Radiohead
Kid A

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Secondo me i Radiohead hanno scritto questo disco per dimostrare di essere la più grande band di sempre anche a quei quattro miserabili figli di puttana che ancora pensavano il contrario. Intendiamoci, "Ok Computer" non era poi sto granchè, ma a sua discolpa c'è da dire che soffriva dell'handicap del "disco basato su chitarre", un concetto di musica che nel '97 - ma in generale in qualsiasi anno post-avvento di Prince - era già stato ampiamente superato. Tutte quella retorica sull'ipocondria pre-2000 - quella che ti portava a lanciare acuti da cicisbeo scoglionato al solo pensiero di "computer", o "rivoluzione informatica", o "cyborg" o cagate simili - in fondo, però, nascondeva qualcosa di geniale: "Fitter Happier" d'altra parte stava già tracciando il futuro, "Exit Music" stava già prioettando il senso di angoscia ad un livello parallelo, post-Napster e pre-11 settembre; "Airbag" in fondo era una canzone della madonna, anche se pure lei era attanagliata da quell'idea di ansia del cazzo un po' plasticosa, che di lì a tipo 3 giorni sarebbe invecchiata malissimo. Insomma, erano buone canzoni, spesso buonissime, ma alla fine della fiera non lasciavano un cazzo, se non un po' di epidermide rinvigorita e un poetico accenno di nobile depressione: peccato, ma non posso non rimarcare come soffrissero di senilità formale e di retorica concettuale. Qualcosa di veramente rivelatorio e immortale, però, si stava già intravedendo.

Poi è arrivato "Kid A" e ha reso tutto più chiaro. "Everything In Its Right Place" ridefiniva il concetto di umanità, prendendola di collo, ribaltandole la pelle e la carne e lasciando fluire lento l'umore: è l'armonia più asetticamente tetra, il concetto stesso di "precarietà", umana e aliena, riportato su musica. Se non ti si è aperta la mente su quel "yesterday I woke up sucking a lemon" evidentemente non hai capito un cazzo di sto disco, quindi puoi anche smettere di dire ai tuoi amici che è meglio di "Ok Computer" anche se non lo pensi. La title-track cigola, cigola e cigola ancora: quel carillon è tutto lì, sotto le travi del pavimento, tra i denti di Berenice, quel pad percussivo che invade il collo come un avvoltoio silenzioso risuona ancora, come un canto d'addio.

Sì, lo so che "The National Anthem" vi piace, lo so che il free-jazz vi manda in brodo di giuggiole, però, frate', mi sa che ci avete capito ben poco se dite così. Ora ci sarebbe "How To Disappear Completely" ma non mi va di dirvi cosa ne penso, vi lascio ai vostro sfoghi patetici. "Optimistic" è ciò che sarebbe dovuto essere "Ok Computer" se solo non fosse stata l'unghia eradicata a freddo che invece è. "In Limbo" direi che sfancula in un secondo e in una nuovola d'amianto tutti i vostri dischi inutili dei Pink Floyd, ma proprio tranquilla tranquilla.

"Idiotheque" è esattamente ciò che Wagner avrebbe composto se quella volta, invece di stare a scrivere, fosse corso sotto una pioggia corvina in un campo di papaveri: come una nevrosi velvetiana trasferita su sinapsi più eccitate. "Treeingers" finora l'ho saltata, perchè tanto anche voi la saltate quando ascoltate sto album, però fidatevi che vi perdete la cosa migliore. "Morning Bell" qui è bella da morire, mentre fa ritorcere il fegato in "Amnesiac", e non so dirvi perchè.

"Motion Picture Soundtrack" è oltre, ammetto di non averla ancora decodificata e probabilmente mai ci riuscirò: resta la serratura impossibile, il cavillo introvabile, il plesso che impedisce alla sostanza di esondare. Concludo qui, dai. Di lì in avanti i Radiohead composero altri due dischi stratosferici, ovvero "Hail To The Thief" e "In Rainbows", poi altri dischi un po' insipidi. "Kid A" resta un caso a parte nella storia dell'arte e dell'uomo, l'opera precaria e definitiva, il disco che ha messo in difficoltà le menti deboli e ha letteralemente mandato al manicomio le menti illuminate. Un disco stronzo all'inverosimile, un disco perfetto.

Questa DeRecensione di Kid A è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/radiohead/kid-a/recensione-polo

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiCinque)

kloo
Opera: | Recensione: |
dopo anni a posteriori, i Radiohead sono sopravvalutati e questo disco è l'apice della loro carriera sopravvalutata.

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Certo che le prime due righe della DeRecensa sono tra le più scarse in assoluto di sempre.
O perlomeno dal 1492 à oggi.

POLO: E invece le 5 stars provocatorie, quanto sono demodè?
sfascia carrozze: Ma io sono un DeRagazzo d'altri tèmpi.
Lo san tutti, tranne Lei a quanto pare.
east of eden80: Il Lei è perfetto.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
regola uno mollare le classifiche di rym grazie

kloo: Pure tbt
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Ho sempre preferito i Radiohead di Pablo Honey e The Bends a tutto quello che hanno creato successivamente e sono consapevole del fatto di essere uno dei pochi a pensarla così; ma é innegabile il fascino di questo album

RinaldiACHTUNG: tu sempre incazzato ahah
adrmb: MACCOME
RinaldiACHTUNG: adrmb lo so, purtroppo le loro sperimentazioni non mi hanno mai preso più di tanto
splinter
Opera: | Recensione: |
Beh onestamente lo stereotipo di "disco basato su chitarre" si era già superato con il prog settantiano ma purtroppo resiste ancora grazie a gente ottusa ancorata al rock più puro che non sa andare oltre gli Ac/Dc, che rinnega il senso artistico e creativo che la musica può avere...

Hank Monk: beh, mi sembra tutto tranne che negli ultimo 15 anni il rock con le chitarre sia predominante
RinaldiACHTUNG: Io non la vedo affatto una cosa negativa. Ben vengano i dischi sperimentali ma ben vengano anche i dischi suonati alla vecchia maniera; stiamo parlando delle chitarre raga, e io voglio le mie chitarre per sempre
splinter: Beh infatti io sono un amante dei Nickelback, per dire, che suonano abbastanza alla vecchia maniera; però molti si fermano lì e credono davvero di avere capito tutto della musica, ce n'è... I gruppi di rock puro servono ma non dovrebbero mai essere la strada da percorrere più frequentemente.
Hank Monk: Beh infatti io sono un amante dei Nickelback....ZIOCARO :D
Grum
Opera: | Recensione: |
Ok Computer e' un ottimo album non a livello di questo comunque.

Joe Cavalli
Opera: | Recensione: |
E' un disco concettuale malriuscito, i Pink Floyd solo con Alan's psychedelic breakfast sfanculano 34 generazioni di Radiohead. Hai ragione che è un lavoro stronzo, perchè mi ricordo i recensori ottimistici del 2000 che lo citavano come "il nuovo The Dark Side of the Moon" tale era il vuoto musicale del periodo e attuale.


Joe Cavalli
Opera: | Recensione: |
macaco
Opera: | Recensione: |
Ma il contrario di essere la più grande band di sempre, é non essere la piú grande band di sempre o essere la peggiore di sempre. Come sono ignorante... mi si fonde il cervello!
Comunque fratello POLO, sappi che il mondo non é un posto cosí brutto, anche senza i radiohead.

masturbatio
Opera: | Recensione: |
E dunque hai messo rock nei generi, per coerenza generale. Sto disco è un apice indiscusso della musica contemporanea, lo mettono su nell'ora di calcetto a regina coeli.

POLO: fra i Radiohead sono una rockband
masturbatio: Bro i radiohead saranno pure rock ma sto disco non lo è. Lo dici tu stesso, l'uscita di sta disgrazia sonora ha rincoglionito moltitudini che hanno iniziato a trovare anacronistico un riff di chitarra ad un concerto.
madcat
Opera: | Recensione: |
La recensione mi è sembrata una discreta serie di cacate messe lì tanto per e va beh, questo e Amnesiac li sto riascoltando parecchio guarda caso in questi giorni dopo parecchio tempo, Kid A l'ho sempre apprezzato, Amnesiac lo sto risoprendo e c'è da dire che assieme fanno la loro porca figura

POLO: Beh, dimmi solo 3 cacate che ho detto e ti darò ragione
puntiniCAZpuntini: A parte quel "Post Napster" che puoi anche controllare con le date, pur non sapendo che poi stringi stringi è durato 6 mesi, il tutto è una gran cagata perchè Kid A era un disco alla moda che seguiva il trend (anche un attimino in ritardo), mentre Ok Computer era un disco completamente diverso da quello che girava al tempo.

Anche Madonna nel 2000 aveva fatto il disco elettronico. Madonna.
puntiniCAZpuntini: [(questo non vuol dire che fosse un brutto disco, nè Kid A e incredibilmente nemmeno quello di Madonna) l'ho letta ovviamente a salti, magari dentro c'è di peggio]
POLO: Bah veramente di te non mi frega nulla, chiedevo all'autore del commento
POLO: Scherzo, peace&love anche per te
puntiniCAZpuntini: Ma il disco di Madonna l'hai sentito? Se no, corri.
POLO: Ma non interessa nulla del fatto che sia elettronico, ok è un valore in più, ma solo perchè è il veicolo adatto per delle canzoni che sono enormemente più belle di quelle di ok computer e affini
puntiniCAZpuntini: << Ma non interessa nulla del fatto che sia elettronico >> Sì, come è normale che sia non dovrebbe interessarti, anche perchè non capisco cosa c'entri l'interesse. << ok è un valore in più >> Eh? << delle canzoni che sono enormemente più belle di quelle di ok computer e affini >> SANTA MARIA MADDALENA, "ENORMEMENTE PIù BELLE" ?

Sei in una dimensione che non comprendo, il "bello e brutto" nel 2018 credevo fosse preistoria.
puntiniCAZpuntini: Per essere concisi: io ho capito che tu hai capito che Kid A è passato ai posteri come "meno bello" di Ok Computer perchè "laggente" non lo ha capito.
Quindi, siccome me lo ricordo bene, ti spiego che il "punto" per cui Kid A è passato come "meno bello" (da Laggente ovviamente, non dalle persone normali) è perchè era "alla moda".

Poi che sia bello o meno bello e che ti piaccia o meno non me ne frega una minchia, ti pare che adesso ci mettiamo a parlare di Kd A, avrà anche un attimino FRANTUMATO LA MINCHIA qualsiasi discorso sui Radiohead.
madcat: 1. "la più grande band di sempre"; 2. "In Limbo" direi che sfancula in un secondo e in una nuovola d'amianto tutti i vostri dischi inutili dei Pink Floyd, ma proprio tranquilla tranquilla"; 3. "Kid A" resta un caso a parte nella storia dell'arte e dell'uomo, l'opera precaria e definitiva, il disco che ha messo in difficoltà le menti deboli e ha letteralemente mandato al manicomio le menti illuminate" e ci aggiungo pure 4. "soffriva dell'handicap del "disco basato su chitarre", un concetto di musica che nel '97 - ma in generale in qualsiasi anno post-avvento di Prince - era già stato ampiamente superato
puntiniCAZpuntini: Eh la madonna, quella dei Pink Floyd è meravigliosa!
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Non ho capito perché dovrei ascoltare sto disco? È Rock? Ritornerò, forse.....

perfect element
Opera: | Recensione: |
aleradio
Opera: | Recensione: |
Sei bravo perché riesci sempre ad attirare delle critiche errate. Quello che mi fa soffrire come tagli su un cazzo eretto è l'approccio argomentativo da -con questo disco praticamente ti spazzo via-prendi quello che conosci e poggialo qui così ci vomito sopra-si dai bravo zitto.
Sei uno zarro. In qualche caso potrà dirti bene, ma troppo zarro.

kloo: Hai letto l'ultimo articolo di bjorko dio? Parla proprio di Polo
POLO: Non mi pare che si parli di me, però vi ringrazio entrambi per i pareri gentili
aleradio: PLO man
luludia
Opera: | Recensione: |
voiceface
Opera: | Recensione: |
Uno per la spocchiosità, tre perchè alla fine ti fai leggere. Media: 2.

