Little Feat
Time Loves A Hero

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


...e dopo una puntatina al Texas Rose Cafè in pieno deserto, dove pare servano bevande corrette con sostanze poco ortodosse, e un paio d'ore in compagnia d'una fetta di torta che si fa un giro in altalena mentre una lumaca e un principe azzurro la stanno a guardare, una "giornata alle corse dei cani" potrebbe sembrare un ritorno alla normalità...

POTREBBE.

Condizionale d'obbligo, perché in presenza dei Feats la parola "normalità" andrebbe sempre usata con una certa cautela - specie se in copertina ti ritrovi (e non capisci bene come) la Cattolica di Stilo arroccata sopra San Miguel de Allende. Cioè: Calabria e Messico nel giro di pochi chilometri. Dove finisce la realtà e dove comincia l'effetto dei funghi? Anche questo non si capisce molto bene. Ma è la prassi, con loro. Magari anche la mia introduzione di sopra non si capirà molto bene, ma chi è abituato a navigare in certe acque musicali avrà certamente afferrato. Al volo.

Dicevo, appunto: "Day At The Dog Races" - questo mostro sonoro da sei minuti e mezzo che fa la VOCE grossa (si fa per dire, è solo strumentale) tra i solchi della sesta fatica dei bislacchi californiani. Ma anche qui, con quegli strani suoni sintetici in apertura - Bill Payne, LUI - ci si potrebbe confondere e non poco. Tastiere che suonano come chitarre flamenche ti fanno pensare di trovarti sugli spalti d'una arena ad aspettare l'uscita del toro - più che a un cinodromo. Pur sempre nel deserto, magari, che dei Nostri è l'habitat naturale fin dal primo album, quando i suoni erano altri e si poteva perfino ascoltare - ruvida - la slide guitar di Mr. Ryland Cooder. Ma le possibilità d'immaginazione s'esauriscono qui: in un turbinio di piani elettrici, chitarre spaziali (pure!) e riff di basso granitici le corse sono ormai iniziate, c'è solo il tempo di prender posto e godere. Perché all'inizio le cose sono talmente intricate che orientarsi è difficile, il polverone sollevato è tanto e quella miscela di elettricità e synth ti ha già portato in trance. No, questo non te l'aspettavi. Te l'aspettavi in un disco di jazz-rock, magari. Ma al contrario di tanti sbrodoloni fusioneggianti, Sua Altezza Deviata Paul Barrère ti smonta ogni certezza e ti dice che con la tecnica puoi raccontare storie. Puoi svolgere romanzi interi, anzi EPOPEE - di bravura strumentale.

I Little Feat nel '77 erano questo. Meno acidi degli inizi, meno spontanei anche ma più elaborati, fino a diventare complessi. Comunque imprevedibili.

E nel frattempo ti chiedi (inevitabile, se ascolti i Feats settantiani) che fine abbia fatto il Genio, in tutto ciò. C'è.

Lowell George c'è. E' un po' più defilato rispetto a prima, il suo lavoro di voce si riduce, ma è come un'ombra onnipresente. La band (Clayton, Barrère, Gradney, Hayward e Payne) gira alla grande, lui può anche limitarsi alla chitarra e ad una scrittura che non perde smalto - perché poi è capace di regalarti una "Rocket In My Pocket" che sprizza funk e groove da tutti i pori, e può prestare le sue corde vocali a una "New Delhi Freight Train" che merita applausi seduta stante; la firma è di Terry Allen, d'altra parte, quello strambo inclassificabile personaggione di frontiera che non poteva non incrociare le strade di George.

E poi sax e trombe e ancora sax e ancora trombe, naturalmente. Qua e là disseminati, tanto per ricordarsi che da New Orleans ("Dixie Chicken" docet) si era passati e che Allen Toussaint aveva lasciato il segno. Persino il vocione-"blue eyed soul" di Michael McDonald è della partita, aggiungendo a "Red Streamliner" quel DI PIU' di cui neanche gli Steely Dan potevano fare a meno (da "Katy Lied" in avanti). E poi l'arcinota title-track che avrebbe fatto gran figura su "Waiting For Columbus", ma non è tutto.

Anche Nashville vuole la sua parte: alla fine della corsa c'è bisogno di commuoversi, e allora ecco che Barrère ti sfodera questi due minuti di "Missin' You" per cuori teneri che richiamano "Willin'", a perfetta conclusione di tutto. Splendore acustico di schietta malinconia - con la "resonator guitar" non di uno qualunque, ma di una Leggenda: Jeff Baxter.

E mi fermo qui. 

Questa DeRecensione di Time Loves A Hero è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/little-feat/time-loves-a-hero/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Non lo conosco ... Vale «Faets Don't Fail Me Now»?

Lao Tze: no, non lo vale. Ma del dopo-'75 questo è probabilmente il migliore.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Bella recensione Lao, il gruppo lo ignoro del tutto.

ranofornace
Opera: | Recensione: |
Lowell George è stato insieme col bassista Roy Estrada alla corte di Zappa, ma quel marchio geniale che contraddistingueva la prima parte della carriera dei Little Feat, in questo disco del'77 è venuto a perdersi definitivamente, la band sta mutando pelle, anche dall cambio di leadership. Nuovi orientamenti in stile Hancock/Weather Report, e qualche vago ricordo dei primordiale spirito confezionano un disco un pò sottotono rispetto allo standard del gruppo. Tu naturalmente sei garanzia di qualità.

Lao Tze
Opera: | Recensione: |
precisazione: del dopo-'75...escluso Columbus, che a mio (e penso non solo) parere rimane uno dei live più notevoli del decennio.

hellraiser
Opera: | Recensione: |
Amo tantissimo i Feats, dischi come Sailin' Shoes, il primo omonimo e Dixie li ho consumati in questi anni! Non conosco questo, però la tua rece mi ha convinto e me lo recupero.. anche secondo me Waiting for Columbus resta un live gigantesco, magnifico. Let it Roll secondo te è un buon disco? Non cè più George ma vorrei una tua opinione, ottima rece, scrivi molto bene!

Lao Tze: ti ringrazio. Si parte dal presupposto che questi qua un disco scarso non l'hanno mai fatto - non solo finché era in vita George, ma per un certo periodo pure con la formazione nuova, che poi è la stessa + Craig Fuller e Fred Tackett (polistrumentista, per di più). Il disco dell'88 è più che buono: c'è un po' di nostalgia fin dalla copertina e qualche suono più moderno, purtroppo meno ispirazione surreale, per il resto niente da eccepire.
hellraiser: Allora lo ordino, comunque bei gusti e bravo!
ionecapisco
Opera: | Recensione: |
ottima la rece, ignoro purtroppo il gruppo. Lacuna da riempire....

aries
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione. Di loro conosco solo due brani ("Dixie Chicken" e "Don't Bogart That Joint").

Lao Tze: Don't Bogart That Joint è stata reincisa, l'originale era dei Fraternity Of Man e in quella versione la si ascoltava nella colonna sonora di Easy Rider.
rupertsciamenna
rupertsciamenna Divèrs
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: