Sto caricando...

Muse
Black Holes and Revelations

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Un caldo giorno di Luglio, facevo zapping in tv e per caso mi imbattei in un buco nero.

Era "Super Massive Black Hole". Quelle chitarre distorte mi afferravano e mi trascinavo nell'oblio, mentre il canto in falsetto mi incantava come una sirena. Ero sbalordito da quanto una canzone potesse travolgerti e incantarti. Purtroppo sono partito il giorno dopo e non ho potuto comperare il cd. Due settimane di vacanza, perso nelle montagne, per cercare quel prezioso album. Poi lo vidi su una vetrina impolverata in un piccolo negozio di un piccolo paesino. Lo comprai. Tornato a casa lo misi sullo stereo e subitò partii per un viaggio meraviglioso. Salii a bordo della mia navicella e partii per lo spazio.

"Take A Bow" è una magnifica overture che ti conduce con dolcezza nello spazio profondo. Una tastiera alla Genesis e poi chitarre che oltrepassano l'atmosfera. E il canto soave della sirena che ti fa compagnia e ti culla. Il viaggio prosegue con canzoni molto elettro-rock-alternative dal ritmo travolgente. "Map of Problematique" mi ha fatto compagnia mentre attraversavo un campo di asteroidi. La canzone mandava raggi di pura energia che distruggevano gli asteroidi e mi facevano passare. Il ritmo martellante mi permetteva di schivare i detriti e il canto mi faceva da guida. Uscito da questo campo di asteroidi ho vagato per un po' nello spazio profondo accompagnato da un pezzo molto tranquillo e rilassante: "Soldier's Poem". Dopo un poco mi sono ritrovato accanto a una cometa e intanto partiva "Invincible". Dopo la cometa ho incontrato degli alieni ostili ed è iniziata una guerra. "Assasin" che sparando colpi potentissimi mi ha aiutato a trovare la retta via. Sono atterrato su un pianeta disabitato accompagnato da "Exo-Politics":qui la chitarra mi dava l'energia di proseguire mentre il ritornello con la sua melodia dolce mi tirava su il morale a fronte tutta la desolazione del paesaggio. Il pezzo solista della chitarra mi ha annunciato un insiedamento abbandonato, poi sono ripartito. Finita la canzone mi trovavo sulla strada di casa. La "Hoodoo" e la chitarra acustica mi hanno fatto compagnia fino all'atmosfera, poi è partita "Knights of Cydonia". La sua melodia trascinante che mischia vari generi e a tratti ricorda "Pulp Ficton", mi ha aiutato nell'atterraggio.

Sono sceso dall'astronave e la mia vita non era più la stessa.

In conclusione direi che è un album molto bello, fra richiami ai Genesis, ai Queen e Placebo. Un gioiello che apre la strada a un nuovo tipo di musica, misto di elettronica, rock, metal e..... navicelle spaziali

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaTre

Doctor J
Doctor J
Opera:
Recensione:
Ecco, potevi pure non tornare allora


jeremy
jeremy
Opera:
Recensione:
tu c'hai grossa crisi


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Chi ha una grossa crisi?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ultime Revelations!!Scoperto il mistero dei Black Holes..erano i quattro buchi di culo dei Muse.


Toni Bancae
Toni Bancae
Opera:
Recensione:
gran bel disco di merda. insopportabili


mista
mista
Opera:
Recensione:
Ho letto la rece dopo i commenti e mi son sbellicato (fortuna che non c'erano colleghi di studio in giro)...secondo me sembra più ThunderForce IV, il più grande sparatutto dell'epoca 2d (chissà se con questa dichiarazione apro un off topic). Comunque questa rece è fantastica...


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Gallagher87
Gallagher87
Opera:
Recensione:
Simpatica la recensione,però i Muse di qualche hanno fa erano un'altra cosa...
ah un consiglio x te,Jack Darko...non consentire commenti anonimi!


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Grazie per non metterò commenti anonimi. Comunque ne ho gia scritta un altra con commenti anonimi ma è mejo di questa


Gallagher87
Gallagher87
Opera:
Recensione:
Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
nn si sa!!!! la devono ancora pubblicare l'ho inviata dieci minuti fa


Gallagher87
Gallagher87
Opera:
Recensione:
vedi che è presto.....devi aspettare ancora un pò....cosa ascolti?


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Di tutto ma non avete msn? forse meglio
io sono
jackrosso@hotmail.it
ciao


Gallagher87
Gallagher87
Opera:
Recensione:
io non ce l'ho....generalmente kiakkiero sulle rece..cmq anche io ho diversi
gusti,dai Metallica agli Oasis...


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Io direi che vado dai Placebo ai Muse e poi dai genesis ai queen. Ma anche Beatles e Red hot chili peppers


boyintheocean
boyintheocean
Opera:
Recensione:
Jack, evita il passato remoto nelle recensioni. Per quanto riguarda il disco , ho sentito soltanto un paio di tracce tra cui "Take a bow"... veramente bellissima nel suo crescendo. Il testo poi, secondo te di chi parla?... Certo ho capito che si rifanno molto alla musica sinfonica, ma alcuni passaggi sanno troppo di preso a piene mani da composizioni di autori classici. Ho capito l'omaggio, ma alcuni punti sono troppo troppo simili. O è una mia impressione?


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
overture inteso come inizio di un album inizio di un opera. L'overture non è necessariamente classica. Opera intesa come album musicale o altro.


S4doll
S4doll
Opera:
Recensione:
Simpatica la recensione,però i Muse di qualche Hanno fa erano un'altra cosa... ah un consiglio x te,Jack Darko...non consentire commenti anonimi!
Nome: Gallagher87 | Data: 6/9/2006 | Voto: 4 | Voto al Disco: sei una vergogna per me



ocram
ocram
Opera:
Recensione:
che bella invenzione i Muse... ma che cazzo...


Orwell
Orwell
Opera:
Recensione:
il disco non l'ho ancora ascoltato, ma i muse non mi sembrano così schifosi.. a leggere i vostri commenti sembra che siano le più teste di cazzo del mondo. ho capito che sono diventati famosi, commerciali, etc.. ma voi siete meritevoli di dimostrare tale superiorità antipaticosa...?! penso di no. effettivamente però 5 recensioni sono troppe... ma anche gesù perdona, figurati nojaltri


Jack Darko
Jack Darko
Opera:
Recensione:
Della prossima recensione a confronto ce ne sono solo due. Poi ogni recensione da un punto diverso del disco


Mariaelena
Mariaelena
Opera:
Recensione:
l'album è fantastico!


Bisius
Bisius
Opera:
Recensione:
Jack, stavolta hai toppato a metà. Le recensioni sono povere di contenuto, ma l'album è fantastico. Piuttosto scontata l'espressione "mi imbattei in un buco nero" quando il titolo della canzone comprende le parole "black hole"... si nota un miglioramento.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Non capisco i commenti alle recensione... da stupidi.
Se non la volete leggere che ci fate qui?
Dato che nn c'è un limite massimo di recensioni e voi non siete in grado di stabilire una meritocrazia in base alla quale un cd puo essere recensito più di un altro..... sciò!


Lord_Darko_86
Lord_Darko_86
Opera:
Recensione:
Ciao.. Ti dò un 5 alla recensione perchè è esattamente come mi sono sentito io quando ho sentito per la prima volta Origin of Simmetry, il mio primo disco dei Muse.... Grande...


Autumnshade
Autumnshade
Opera:
Recensione:
ahah! Che strano, degli artisti propongono qualcosa di relativamente nuovo e alcuni voltano le spalle. Poi perché? A me sembra che diverse opinioni negative (e qui mi riferisco non solo ai commenti di questa recensione ma anche delle altre) siano dovute al fatto che i Muse sono più commerciali di altri gruppi... Scusate, ma é così un grave problema? Forse mi sbaglio, ho frainteso tutto o non capisco niente, ma se non é così...che pena!


Autumnshade
Autumnshade
Opera:
Recensione:
Ah, e poi, qualcuno diceva che erano i 4 buchi del culo dei Muse...se fossi più intelligente (cosa della quale ho subito dubitato dopo aver letto quella frase) dovresti sapere che i Muse sono in 3... L'ignoranza...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ciao, ho appena caricato (sulla mia pagina musicale di myspace,indicata sotto la firma) un nuovo brano,"The World Is On Fire",pesantemente ispirato alla new wave anni 80(con riferimenti a Duran Duran,Alphaville,Classix Nouveaux,The Associates,B-Movie,Wim Mertens e The Killers),mentre ancora "imperversano" gli altri due pezzi precedentemente caricati: uno s'intitola "Formerly Known As The King" e potrebbe definirsi un mix tra il post-punk psichedelico e il power-metal sinfonico, vagamente influenzato dai Muse e dai Sonata Arctica, ma con un testo trash ispirato alle notizie di cronaca nera...e l'altro,"Nothing To Believe In",è una specie di ballata prog-jazz con elementi orientaleggianti,classicheggianti e new wave e ispirata a David Bowie,Arcadia,Furniture,Eyeless in Gaza,Japan,David Sylvian,Mick Karn,Dolphin Brothers,Nine Horses,Masami Tsuchiya,Yukihiro Takahashi,Melon,The Cure,Metro,John Foxx,etc.
Spero vi piacciano!
un saluto
Welcome to the new Myspace!


baratz92
baratz92
Opera:
Recensione:
Grandi... Sopratutto dal vivo


Disequilibrium
Disequilibrium
Opera:
Recensione:
Mi sa che mentre eri tra le montagne hai trovato qualche funghetto allucinogeno :')


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Black Holes and Revelations è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link