Le Zoccole Misteriose
Mangiacuori, canzoni d'amore per il nulla

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Le Zoccole Misteriose, band alternative punk/stoner, torna finalmente in pista con il secondo disco in carriera, "Mangiacuori, canzoni d'amore per il nulla" in collaborazione con Umberto Palazzo del brano "Briciole".

Partiamo subito da un riff semplice e trascinante, quello di "Mangiacuore". Il testo lascia spazio alla comprensione, ruota attorno al suo nonsense demenziale.

“La crisi, l'amore e le zoccole”, IL PRIMO, è un disco fondamentalmente punk, unito però a varie influenze causate dal folto gruppo di persone che hanno dato vita alla lunga evoluzione del progetto.

La complessa vicenda storica delle Zoccole Misteriose si unisce alla natura predominante dei testi, ironici, crudi e sempre leggibili con diversi livelli di interpretazione.

Passiamo a "Piangere e gridare", la più efficace per espressività, per non parlare di "Briciole". Schitarrate alla Kyuss ed Helmet. Passiamo per solitudine e moltitudine e con una gran dose di paranoia arrivando a "Gino l'animale", il mio brano preferito. E' evidente il ritorno al demenziale, ma si tratta di un'adesione lieve sicuramente al di sotto della soglia del primo disco.

Critica alla società con ironia e scherno, perché "Troppi cagnolini con i loro cappottini" è una bella scarica di insulti rivolta alla massa. "Il risveglio" somiglia molto alla mattina dopo la sbornia, tra Primus e sound '90.

Ascoltate tutti quanti sto disco, potreste rimanerci sotto. Dandovi maggiori informazioni verrebbe meno il concetto di misterioso.


Questa DeRecensione di Mangiacuori, canzoni d'amore per il nulla è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/le-zoccole-misteriose/mangiacuori-canzoni-damore-per-il-nulla/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Caro, te l'ho editata un pochino perchè non si poteva guardare. La proposta potrebbe pure interessarmi parecchio. Magari la prossima volta dedica più di 15 secondi alla scrittura della recensione e diventeremo amiconi. Forse non giocheremo mai ad incularello, ma i solletici sul divano sono garantiti!
BËL (04)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Curioso notare che se si prova a cercare su youtube "Le Zoccole Misteriose" tra i primi risultati ci si imbatte in "Le Ragazze Italiane" dei Santo Niente.... Guarda, a volte, le sinergie.
BËL (00)
BRÜ (00)

aleradio
Opera: | Recensione: |
Bartleboom il padre che vorrei.
BËL (02)
BRÜ (00)

Darkeve: Ma poi non puoi giocarci ad incularello. Meglio come amicone.
aleradio: Questo sito bene o male mi dà sempre da riflettere.
aleradio: Mai ho usato dà e da così vicini.
Flo: Ti dà da riflettere.
aleradio: Ti sei spinta oltre me. Un avverbio di tempo in meno e ti avrei preceduta, in questa miracolosa impresa. Ti devo un plauso ed un piatto di feta e pomodorini.
MALEFICUS EVIL
Opera: | Recensione: |
che nome del ca l'amaro che si p scelto sto gruppo,solo in italia questi nomi

BËL (01)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Chiamerò una mia eventuale prossima band Le Palle Sudate. Sarà un successo.
BËL (01)
BRÜ (00)

HOPELESS: Perchè? Raska Catarrosa non ti piace come nome?
SilasLang: XD
SilasLang
Opera: | Recensione: |
Umberto Palazzo? OK. 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: