Sto caricando...

Syd Barrett
The Madcap Laughs

()

Voto:

"Ice Cream Excuse Me, I've Seen You Lookin' Good The Other Evening..." - [I Love You].

Sei diventato pazzo. Finalmente ci sei riuscito. Tutte quelle strane frequentazioni notturne con le più svariate sostanze. Valium. Alcool e Roypnol. LSD. Allucinogeni, sonniferi, oppiacei. Abuso persino del Vivin C. E adesso... la pazzia. No, non una banale sindrome dissociativa. No. Proprio una insana vena che pulsa nel cervello.
Trovi che vivere in campagna non sia poi così male. Le galline, il mangime, il brodo caldo a pranzo e i grilli la notte. Stronzate del genere. Sei grasso, pelato e vivi con tua madre in un altrove dimenticato da Dio. Ti specchi nel lago di piscio che il tuo golden retriever crea sul prato ogni mattina e torni con la mente al 1970. A quando, per la precisione, hai creato un barlume in mezzo ad un una crescente oscurità.

Eccolo, il super Rewind: sei sano (oddio, per lo meno più di ora...), bello, dannato, con i capelli a cespuglio, un filo di eyeliner sotto agli occhi e sei appena uscito da una delle più importanti band della storia.
Suoni senza schemi e continui a pensare che la tua chitarra su "Here I Go" è piuttosto scordata. Qualcuno, in futuro, penserà che si tratta di qualche strano accordo in settima e che sei un genio. No no... è proprio scordata. Sai già che in molti ti deruberanno, saccheggiando a piene mani dalla tua mente umida. Nessuno ti nominerà nelle interviste perchè "non è figo" citare come propria fonte d'ispirazione un pazzo con manie di persecuzione. Sarai uno dei più bei segreti tenuti nascosti dai musicisti con i capelli lunghi e la barba incolta. Fissi il tecnico del suono che, a sua volta, ti fissa immobile dall'altra parte del vetro. Guardi l'accendino per terra e sai già che lo userai come slide finger in "Late Night", perchè hai dimenticato quello vero a casa. Anzi no... lo farai perchè sei un genio e la gente presente stanotte dentro questa saletta affumicata comincia a rendersene conto, già da adesso. Per una volta glielo farai vedere tu a quel quattrocchi di Lennon chi è il vero schizzato megalomane. Sei tu il barlume più soffocante in questo preciso momento. Sei tu il tricheco. Sei tu "The Walrus". Eppure quella chitarra è proprio scordata. Stoni come non mai svariate volte e dentro a "If It's In You" tutto s'interrompe. La voce profonda di uno dei produttori invade la camera imbottita di piramidali e afferma che "Tutto ok...perfetto. Era Grande".
Sono le quattro del mattino e non dormi da tre giorni. Gilmour e Waters continuano a fissarti. Capisci tutto. Sono pazzi anche loro. Pieni d'iperspazio all'idrogeno. Strafatti e inconsapevoli. Addormentati ad occhi aperti di fronte alla affascinante e asimmetrica scultura sonora che sta prendendo forma. Stop.

Fast Forward: campagna rurale, silenzio, galline. Il tuo cane ha finito di pisciare. E' ora di tornare di nuovo sotto le coperte per continuare a nascondersi da tutto.

Ultimi Cento commenti su DuecentoQuarantaQuattro

giov
giov
Opera:
Recensione:
credo di notare dal leggero e fine accento, che l'università in cui hai conseguito la laurea in lettere classiche sia Harward. Vero?


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
MadCap yahooo


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
la miseria...sta recensione é talmente vivida che secondo me l'ha scritta SYD in persona...comunque era mandrax,non roypnol,ma queste sono quisquilie,nevvero?bellissima recensione,vorrei essere capace di scriverne una cosi'anch'io...aaaaaaah!invidia maximaaaa!scherzo,de'...compliments sss!


giov
giov
Opera:
Recensione:
wow Franziska grazie mille!!! Sono contento ti sia piaciuta tanto. Se sei simpatica, intelligente, carina, dolce e porti la quarta di reggiseno continua a scrivermi. Anzi potresti scrivermi anche in privato!!! ;D


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
ahahah!Giov...si,piu' o meno é così...solo che oramai sono (quasi) in età premenopausica!e non dirmi che "gallina vecchia fa buon brodo"!ocio al virus dei polli!continua a scrivere di Syd,io lo adoro,da sempre!ciao Giov,alla prossima!


giov
giov
Opera:
Recensione:
ahhhh....peccato già sognavo una giovane sventola rock'n'roll tutta curve. Vabbèh però in fondo se esce un vaccino contro l'influenza aviaria si potrebbe.......mica porti la dentiera tu?!? Insomma quanto vecchia sei?!? Livello basso medio o levi montalcini?
Scherzo ;D alla prox.


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
ahah!Giov...mi farai sganasciare dalle risate!(ooffs!mi é fifolata la dentiera...)Vabbé,te lo dico:fai che sono una tipo la cesara buonamici,senza quel nasone,però...Non dirmi che tu assomigli a Syd...ultimo tipo,eh...Così impari a darmi della Montalcini,giovane(?) debosciato...Ciao buna serata!


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
ehmm...errata corrige...era buona serata...che figura,che figura...


giov
giov
Opera:
Recensione:
bene! La cosa si potrebbe fare!
no no io non sono pelato e grasso (per il momento). Non assomiglio a nessuno in particolare anzi si...ora che ci ripenso: a Johnny Depp!!! Eh eh eh...se devo prenderne uno lo prendo bello ciccia! ;D


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
vabbe' Giov,non volevo dirtelo,ma come avrai subdorato,sono nicole kidman sotto mentite (e che menzogna) spoglie.a proposito di depp,sai che è interessato ad interpretare Syd sullo schermo?ce lo vedi?se rourke avesse avuto 20 anni di meno e non si fosse rifatto la faccia come topo gigio,per me sarebbe stato perfetto...


giov
giov
Opera:
Recensione:
io sapevo che volesse fare la parte di Ozzy Osbourne ai bei tempi quando era ancora giovinciuello e mangia pipistrelli. Ma quante rockstar vuole interpretare?!? Che poi tra l'altro lui suona la chitarra molto bene (in Chocolat per esempio c'è un "assaggio sonoro") e in Fade In Out (Be Here Now) degli oasis ha suonato la slide guitar. Johnny Depp nasce rocker. Aveva una band di cui non ricordo il nome, poi grazie a Nicolas Cage la sua carriera ha virato sul grande schermo.


El Guevo
El Guevo
Opera:
Recensione:
L'unico al momento che potrebbe interpretare Syd è Daniel Day Lewis, perchè oltre che bravo trovo che gli somiglia parecchio


giov
giov
Opera:
Recensione:
ma d d lewys qual'è? Quello id Gangs of new york? Boh...non ricordo...


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
eh,si,caro il mio Giov...lui in persona !ha ragione IlGuevo,assomiglia a Syd,anche se forse e' un po' troppo spigoloso,ma patisce lo steso problem di rourke...purtroppo e',come dire,in la' negli anni,perlomeno per interpretare il Syd giovincello scherzoso!au contraire,il marpionazzo di depp sembra che abbia venduto il posteriore a belzebu'...La Miseria!lancio un sondaggio...secondo voi,chi ci vedreste a fare gli altri Floyd?


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
in un ipotetico film sulla vita di Syd,intendevo...


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
ah,Giov,non sia mai che ti venisse l'insonnia a furia di pensarci!la band di depp si chiamava "the kids"!e comunque,entrerai nel guinness dei primati per la recensione piu' cliccata!ora vado,e prometto di non intasarti piu'la casella mail...mi mancherai...sigh,sob...;pPpPPPPPPpp


giov
giov
Opera:
Recensione:
brava!! Vedo che hai capito ;D!!!! E CHE SIA CHIARO A TUTTI!!! SMETTETELA DI SCRIVERE STRONZATE QUI SOPRA CAPITO?!?
cheers ;P


Lewis Tollani
Lewis Tollani
Opera:
Recensione:
due punti in meno alla recensione SOLO per il 4stelle al disco.


giov
giov
Opera:
Recensione:
ok lewis penso che è il primo 3/5 in vita mia che prendo come un complimento al 100% allora...


BeatBoy
BeatBoy
Opera:
Recensione:
Bisognerebbe fare paragoni con gente dello stesso calibro....e Lennon e Syd non lo sono.
Syd,visto che ha guardato avanti al confronto di John(non è per niente vero,anche Lennon ha pensato alla Pace,che c'è piu' di guardare avanti di cosi'?!),lo si deve paragonare (anche se Barrett non ha bisogno di essere paragonato a qualcuno....è UNICO come è UNICO John Lennon!) ad Alice Cooper (anch'esso non del tutto sano di mente!).


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Caz ma ti si è bevuto il cervello?? Come fai a dire che nel 1971 i Floyd si calavano ancora acidi a tal punto da essere in botta anche durante il Live at Pompeii?? Se va bene ne avranno fatto uso fino al 1970...anzi, forse è anche troppo!! Nick Mason in un'intervista su Rockstar in cui parla del suo libro "Inside Out" dice: "Le droghe furono importanti per Syd alla fine degli anni sessanta quando iniziò ad andarci pesante, ma per il resto nulla. Nessuno di noi si interessava molto alle droghe". Con questo non dico assolutamente che non ne abbiano fatto uso per ancora lungo tempo dopo la dipartita di Syd, però da qui a dire che Dave indossava gli occhiali da sole perchè in botta, Roger sbatte sui piatti con lo sguardo da indemoniato perchè in botta, gli anellini di fumo ecc. ecc....bè, ce ne passa un bel pò!! E poi dove l'hai sentita la cazzata di One Of These Days?? Cutti l'acido secondo te??? Ma perfavore!! Quella è l'espressione della follia umana!! Non diciamo blasfemità!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Voglio la tua risposta Caz!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
A proposito, già che siamo in ambito di cazzate, Syd è il tricheco??????? Cosa???? Ma sai almeno John cosa intendeva per 'walrus', caro il mio giov? Lennon parla di sè...quindi è una cosa talmente personale che NESSUNO, se non lui, può essere il tricheco...forse Paul (ma per puro scherzo)! Può starci il tricheco come 'concetto' ma tutta la trafila di mail sul confronto Lennon-Barrett...dai ragazzi, un pò di serietà!!!


Pepperism
Pepperism
Opera:
Recensione:
Scusatemi, rileggendo quello che ho scritto potrebbe risultare poco chiaro il 1971 unito al Live at Pompeii...intendo dire i significati, come ha parlato caz, di "One of these days" ed "Echoes" (quelle boiate su possibili riferimenti all'LSD!)...brani che come mi insegnate si trovano in Meddle (del 1971 appunto). Caz, meno cazzate comunque! Togli tutta l'arte dei brani riducendoli a frutti di menti bruciate...la droga è stata fondamentale per tutto il rock post-Rubber Soul se vogliamo (fatto innegabile) ma ad un certo punto chiunque (ad eccezione di pochi, vd. Barrett) hanno trovato altre strade per "uscire dal mondo" e di conseguenza altre vie creative...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
MuSo
MuSo
Opera:
Recensione:
fsgfjghjkghklfsdf


tyler durden
tyler durden
Opera:
Recensione:
tyler durden
tyler durden
Opera:
Recensione:
Airone
Airone
Opera:
Recensione:
Ragazzi Syd non c'è più.. E' morto il 7 luglio e la notizia è uscita posco fa. Addio, diamante pazzo..


aniel
aniel
Opera:
Recensione:
Recensione bellissima e visionaria, ai limiti della psichedelia, proprio come lui. RIP Syd


bjork68
bjork68
Opera:
Recensione:
addio pifferaio


MuSo
MuSo
Opera:
Recensione:
Addio, rimarrai sempre nei nostro cuori. Ho avuto la notizia proprio pochi minuti fa. RIP


franziska
franziska
Opera:
Recensione:
SYD ci guardera'sornione...non sono mica morto!Il suo corpo l'ha lasciato,ora e'libero di guardarci dalla sua nuvola su un piumino blu...lui puo'vederci,ma noi no...magico SYD!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
grande syd
grazie


Pepperism
Pepperism
Opera:
Recensione:
morto...cazzo è morto...


tyler durden
tyler durden
Opera:
Recensione:
...e' fu cosi' che se ne ando' il diamante pazzo...Addio Syd


EthosAntropoDaimon
EthosAntropoDaimon
Opera:
Recensione:
DanteCruciani
DanteCruciani
Opera:
Recensione:
però mi è sembrato di vedere syd che girovagava per il mio corridoio l'altro giorno, con un sorrisetto sornione sulla faccia.......i mulinelli di luce volteggiavano sul pavimento da qualche parte, eh syd?


DanteCruciani
DanteCruciani
Opera:
Recensione:
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Mamma mia, che grande recensione.


vero punk77
vero punk77
Opera:
Recensione:
he's sitting on a unicorn...
a sta recensione vorrei poter mettere sei...
octopus raga!! octopus!!!!!!! l'ha scritta uno che non riusciva neanche ad allacciarsi le scarpe.. cmq la differenza tra syd e lennon(che è un grandissimissimo) la si può vedere nella differenza tra il primo album ye-ye dei beatles e the piper...
certo che se non avesse ascoltato i dischi di john syd magari avrebbe fatto solo il pittore..
viva le cause e gli effetti(........................... ...)
ciao diamante.
brilla.


Viva Lì
Viva Lì
Opera:
Recensione:
Che Barrett fosse mentalmente instabile non c'era bisogno di Freud per capirlo: quella meraviglia di "The Piper..." non poteva che essere concepita da un folle con l'estro caricato a pallettoni. Questo è il suo primo album dopo lo scioglimento dai Pink Floyd, e per metterlo insieme si fa aiutare da alcuni ex-compagni (fondamentale il lavoro di ricerca di Gilmour) e incide un disco pieno zeppo di canzoni apparentemente statiche e monocordi, alcune addirittura semplici filastrocche che sembrano scritte da un bambino di terza elementare, ma è qui, proprio nelle cose più semplici che salta fuori, volenti o nolenti, il talento: sghembo, zoppo, ubriaco, dolorante, la voce di Barrett squarcia qualsiasi visionarietà e piomba, dritta dritta, nel cuore dell'ascoltatore. Per essere un disco del 1970 è un puro miracolo, forse, col tempo, ha perso un pò di fascino e bellezza, ma poco poco, mica tanto eh...


Morta Lì
Morta Lì
Opera:
Recensione:
Ci crediamo poletti, ci crediamo.


Torre Ste
Torre Ste
Opera:
Recensione:
aggiunta nelle consigliate


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Io trovo che questa recensione abbia alcuni aspetti sgradevoli, direi. Alcune cose lasciano il tempo che trovano, tipo il richiamo a Lennon, e non invoglia certo all'ascolto del disco, che di contro merita 5 stelle.


pier_paolo_farina
pier_paolo_farina
Opera:
Recensione:
A mio parere rece esibizionistica e molto poco ispirata.


colossalyouth
colossalyouth
Opera:
Recensione:
recensione veramente piena di idiozie


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
ogni volta che ripasso da qua mi viene il vomito..bleah


MuSo
MuSo
Opera:
Recensione:
Allora non ci tornare più lurida testa di cazzo, vatti a fare una passeggiata


MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
chissa' se il buon giov ritornera' mai su questa recensione per apprezzare i confronti serrati e profondi di utenti sempre piu' freschi e interessanti come i loro confronti...


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Certo muso, mi sono fatto tutto il lungomare..ora sono arrivato alla discarica :P


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
è sempre bene ribadire che questa recensione è indecente e mi fa subbutare lo stommaco


sentence
sentence
Opera:
Recensione:
Grande. Grandissimo. Geniale, luminoso, troppo luminoso, come una lampadina prossima allo scoppio... il diamante pazzo vale 5, questo disco straordinario 4, ma solo per i mancati arrangiamenti agli ultimi brani. Gilmour malefico culattone.


sentence
sentence
Opera:
Recensione:
sentence
sentence
Opera:
Recensione:
Grande. Grandissimo. Geniale, luminoso, troppo luminoso, come una lampadina prossima allo scoppio... il diamante pazzo vale 5, questo disco straordinario 4, ma solo per i mancati arrangiamenti agli ultimi brani. Gilmour malefico culattone.


sentence
sentence
Opera:
Recensione:
scusate, explorer sta dando i numeri


.ZoSo.
.ZoSo.
Opera:
Recensione:
Hai sprecato troppo tempo in descrizioni inutili e suggestive,trascurando invece il vero valore dell'album e la descrizione dettagliata delle varie tracce...è già stato detto,ma ribadisco che il confronto con Lennon oltre ad essere inappropriato al contesto è anche alquanto improduttivo ai fini della recensione...Forse avresti dovuto sprecare più righi per le canzoni e l'album piuttosto che per l'elenco delle sostanze che usava Syd Barrett.


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
dio bono Arnold Layne, che inutile provocatore del cazzo che sei.


vero punk77
vero punk77
Opera:
Recensione:
sentence sei un mito!!! gilmour malefico culattone bastardo!!! viva i pink floyd!!(sydbarrettrogerwatersnickma sonrickwright)


DeBeer
DeBeer
Opera:
Recensione:
vero punk77
vero punk77
Opera:
Recensione:
qualcuno mi spiega come si fa a non ricevere più mail ogni volta che qualcuno scrive delle puttanante?ho seguito la procedura del sito ma non ha funzionato..
ciao ciao (viva syd e a morte il ciccionegilmour)


vero punk77
vero punk77
Opera:
Recensione:
e il suo cazzo di momentary lapse of cazzo in culo


Deneil
Deneil
Opera:
Recensione:
e non dico altro


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
arnoldlayne, coglione di un fake inconsapevole che altro non sei, ho deciso di perseguitarti ovunque andrai. ti abbandonerò solo quando finalmente ti deciderai ad andare dove davvero meriti: affanculo.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
ah, dimenticavo


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
I M P I C C A T I


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Recensione indecente per un Artista del calibro di Syd Barrett. Dopo l'uscita di Terni, 50 metri dopo il casello autostradale, sulla destra, c'è un piccolo ponte che dà su un fiumiciattolo in secca. Il ponte è vecchiotto, ma le sbarre di protezione sono di un ottimo ferro, ancora non arrugginitosi. Ecco, signor giov, leghi una corda di circa 3 metri a quelle sbarre, faccia un cappio all'altra estremità della corda e se lo giri intorno al collo. Attenda ansioso il tramonto e, non appena noterà il sole scomparire dietro il Gran Sasso all'orizzonte, si getti dal ponte e risolverà molti problemi. Se non è capace di fare un cappio, mi faccia sapere, sarò lieto di aiutarla e in molti mi ringrazieranno.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
syd barret x me e un mito kuello ke a recensito kuesto disko e uno stronzo ke non sa dire 2 parole inteliggenti e l'a solo offeso. e poi kuesto disco vale 5 stelle 4 sono poke babbeo


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Puote mai esser non solum pubblicata codesta cafona de-pagina ma nientedimeno consigliata da sì tanti de-utenti? Sembra che l'ignorantia regni copiosamente tra il de-pubblico. Indecorosa et moralmente iper-scorretta, andrebbe de-resettata all'istante, cribbio.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ho cambiato idea, ti meriti 1 perchè il 2 lo meritano i grugniti dei miei porci


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
BUFFONE! MA E' QUESTO IL MODO DI RECENSIRE UN CAPOLAVORO SIMILE?? VERGONATIII1ii111i!!i!1i!i!i!i!i!i1 !1!1!1!1!!11111!!1!!1!!!!1!1111111! 11!!unounounounounounounounounounou nounouno1111111111oooooooooo1111111 111ooooooounoooooo111111111oo1o1oo1 o11o1u1n1o1oo1o1o1o1o11un11o11u1n1o 1u1n1o1u1n1o1u1n1oUNOOOOOO00ooo...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Pubblicato nel gennaio del 1970, il primo album solista di Syd Barrett mostra come l’impulso creativo del primo leader dei Pink Floyd sia rimasto inalterato dopo la forzata dipartita dal suo gruppo. L’inventore della psichedelica britannica propone 13 brani che, se perdono della complessità strumentale apportata dagli altri Floyd nel loro esordio The Piper At The Gates Of Dawn, risultano comunque sinceri, e molto originali nell’uso dei tempi e nella metrica dei testi.
Non vi sono molti brani come "Astronomy Dominé" o "Interstellar Overdrive", anzi la chitarra distorta che aveva caratterizzato i Pink Floyd nelle loro prime apparizioni live si incontra solamente in poche occasioni, sostituita dall’acustica. La cosa è comprensibile, in quanto Syd Barrett attraversava un periodo nel quale la sua psiche era molto fragile, cosicché era possibile registrare solamente “sprazzi” di lucidità e creatività: molti brani del disco, infatti, furono registrati con 2 o 3 takes (alcuni, come “Terrapin”, “Long Gone” e “Feel”, anche alla prima prova).
Era difficile, per altri musicisti, seguire i suoi assurdi tempi e cambi di ritmo, cosicché diversi brani sono stati registrati inizialmente solo per voce e chitarra (quindi tutto sotto il controllo di Syd), per aggiungervi in seguito altri strumenti, come basso, batteria e piano elettrico (suonati da alcuni membri dei Soft Machine). Le difficoltà avutesi in fase di produzione (che, a partire dal maggio del ’68, coinvolse i produttori Peter Jenner e Malcom Jones, oltre che i due Floyd Roger Waters e David Gilmour) furono ripagate da un disco che rappresenta chiaramente il talento e la precarietà mentale del suo autore, con canzoni scomposte, spesso dal sapore infantile, eppure a tratti inquiete e disperate (emblematica la domanda “Wouldn’t you miss me at all?” in “Dark Globe”).
I testi rispecchiano chiaramente questi sentimenti: sono spesso spensierati, costituiti da giochi di parole e filastrocche, tanto amati da Barrett (per esempio “Honey love you honey little honey funny Sunday morning” o “Ice-cream, 'scuse me / I've seen you looking good the other evening” nel brano “Love You”), ma in alcuni casi vanno a coprire qualcosa di profondo ed oscuro.
The Madcap Laughs inizia con un brano per sola chitarra acustica e voce, “Terrapin”, inizialmente una sonnolenta canzone d’amore, che diventa una serie di visioni acide di zanne ed oscurità (“Fangs all ‘round the clown”) che nascondono la luce del sole così preziosa per Barrett e l’amata, divenuti luminosi pesci. Nella seconda, “No Good Trying”, compaiono chitarre distorte in slide, batteria e organi psichedelici, più familiari a chi aveva apprezzato The Piper. La successiva “Love You” è una orecchiabile ed accattivante filastrocca, dal ritmo assurdo, seguita dalla distortissima e quasi lo-fi “No man’s land”. La triste “Dark Globe” vede un Barrett che, accompagnandosi con la sola chitarra, esprime tutta la sua solitudine, affermando di essere solamente una persona, e non voler essere dimenticato. “Here I Go” è un divertente rock’n’roll, dove Barrett è alle prese con una ragazza che detesta la sua musica, e lui si dispera di questo. Fortunatamente, incontra la sorella di lei, che sa apprezzare questa canzone e le altre che ha scritto, se ne innamora e si sposano: insomma, un’ironica Cenerentola in versione rock. Grandissimo. Si arriva così a “Octopus”, unico singolo estratto dall’album e sicuramente una gran canzone, con cambi di ritmo, metrica e tempi (5/4, se non erro) inusuali, con Barrett che suona la chitarra ritmica e vi aggiunge in seguito la solista, in una allucinata descrizione di una corsa in un luna park. Nella successiva “Golden Hair” viene recitata una poesia di James Joyce su di una base musicale comatosa, ma molto affascinante. “Long Gone” è invece una ballata che oscilla tra una strofa oscura ed un ritornello più speranzoso, sia a livello di testo che musicale.
Le successive “She Took A Long Cold Look” e “Feel” sono due brani di sola


MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
ragazzi, sono 3 mesi (ripeto: TRE mesi, novanta giorni) che davejohngilmour/arnoldlayne non e' piu' passato su questa recensione a scrivere un commento spakkaossa. che sia vero quello che si dice? cioe' che sia guarito del tutto?


Edo_M.
Edo_M.
Opera:
Recensione:
Un genio... La recensione è quantomeno geniale... Xò nn ho ancora avuto la possibilità di sentire questo disco... purtroppo... però sarà una delle mie future compere!!!


Lucertola
Lucertola
Opera:
Recensione:
Poco visionario per Syd,ma bella recensione.Non mi è piciuto il paragone con Lennon e poi,se proprio vuoi denominare Mr Barrett,chiamalo Pifferaio,o ancora meglio Cappellaio Matto,appunto.Risplende.


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Passavo di qui e mi son fermato a vomitare causa "rece" puzzona


MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
fermi tutti: arnoldlayne non è guarito, ma anzi mostra ancora i sintomi della sua malattia...


franz1789
franz1789
Opera:
Recensione:
Non so se è stato già scritto, ma in uno degli ultimi libri dei Floyd Waters ammette di aver smesso con l'LSD dopo che ebbe un ritorno passeggiando per strada, e non riuscì più a capire dove si trovava. È un effetto comune dovuto alla liposolubilità dell'acido lisergico. Affermò di essersi spaventato e di aver smesso.
Il disco in ogni caso è grandioso, fate solo attenzione ai nomi delle droghe, non è stato mai provato che si facesse di altre droghe o psicofarmaci, e si narra che l'episodio del gel+mandrax fu una bufala... C'è molto movimento per ridurre il suo genio alla droga, e per dipingerlo come un povero tossicodipendente...


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
carlo cimmino
carlo cimmino
Opera:
Recensione:
La recensione mi è piaciuta e del disco dice, nonostante tutto, molto. Perché non cinque? Quest'opera è manifestazione di puro genio - che prescinde dall'utilizzo di una qualunque droga - come ce ne sono state poche altre nella storia della musica rock. Detto che qualche canzone buona l'ha scritta anche quel quattrocchi di Lennon, mi piace pensare che Syd, lontano dai riflettori, abbia comunque vissuto serenamente dal 1970 al 2006. Cinque al disco. Ma solo perché non c'è 6.


JohannesUlver
JohannesUlver
Opera:
Recensione:
Chissà, può darsi davvero...


cappio al pollo
cappio al pollo
Opera:
Recensione:
recensione epica, ma il disco dovrei riascoltarlo.


Alevox
Alevox
Opera:
Recensione:
Bellissima...cazzo questa è gente che sa scrivere CRISTO!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
giola
giola
Opera:
Recensione:
Quant'era fiko con l'eyeliner!


blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera:
Recensione:
Hanno già detto tutto quelli sopra. Solo complimenti.


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Ho sempre pensato fosse la più bella rece di debaser...


fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Bella recensione. Il disco non lo conosco, ma il primo disco dei pink floyd era geniale !


Claypool
Claypool
Opera:
Recensione:
Povero Syd...


blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera:
Recensione:
Dimenticato il voto al disco: preferisco "Barrett" di un pelino.


lacaccasulcomo'
lacaccasulcomo'
Opera:
Recensione:
Da Wikipedia:

David Gilmour, che lavorò insieme a Roger Waters alle sessioni di Madcap, aggiunge poi che le sessioni con Barrett erano difficili, ma ispirate, e descrive poi un aneddoto riguardante la canzone Octopus: «Avevamo tutti il testo davanti, ma [Syd] inserì lì una frase dal nulla: "Little minute gong coughs and clears his throat". Non ha niente a che fare, musicalmente parlando, con la canzone, ma funziona perfettamente. L'unica altra persona che poteva spezzare il tempo — ignorando il numero di battute in favore dei testi — era John Lennon»

Lennon era considerato un grande artista da Waters,lo cita spesso come punto di riferimento(mi ricordo una volta contro uno che gli aveva chiesto cosa ne pensa dei Radiohead).Stessa cosa da Barrett che lo idolatrava...Serve altro?


rossana roma
rossana roma
Opera:
Recensione:
E l'amico grafico di mille copertine....er biondo, mi sfugge quel nome "noddico"....avete capito chi, racconta in una intervista che a quella epoca Syd pendeva da una sedia... e gli cadeva la chitarra dalle mani...... Ha dimostrato di avere talento ....ma se nn fosse " impazzito" nn sarebbe mai diventato un mito. Ciao bellissima gente!


rossana roma
rossana roma
Opera:
Recensione:
Comunque a me fa tanta tenerezza. Riposa in Pace Syd. Ah ........Complimenti Giov per la recensione, nn importa se nn hai sviluppato "l'aspetto tecnico"......quello che hai dipinto è bellissimo!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Madcap Laughs è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link