Sto caricando...

Fabrizio De André
Creuza De Ma

()

Voto:

"... E a montare l'asino c'è rimasto Dio, il diavolo è in cielo e ci si è fatto il nido..."

Appoggiato ad un vecchio muro, a Campo Pisano, vicino al mare ma non troppo, in una giornata di sole che va e viene, col sale sulle labbra che ti fa venir voglia di bere, se fosse possibile un bicchierino di quello buono, se si trovasse... Voglia di lavorare saltami addosso... Mi sa che scendo fino a San Lorenzo, mi sa... E' quasi l'ora di incontrarti...

"... Alla fontana dei colombi, nella casa di pietra..."

La piazzetta è messa in un posto da cartolina e a volte ci vengo a leggere, per stare tranquillo e non farmi disturbare da nessuno... si sentono solo i rumori delle case e delle madri che sgridano i figli... c'è una puzza di pesce marcio che ti lascio dire, con le case dietro alte otto o nove piani e una discesa che arriva dritto dritto alla Marina, di sotto si vede un po' di porto e, finalmente, un po' di mare davanti.
Bambini che giocano, si rincorrono e cantano, un po' in italiano e un po' in arabo, ma "O belin" lo dicono già in genovese.

"... Il mio piccino, il mio, il mio... labbra grasse al sole d'estate..."

Mi muovo scansando un carretto pieno di ferraglia spinto da un magrebino e due gatti che han voglia di divertirsi con un topolino che tengono per la coda, ci giocano un bel po'. Tengo la mano davanti agli occhi per fermare il riverbero del sole e sto attento a non rompermi una caviglia nell'acciottolato. Da un angolo si vede, giù di sotto,il vecchio mercato del pesce, ora vuoto. E' lì che giravano De Andrè e Pagani, nell'ottantatré, con un revox a quattro piste per registrare i rumori e le voci dei pescivendoli che gridavano le bellezze dei pesci da vendere, sui banconi.

",,, Acciughe e cozze della Spezia... guardate che roba..."

Da un momento all'altro cambia tutto e in un vicolo ti par d'essere nel trecento, il vicolo dopo ti trovi in mezzo tra due spacciatori e due drogati coi soldi in mano. Cerchi d'andar più veloce e velocemente sei già a San Giorgio, si sente l'odore dello stoccafisso della Sciamadda, meglio continuare. All'angoletto dei Giustiniani ti s'apre davanti il mondo d'oggi a braccetto con quello vecchio, tanta gente che si ferma a guardare il pesce sul bancone di un pescivendolo e, vicino, in un vicolo nascosto, una puttana, con gli occhi disperati, seduta su di uno scalino...

"... Padrone della corda marcia d'acqua e di sale che ci lega e ci porta in una crosa di mare..."

Si sente parlare di tutto, arabo e spagnolo, inglese e calabrese, e tutte le lingue hanno la stesa dignità. Mi sembra proprio che sia questo il mondo sognato da De André, per niente perfetto e anche puzzolente, così diverso dal suo, figlio d'Albaro, pulito di sapone di Marsiglia e sporco di sangue e di sudore, come dovrebbe essere il mondo e non come te lo mostrano in televisione...
Siamo in un posto di parole e di sguardi, di grida e spintoni, siamo nell'ombelico del mondo, e i colori della pelle non significano poi così tanto, contano più i modi di guardare e di farsi capire.
E la faccia che hai attaccata al collo.

"... Facce da tagliaborse, quelli che della spigola preferiscono l'ala..."

Se, poi, attraversi San Lorenzo, ti trovi in un'altro tipo di vicoli, e più t'avvicini a Campetto o a Luccoli più t'accorgi che anche nella città vecchia ci sono delle differenze, cambiano anche i negozi e la società si divide anche qui, poveri e ricchi convivono, però, al mattino e alla sera, scambiandosi informazioni sul tempo e critiche al Genoa...
E' qui, dietro, c'è il regno del piacere, dalla Maddalena a Pré è tutta una bagascia, di tutti i colori, bianche, nere, gialle, abbronzate... e se guardi bene mica tutte sono donne, no, no, quella lì ha un filo di barba... ma quale Deborah, Alfonso, tutt'al più... andiamo avanti... però, belin, che cosce... Perfino un ragazzino di dodici anni si gira, ha capito dov'è che gira il mondo...

"... E a questo dondolare di cosce e di tette, che fanno strepiti anche i più piccoli..."

Fine del giro, siamo davanti alle bruttissime costruzioni dell'Acquario, modernissime, scignurìa, ma servono anche quelle, portano soldi e turisti, e si sa che la salute senza soldi è già una mezza malattia... e questo angoletto di porto e di vicoli è cambiato molto, tutto pulito e nuovo che sembra che lo lucidino a tutte le ore, carabinieri e soldati che girano parlando tra loro e senza voglia di far niente, gioventù al telefonino e africani pieni di tutto il bendidio.
E poi ci sei tu, che mi aspetti da un quarto d'ora, davvero alterata, hai già capito che ho allungato il giro per vedere questo accidente d'un luogo dell'anima che è la parte vecchia della mia città, quella che mi piace di più.
Ma mai quanto mi piaci tu, si capisce, e ora devo farmi perdonare.

"... Per poter baciare ancora Genova, sulla tua bocca di naftalina..."

Commenti (Trenta)

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Io a nome di tutti i pigri ringrazio sentitamente.
Era dai tempi di Ripellino che si adoperò per Chlebnikov e Majakovskij che non attendevo con sì tanta trepidazione una traduzione..


Dislocation: Lieto d'averti accontentato e di essere stato accostato, ahimé, rischiosamente, a cotale personaggio.
luludia: Ripellino!!!! la sua introduzione alle poesie di Chlebnikov è una delle cose più belle che io abbia mai letto...
CosmicJocker: Sottoscrivo.. Basterebbe l'introduzione per giustificare l'acquisto del libro.. Certo, anche il buon Chlebnikov merita eh..
Dislocation: Ma capita anche a voi di apprezzare più l'introduzione che un libro tutto?
luludia: non di più, ma altrettanto si...oltre a Ripellino su Chlebnikov mi viene in mente Macchia su Baudelaire...oppure, anche se in questo caso non si tratta di introduzione ma di studi, Garboli su Penna...
CosmicJocker: Aggiungo Luciano de Maria sulla recherche di Proust...
Ma invece volevo dire che non conosco Sandro Penna, è un male?
Dislocation: Al muro, subito.
CosmicJocker: Oh la peppa! Prima una sigaretta almeno..
Dislocation: Sono contro il fumo.
Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Wow


Dislocation: 63 come anno di nascita?
Coetanei.
macmaranza: Io '62. Imberbi! Ahr!
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Avevo capito il 90%.


123asterisco: P.S. "scignuria" l'hai dovuto lasciare tal quale.
Dislocation: Per forza, letteralmente si usa per dare il buongiorno rispettoso, ma poi anche per esclamare, tipo perbacco o che...
Dislocation: Ma, esattamente, di dove sei, ast?
123asterisco: Toscano, ma la mia compagna è savonese.
Dislocation: Ah, bene....
Farnaby: Ho un fratello toscano...e una cognata savonese...
macmaranza: Ombre de muri...
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Capivo meglio il genovese


Dislocation: Maledetto.
Martello: te l'ho fatta ancora vna volta!
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Ho deciso di DeAmarti!!!!


Dislocation: Ma guarda che ci DeAmavamo di già... e poi mi avevi giurato che non l'avresti più guardata, quellallà...
Bastardo.
Falloppio: Amore senza sesso?
Che palle
Allora non sei la mia "bagascia"
Dislocation: Fuma pareil: sesso senz'amore.
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Peccato che a Genova non ci sia mai stato. Poi la Liguria è troppo avanti musicalmente.


musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Ora sì ... tutto si rischiara .... con Creuza soprattutto il cuore!


Dislocation: Grazie, Rust!
iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
attendo la versione in lumedhanese, ricorda le aspirate:


Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Ho già detto tutto di là...passo per i voti e per vedete se c'è ancora qualche doriano che ha il coraggio di rompere il belino...


Farnaby: Vedere*
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Premio Nobel alla recensione. Non scherzo. Non sul Sommo.


Dislocation: Grazie, Mac.
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Pur essendo piemontese son molto legato alla Liguria ed a Genova, la mia città italiana preferita con Firenze, anche più di altre più blasonate e celebri. Ci vado sempre a settembre, ogni anno da nove/dieci a sta parte.. dopo le ferie estive in agosto mi prendo un venerdì libero a settembre, vado con la mia compagna nell' alloggio di mio padre a Ponente, il venerdì stiamo lì in spiaggia e il sabato mattina presto si parte, in treno, verso Genova, una bella abitudine che ci siam presi.. la città vecchia, i caruggi, Via del Campo, i vicoli, i grandi palazzi nobiliari.. ma soprattutto quel profumo, misto di mare, cibo, di antico che non so spiegare ma che trovo solo lì passeggiando tra i vicoli e le piazzette della città antica più grande in Europa.. musei, pranzetto di pesce, una panchina dove godersi il sole.. ed immancabilmente un salto a prendere qualche disco, c'è un negozzietto di tre metri per due, in una piazzetta attaccato ad una chiesa, non ricordo il nome ora ma è molto vicino al porto antico, ottimo.. e la sera via, dalla stazione Principe si torna a Ponente, tutti gli anni uguale..


Dislocation: Che bello!
Il negozietto è quello di piazza delle Vigne?
hellraiser: I primi anni andavo sempre in quel negozio enorme davanti al sommergibile, al porto antico. Poi da qualche anno si è trasferito in centro e ho optato per questo negozietto carino, è all' imboccatura di un caruggio che parte da una piazza antica con una bella chiesa, piccolo ma pieno di vinili interessanti per i miei gusti.. all' inizio mi guardavano, il discaro circa cinquantenne e la sua cricca di amici che è sempre lì a cianciare, in maniera un po' sospetta non avendomi mai visto prima, poi sono diventato " oh, eccolo qui il piemontese". Due chiacchiere e poi 2 o 3 lp me li porto sempre via.. abbi pazienza ma io con i nomi son negato, controllo su google e ti dirò.. comunque abbiate orgoglio della vostra città, piena di storia e dal passato glorioso e potente, abbiatene cura..
hellraiser: Da un'occhiata veloce dovrebbe proprio essere il Flamingo 👍🏻
123asterisco: Bella Firenze, ma gli altri centristorici toscani non sono certo da meno!
Da Arezzo a Pisa, da Lucca a Siena, da Prato a Pistoia.
123asterisco: Scusate, un pochino di campanilismo.
hellraiser: Sicuro. Ma anche Umbria, Piemonte, Campania, Sicilia, Veneto.. siamo dappertutto ricchi di storia, cultura, splendori.. ma le mie città italiane sono quelle, per un fatto anche di ricordi
Dislocation: Non so perché ma a me piace Livorno...
Dislocation: @[hellraiser] In via del Campo potrebbe interessarti Black Widow, negozio ed edizioni musicali, specializzato in prog e metallo, vicino alla casa dei cantautori...
hellraiser: Prog ok, metallo meno ma a settembre ( Covid, ferie, salute di mamma permettendo) ci farò un salto allora, volentieri 👍🏻
Dislocation: Se lo fai guarda prima sul sito hanno tanta roba.
Farnaby: @[hellraiser] non ci andare da Black Widow...sono simpatici come un furetto nelle mutande...
Farnaby: @[hellraiser] non ci andare da Black Widow...sono simpatici come un furetto nelle mutande...
Farnaby: @[hellraiser] non ci andare da Black Widow...sono simpatici come un furetto nelle mutande...
bluesboy94: Genova è sottovalutata ha un patrimonio di palazzi e ville unico e irripetibile e il fatto che affacci sul Mediterraneo è un valore in più. Tuttavia è un falso mito che abbia il centro storico più grande d'Europa. La Genova storica è grande massimo 3 km ed è composta da Molo, Prè, Portoria, Maddalena, San Vincenzo e San Teodoro (quest'ultimo un quartiere di sviluppo preunitario con alcuni importantissimi edifici dei secoli precedenti, tipo la villa di Andrea Doria. Al 100 per cento Roma, Napoli e Venezia hanno città storiche più estese. Comunque non conta la grandezza, ma ciò che c'è. E a Genova c'è tanto. E i genovesi dovrebbero esporre un pò di più le bellezze della loro città, invece di essere i soliti ritrosi.
bluesboy94: * di sviluppo post-unitario.
Tutti gli altri quartieri a ovest e a est erano comuni, aggregati dal Fascismo al capoluogo.
Dislocation: Attento, amico mio, Genova non ha il Centro Storico più grande d'Europa ma il Centro Storico Medioevale più grande d'Europa, distinzione non da poco.... Da qualche parte ho il link di un centro studi tedesco che pubblicò, una ventina d'anni or sono, la "classifica", per usare un brutto termine, dei Centri storici medioevali d'Europa.
Non fare, quindi, confusione coi centri storici propriamente detti, vedi Roma o altri, che vantano origini romane o pre-tali. genova, nata prima di Roma come emporio dei Liguri, ai tempi di Roma, appunto, aveva un agglomerato urbano più da villaggio costiero che da città propriamente detta....
Di dove sei, @[bluesboy94] ?
bluesboy94: Di Procida (capitale della cultura del 2022).
A Genova comunque quasi tutto il centro storico venne rifatto e ripensato nel periodo di grande splendore del '500 e del '600, quindi si fa a fatica a parlare di centro storico medievale (lo si può fare per Siena). Genova come tutte le grande città è più sollecitata ai cambiamenti rispetto alle piccole città (che possono andare incontro a fasi di stasi o cristallizzazione).
bluesboy94: Inoltre per Genova c'è sempre stato il problema geografico dell'essere strettissima tra mare e colline (interrotte da valli su cui passano fiumi e torrenti). Il problema fu ben affrontato dai genovesi dei secoli passati. Viceversa, la Dc tra i '50 e i '70 ruppe quest'equilibrio e forzò i limiti naturali del luogo (si pensi ai quartieri della Val Bisagno costruiti sull'omonimo fiume tombato), da qui le periodiche alluvioni.
Dislocation: Da un lsto ki commuove e mi fa un piacere enorme questo tuo interessamento davvero notevole ed inaspettato per la mia città.
Dall'altro, e mi scuserai, dsvvero, leggo le tue righe come figlie d'informazioni sterili e pressapochistiche.
Dsvvero, scusami sncora ma sono trent'anni che m'interesso proprio della questione Centro Storico, ma, credimi, le tue affermszioni sulla stratificazione architettonica e storica della città vecchia sono perlomeno lacunose e parziali.
Ora, capisco non sia questa la sede e comprendi certo come la sola introduzione alla trattazione dell'argomrnto richiederebbe una ventina di pagine almeno. Non so ds che fonte tu sbbia preso un'affetmazione così seccsmrnte parziale ai limiti del fraintendimento ma, credimi, davvero non risponde per nulla alla realtà.
Dislocation: Spero tu non ti sia offeso, il solo fatto che uno di Procida, così lontano ma così pronto alla discussione su questo tema a me così caro, abbia voluto parlarne mi fa davvero piacere.... la vittoria di Procida mi ha sorpreso e fatto pensate che una località così bella e misconosciuta abbia prevalso su altre piu note sia testimonianza che una giustizia c'è.... en bocca al lupo!
Un abbraccio
Roberto
bluesboy94: Devi capire però che il centro storico di Genova e questo disco sono argomenti fin troppo affini...
A Genova spero di venirci (mi sono studiato abbastanza la storia e il patrimonio artistico-architettonico, ma non basta, voglio venirci), speriamo che questa faccenda del corona virus si tolga dai piedi il prima possibile...
Confaloni
Confaloni
Opera:
Recensione:
Con la versione italiana della recensione, ora, mi pare proprio di leggere una poesia. Vien voglia di tornare a visitare Genova. Chapeau!


Galensorg
Galensorg
Opera:
Recensione:
Spettacolo puro, Dislo! Il mio preferito in assoluto di Faber.


musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
lector
lector
Opera:
Recensione:
Ora so che non l'avevo capita proprio tutta, tutta...per questo m'era piaciuta?


Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
Può essere....


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Non ho capito... perché l’hai tradotta?!
Non ho capito - seriamente eh, non so un cazzo di De Andre -
Sei tu che racconti la tua Genova?! O insieme a qualche pezzo di testo?!
Comunque 5 così non rompi più il cazzo che magari ne fai un’altra
Ahahahahahahah


Falloppio: Ahahahah
Dislocation: Cugino, l'ho tradotta perché da più parti mi si invitava elegantemente a farlo, nei commenti e nei messaggi personali.
In quanto all'ultima parte del tuo dolce scritto... ne ho in mrnte una versione in parmense/parmigiano con l'aiuto di una cuginetta milfoide che colà risiede...
Dislocation: Comunque sì, dico quel che vedo scendendo dalla parte alta del centro Storico fin giù al mare, e la colonna sonora era il disco in questione negli auricolari.
IlConte: Non ho capito nulla perché purtroppo Genova praticamente non la conosco - oltre all’ignoranza cronica, savansadir
Lo scritto però trasvda di passione, di anima, di cuore e palle insieme... poi è redatto anche con dovizia letteraria e grammaticale (ecco l’altro perché capisco nvlla) e qvindi è splendido, savansadir

Ne farei un’altra unendo le due
Prima genovese ... seguito dall’itagliano.

Per qvanto riguarda “quelli al di là dell’Enza” faccio presente che per me sono come i doriani per te...
Certo le morose/mogli degli inutili erano invece una godvria, savansadir
Dislocation: Loro Mi dicono lo stesso dei reggiani e dei modenesi ...
IlConte: loro chi, scusa?!
Dislocation: Scusa tu, cugina e cugino acquisito dicevo. Se parlano di reggiani gli parte l'embolo.
IlConte: Per forza... distrutti sempre e comunque alla faccia della loro puzza sotto il naso e il fighettismo con quella r di merda
Ahahahahahahah, che miseria
IlConte: Ma poi, ripeto, loro chi ?!
Ahahahahahahah
Dislocation: Vabbè, Roby, fai pipì, prendi
La meficina buona buona per la prostatite, metti il pigiamino e a nanna.
IlConte: Naaaaaa, uno xanax e via...
Pensa quando erano tre xanax dopo litri di alcol...
Dislocation: Bei tempi.
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
snes
snes
Opera:
Recensione:
Ottimo, grazie. Tieni pero' presente che i fenomeni qui sopra, se invece di dislocation avessero letto "jtente sconosciuto" qui ci sarebbe una pioggia di uno e di gente che ti fa notare che per pubblicare questa cosa, che avrebbe avuto piu' senso di esistere come commento alla vecchia recensione, hai cacciato dalla casa pagina la recensione di un altro che si era impegnato di piu' di te che stai solo traducendo una tua roba.
E niente, lo sto ricordando piu' a me che non a te in realta'.


snes: Ah, i fenomeni qui sopra avrebbero chiaramente ragione, questa pagina andrebbe polevirzzata dalla casapagina e copincollata come commento della recensione in genovese. Ma i fenomeni sopra fanno valere le proprie opinioni solo quando sono in gruppo e davanti a qualcuno di nuovo spaurito e isolato...

e ve la prendete se vi si fa presente che siete dei conigli, merde.
CosmicJocker: Il dubbio amletico è il seguente:
A) se non ti rispondessi presterei il fianco alla tua insinuazione di pavidità e così in futuro potresti dirmi "non reagisci neanche quando ti si offende, sei un coniglio".
B) se ti rispondessi tu potresti insinuare che ho la coda di paglia e potresti così dire "ti ho sgamato eh, sei una merda".
Insomma il culo te lo sei parato per bene e qualunque cosa uno faccia (o non faccia) non fa che confermare il tuo commento quì sopra, semplicemente perché tu tendi a generalizzare e a non ascoltare le ragioni di un altro.
Tu poi, ovviamente, puoi pensare quello che vuoi.
Io ti posso dire che non mi riconosco affatto nella logica del branco, ma ho apprezzato una pagina su cui prima (per pigrizia e per mancanza di dimestichezza con il genovese) non avevo potuto farmi un'opinione.
C'è un occhio di riguardo perché è dislocation e dunque non gli si fa presente che è semplicemente la traduzione della sua recensione poco più sotto? È ovvio che sia così, ciò non toglie che la pagina sia molto bella e merita ampiamente l'apprezzamento (e questo lo penso al di là che sia firmata "dislocation").

Detto questo, proprio non ce la fai a incrinare la stima che ho della tua intelligenza. E mi piace pure il tuo caratteraccio se devo dirla tutta.
snes: Qui la gente non è merda perché ha apprezzato 'sta pagina. Qui la gente è merda perché davanti alla medesima operazione, di un utente non protetto, la stessa gente qui presente, avrebbe commentato con ricette e pagine a caso di wikipedia. In maniera sprezzante, mostrando i muscoli del branco. Ecco, bene.. o siete sempre così, e lo siete perché sapete quel che state facendo. O siete delle merde che ai uniscono al gioco del lancio del guano per puro bullismo e non consci che dietro quella forma di violenza ci sia la difesa di uno spazio prezioso.
snes: E, i bulli, erano sono e saranno, sempre, solo, merda.
snes: Per rispondere al tuo dubbio: l'indifferenza è sempre sinonimo di superiorità.
CosmicJocker: Perché dici "gente", "siete".
In questo momento stai parlando con me e, ribadisco, non mi riconosco nella prassi del lancio del guano a un nuovo utente.
Se hai qualcosa da dire dilla a me visto che con me stai parlando ora.
CosmicJocker: Forse è per questo che ti sto rispondendo: il sentirmi superiore è un'altra cosa in cui proprio non mi riconosco..
snes: Se non ti riconosci passa oltre, che senso ha vhe tu sia qui?
CosmicJocker: Perché sei un utente con cui è stimolante dialogare e mi piace approfondire le ragioni di chi trovo stimolante. Anche, e soprattutto, quando non sono d'accordo con lui.
snes: Sto cercando di spiegarti cosa c'è scritto nel messaggio li sopra, non sto parlando di te nello specifico. Mica vi seguo singolarmente prendendo appunti. Perché non parlo direttamente a te? Appunti: perché non ti seguo prendendo appunti
snes: Appunto*
CosmicJocker: Certo, no. È la fregatura delle generalizzazioni: presta il fianco alle obiezioni.
Falloppio: Snes hai chiamato in causa tutti.
Perché bisogna essere indifferenti?
Falloppio: Il coniglio in civet (che si pronucia sivé) è una ricetta tipica piemontese.
Il coniglio viene messo a marinare nel vino rosso per 24 ore, insieme a verdure miste e spezie, per poi essere cotto con l’aggiunta delle verdure e del vino della marinatura. Il vino consigliato per il coniglio in civet è il Dolcetto, che, al contrario del suo nome, è asciutto e corposo.
Il coniglio in civet è ideale gustato con la polenta o accompagnato da patate al forno
123asterisco: Sono d'accordo (non so con chi ma sono d'accordo senza indugi).
123asterisco: Evidentissimo sintomo di logica del branco.
snes: Fallopio, perché se non ritieni di rientrare nei comportamenti descritti sopra il messaggio non era rivolto a te
CosmicJocker: Beh, tu dici "i fenomeni qui sopra" e ti stupisci se qualcuno alza il ditino?
Senza tralasciare il fatto che uno potrebbr non riconoscersi, ma intervenire solamente perché ha qualcosa da ridire sulla natura approssimativa dei commenti generalisti..
Dislocation: Ciao, @[snes] , è sempre un piacere leggerti, spesso sei il rompicoglioni costruttivo per eccellenza, qui dentro. Non stavolta credo. Vedi, io ho scritto davvero poche cosette per il DeB, le ho scelte e ripensate, limate e rivedute più volte prima di pubblicarle, per il semplice fatto che sono io ad essere così, non mi va d'essere frainteso e cerco d'essere più chiaro possibile, in modo da stimolare, nel caso, una discussione, appunto, costruttiva, per…
snes: "dà, per quanto possa importartene, un aspetto di te che sono sicuro, è tempo che ti leggo, che non possa davvero corrispondere al vero te" dislo, ho scritto una recensione su questo posto (debaser) classificandolo come videogioco, e ho ripetuto più volte che dal mio punto di vista qui siamo tutti personaggi. Ti sembra così perché è così. Ma, "grazie al cazzo" aggiungerei.
snes: "tu goda a instaurare argomenti solidi e su cui molti possono confrontarsi, per poi, tre righe più giù, mandare tutto in vacca, insultare ed emettere sentenze di massima."
Sì, e che voi diate più importanza alle mie sentenze piuttosto che ai vostri confronti, quando succede, indica che quel che stava uscendo da quel confronto è meno forte delle mie sentenze. E se invece pensi che non sia così: che ti frega allora delle mie sentenze? Continua a confrontarti con chi ti stai confrontando, forte degli argomenti che state portando
Dislocation: Nah, davvero, non la vedo così, io ti parlavo in quanto interessato a wuel che proponevi... ma vabbè, ne abbiamo parlato, non mi dilungo oltre, mi basta anche essere riuscito a non ri-scadere nel turpiloquio, dai...
Un abbraccio.
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Oggi letta, splendida


Dislocation: Grazie davvero.
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Io sono di Taranto, capisco cosa tu voglia dire quando parli di puzza di pesce marcio... Ps. E pensare che io da ragazzino ero così coglione che io Genova e i genovesi li detestavo ma più che altro per motivi calcistici e per colpa di Giorgio Bubba... In compenso già allora ascoltavo Fabrizio De Andre’..


Dislocation: Grazie del passaggio, Zai!
Farnaby: Dai...Giorgio Bubba...era di Spezia e simpatizzava sandoria...
Dislocation: Pace all'anima sua, ma qusnto mi stava sul belino...
zaireeka: Si, certo, oramai ho nostalgia persino di Giorgio Bubba, sicuramente dei tempo di 90esimo minuti.. Però era bello quando, dopo ogni gol del Taranto, specialmente quelli contro il Genoa, tutto lo stadio urlava: “Bubba, Bubba, vaffanculo!”. A Taranto almeno eravamo convinti fosse genoano.
Dislocation: Eh,amico mio.
Magari avevare ceduto al logico parallelismo, quasi un sillogismo, "Genovese=Genoano", che verrebbe spontaneo.
Ma, no, purtroppo no, da diversi decenni qui si assiste al tentativo d'infiltrazione di elementi ponentino-foresti, strani esseri metà blucerchiati e metà minus habentes.
Abbiamo anche noi i nostri problemi.
@[Farnaby] ti confermerà il tutto.
Farnaby: Come già detto spezzino + filodoriano e tifava Torino...gobbo sarebbe stato più logico...
Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
@[Dislocation] Probabilmente a vii genovesi e liguri in generale la cosa era già nota. Ho fatto un esperimento interessante, ho messo su google traduttore una sezione della altra tua recensione in lingua originale. La sorpresa è che è stata in buona parte tradotta (con i soliti limiti del traduttore per tutte le lingue) come un testo in corso. Devo provare con altri dialetti, strumento interessante per conoscerne origini e derivazioni


zaireeka: Ancora più interessante... questa breve frase in dialetto tarantino “ nu’ sole ca’ spacche le petre” significa “un sole che spacca le pietre” ed anche essa è stata riconosciuta come una frase in corso.. Praticamente parliamo (quasi) lo stesso dialetto, a più di mille chilometri di distanza.. Incrodibili!!
zaireeka: Stesso esperimento fatto con una poesia in siciliano. Il risultato è che la corrispondenza con il corso è ancora più netta. Qui ho trovato una spiegazione e una conferma definitiva La lingua còrsa riassume in sé le parlate locali di tutta l'Italia | Corsica Oggi A questo punto dobbiamo riprenderci la Corsica, ci spetta di diritto 😂
Farnaby: Carloforte è già nostra...
Dislocation: La Corsica non apparteneva alla Repubblica Di Genova, ma al Banco di San Giorgio.
E poi che ce ne faremmo della Legione Straniera?
Farnaby: Ma esiste ancora la Legione Straniera?
Dislocation: LEGION ETRANGERE

Eccome, corpo scelto dell'Arméé de Terre... una sede a Calvi...
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Devo andare a Genova il prima possibile.


Dislocation: Benvegnìu.
Però pòrtite un bellu muggiu de palanche.
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
sì, non c'era bisogno di fare due pagine nemmeno a mio parere, in una si sarebbe potuto anche confrontare le due lingue


Dislocation: Il problema, amico mio, è che non era nelle mie intenzioni tradurre, prima.
Vabbé.
proggen_ait94: allora è tutto molto chiaro
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:

Dislo, guarda cosa mi costringi a fare.
Magari per te è cosa di poco conto poter constatare quanto il genovese sia simile al sardo. Ovviamente lo si nota solo con la traduzione davanti al naso. EH!
Non capisco perché separare le due cose... Perché?? I posteri ora leggeranno solo quella in itagliano ed è un peccato, quindi io voto solo qua per protesta.
Molto bello comunque , se la lingua è cultura si capisce più facilmente perché Faber si trovasse a suo agio nel Regno.
Anche io avrei in progetto di fare qualcosa del genere in futuro, lo sto pensando da un po' di tempo, vedremo.
Sarebbe bello lo facessero tutti quelli che possono, così potremmo chiedere a @[G] l'etichetta definitiva #etnografica
Roba da leccarsi i baffi.


TataOgg: e ho pure sbagliatoooooo. Accidentiiiiii.
Voto di là.
e qua 3
Farnaby: Brava...sempre sul pezzo #forse...
Dislocation: Uh, #etnografica mi piace.... E comunque sì, De André amava talmente la sardegna da tornarci anche dopo il fattaccio, anche se, connessi, ci sono altri fatti che l'hanno rispinto là...
Per il tuo progetto... che aspetti?
TataOgg: Sarebbe un lavoraccio. Aspetto umore giusto, esperienza... voglia di studiare...
però vorrei tanto farlo, anche indegnamente nel caso, ecco.
Dislocation: Buttati.
In senso lato, certo.
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
bluesboy94
bluesboy94
Opera:
Recensione:
"Creuza de ma" e la "Gatta Cenerentola" della Nccp sono i primi dischi seri di cui abbia memoria. Evidentemente il periodo della prima infanzia ha coinciso con un periodo dove mio padre era fissato con questi dischi e li metteva in macchina. Riascoltarli e riscoprirli in età giovanile-adulta mi ha dato un turbinio di sensazioni che faccio fatica a descrivere. Posso solo dire di essere cresciuto bene con questi due dischi che fanno rivivere prodigiosamente lo spirito di due grande città mediterranee.


bluesboy94: * lo spirito antico e cosmopolita
Dislocation: La Gatta Cenerentola, perdio, è un pezzo che penso di scriverne qualcosa.... Mi tenti, tentativo!
Falloppio: Dislo tu che t'intendi tanto di tetti ritinti
Dislocation: Fallo, tu che fai il pane colle tu' manine...
Boop07
Boop07
Opera:
Recensione:
Bel testo di percorsi solitari turistici, non una recensione. Anche io ho peccato nello scrivere delle non-recensioni. Ma va bene.


Dislocation: Certo non penserai che una recensione musicale, pur nella sua pochezza o relatività, non possa accompagnarsi, nel suo percorso scritto ed ancor prima immaginato, ad altre situazioni che si uniscano ad essa a formare un unicum come percorso.
O, meglio, l'ho immaginata dopo un pomeriggio in giro con, tra gli altri, quest'opera negli auricolari.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Creuza De Ma è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link