Larrok e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
La regia è eccelsa, uso magistrale della fotografia e della colonna sonora, e in generale del sonoro. Ci sono movimenti di macchina ed effetti visivi da antologia (vedi l'inquadratura sottosopra durante il percorso in auto verso il villaggio, oppure i repentini cambi di messa a fuoco o gli effetti che simulano lo stato di alterazione da acidi). Film dall'impatto emotivo devastante. Ari Aster, finalmente un regista giovane che mi fa apprezzare l'horror dopo il già ottimo Hereditary...ormai pensavo di avere un problema io col genere (e forse una certa idiosincrasia c'è), ma dopo la visione di pellicole come questa mi rendo conto che è semmai la media qualitativa delle uscite attuali ad essere davvero bassa.

Opera: | Recensione: |
Non si può di certo definire un film di merda, se non altro per l'eccellente fotografia, le ottime performance dei due attori protagonisti e i ricercati movimenti di macchina di Bertolucci; tuttavia per quanto mi riguarda non riesco a fargli superare i 3 pallini per via di una sceneggiatura senza mordente che mi ha suscitato scarso interesse, dialoghi spesso inutili e noiosi e personaggi di contorno poco riusciti, uno su tutti il regista che fa addirittura venire l'orticaria. Colonna sonora a mio avviso poco adeguata e a volte sopra le righe.

Opera: | Recensione: |
Terzo ottimo film consecutivo da parte di Zahler che finora non ha sbagliato un colpo. Ancora crudeltà, ancora critica sociale, ancora personaggi senza speranza in un mondo da incubo nel suo tragico realismo. La scena con Jennifer Carpenter mi ha devastato. Le due ore e 40 non appesantiscono lo scorrimento della pellicola.

Opera: | Recensione: |
Grandioso film, chi ha parlato di mancanza di ritmo penso debba dedicarsi ad attività che non riguardino la settima arte; splendido sotto ogni punto di vista, da quello narrativo a quello tecnico, per non parlare dell'interpretazione del protagonista. Si ride, ci si entusiasma, ci sono tensione, colpi di scena, e nel magnifico e profondo finale ci si commuove, oltre ad esserci anche spazio per non banali riflessioni storiche, sociologiche e filosofiche. Chaplin è un genio e ritengo vergognoso etichettarlo frettolosamente come pedofilo, intanto perchè comunque qui si sta valutando la sua opera, ma se proprio vogliamo entrare nell'ambito del suo privato, proverei magari anche a considerare che la giovane donna 18enne che ha sposato gli ha dato 8 figli e gli è rimasta accanto fino alla fine dei suoi giorni per oltre 30 anni. Ma evidentemente è molto più semplice giudicare dall'alto di non si sa che cosa.

Opera: | Recensione: |
Troppo di maniera per i miei gusti, Mann a mio avviso ha fatto molto di meglio, i personaggi cadono troppo nello schematismo buoni/cattivi, non sono per nulla approfonditi e anche la vicenda non mi ha suscitato particolare interesse. Dal lato tecnico per carità costumi e ambientazioni ricostruite perfettamente e le scene delle rapine sono girate in modo impeccabile, tuttavia vorrei menzionare in modo negativo l'utilizzo eccessivo della macchina a spalla che onestamente mi ha provocato quasi un senso di nausea in vari momenti della pellicola

Opera: | Recensione: |
Questo film è stato per me un fulmine a ciel sereno, una pellicola di due ore e mezza che sembrano 20 minuti per quanto scorre alla grande, mi ha tenuto incollato allo schermo con una tensione costante e ben calibrata, e anche grazie alle formidabili interpretazioni dei protagonisti. Il film d'evasione perfetto.

Opera: | Recensione: |
Nessuno dei tre episodi a mio avviso è degno di nota; forse il meno peggio è il primo visto che almeno rappresenta effettivamente problemi che potrebbero derivare dall'uso della realtà virtuale (a parte che se esistesse un videogame in RV di quel tipo dove si scopa si fermerebbe il pianeta). Il secondo episodio monta un carrozzone di rapimento, inseguimenti, ecc..alla fine per dire cosa? Che non si usa lo smartphone mentre si guida? Bah.. Sul terzo evito commenti perché sembra di vedere una puntata di un telefilm per ragazzi della Disney, e di black mirror non ha nulla.

aleradio: "a parte che se esistesse un videogame in RV di quel tipo dove si scopa si fermerebbe il pianeta"
madcat: Ti metto bel solo per quel "a parte che se esistesse un videogame in RV di quel tipo dove si scopa si fermerebbe il pianeta", sulla valutazione alla serie la penso in modo opposto
madcat: *alla stagione
Opera: | Recensione: |
Un film permeato di un'insolita atmosfera. Ho trovato spassosi i personaggi di contorno dell'insegnante bigotta e del motivatore Jim Cunningham. Apprezzabile anche la corposa presenza della colonna sonora eighties (a proposito: imperdonabile che nella director's cut sia stata tolta la magnifica "The Killing Moon" dalla scena iniziale in bici). L'aspetto più interessante è a mio avviso quello di critica alla società americana più che la storia fantascientifica in sè che mi ha coinvolto solo fino a un certo punto. 3,5

In: Casinò di Darkeve
Opera: | Recensione: |
Questo film è una miniera di spunti su come si fa il cinema. Regia letteralmente pazzesca, forse un filo troppo insistiti e sopra le righe i piani sequenza, ma avercene di sta roba. E' vero che le tre ore filano via abbastanza lisce, per quanto qualcosina, specie nella seconda parte, l'avrei alleggerita. Le performance degli attori sono incredibili, Joe Pesci monumentale. Interessantissima la colonna sonora nella quale, come di consueto per Scorsese, la fanno da padrone gli Stones. Ottima recensione che coglie l'essenza della pellicola.

Opera: | Recensione: |
Ricordo che durante una gita scolastica, penso in prima o seconda superiore, durante il viaggio sul pullman qualcuno ha convinto i prof a metterlo su (sì, c'era il televisore nel pullman).. Una volta giunti alla scena in cui John Travolta si fa una dose a casa dello spacciatore immediatamente i prof, che non conoscevano la pellicola, l'hanno tolta dal videoregistratore scandalizzati, provocando un'insurrezione generale di protesta. Sul film che c'è da dire? Capolavoro se ce n'è uno.

Caspasian: Non mi immagino se foste arrivati alla scena della sodomizzazione di Marsellus...
Grazie.