinema, scrivete recensioni, dai su non bisogna avere un quoziente cerebrale superiore per capire che fa schifo, basta solo analizzare la trama stupida... Ogni giorno potete vedere delle recensioni con delle votazioni imbarrazzanti anche su siti specializzati da critici professionali, su film talmente brutti da far ribrezzo. Vi siete mai chiesti il perché? È molto semplice il critico di professione viene pagato, quindi se ha ricevuto ordini ben precisi da che ne so, magari la redazione è ovvio che non può appioppare un 1 a film del cazzo come questo (Ad Astra) o Snowpiercer o Interstellar. Non voglio fare della filosofia spicciola ma fottiamocene se un film è stato fatto dal super famosissimo regista di turno e via dicendo ma cerchiamo di analizzarlo per quello che è veramente... Io per lo meno adottato questo sistema tanto mica mi pagano.
Vituperio: Lo so questa super cazzola potevo evitarla e mi scuso, ma molto spesso non è una questione di giusto o sbagliato ma di soldi ovviamente non faccio allusioni nei vostri confronti figuriamoci. Scusate ancora buona notte a tutti.
Vituperio: Conunque film e libri fantascientifici che ho letto e visto ultimamente che ritengo validi sono: (ovviamente non pretendo che vi siano piaciuti se li conoscete) The Signal, Neanche gli dei (Asimov), di Farmer ho letto l'ultimo volume del ciclo del fiume "Gli dei del fiume" niente di speciale però, la bellissima "Trilogia Nikopol" di Bilal fumetto notevole, Impostor bel film ripreso da un racconto del grande P. K. Dik etc.
Vituperio: *comunque, telefonini del cazzo.
Motoko: Neanche gli dei lo sto cercando da troppo.. non farmici pensare che mi sale la bile. Perché non lo trovo??
PERCHÉ?
Vituperio: Ho faticato anch'io a trovarlo, prova su Ebay.
fedezan76: Non lo trovi... dove? Perché su carta c'è eccome ...
Motoko: Ogni volta vado con fiducia dal mio spacciatore di carta preferito e ogni volta é ESAURITO o al modico costo di 30 euri. proverò su eBay..
fedezan76: IBS 8,50 + trasporto
Motoko: Bël, belarsi da soli. Maledetto telefono.
Vituperio: Poi per concludere caro Joe Strummer, parlando ancora di Interstellar per rispondere a un tuo commento: *Ma poi è FANTAscienza non scienza. Non vogliamo ricordarci della mega propaganda che ci hanno fatto sorbire prima che uscisse il film? Nolan che parlava, anzi dovrei dire sparava cazzate su cazzate del tipo, quanto sarebbe stato figo il suo nuovo film, ma soprattutto scientificamente ineccepibile. Ma come tutte queste supercazzole e poi te ne esci con una roba del genere? No mi dispiace non ho mai
amato Nolan anche per questo motivo, non è coerente è sempre stato un regista freddo che guarda al lato economico, volendo proporci film fondamentalmente Blockbuster ma allo stesso tempo di nicchia, infatti nella maggior parte delle casi fallisce miseramente, tranne che in alcuni casi. I suoi odiosissimi spiegoni, la quasi totale mancanza di buon gusto ed emotività nel caratterizzare i personaggi etc. I film di FANTAscienza si dividono in vari sottogeneri ma quando TU, Nolan vai dicendo che il tuo nuovo film sarà sorprendente anche sotto la validità scientifica e ci proponi Interstellar... C'è solo una risposta, cambia mestiere. Demolition Men è un signor film, può piacere non può piacere (io l'adoro) ma è coerente, un film stupido pensato per essere stupido, al contrario di interstellar che è un film pensato per avere una certa validità scientifica (e non mi venite a dire che non è vero), ma è stupido, questo è il concetto base è semplice da capire. Ciao.
2000
In: Joker di 2000
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Piccola aggiunta ». Vedi la vecchia versione Joker - Todd Phillips - Recensione di 2000 Versione 1


2000
In: Joker di 2000
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Piccola aggiunta ». Vedi la vecchia versione Joker - Todd Phillips - Recensione di 2000 Versione 1


2000
Opera:
Recensione:
Per me un filmone. Riprende la new hollywood per stile e tematiche, in particolare taxi driver e re per una notte aggiornando con il cinecomic moderno. L'ho visto in lingua originale al cinema per sbaglio (quando abbiamo scelto la sala non ci eravamo informati a dovere 😂) probabilmente il migliore sbaglio che possa capitare perché ho assistito ad una magistrale performance di joaquin phoenix, l'ennesima per lui. Per essere un cinecomic comunque riesce a farti percepire un costante senso di marciume e disagio tutto il tempo, non esattamente la sensazione che solitamente ti può dare un film sui fumetti; per realismo è vicino ai batman di Nolan ma qui si esaspera ancora di più il realismo: niente supereroi, nessun vincitore, solo un senso di disagio che ti conduce fino al climax fine.
Che dire, io l'ho adorato. Uno dei migliori film dell'anno per me. La recensione è ottima come sempre l, anche se il giudizio è più critico del mio 😁


joe strummer: Doppiato non si capisce bene se la risata sia anch'essa doppiata o meno
aleradio: In genere si sente nel sonoro quando ci son tagli non doppiati (civa un po' di orecchio fino). Avevo un esempio perfetto fino a un secondo fa, andato. Se mi torna lo scrivo
2000
Opera:
Recensione:
Lo ammetto, c'era un periodo in cui ascoltavo molto quest'album, non lo reputo nemmeno malvagio ma lui è veramente un medioman; non ha mai fatto nulla di eclatante, ma nemmeno roba orribile, un classico americano medio che canta di scopate giovanili e dell'amore per la sua patria come ce ne sono tanti.


2000
Opera:
Recensione:
Che dire, chapeau. Probabilmente il miglior tarantino dai tempi quell'altro capolavoro di Bastardi senza gloria e anche il suo film più tranquillo e ragionato. Non mancano i tipici personaggi tarantiniani, la meta-narrazione tra la realtà e la fantasia (proprio come in bastardi senza gloria) e quella violenza così assurda e sopra le righe che, anche se usata per tipo 10 minuti in quasi 3 ore di film riesce comunque ad essere memorabile quanto serve.
Tarantino con questo film secondo me voleva proprio omaggiare il cinema che l'ha formato nel suo percorso artistico: c'è la hollywood anni '60 rappresentata da Sharon Tate, quella in declino degli anni '50 rappresentata da Rick Dalton, il western (anche se è un film nel film in questo caso), il cinema italiano, quello di serie b, il thriller (tutta la scena al vecchio ranch con gli hippie è un capolavoro da manuale per me ed è incredibile come tarantino sia riuscito a creare una tensione pazzesca) e anche la componente gore\splatter (no spoiler ma chi conosce la parte di storia vera dietro alle vicende metanarrative del film di sicuro ne resterà sorpreso, divertito e pure soddisfatto) e pure i piedi, fetish principale del regista che qui abbonda :D.
In sostanza, tarantino ha fatto un film sul suo mestiere: una lettera d'amore alla settima arte e del cinema che fu. E poi c'è cast stellare, un Di Caprio monumentale che secondo me potrebbe meritarsi pure un secondo oscar; lui non interpreta Rick Dalton, lui è Rick Dalton. Quando non trovi più la differenza tra attore e personaggio allora hai fatto centro (poi alLa fine del film gli crescono i capelli e pare il sosia di jack black ma vabbè). Ho adorato alla follia il personaggio di Brad Pitt, l'antieroe cazzone che se ne sbatte di tutto e tutti e finisce in mille casini. Eppure, a differenza di Rick, Cliff Booth non si scoraggia mai e va avanti per la sua strada, diventando di fatto il vero protagonista del film, almeno verso la fine (menzione d'onore per il suo cane). Margot Robbie come Sharon Tate è fantastica, ingenua, solare; interpretazione più leggera ma ugualmente ottima. Poi ci stanno altri mille attori famosi che fanno soltanto piccole apparizioni ma lasciano il segno (tarantino se lo può permettere :D) come il produttore che ama gli paghetti western interpretato da Al Pacino, la manson family, i sempre presenti kurt russel e michael madsen e un bruce lee che ha fatto discutere ma che, a mio parere, è servito soltanto per mischiare maggiormente la fantasia tarantiniana con la realtà creando una scena esilerante.
SPOILER SUL FINALE
.
.
.
.
[SPOILER] Credo che il finale del film sia estremamente significativo: stravolgere la realtà salvando Sharon Tate dall'omicidio realmente avvenuto vuole simbolizzare le possibilità infinite scaturite dalla fantasia di un artista che il cinema può dare: cambiare la realtà e creare così un happy ending, seppur esagerato e "tarantiniano" a mio parere simbolizza la realtà stessa che si piega definitivamente al mondo di fantasia cinematografico. Tutto il film punta su questa dualità tra il reale e l'inventato per poi unire questi due aspetti simbolicamente con un finale a mio parere quasi poetico.
[FINE SPOILER]


2000
Opera:
Recensione:
Trent Reznor, un metallaro perseguitato dal country: prima con "hurt" di johnny cash ed ora con "old town road" dove gli hanno campionato una melodia dal suo album "ghosts". Poretto :(


Loudmouth: Beh dai, spero che col sample di ghosts si sia messo qualcosa in tasca senza fatica
2000
Opera:
Recensione:
Album sottovalutato. Il loro migliore da Californication


2000
Opera:
Recensione:
Un film di merda. Con la storia di burzum e del movimento black metal ci si poteva tirare fuori un film interessante e invece è uscita fuori questa robetta; un'occasione sprecata


2000
Opera:
Recensione:
non male i primi due, quello con miley invece è davvero rutto. calo di qualità assurdo, pensare che fino al film "interattivo" non mi aveva praticamente mai deluso.


madcat: Molto rutto, vero, quasi da birra ghiacciata e rutto libero #forse
Falloppio: L'avevo detto che mi sarebbe piaciuta. Rutto libero.
2000: ahahahah