Al Doum & The Faryds
Spirit Rejoin

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Una realtà tutta italiana e tanto interessante quanto probabilmente poco sponsorizzata come meriterebbe data anche la "universalità" della proposta rispetto a quelle solite del nostro paese che poi alla fine divengono quella solita roba da disputa da cortile e dove non si capisce più di che cosa stiamo parlando veramente. Come tale probabilmente questo non poteva che affondare le sue radici nell'underground della città come Milano che (senza entrare nel merito di dispute campanilistiche di qualsiasi tipo, altrimenti facciamo un passo inditetro) è sicuramente quella che più tra tutte ha un carattere internazionale. I riferimenti al mito degli Aktuala, il gruppo fondato da Walter Maioli all'inizio degli anni settanta e rimasto come uno dei momenti cult nella musica italiana di questi anni, si sprecano ma sono anche in qualche modo giusti: gli Al Doum & The Faryds ne raccolgono effettivamente il testimone e riprendono quella stessa attitudine acid-jazz mescolata a influenze del sound africano e asiatico ma attualizzato ai giorni d'oggi, riprendendo ad esempio alcune forme compositive nello stile Goat ("Weed And Love") oppure dando al sound anche delle flessioni di carattere drone come nel caso di "Unity Is Brotherhood".

Al Doum & The Faryds è un ensemble avant-jazz composto di otto elementi e formato da Davide Domenichini nel 2011. Davide peraltro è anche il "boss" della Black Sweat Records, l'etichetta che ha pubbliato tutti gli LP del gruppo, compreso questo ultimo intitolato "Spirit Rejoin", uscito in collaborazione con la label svizzera Bongo Joe (la stessa che ha pubblicato di recente il progetto Altin Gun di Jesper Verhulst e prodotto da Jacco Gardner). Sicuramente molto apprezzati dalla critica, in qualche modo il progetto non ha ottenuto la stessa popolarità che è stata invece deputata ad esempio (senza allontanarsi troppo dal genere) a gruppi più convenzionali come i Calibro 35 oppure In Zaire. Eppure qui la qualità e la varietà dei suoni sono a dir poco sorprendenti: dai episodi più selvaggi come la già citata "Weed And Love" oppure l'acid-jazz elettrificato di Satieva" a momenti più convenzionali come il notturno "Jimmy's Gun", affiorano reminiscenze da "Riusciranno i nostri eroi..." (colonna sonora di Armando Trovajoli) come in "Light Up" e soprendenti sessioni di carattere meditativo e contemplativo come "Solchi", "Unity Is Brotherhood", "Drums Odyssey", "Spirit Rejoin" dove i vari paragoni dal jazz di Miles Davis a quello di marca Sun Ra e Pharoah Sanders, l'afro-beat l'ethio-jazz si sprecano e dove permane una componente tribalista sotterranea che sembra quasi ribollire come una specie di brodo primordiale nel sottofondo di suggestioni allucinate da giungla urbana.

Sicuramente uno dei dischi più interessanti sfornati nel nostro paese nel corso di questo anno 2018, "Spirit Rejoin" può ricoprire una doppia funzione e essere un oggetto di puro godimento per quanto riguarda l'ascolto, oltre che portare sollievo alle vostre anime; ma è anche una finestra su un mondo che poi alla fine potrebbe essere una volta tanto non così lontano, ma semplicemente dietro casa vostra.

Questa DeRecensione di Spirit Rejoin è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/al-doum-and-the-fardys/spirit-rejoin/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Edit.». Vedi la vecchia versione Spirit Rejoin - Al Doum & The Fardys - Recensione di sotomayor Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
@[G], ho sbagliato il nome del gruppo nel caricare la recensione, sarebbe infatti: Al Doum & The Faryds. Quando puoi...
BËL (00)
BRÜ (00)

G: #fatto ! gnao!
sotomayor: Grazie capo.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella recensione, disco interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Bella proposta a me sconosciuta. Ultimamente ho notato che si sta creando una scena " New World Music" che abbraccia sapori etnici di paesi conosciuti virtualmente solo con l'ascolto di vecchi lavori Etno Jazz/ Kraut / Psycho, Televisione e nuove influenze dettate dai tempi Elettronica, Drone, Ambient, Minimal. Insomma penso che stia germogliando una nuova corrente 5° mondista che crea panorami da radici conosciute solo da un Pc, senza una ricerca sul campo. Una visione sintetica di 5° mano di sonorità ormai trasfigurate, cartoline virtuali di culture sonore riproposte con attuali linguaggi ma che hanno cambiato l'essenza della radice di partenza, a differenza di progetti dei 70 più legati al seme. Insomma culture in continua mutazione e non più etno ma figlie di un seme etno. Credo di non essermi spiegato ma almeno un punto di partenza per un pensiero anche non musicale da vedere con distacco critico.
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: La copertina è chiave di lettura, mosaico di culture fumettistiche ma ormai considerate genuine. Mi sono morsicato la coda con questo mio ragionamento, ma spero di far capire il senso di questo contorto tamponamento di idee.
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Li ho persi dopo il secondo disco, quello col tucano in copertina. Belli free fino a li, curioso di sapere se suonano ancora così. Anche certi frangenti della squadra omega hanno molti punti di unione con gli Aktuala.
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: Certo , ma in qualche maniera partono da fondamenta che sono una visione surrogata dei suoni a loro volta già rivisitati. Questo a mio vedere è un'aspetto molto interessante dei passaggi della musica attuale. Credo di non aver spiegato in maniera sensata il pensiero che mi ronza in testa e non riesco a far volare. Molto frustrante quando non riesci ad esprimere un concetto un tantino confuso con parole capibili. Mi mancano le parole, i mezzi per dar vita a pensieri
ALFAMA: mi son fatto 5 mesi di comunione ho ancora le idee spezzettate , entro una settimana sarò come nuovo. Quindi beatamente confuso nell'esprimere le mie opinioni
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ho scrutato immediatamente dietro casa mia: ma ahimé non c'è nulla-di-gnente.
Però il DeDisco pare moderatamente interesting.
Pare.
Aiò!
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Questo potrebbe piacermi
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ragazzi passo al volo solo per dire che nel genere jazz spirituale et similia vale la pena di ascoltare pure il nuovo Golden Dawn Arkestra. Forse meno spaziale del primo, ma interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Molto bello, tante cose volano su queste note. Ah non ricordo proprio di aver scritto quel mio commento sopra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: