Sto caricando...

The Beatles
Abbey Road

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Abbey Road" è un'opera sopravvalutata. E col trascorrere degli anni, la prospettiva storica conferma questa impressione.

Anno 1969. Uscivano album com "In the court of King Crimson", "Happy sad" e "Ummagumma". Innovazione, arte ellittica, progressione, impronta culturale determinante o quantomeno rappresentativa di un'epoca; con caratteristiche poetiche e tecniche di rilevanza indubbia. "Abbey Road" in questo senso è solo un album che rappresenta i propri autori, all'apice di una carriera certamente sfolgorante e capaci di corroborare ogni gesto con un'aura mistica che confonde le idee e indora qualsiasi pillola.

Cos'ha di tanto geniale ed epocale "Abbey Road"? Un disco più famoso per la sua copertina che per le canzoni che contiene: infatti provate a chiedere a cento persone di citare un brano che ne fa parte e solo una piccola percentuale saprà azzeccare i titoli più conosciuti (Here comes the sun, probabilmente, e Come Together). Viceversa le strisce pedonali dell'omonima strada, quelle, le conoscono anche le zanzare. Musicalmente un sunto dell'abilità beatlesiana di creare uno stile, un marchio di fabbrica; un sunto della forma-canzone mccartneyana e dei vari modus cantandi (e suonandi) che alla fine non avevano nulla di eccezionale nemmeno tenendo in disparte un attimino i King Crimson e i Pink Floyd.

Se pensiamo che due anni prima erano venuti alla luce "The Velvet Underground & Nico" e "The piper at the gates of dawn"... perchè "Abbey Road" viene universalmente considerato uno dei dischi più belli nella storia del rock?

Certo, la bellezza ovvero il valore lirico intrinseco di un'opera non si misura solo per certe sue caratteristiche strutturali. Ma anche all'interno della discografia di Lennon e soci ci sono stati highlights più corposi e marcatamente nuovi. E se non fosse per quella perla di "I want you", l'album in questione sarebbe una raccolta di ballate che rielabora, aggiusta e fissa in via definitiva lo stilema globale del gruppo (soprattutto dei due autori principali) per consegnarlo ai posteri a mò di testamento. Vi si ritrovano dentro le tavolozze già utilizzate in "Sgt. Pepper" e "Revolver", le formule ben agganciate che strizzano l'occhio a varie tipologie di estimatori, ma in primis l'iconografia di culto - manifesta e subliminale - dei Fab Four che ammanta il tutto di una seduttività monumentale e indistruttibile.

Francamente trovo scarso l'appeal di ballad favolistiche che tirano in ballo il giardino della piovra, o le storie di Mister Mostarda... sia dal punto di vista narrativo che da quello sonoro. Oggi più che mai visto che nel frattempo la discoteca si è riempita di capolavori al cui confronto "Abbey Road" è un surrogato canzonettaro di reminiscenze pop-blues e di filastrocche pseudo-psichedeliche.

So bene di essere distonico rispetto alla media: avete preparato i pomodori marci da tirarmi? Fate pure. Io ho solo espresso la mia opinione. E se devo ascoltare un disco dei Beatles tiro fuori il Pepper o Revolver.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su Ottanta

omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Tarpit lascia perdere queste facezie e parliamo di cose serie: lo facciamo sto scambio Corvia -Ardemagni o non lo facciamo? Per me Corvia può già caricare le valigie in taxi. Dai, che se ci salviamo mandiamo il Brescia negli inferi; così l'anno prossimo ci ritroviamo tutti come le star a bere del whiskey al Roxy Bar.


teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
Bah io che che ne so delle cose che vai a dire in chat... e comunque era solo per sottolineare la tristezza della cosa. Ma in effetti sbagliavo, è tutto molto esilarante :D PS: "certo che per andarti a spulciare tutti i commenti di tutti devi starci proprio dentro di brutto con debaser" ma no, è che avevo partecipato a quella discussione, e i commenti demenziali del Re degli indysfigati non si scordano facilmente :D Ciao ciao.


Tarpit
Tarpit
Opera:
Recensione:
Ora spieghi, a me e a tutti gli altri, i motivi per cui XTC e Kinks siano band da Indysfigati. E mi dici pure quali sono i gruppi da Indysfigati che ascolto. Lo sfigato che corre dietro alle cariatidi ed ai Litfiba sei tu. Lo sfigato il cui commento-tipo è "a me piace/nonpiace + a chi piace/non piace questo disco è un Indysfigato + emoticon da minchione a scelta" sei tu. Lo sfigato che non riesce a parlare di musica su debaser.it sei tu. E non sorvolare questa parte di commento, che sei prevedibile: ORA SPIEGHI, A ME E A TUTTI GLI ALTRI, I MOTIVI PER CUI XTC E KINKS SIANO BAND DA INDYSFIGATI. @Oma: spero proprio la cosa non vada in porto. Ardemagni, per potenziale, è il miglior attaccante della rosa. Neanche tutto il Comunale in coro riesce a far capire a quel coglione di Colantuono quanto sia stupido centellinare un Ardemagni (classe '87) e far giocare tandem improponibili come quello formato da Ruopolo e Tiribocchi (due torri contemporaneamente). Corvia uno che non è in grado di migliorare comunque la situazione. Spero vi salviate comunque (e avete la rosa migliore, forse, là in basso... gli odiati baresi hanno tre quarti di squadra perennemente in infermeria), e anche i cuginastri. Un derby non si vede da fin troppo tempo!


teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
"parlare di musica su debaser.it" e da quando si parla di musica su debaser.it? ;) A parte le cazzate, ma ti pare che ho voglia di discutere con te... ho già perso e sprecato troppo tempo in passato con lo sfigatello professorino del sito... ripeto: era solo per sottolineare la tristezza del copiaincollare un vecchio commento con un fake... poi hai anche fatto finta di prendertela con lo stesso fake - "Siete due poverini, uno che "ruba l'identità" di un minchione qualsiasi su un sito minchione, l'altro che investiga e lo fa' notare" insomma, ti metti pure ad attaccare il tuo fake :DD Ciao bello.


47
47
Opera:
Recensione:
questo è il disco più rappresentativo dei beatles, facile da attaccare proprio perchè come dici tu (e dici bene quando lo dici) "cementifica" definitivamente il loro approccio compositivo. trovo però che sia un discorso piuttosto sterile, dato che anche nel periodo in cui assorbivano le influenze più disparate, si rifacevano sempre e comunque alla base, all'ossatura fondamentale della forma canzone "tradizionale". psichedelia blues ecc sono comunque sempre stati un qualcosa con cui vestire ciò che componevano, più che qualcosa che cambiasse radicalmente i connotati della loro estetica musicale. ed è per questo che a parer mio con abbey road può capitare di usare i termini manierismo e compiutezza per definire la stessa identica cosa. le melodie e gli arragiamenti, le linee vocali, sono tra le cose migliori che abbian mai tirato fuori. è un disco piuttosto elegante e compatto, tanto che il discorso sulle canzoni famose del disco lascia un po' il tempo che trova; si potrebbe fare lo stesso discorso riguardo ai "pezzi famosi" di exile on main street.. saluti


Tarpit
Tarpit
Opera:
Recensione:
Tu sei un caso perso. Io ho avuto un paio di fake - ora tutti bannati. Quello è solo un altro caso perso che ha copiato dei commenti vecchi e, per evitare che ci si accorgesse della scopiazzatura (anche se non penso che freghi qualcosa a qualcuno tranne che ai casi persi), ha preferito dire d'essere fake di un utente che sembrava non commentasse più - mentre Debaser lo leggo ancora tutti i giorni in pausa-pranzo. Se sei convinto della tua tesi da caso perso, puoi chiedere prove materiali ad un qualsiasi editor. Ma prima, SPIEGHI AL SITO I MOTIVI PER CUI XTC E KINKS SAREBBERO BAND DA INDYSFIGATI.


korrea
korrea
Opera:
Recensione:
Recençao scritta ad hoc per attirare l'attenzione e sollevare le solite polemiche. Se parliamo di musica pop, non si può fare a meno di considerare che anche solo la linea di basso di Come Together sia più universalmente conosciuta rispetto all'esistenza di gruppi come gli XTC (per quanto possa essere triste la cosa) e i Kinks. Per non parlare della melodia di Here Comes The Sun. Il pop non è mica un genere, è questione di fama e di vendite. Per quanto mi riguarda i Pink Floyd sono pop quanto i Beatles.


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
@ Tartip: senti, io sono un tuo fake e tu lo sai, quindi ora perchè neghi?


Fabia
Fabia
Opera:
Recensione:
"1-2-3-4-5-6-7 all good children go to heaven", oppure "We would be so happy you and me/
No one there to tell us what to do/I'd like to be under the sea/In an octopus' garden with you". Questa a casa mia sia chiama magia, tu forse ti accontenti del mago Silvan! L'unico dei Beatles ad essere realmente inattaccabile, suvvia.


TheJargonKing
TheJargonKing
Opera:
Recensione:
Rock70
Rock70
Opera:
Recensione:
sicuramente non è il migliore dei beatles, ma è un gran bel disco comunque! a proprosito: ti metto 5 non per le opinioni che hai scritto, ma come hai scritto la rece e questo conta per me! bravo!


(!)
(!)
Opera:
Recensione:
Non ci posso credere..secondo me tu hai veramente chiesto alle zanzare se conoscono le strisce pedonali di sto disco.


miraggio2
miraggio2
Opera:
Recensione:
@(!): tu hai un rutto al posto del cervello


(!)
(!)
Opera:
Recensione:
un rutto per il tuo di cervello é poesia..


miraggio2
miraggio2
Opera:
Recensione:
No, sono cosciente che qualunque cosa provenga da te non può essere che merda.


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Non il migliore ma comunque un buon album, a parte il Medley che mi scazza. Non ai livelli di Revolver e del White Album. Voto 3,5. Piu vicino al 4..


currahee72
currahee72
Opera:
Recensione:
Dicono che il mondo sia bello perchè è vario. A questo punto però è troppo vario. Poi quando si iniziano a paragonare dischi completamente diversi tra loro, proprio non lo capisco. Se non ti piace "Abbey Road" è un problema tuo ma dire che è un "surrogato canzonettaro" mi sembra no esagerato ma assurdo.


alexx
alexx
Opera:
Recensione:
"surrogato canzonettaro" al quale il 99% della musica a venire deve la vita, francamente è un'eresia!


enbar77
enbar77
Opera:
Recensione:
Condivido pienamente il commento n.27 di @Ofemb. Il giudizio è soggettivo e pur non essendo d'accordo lo rispetto. Il fatto di paragonarlo ad album usciti qualche anno prima mi sa di velleitaria arrampicata sugli specchi. Quel "Se pensiamo che due anni prima erano venuti alla luce "The Velvet Underground & Nico" e "The piper at the gates of dawn"... perchè "Abbey Road" viene universalmente considerato uno dei dischi più belli nella storia del rock?", non c'entra proprio nulla. Così come il fatto del ricordarsi un pezzo famoso dell'album... Questa recensione mi sa di pietra scagliata e mano nascosta con successiva mostra di impavidità posticcia (l'esposizione di petto per ricezione ortaggi) a seguito di manfrina scoperta.


cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Niente. Ho sbagliato.


Stefano90
Stefano90
Opera:
Recensione:
Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Beh è anche vero che ci sono generi ben diversi di rock... Mah!


Mike76
Mike76
Opera:
Recensione:
"Abbey Road" non l'ho ancora mai ascoltato, certo che se è vero che è addirittura peggio di "In The Court Of The Crimson King" non mi viene molta voglia di sentirlo.....


Prestigiatore
Prestigiatore
Opera:
Recensione:
inferiore rispetto al white album ma comunque resta un buon disco
3,5


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
La recensione è scritta bene, né mi sembra dettata dall'intento di voler fare l'originale. Tuttavia non sono d'accordo sui contenuti e condivido molte delle argomentazioni presenti nei commenti precedenti a sostegno della grande qualità di quest'album. Mi fa piacere che tu stesso riconosca il valore di "I Want You", un brano che mi ha impressionato fin dal primo ascolto.


Emme.
Emme.
Opera:
Recensione:
bonny99
bonny99
Opera:
Recensione:
E' abbastanza normale che anche una pietra miliare abbia i propri detrattori ( così come una cagata pazzesca può essere ritenuta da qualcuno un capolavoro ), ma ti sfido a trovare qualcuno che si ricordi il titolo di una canzone di "The Piper" o di "In the court of King Crimson" ( senza togliere ovviamente nulla ai King Crimson o ai Pink Floyd ). Per me ovviamente l'album è da lode con bacio accademico. 30 e lode


hjhhjij: "ma ti sfido a trovare qualcuno che si ricordi il titolo di una canzone di "The Piper" o di "In the court of King Crimson" " Tipo un qualunque utente a caso di questo sito indendi ? O di ondarock ? O di Storiadellamusica ? Sono un bel po' di persone alla fine.
hjhhjij: E il titolo è "In The Court of the Crimson King" porco zio.
JURIX: Non che sia un diZcorso proprio proprio da standing ovaZZion comunque 'stoqua eh... se vado a raccattare dentro la mia RAM posso citarti minimo 4-5 titoli di "Slippery When Wet" dei Bon Jovi, ma 'na cagatina di diZchetto rimane, per me. Mentre, toh, ciapppane uno a quasi-caso dei Karma To Burn, davanti ai quali mi sono prostrato più-molte-a-iosamente-volte, ma non so neanche un titolo.
JURIX: Infine aJJungerei una postilla che va ad incastonarsi ben-bene alle ultime due parole dell'ultimo meZZaggio di HJJHJHJHJHJH: can.
bonny99
bonny99
Opera:
Recensione:
Crimson King, King Crimson ( pensavo che solo la suite si chiamasse così, avevo il dubbio) , io non ho mai parlato solo del debasio, in generale, e neanche la recenzzzzione ne parla :p


bonny99
bonny99
Opera:
Recensione:
e comunque stimo tantissimo i pink floyd ( di loro mi puoi chiedere tutti i titoli delle canzoni almeno fino al 79, dei King Crimson ho ascoltato solo il primo album) ma Abbey Road è Abbey Road......... scus mi


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Abbey Road è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link