Bruce Springsteen
Lucky Town

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

La storia di questo disco è semplice e sostanzialmente unica nella discografia di Springsteen e non solo: il disco viene scritto, registrato e pubblicato di getto, in meno di sei mesi , in un impeto creativo probabilmente inaspettato allo stesso autore. Siamo tra Luglio e Dicembre del 1991, Springsteen viene da tre anni difficili dal punto di vista personale (il fallimento di un matrimonio e l'inizio di una nuova relazione piena di incognite e pericoli) ed artistico: ha appena terminato un disco, Human Touch, che non lo convince fino in fondo specialmente per quanto riguarda la produzione in cui vorrebbe far non pesare la fine del rapporto quasi trentennale con la ESB non riuscendovi; Human touch non è affatto privo di belle canzoni ma sono suonate e prodotte in modo scialbo con arrangiamenti che non portano nella direzione di un rock a forti tinte soul che era di certo nella mente dell'autore.

In questo disco le intenzioni restano le stesse, ma cambia la realizzazione: senza band si buò fare una sola cosa, scrivere e registrare "in casa" da solo, come aveva peraltro già provato in lavori precedenti, Nebraska e Tunnel of love, ma, in questo caso, in maniera ancora più estrema. Il suono del disco è ovviamente molto acustico ma segue l'ispirazione rock-soul che alberga nella mente dell'autore da tempo, a ben vedere dal tour di Tunnel of love.

Direi che il tema portante del lavoro è quello della "seconda possibilità" da vedersi non solo legato alle vicende personali sopra ricordate, ma anche alla vita artistica: sono qui, ci so ancora fare, anche se sono senza band, sembra dichiarare l'autore.

Better Days e Leap of Faith sono a parere mio il centro del disco ed esprimono a fuoco le intenzioni sia tematiche che musicali del lavoro: due ballate rock acustiche ma alquanto potenti che si giovano del trio di voci femminili, Scialfa-Lowell-Tyrell, che torna costantemente in tutto il disco a rendere fruttuosa l'ispirazione gospel di Sprinsteeen. Leap of faith viene definito come "un fugace quadro umoristico, non privo di riferimenti sessuali, sull'amore e sulla capacità di recupero": la particolarità è che vengono usate metafore bibliche, Mosè, la Terra Santa, il Mar Rosso, quasi al limite della blasfemia che viene comunque smorzata dal tono umoristico del brano.

La stessa vena umoristica torna in Local Hero: qui Springsteen prende in giro sè stesso: lui stava girando in autostrada, si ferma e nel negozietto di un autogril scorge una statuetta che lo rappresenta, chiede alla commessa (che non lo riconosce) chi fosse e gli viene risposto "è un eroe locale". Musicalmente il pezzo non si discosta da quanto detto per Better Days e Leap of Faith, con un sapore country-folk reso dall'aggiunta (finalmente) dell'inseparabile armonica a bocca.

Non si discosta da questa formula musicale neanche la straordinaria Luky Town che in più rispetto alle altre ha un bell'assolo "vibrato" dell'inconfondibile Telecaster di Springsteen: "ho avuto qualche vittoria che è stata solo un fallimento travestito" dice Bruce riferendosi all'enorme successo, pompato dai media, del periodo Born in the USA che evidentemente non è espressione piena del suo animo artistico, spontaneo ed essenziale, proprio come, fa emergere, senza fatica, in questo disco.

The big Muddy e Souls of departed cambiano notevolmente il tono dell'album: sono due blues elettrici, lividi, con la chitarra elettrica, l'armonica e lo slide (tutto ovviamente suonato dall'autore in solitaria) a dominare la scena; specialmente The big Muddy risulta un brano innovativo ed atipico, un esperimento che unisce il carattere molto roots del blues ad alcuni loop musicali molto radiofonici e contemporanei. I temi abbandonano la sfera personale e si fanno politici: la guerra del Golfo riecheggia in Souls of Departed e la cattiveria dell'animo umano che si concede alla guerra, come dice in The big Muddy, "un seprente velenoso ti morde, diventi velenoso anche tu" citando (dichiarato nei crediti) il romanzo "Il cuore nero di Paris Trout" di Pete Dexter, testo peraltro bellissimo che consiglio di riscoprire.

If I should fall Behind è il capolavoro del disco, un brano che ritengo tra i migliori di tutta la sconfinata discografia di Springsteen che qui canta con un lirismo molto malinconico su un tappeto melodioso di tastiere (da lui stesso suonate) accompagnate da fraseggi bellissimi di chitarra acustica che ricordano le origini di Springsteen come abile chitarrista, elettrico e, forse ancor più, acustico. Il testo è un'ode alla donna amata, alla vita da vivere insieme superando ogni difficoltà: proprio grazie all'universalità della poetica springsteniana, l'argomento "amore" può diventare argomento "amicizia", come fa spesso nelle superbe realizzazioni live del pezzo post reunion con le ESB, cantato a turno nelle strofe da tutti i membri del gruppo e dedcato in quelle circostanze proprio all'amicizia con i componenti della band, parte di una vera e propria famiglia musicale allargata. Un esempio di esecuzione live del pezzo lo si trova nel Live in the New York City a cui consiglio di prestare qualche ascolto, rimarrete colpiti dalla belezza e dalla teatralità del pezzo.

Altro capolavoro e' My Beatiful reward, un pezzo country, tutto batteria (leggera),chitarra acustica, organo ed armonica (a chiudere il brano): torna il tema della fuga, lo stesso di Born to run, da una vita insoddisfacente, alla ricerca della propria "straordinaria ricompensa" : qui il protagonista non corre su una cadillac in autostrada, ma, trasformatosi in uccello, vola su campi tetri alla ricerca della luce, di una vita migliore.

Il bello, a parere mio di questo disco , sta nell'immediatezza delle canzoni, nell'impressione di una trance artistica dell'autore che tira fuori dal proprio subconscio pezzi che, probabilmente, aveva disperato egli stesso di riuscire a recuperare dal proprio spirito artistico.

Consiglio di ascoltarlo, o magari di riscoprirlo a quanti non lo avessero in pieno apprezzato.

Questa DeRecensione di Lucky Town è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bruce-springsteen/lucky-town/recensione-hungry

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Hungry
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Correzione refusi». Vedi la vecchia versione Lucky Town - Bruce Springsteen - Recensione di Hungry Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Nel mio caso si tratta di ri-scoperta; la rece mi ha invogliato ad ascoltarlo un'altra volta.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: che poi se non erro poco tempo dopo si riuní con la esb, tipo verso il 95
RinaldiACHTUNG: che poi se non erro poco tempo dopo si riuní con la esb, tipo verso il 95
Hungry: Si ci fu una breve reunion nel 95, il tempo di incidere pochi inediti che finirono nel Greatest hits, poi pubblicò un disco in solitaria, il capolavoro The ghost of Tom Joad. La reunion vera avvenne nel 1999 con un bellissimo tour che porto' al primo disco con la ESB dopo la seperazione, The rising. Grazie.
RinaldiACHTUNG: grazie a te
carmineman
Opera: | Recensione: |
Buona recensione... bravo Hungry
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Grazie !
Alfredo
Opera: | Recensione: |
Confermo quanto scritto nella bella rece
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Grazie !
dsalva
Opera: | Recensione: |
ESB o meno, il sound di Springsteen non ha cali sensibili. Buon lavoro, ma lontano dai picchi anni 70.
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Io non riesco facilmente a confrontare epoche diverse di uno stesso artista. Giusto comunque quello che scrivi.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Meh "Lucky Town" non è un brutto disco, assolutamente. Però secondo me nemmeno da voto massimo, poi son gusti. Tutt'altra pasta la roba di gran qualità dei primi 10 anni, e Tom Joad, questo è un po' un disco "di mezzo" (come "Born in the U.S.A." o "The Rising") tra i suoi capolavori e le sue ciofeche/dischi mediocri.
BËL (00)
BRÜ (00)

hellraiser
Opera: | Recensione: |
Il gemello diverso di Human Touch. Quest' ultimo il disco più brutto di Springsteen, te dici per gli arrangiamenti ma qua la qualità dei brani è molto bassa, si salva appena la title track. Questo Lucky Town è ottimo, belle canzoni, ben suonato, qualche perla come la title track, If I Should..., Better Days, Beautiful Reward. Sarebbe risultato ancora meglio con tutto l'apporto della E Street, ma resta bello. Poi arriverà The Ghost e si arriverà al capolavoro dei '90... bravo!
BËL (02)
BRÜ (00)

Hungry: Grazie !
Zimmy
Opera: | Recensione: |
Concordo con hj ed hell, il mio voto al disco sarebbe un 3.5 che arrotondo tranquillamente a 4, un bel disco molto più riuscito del gemello "Human Touch", certo non accostabile ai suoi migliori lavori (che per me, come ho già scritto varie volte, significa tutta la serie che va dal primo album fino a "Born in the USA" compreso e al triplo live '75-85) ma comunque dotato di pregi che la rece mette ottimamente in luce. Quando sento la title-track e gli altri highlights del disco, però, fremo al pensiero di quanto sarebbero stati magnifici se li avesse suonati con la E Street Band...
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Grazie !
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
L'uscita di LUCKY TOWN insieme a HUMAN TOUCH (che ho comunque apprezzato)mi sorprese e colpì in maniera diretta. A brani come "Souls ...", "Leap ..." o la bellissima "Local ..." è impossibile resistere e con le tue parole lo hai descritto finemente. Bel lavoro H.
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Grazie !
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
La rece è gradevole e sentita, ma il disco è davvero il nadir artistico di Springsteen ( che per fortuna si solleverà qualche anno dopo con "The Ghost of Tom JOad"). Se dai 5 pallini a questo, quanti ne meritano The River e Nebraska? :)
BËL (01)
BRÜ (00)

Hungry: Io non riesco mai (è un mio limite) a fare confronti tra opere diverse, mi limito a valutare il disco per quello che è. Per esempio un paragone con The River o Nebraska è veramente molto difficile da fare, tra l'altro sono due dischi cronologicamente molto lontani da questo. Grazie della tua opinione.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: