Alice in Chains
Jar of Flies

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Metto il vinile, parte.

Inizia con "Rotten Apple", chitarre distorte che danno una sensazione quasi old-west, poi parte Layne a cantare. Strofe basse e sofferenti quasi evocative.

Subito dopo "Nutshell", guscio di noce, una fantastica melodia, un po' di malinconia in sottofondo. Inizia la parte cantata, Layne canta della futilità della vita, di come a volte si stia meglio morti.

<<We chase misprinted lies>> dice. Canzone che da sola vale la discografia tutta degli Alice In Chains.

Con un tono più leggero, almeno apparentemente "I Stay Away", un canto accattivante e coinvolgente mentre le chitarre si fanno più pesanti nel ritornello. Estremamente malinconica.

Ed eccoci a "No Excuses", uno dei miei brani preferiti, si parla dell'amicizia e perché no, forse anche dell'amore. Per la prima volta sembra che si riesca a intravedere un lieto fine attraverso la malinconia generale, anche la melodia lo suggerisce.

"Don't Follow" é un altro bel pezzo, con qualche influenza southern rock che Layne fa immediatamente suo.

Si chiude con la particolare "Swing On This", composta da ritmiche piu veloci e coretti é forse la canzone più sperimentale di questo EP.

Estremamente evocativa la copertina di Jar of Flies. Inquieta ma incuriosisce allo stesso tempo.

Jar of Flies é senza dubbio uno dei migliori prodotti della musica negli anni 90, un opera monumentale ma allo stesso tempo così sperimentale e diversa dal tono classico degli Alice in Chains.

Questa DeRecensione di Jar of Flies è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/alice-in-chains/jar-of-flies/recensione-danass

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
madcat
Opera: | Recensione: |
onestamente non un granchè la rece (già il track by track raramente funziona, poi qua sembra un pò una lista della spesa. Gli Alice in Chains che preferisco assieme a Sap e all'Unplugged, trovo spesso troppo soffocanti quelli elettrici

Aquarius27
Opera: | Recensione: |
Non voto la rece... Sul disco ben poco da dire... Un capolavoro, con "Nutshell" che rimane con "Would" lassù tra le mie preferite (ma ci sono le varie "Rooster" "Man in the box" etc etc subito dietro l'angolo) del gruppo! E ribadisco anche in questa sede che per me è la più grande band uscita da Seattle!

jerrydrake
Opera: | Recensione: |
Faccio un po' di fatica con i loro dischi più duri, veramente crudi e alienanti. Ma ammetto che sono un gruppo molto valido e con un cantante unico. Questo è il loro che preferisco.

bluesboy94
Opera: | Recensione: |
Il grunge non è la mia cup of tea, ma voglio provare ad ascoltarli bene ,perchè Layne Staley era un cantante strepitoso!

Alexander77
Opera: | Recensione: |
"Inizia con rotten apple, chitarre distorte...". 1 secco.
No dai, scherzi a parte, credo si possa fare di meglio. Non sei grunge fino alle mutande.

Workhorse
Opera: | Recensione: |
BEL DISCO E NUOVO ?

gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Me l'ero persa; sei giovane, vai stimolato, non affossato. EP splendido, qualità AIC

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: