Sto caricando...

Pink Floyd
Wish You Were Here

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Premessa dell'autore - disco plurirecensito. Lo so. Però...

Silenzio
, per qualche attimo. Onde morte che tagliano il vuoto. Una scarica di note spaziali ed il sibilo che si fa sempre più forte.
Intenso come mai prima d'ora. Lo puoi toccare con mano. Poi, d'incanto, s'inserisce sensuale una Fender. Pochi suoni. Mistici.
Davanti non c'è niente, il terreno sgombro. Tutto da conquistare, ancora. Passaggi lenti. Ti perdi nella musica.
Pian piano il suono sparisce. Il mondo si ferma, in bilico tra la vita e la morte. Quattro note. Nude, che s'inseriscono quasi con la forza.
Nude, ma pur sempre divine. Si ripetono per alcune volte. Il dolce tocco della batteria. Una di quelle vecchio tipo, con il suono consumato
dal tempo che scorre. Le voci...i ricordi. Della giovinezza, di quando splendevi come il sole.
Un sorriso. Con le tue idee, libero da ogni truffa meschina del mondo. Ora, i tuoi occhi sembrano due buchi neri nel cielo.
Purtroppo niente è per sempre. I pensieri fuggono e la notte cambia. E cambi anche tu.

Poi ti ritrovi un mondo alieno per te. Tutto ciò in cui credevi si rivela sbagliato. Intrappolato in una macchina, braccato tra il tuo respiro e le mura metalliche che ti stanno attorno. Niente ti può aiutare. Siamo esseri umani numerati, costruiti in fabbriche lontane che mai vedremo.
Siamo industrializati. Siamo l'industrializzazzione. La nostra vita è una manciata di monete.
Tutto qui. Ora che sai la verità, fatti un sigaro assieme a me. Gioisci. Non ci manca niente.

Un uomo senza capelli. Senza sopracciglia. Un uomo libero. Il Diamante Pazzo.
Apre la porta...

In una vicina stanza innondata dalla luce del sole, una stanza polverosa, siedi per terra con in mano una chitarra scordata.
Butti fuori quei quattro accordi e ci piangi sopra. Ti senti solo.
Non hai nessuno a cui appogiarti. Sei solo. Solo, ed unico. Riesci a distinguere tra paradiso ed inferno?
Hai scambiato i tuoi eroi con fantasmi? fissi pensieroso quelle rotaie metalliche?

"sounds a bit old..."

Mi manchi. Vorrei che tu fossi qui. Te lo volevo dire, un giorno. Ci siamo scambiati una stretta di mano.
Ho visto i tuoi occhi e tu hai visto i miei. Te lo volevo dire, ma sei sparito troppo presto in una scia di fumo.
Con il fuoco dentro. Vorrei che tu fossi qui.

Lo vuoi davvero?

Un basso trascinante ci riporta nella nuvola dove dormivamo piacevolmente all'inizio di quest'avventura.
La Fender torna da dietro le quinte. E si ricomincia.
"nobody knows where you are, how near or how far. Shine on you crazy diamond..."

E quindi uscimmo a riveder le stelle.

1. Shine On You Crazy Diamond (I - V)  
2. Welcome To The Machine
3. Have A Cigar
4. Wish You Were Here
5. Shine On You Crazy Diamond (VI - IX)

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su CentoTrentOtto

Opel
Opel
Opera:
Recensione:
xZOSO: cazzo ma lai letto il mio ultimo commento, in parte sono daccordo con te. Sto solamete dicendo che se un giorno uno scrive una rece dei Floyd e il giorno dopo ne esce un'altra uguale nn ha un cazzo di senso poi x quanto mi riguarda uno può fare tutti i doppioni che gli pare, nn ci sono regole ferree che lo vietano e come dici tu le energie nn sono le mie. Solo nn mi venire a dire cazzate del tipo ""Inutile" per te. UTILE PER ME!", utile x cosa scusa? Ribadisco cmq che i doppioni nn mi danno alcun fastidio (a questa rece ho dato 4 mica 1).


negativenein
negativenein
Opera:
Recensione:
"Utile per me","utile per chi la scrive".
bravo zoso, però rimane sempre il fatto che la recensione che viene scritta proprio perchè ha milioni di copie verrà giudicata anche a partire da questo..da cosa ha di differente con le altre, non si può prescindere da questo, in fondo è lo stesso criterio con cui si giudica la musica stessa o lavori diversi di uno stesso gruppo.
Le recensioni pur parlando della stessa cosa possono essere doppioni, e prendersi un "1" ma possono essere anche meglio di qualunque altra recensione "inedita".
Regole? qua le regole le facciamo noi..


lopi
lopi
Opera:
Recensione:
"Regole? qua le regole le facciamo noi..." frase che manda affanculo tutto il discorso fatto prima, oltretutto la pura verità


Lucertola
Lucertola
Opera:
Recensione:
Il disco è inclassificabile.Etichettare un disco dei Floyds è come cercare di sgombrare la mente di Syd..non si fa! (nonostante Waters e-suo malgrado-company si siano allontanati dal rock psichedelico firmato Barrett).Commovente-Lucertola


Lucertola
Lucertola
Opera:
Recensione:
Ciò che segue avrei potuto piazzarlo nel commento scritto pocanzi ma non volevo mischiare sacro e profano..
Senza usare troppi francesismi:fate quel cazzo che vi pare!perchè precludersi a priori l'opportunità di recensire un disco che amiamo,solo perchè ci ha già pensato qualcun altro?non si è mai sentito che un disco venisse consumato a forza di recensioni.


voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
ho appena scritto un commento alla recensione su Jimmy Fontana complimentandomi col recensore per averla scritta così bene da invogliarmi a leggerla tutta. Io adoro i PF, ma sinceramente questo modo di scrivere lo trovo insopportabile...


Alfredo
Alfredo
Opera:
Recensione:
ZOSO: per me puoi mandare tutti i fottuti doppioni di sto mondo!...cosa che tra l'altro ho anche scritto prima. Ribadisco questo concetto visto che mi hai chiamato in causa senza motivo.


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
Allora l'annosa polemica sui doppioni, di cui sono stato uno dei primi promotori quando il sito ha incominciato a imbarcare acqua un tre anni fa (ossia da quando vi siete riprodotti peggio dei conigli e senza neanche sopprimere la prole venuta male ossia i vari casi umani): oramai non mi incazzo + neanche io, perchè siamo troppi e ho incredibilmente abdicato il principio secondo cui UN DISCO UNA RECENSIONE, perchè ammetto che punti di vista differenti su un disco valido ( e non dio@#[**"£!&/ sui Blink o altra musica da subumani) sono anche interessanti. Quello che mi fa incazzare dei doppioni è che spesso sono fatti da gente che VUOLE a tutti i costi comparire in home page e DIRE LA SUA, ossia mascherare l'innato bisogno ddei 15 fottuti minuti di microgloria provinciale su deb. Non è il caso di questa rec che prende spunto da un aneddoto simpatico di storia floydiana e cmq può essere originale. Facendo ciò, ossia assecondando il proprio ego, fate sì che magari valide recensioni di validi dischi passino del tutto inosservate. E' proprio la voglia di emergere di tutti i nuovi utenti che si cimentano in stradoppioni che sta uccidendo debaser (duro a morire visto che scrivo sta roba da due anni almeno). La funzione di debaser sarebbe informare, non assecondare l'egomasturbazione di ogni fancazzista della rete. E invece anche io vista la mole di rec non riesco + a informarmi per bene. Magari non è solo colpa di ciò,ma ne ho la sensazione. E' anche il motivo per cui ha + senso oramai cazzaggiare e sparare cazzate sulle rec invece che leggerle. Quindi proponiamo i doppioni a parte, tipo i casi letterari, così vediamo quanta gente rimane qui a scrivere. Il puynto è che se ci sono duemila rec di un disco anche storico, NON VE LO DICE IL DOTTORE DI SCRIVERE DUE RIGHE! Ascoltate + musica, e recenxsitela dio cristo! No e incvece è meglio scrivere di roba famosa, così almeno la recensione rimane fra le + cliccate, no? Vabbe mi avete fatto inacidire fanculo


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
Longliverock
Longliverock
Opera:
Recensione:
S4doll
S4doll
Opera:
Recensione:
psycho ti voglio un sacco di bene in più dopo quest'ultimo commento


purple
purple
Opera:
Recensione:
pink floyd wish you were morti e sepoltiiiiiii


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Io invece ti voglio un po' meno bene: è tutto pomeriggio che provo a scrivere un commento in cui definisco recensioni come questa dei meri atti masturbatori, e ogni volta sono stato interrotto! Mo arrivo e scopro mi hai fregato l'idea!:DD!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
ORA BASTA PERDIO (CIOE' IO), AVETE CAGATO IL CAZZO DI JOHN HOLMES CON QUESTE INUTILI PSEUDO\RECENSIONI SENZA CAPA NE' CODA DI CAVALLO, SUPERFICIALMENTE MASTURBATORIE & PRIVE DI UN QUALSIVOGLIA BARICENTRO
D'ANALISI MUSICALE. BASTA CIMBARELLO, SE NON PUOI PROPRIO FARNE A MENO PROVA A SCRIVERE SU 'SELEZIONE-READER'S DIGEST' MA NON ROMPERE I COGLIONI FUMANTI QUI A DEBASER. GIA' DEVO SOPPORTARNE TROPPI COME
TE, CON VAGONATE DI IRON MAIDEN, BEATLES, QUEEN, METALLICA, FLUIDO ROSA E CAZZATINE VARIE..BASTA, CRISTO! ACCENDETE I CERVELLI, SPEGNETE SANREMO E PREGATEMI CON GIOIA STANOTTE. E COSI' SIA!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Al bar, tra carabinieri: uno chiede 'Cosa prendi?', l'altro risponde 'Quello che ordini tu..' -'Ok, 2 caffé!', 'Allora 2 caffé anche per me, grazie!'.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Più rece di Jimmy Fontana, per favore. Stop Pink Floide e simili.


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
DIO SCARUFFI FULMINALI PERCHE' SANNO QUELLO CHE FANNO...sti piezze e 'mmerda


Cimbarello132
Cimbarello132
Opera:
Recensione:
Valerion' caro. perche cazzo hai fato la rece di Meddle, The Piper, Dark Side ?????????
alla fine sei tu la testa di cazzo che rompe coi Floyd allora... quindi... fottete !


DADOSH
DADOSH
Opera:
Recensione:
Hai fatto bene ha recensirlo ancora, buonissima recensione per un eccellente disco.


DenverNuggets
DenverNuggets
Opera:
Recensione:
E quindi uscimmo a riveder le stelle....speo sia il tuo epitaffio


purple
purple
Opera:
Recensione:
pink floyd sulla forca....


Valeriorivoli
Valeriorivoli
Opera:
Recensione:
ho parlato bene solo del piper, leggi bene cippare'
Roger Waters pezzo di merda capitalista.


mauro60
mauro60
Opera:
Recensione:
Vi siete chiesti perchè recensioni come queste hanno più di mille contatti in 3 giorni e recensioni p.e. sui Quatermass 418 in 4 mesi? Perchè DeBaser è ormai una chat qualsiasi, dove la gente manco legge la rece per scazzare dietro gli ultimi post su argomenti che magari non c'entrano un cazzo sull'opera recensita tanto per fare qualcosa quando si annoia a casa o al lavoro. E' la fase discendente di una parabola che ha visto altissime vette di qualità e di democrazia? Facciamo qualcosa!!!


mauro60
mauro60
Opera:
Recensione:
Detto questo posso dire la mia sul disco? Ho detto in una mia rece che a volte un brano vale la spesa del disco. Questo è uno di quei casi. Shine on you crazy diamond pt. 1 e 2 è strepitosa, originale e rivoluzionaria per quel tempo. Gli altri brani meritano appena la sufficienza. Wish you were here mi è venuta a noia a forza di suonarla, ma è una canzone - bella - ma canzone. Che ha poi di magico l'album(soprattutto al tempo che uscì)? Inizio e termine con due parti dello stesso brano, uso di quel sassofono con quel timbro lì nel soft rock, voci e suoni infilati dentro, la copertina - mitica - con anke l'adesivo (che fine avrà fatto il mio?)Gli assoli di Gilmour, le atmosfere di Wright e Waters. Per tutto questo merita almeno un bel 4, potessi darei 4 e mezzo.


mauro60
mauro60
Opera:
Recensione:
... 4, appunto!


Cimbarello132
Cimbarello132
Opera:
Recensione:
valerio : perche se davo 1 al disco e ne parlavo male che me davi 5 alla rece???????


purple
purple
Opera:
Recensione:
RIVOLI SI FA LE PISTE DALLA MATTINA ALLA SERA....


lopi
lopi
Opera:
Recensione:
mmm...è un ipotesi...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Un ipotesi assai stupida, peraltro


coolermaster
coolermaster
Opera:
Recensione:
Ogni parola è superflua.. La rece mi ha fatto commuovere...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Wish You Were Here è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link