POLO: Direi che va bene lo stesso
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Guarda la " più grange band di sempre " non esisterà mai e tu fai tenerezza che ancora ci credi. Senza entrare in merito, cosa vuol dire secondo te il più grande gruppo di sempre ?
Ma tanto furore recensorio per un disco che più o meno tutti hanno sentito, conserva tanta energia per un disco nuovo o che non ne hanno già parlato 1022012 persone e non sono ancora riuscite a farmi capire perché sempre paragoni con i Pink Floyd. E basta con le parolacce in questo tuo sfogo con tante sparate a vuoto. Comunque nulla di male.

joe strummer
Opera: | Recensione: |
Per me è il contrario. Kid A mi sembrava più interessante ai tempi, quando ero ragazzino, mentre Ok cpu negli anni ha dimostrato la sua qualità squisita e imperfettibile. Per questo Thom e soci hanno virato, per non fare i conti con quell'eredità pesantissima. Se critichi l'angoscia di Ok cpu allora che dire di Kid A? "Ice age is coming…"

LaSalmA
Opera: | Recensione: |
Io e le Testoline- Radio non ci siamo mai sopportati....e questo si sapeva!

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Kid A senza le due strumentali e Idioteque (problema mio mai piaciuta) da massimo dei voti. Concordo su Morning Bell migliore la versione Kid A, The National Anthem Optimistic e How To Disappear Completely le migliori, il resto sempre su alti livelli.

Nico63
Opera: | Recensione: |
Mi annovero con trasporto fra i quattro miserabili di cui sopra.

sfascia carrozze: E' qvesto il trasporto giusto!
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Sono qui solo per le prime due righe che si leggono anche dalla pagina iniziale senza entrare nella recensione (di cui non mi occupo in quanto non ascolto detto gruppo di depressi). Che dire? Seguitiamo ad accettare recensioni con commenti come questi e poi stupiamoci se "i migliori" se ne vanno...stiamo dando un taglio culturale alzo lega nord per caso o vi siete assuefatti al bomba/caimano style (anomalo bicefalo)? Io che non sono per nulla democratico avrei bannato il tizio (che si è autoescluso se è vero non so e m'importa anche una sega sai) e bannerei anche sto tizio con la polo. Poi siccome non c'è due senza tre bannerei anche l'agente pistola+rose e così ristabiliamo un equilibrio nella forza. Su compagnoti, dai che ce la fate!

kloo: Debaser ha avuto le sue perdite negl'anni e credemi che in questo momento su debaser ci sono i prati fatti di marshmellow e zucchero filato e i fiumi di glucosio. Adesso non voglio fare quello "ai miei tempi" ma santo cielo una volta si che ti prendevi dei calci in culo e pure la tirata d'orecchie.
Debaser l'ho visto sempre come l'arena dei gladiatori, restano solo i più forti.
Non si chiedono ban su sto sito a meno di atti clamorosi (sempre belli i tempi che furono) ci si attende coerenza, perlomeno.

I nuovi entrati non sanno purtroppo come si è evoluto il deboscio e come scrissi altrove io più che critiche (che latitano un sacco, vengano le pagine così @[Punisher] dove sei? mi manchi) vedo apprezzamenti a caso anche se lo scritto è nullo o quasi, ecco, quello è leghismo.

Il caro vecchio social-comunismo era fatto di scontri epici e la sinistra sta sparendo, la scena sta sparendo, ma debaser, questo, non sparirà mai. Non sparirà perché qui la gente non ha i peli sulla lunga e soprattutto costruisce la critica su basi esistenti. Il leghismo sono slogan senza alcun fondamento e talvolta con notizie mediamente false o corrotte.

Io il commento negativo lo butto se c'é necessità, in questo caso manco ho dato le stelline alla recensione. poi fate vobis. Io sono solo un utente (semi)anziano dal decorso anonimo che per la maggior parte osserva ed ogni tanto piace dare un consiglio senza aspettarsi nulla in cambio.
spiritello_s: Egregio Kloo Lei ha un modo perlomeno "originale" di stabilire i Suoi concetti. Ciò detto sono e restano i suoi concetti. Non sono le "presunte" regole del sito (sempre ch esistano e non siano solo ad uso e consumo di chi lo gestisce). Se io vengo qua è per leggere in buona parte recensioni e anche editoriali con un minimo di corrente neuronale. Del Comunismo e i suoi fratelli non mi occupo più ormai da qualche anno avendo già buttato infruttuosamente molte delle mie energie metali in giochini allestiti da altri furboni. Anche io bazzico questo sito da oltre 10 anni anche se prima non partecipavo commentando. Pensavo che comunque vi fossero alcune regole, se non altro occuparsi di recensire un qualcosa senza sparare ai 4 venti le proprie frustrazioni (che non interessano alla maggior parte di noi, credo). I ban li chiedono anche utenti più specchiati del sottoscritto, poi che lo facciano seriamente o per cazzeggio non mi compete stabilirlo e neanche mi interessa.
kloo: qui c'è la dittatura di G.

Le regole le decide lui, la democrazia è qualcosa che sta sfuggendo di mano.
spiritello_s: Benissimo. Allora: "ascoltaci o' G"!!!
Alemisso
Opera: | Recensione: |
Bel disco, ancora meglio Amnesiac, anche se sì la Morning Bell qui è migliore, infatti la salto sempre dillà

ErosGiannini
Opera: | Recensione: |
Dopo tante tue sparate a sproposito su questo forum, mi sento di esprimere una mia ( personalissima e modesta ) impressione.
Già dalle prime righe della tua recensione, non si capisce chi siano i "quattro miserabili figli di puttana".
I Radiohead, come tanti altri musicisti, hanno fatto un percorso musicale, a prescindere dal fatto che dovevano dimostrare qualcosa a qualcuno.
"Kid A" è un'opera che non deve scontare colpe di handicap a nessun loro album precedente ( le chitarre e Prince che "concettualmente" si tirano in ballo non c'entrano un fico secco!).
Il fatto che esista un vero pericolo sulla globalizzazione informatica non è retorica. Lo si manifesta universalmente in tutte le sedi, e tutte le arti dagli anni '60 fino ai giorni nostri. Non sono cagate!!
Solo chi ha una mente ottusa può dire il contrario!
"...ansia del cazzo un pò plasticosa..." "...buone canzoni, spesso buonissime ma alla fine della fiera non lasciavano un cazzo..." "...soffrissero di senilità formale e di retorica concettuale..."
Ma ti rendi conto di quello che dici?
Ma certo è arrivato " Kid A " e ha reso tutto più chiaro; con "Amnesiac" si è saldato ancora di più il concetto.
Che piaccia o no Radiohead è un progetto che al di la' delle tue citazioni ( tra "denti di Berenice" e "avvoltoi silenziosi") ha portato una nuova ventata alternativa, nel panorama musicale.
"National Anthem" è un pezzo sublime .
Fai ridere i polli quando dici che ci abbiamo capito ben poco. Ma che cosa c'è da capire?
L'esecuzione parla da sola, è a dir poco sconvolgente.
Poi se non ti va di dire cosa pensi di "How To Disappear Completely", è solamente affar tuo (ormai gli arzigogoli altisonanti gli hai finiti).
Non sarai per caso il loro produttore per affermare che "Optimistic" avrebbe figurato meglio nel loro album precedente?
Poi Wagner lo lascerei dov'è. Potrebbe tirarti le coperte di notte e non sarebbe una bella esperienza.
Inoltre non affermare concetti che non sai spiegare: fai la figura del pirla.
E per quanto riguarda la "serratura impossibile, il cavillo introvabile il plesso che impedisce alla sostanza di esondare...", se non riesci ad aprire la prima, a sondare il secondo e ad avere il terzo, non potrai mai trovare in vendita la facoltà di farlo. E' una virtù che insita dentro di noi.
Si chiama sensibilità intellettuale. Per fortuna non è una facoltà così rara.
Prima dei saluti un consiglio.
Scrivere stroncature è una pratica molto snervante. Lo si deve fare con metodo obiettivo e conoscenza di causa. Scrivi di quello che veramente ti piace. C'è più gusto. Fallo con la stessa passione con cui ti ci metti all'ascolto.
Prova con la prossima.

spiritello_s: La prossima? Ma anche no.
POLO: Innanzitutto grazie per aver letto attentamente la recensione, però:
1) non ho detto che "Optimistic" sarebbe stata meglio nell'album prima, ho detto che da sola è meglio di tutto il pop chitarristico del disco prima, è diversa come cosa
2) non ho scritto una stroncatura, nè di ok computer, nè tantomeno di Kid A che ho lodato ampiamente.
Per il resto anche le tue sono opinioni, quindi alla fine devo prendere per tali e prenderne atto, semplicemente non le condivido
east of eden80
Opera: | Recensione: |
Non saprei da che parte stare... cerco solamente di farmi trascinare dall' emozioni. Mi pare la scelta più saggia.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: