Sto caricando...

De Sfroos
Manicomi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Noi che suoniamo di contrabbando,

ovvero "la strada che la vusa"

1995, Tremezzo, Lago di Como: un ragazzo di nome Davide Bernasconi inizia a correre partendo dalla riva, stringe la chitarra tra le braccia, con i suoi De Sfroos al seguito ha già inciso due bootlegs autoprodotti ("Ciulandari" e "Viif"), ha un passato punk, tante nuove idee e una gran voglia di raccontare storie e personaggi nel dialetto del suo amato Lario. La band piano piano si fa un nome correndo da curiera a curiera, da sponda a sponda, qualcuno decide di credere in questi ragazzi ed essi un bel giorno riescono a pubblicare il loro primo album, "Manicomi". Come dice il titolo, ci ritroviamo nel bel mezzo di un concept album basato sulle storie e le identità frantumate degli "ospiti" di un manicomio. La musica è country, è folk, ma non solo: ci sono contaminazioni reggae come in "Ave Maria", il blues-swing de "La Furmiga", e non manca nemmeno il rabbioso punkdi "Kamell" e "Spara Giuvann". Tra le canzoni-persone possiamo incontrare la drammatica ed energica "Anna", che apre il disco marchiandolo con il fuoco della poetica de-sfroosiana, oppure la vicenda comica (ma attenzione, la riflessione è dietro l'angolo) di "Lo Sconcio": qui la voce di Davide è quasi attoriale e i fiati creano un'eco irresistibile e ballabilissimo alla vicenda del pazzo salvatore. Inutile citare le due canzoni manifesto, sempre suonate in concerto e sempre attese da tutti i fan, ovvero lo ska-folk di "De Sfroos" e l'ironica "La Curiera".
Se la prima parte dell'album è apparentemente spensierata e incentrata sulla vita del manicomio, nella seconda l'orizzonte si allarga e le tematiche si spostano sulla critica sociale, come nella dimessa "Poor Italia"... e a chi accusa il Davide di parteggiare per la lega, la risposta arriva con "La Fruntiera". Nell'universo impazzito dell'esordio dei De Sfroos c'è anche spazio per le emozioni irlandesi di "Nonu Aspis", i venti dal sud di "El Teemp" e la chiusura dark di "El Diavul".
I racconti di Davide si inseguono senza stancarci mai, il disco suona ancora grezzo se confrontato a "Breva E Tivann", ma embrionalmente contiene già alcuni temi della poetica di Van De Sfroos: "Manicomi" è un pentolone infiammato dall'energia dell'atteggiamento punk in cui vengono mescolate molte delle ispirazioni , suggestioni e contaminazioni che Davide approfondirà nella sua produzione più matura.

da "Manicomi"

"Teste rasate mille punture siamo gli occhi delle nostre paure
non distinguiamo domani da ieri nelle urla dei nostri pensieri
vengono a trovarci, non sanno più chi siamo
vengono a trovarci, non li conosciamo
vengono a trovarci , non sanno cosa dire
Parlano strano e non possiamo capire"

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su DuecentoVenti

egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Vabbé, finiamola qui... Io son convinto che ciò che è successo non ha alcuna rilevanza... ché non determina nessuna conseguenza, se non la solita imperante polemica inutile... In pratica quella che stiamo facendo noi... e non mi va proprio di continuare. Sono più interessato alle cose serie... non alla sofistica da quattro soldi su ciò che un Presidente del Consiglio può e non può fare, quando INCONCEPIBILMENTE non si dà il giusto risalto alla gravità, quella sì reale, dello squadrismo dell'estrema sinistra, e della responsabilità di tutto il resto della Sinistra di aver, in 12 anni, dipinto Berlusconi come il male assoluto e quindi favorito e aizzato (neanche tanto indirettamente) certa gente, la quale fa della violenza la sola arma politica. O SONO PERICOLOSE SOLO LE SPARATE DI BORGHEZIO? Ma dai... un minimo di coerenza... dai...! Ok, motivi concedimi quest'ultimo sfogo, che non è rivolto a te personalmente...


Massimof
Massimof
Opera:
Recensione:
Egothemaster, sorvolando sulla Lega che a mio parere risulta davvero indifendibile, il Silvio che fosse impastato in qualche modo con la mafia lo diceva anche un magistrato di nome Borsellino. Ti ricorda qualcosa? E poi togliamoci dalla bocca la parola "squadrismo" buttata là alla ca..o di cane da chiunque in questi giorni. Il concetto di "squadrismo" sappiamo benissimo da dove viene e quello che significa. Non rovesciamo i ruoli. Per favore. Revisionismo sterile, puerile e soprattutto in estrema malafede.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Ma "revisionismo de che"?... non ha importanza da dove derivi il termine squadrismo. Ha importanza invece quello che succede nella realtà. E cioè raggruppamenti di persone che vanno apposta in certi luoghi per impedire che altri esprimano le proprie idee. E devo ri-ricordarvi gli assalti periodici alle sedi della Lega? Quello non è squadrismo? Quindi cerchiamo di non ribaltare le carte in tavola... Ti ricordo, laghèè, che sono (io e la Lega) del tutto antifascista (come mi sembra di aver lampamente dimostrato finora), quindi definirmi revisionista è proprio una panzanata. Quanto alla Lega indifendibile... ecco che ancora esce fuori l'istinto epurativo di natura massimalista... che vuol dire che è indifendibile? Che non ha dignità di esistere? Mi sembra che anche qui si dovrebbero pesare bene le parole che si scrivono...


laghèè
laghèè
Opera:
Recensione:
Laghèè come back!!! Qua mi sembra si stia esagerando, non credo di parlare con delle verginelle, dalla notte dei tempi, soprattutto in campagna elettorale ci si accusa a vicenda, non capisco lo scandalo. Bush è diventato quel che è grazie anche ad una meticolosa opera di distruzione mediatica dei suoi rivali.


laghèè
laghèè
Opera:
Recensione:
Ego,credo volessi scrivere geenoo prima...


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
infatti mi son sbagliato, scusa...!


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Adès vae a magnàr... Se vedén dopo!


laghèè
laghèè
Opera:
Recensione:
Un'ultima cosa ego: non sono d'accordo sulla definizione di "colorita metafora" per gli scheletri di Della Valle, mentre su Berlusconi sono diffamazioni e calunnie. Ma questi sono punti di vista... vo anca mi, sa vedum duman


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
"non si dà il giusto risalto alla gravità, quella sì reale, dello squadrismo dell'estrema sinistra, e della responsabilità di tutto il resto della Sinistra di aver, in 12 anni, dipinto Berlusconi come il male assoluto". Le critiche a Berlusconi sono venute anche da un giornale come l'economist. Sono venute da Mieli del corriere (e qui un'opinione liberamente espressa da una persona è stata strumentalizzata per dire che il corriere è organico alla sinistra). Sono venute da Ciampi, sono venute dalla confindustria (dipinta subito come organica alla sinistra anche questa assieme al sole ventiquattro ore). Insomma la demonizzazione (che a me non piace) Berlusconi la pratica parecchio. Difficile districarsi in questo clima. Ma cosa devo pensare se B. dice che è la sinistra che getta pessimismo e in realtà non abbiamo problemi, e poi arrivano i conti della banca d'italia a dire esattamente l'opposto?


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Caro motivi, un conto è criticare, ché è normale e giusto in un sistema liberale e democratico, un conto è insultare e ribaltare la realtà con affermazioni pericolose che sono solo benzina sul fuoco dei violenti (e non solo benzina sul fuoco, ma anche incentivo a chi prima era moderato e che dunque vien fatto sentire in dovere di intraprendere una crociata contro l'opposta parte politica o contro una persona in particolare). Guarda, io adesso non so quanti anni abbia strangler, ma secondo me se la Sinistra (di ogni livello) non avesse creato lo spettro di Berlusconi come ha fatto dal 1994 in poi, non credo che "ragionerebbe" in quel modo...


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
in quanto alla situazione economica, certo il Governo ha le sue colpe, ma è sempre più facile dire "Governo ladro"... non so se mi spiego. E poi, scusa un attimo: uno che vuole ricandidarsi alla guida del governo verrebbe a dire che ha fatto male prima? Mi sembra ovvio che metta in luce gli aspetti positivi e non menzioni quelli negativi, no? Non si tratta di dire il falso... si tratta di far campagna elettorale...! O vuoi dirmi che Berlusconi e il Governo hanno fatto solo del male? Mi sembrerebbe davvero un'affermazione che non tien conto della realtà... Si possono approvare o non approvare delle cose, ma non dire che 5 anni di Berlusconi hanno portato l'Italia alla rovina (perché è questo che dicono a Sinistra sin dal giorno dopo della vittoria della Casa delle Libertà)... ché non mi sembra proprio che si muoia di fame nel nostro Paese, anzi...


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
tutto quel che vuoi, ma ti prego sono allergico all'espressione "ribaltare la realtà". La sento a Sinistra e a destra, a furia di ribaltamenti mi viene il mal di mare e fra un po' vomito. Restano i dati della banca d'Italia, che ci vedono decisamente in crisi. Restano le dichiarazioni tutt'altro che ottimistiche della confindustria, due organi che io ritengo al di sopra delle parti.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Se ti devo dire la verità, mi sembra che ogni giorno si hanno dati che prima dicono una cosa, e poi ne dicono un'altra. Io cerco di vedere direttamente quel che succede... per esempio, tutti a dire "non arrivo più a fine mese...!". Ma avete mai pensato che fino a 5-6 anni fa quasi nessuno aveva il cellulare? Avete mai considerato che ogni mese in media si spendono dai 30 ai 50 euro solo di telefonate al cellulare che prima non si facevano? Sono dai circa 360 ai 500 euro l'anno di spese in più che prima non c'erano, senza contare che ormai si cambia cellulare una volta all'anno, massimo ogni tre anni, e che anche i collegamenti a internet, adsl e Sky costano un casino... e sembra che nessuno ne voglia fare a meno... A questo non avete mai pensato? Come si fa a dire che mancano i soldi quando buttiamo li "buttiamo via" così? Il problema dell'economia italiana è invece nel sistema industriale e distributivo che è vetusto, e non per colpa di Berlusconi o di Prodi, ma per anni e anni di corporativismo a tutti i livelli (protezione continua delle varie "caste" dei professionisti e delle grandi industrie come la Fiat) e asservimento ai sindacati, oltre all'assistenzialismo infinito. Queste sono le questioni veramente pesanti, e che non si risolvono con la bacchetta magica, né accusando Berlusconi. E poi c'è il problema cinese, che abbiamo in qualche modo già affrontato, e la congiuntura internazionale...


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Certo, il Governo ha le sue responsabilità, ma non lo si può infangare come si è fatto per anni e anni...!


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Ovviamente i soldi spesi per il cellulare sono "a testa", ed ogni nucleo familiare conta almeno 3 cellulari... si arriva a 1500 euro l'anno... Non so se mi spiego...


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
i cellulari non sono un automatico indice di benessere. Dove sono io, c'è gente che ha automobili incredibili e poi non mangia (letteralmente, non è un modo di dire, adesso è lunga da spiegare ma non è un'esagerazione). E magari ha un lavoro da operaio e famiglia. Non parlo di casi isolati, parlo di una realtà che vedo intorno (è tutto intorno a me). Il discorso sui cellulari è la stessa cosa. Non farne un indice di benessere. Tempo fa vidi un documentario, dove si vedeva una baraccopoli e una famiglia con televisione strafiga e parabola. La banca d'Italia e la confindustria non dicono dati ogni giorno diversi, e credo siano consultabili.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
io non ho detto che i cellulari sono indice di benessere (anche se lo posso dire chiaramente adesso). Io ho detto che si spendono un casino di soldi lì, quindi dire che "non arrivo a fine mese" per colpa del Berlusca mi sembra sbagliatissimo.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
i dati a cui mi riferivo io erano quelli dell'Istat, dell'Eurostat, di Standard & Poos's, Moodies's... insomma ci sono dati su migliaia di argomenti, dal potere di acquisto alla disoccupazione/occupazione, reddito, produzione industriale... e cioè tantissimi indici che periodicamente indicano cose diverse e che possono essere letti in molti modi. Perché i dati possono essere in sé neutri, ma la loro interpretazione decisamente no. Soprattutto se se ne ricordano alcuni e se ne dimenticano altri...


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
la vediamo diversamente. Comunque votare a sinistra vuol dire anche non condividere certe scelte di programma. Ti faccio un esempio: abbiamo parlato dei dazi per i prodotti cinesi. Da quel poco che so, credo che dato che la competizione col lavoro sottocosto è impossibile, bisogna puntare su altro, e l'altro è la qualità dei prodotti e l'innovazione. Per farlo bisogna fare due cose: investire sulla ricerca (e la destra ha già tagliato i fondi) e sulla scuola, investendo sui cervelli (la scuola di classe della Moratti va contro questo, se vuoi mi spiego) e togliendo i ricercatori dal precariato.


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
p.s rispondimi nel forum sx e dx, cosi non rompiamo più le scatole :)


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Mi dai il link? Grazie.


ajejebrazorf
ajejebrazorf
Opera:
Recensione:
vai su altro nel menu di debaser, forum, scegli data ultima risposta e lo vedi.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
COMUNICAZIONE AI NAVIGANTI: ci siamo spostati in Pagina non trovata


strangler
strangler
Opera:
Recensione:
ma vacci tu, se servisse qualcosa discutere con te ci verrei ma sono digitazioni sprecate egocentrico del cazzo


skyzzo
skyzzo
Opera:
Recensione:
comodo nascondersi per giorni e replicare quando l'interlocutore non c'è più. E per di più con l'ennesima infima dimostrazione di inettitudine.


egothemaster
egothemaster
Opera:
Recensione:
Caro strangler... sei sempre una sorpresa... ma eleganza e fine umorismo non ti mancano mai. Saluti cordialissimi.


strangler
strangler
Opera:
Recensione:
..mi raccomando egocentrico, no alle famiglie omosessuali che sono contro natura, difendiamo i valori della famiglia cristiana tradizionale, no alle coppie di fatto, VIVA BOSSI!!!!
x skyzzo: a differenza di te io ho una vita reale, tu accontentati di quella virtuale che ti darà tante soddisfazioni, un bacio.


skyzzo
skyzzo
Opera:
Recensione:
...quante poche cose sai...non ne hai idea! Ma è risaputo che più uno sa, più si rende conto di non sapere. Va da sé che se ti dimostri sicuro di sapere cose che NON PUOI sapere, hai ancora TANTA ma TANTA strada da fare. Non credo di poter sostenere una discussione con te. E non perché non voglia io. Ciao, Strangler, abbi cura di te.


the green manalishi
Opera:
Recensione:
Gran disco, ma non è mica tanto unconcept album sui manicomi! E poi Spara Giuvanni è più ska che non punk. MA qui ci sono i migliori De Sfroos!


Pibroch
Pibroch
Opera:
Recensione:
I migliori De Sfroos sono nel successivo "Breva e Tivan", a mio parere.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Manicomi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link