Sto caricando...

SandroGiacobbe e i suoi ascolti

SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Non rassegnarsi alla perdita è umano. E quando si è cosi giovani forse lo è ancor di più. Anni di progetti, di sacrifici, di promesse di vite insieme, di 'dolci estati' vanificati in un istante, con la velocità di un battito d'ali: un'automobile che va fuori strada. L'estate che inizia, 'vicino lui sorrideva', il destino dietro l'angolo. Il dramma di un giorno di gioia che si tramuta in tragedia. A simboleggiare, forse, l'imprevedibilità del destino o solo il suo essere figlio di puttana. Era il 1967, e già si intravedeva tra le corde della chitarra di Francesco una canzone senza tempo. Non si può scegliere il modo di morire, e nemmeno il giorno. Si può decidere come vivere.

Francesco Guccini - Canzone per un'amica


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
'E un errore ho commesso', dice
un errore di saggezza
abortire il figlio del bagnino
e poi guardarlo con dolcezza

Fabrizio de André - Rimini


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Forse erano altri tempi, e le love story non erano materiale da gossip creati a tavolino per far si che se ne parlasse. Fabrizio e Dori erano agli antipodi di questa triste tendenza, a partire dall'innaturale rifiuto di apparire troppo davanti alle telecamere di lui. Dori Ghezzi era degna di Faber, ed è impagabile lo sguardo con la quale lo osserva mentre esegue 'Andrea', al punto che pare addirittura scordarsi il punto esatto in cui recitare il verso. Sono gli occhi di Dori, in questo video, 'la perla più rara'.

Andrea e Rimini live inedito a Tempio Pausania.mp4


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Addio a ribbá, a nzegna agli angeli a da der coatto demmerda a hjhhjij

SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
tenevo o ciuccio, l'anno sperduto, l'anno truat nculo a mammeta ♫♫

Gianfranco marziano Mammeta


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Tu sei bella e mi guardi senza parlarmi,
non ti sei neanche accorta di assomigliarmi,
e non sai quanta voglia avrei di dirti
che tuo figlio non è cambiato,
era solo ma si è aspettato,
ed è sempre come lo chiamavi tu
Ninni, Ninni, Ninni...

ROBERTO VECCHIONI - Ninni


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Ci sono notizie che non vorresti mai sentire, eppure, nonostante l'età, non ci si rassegna mai. Una delle colonne sonore dei miei giorni, il cantautore per eccellenza, dicevo io tempo fa, paragonandolo forzatamente a Faber manco fosse una gara. La verità è che classifiche non esistono e che oggi come ieri Leonard resta unico e senza eguali. Si, sarà proprio una giornata di merda...

I tuoi occhi sono bagnati di tristezza
Ehi, non è questo il modo di dire addio

Leonard Cohen - Hey, That's No Way to Say Goodbye (Audio)


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Paolo Frescura Bella Dentro alla trasmissione 'i nuovi anni' _


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
E due zingari stavano appoggiati alla notte
forse mano nella mano e si tenevano negli occhi
aspettavano il sole del giorno dopo
senza guardare niente

FRANCESCO DE GREGORI - DUE ZINGARI


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Scusamo Mozzy se sono stato lontano da te tutto questo tempo...
Mozart - Piano Concerto No. 23 in A, K. 488 [complete]


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Piero Ciampi - Cosa resta ma la tua foto è nella tasca, perché io non ti ho sostituita, perché tu non mi hai sostituito


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Sensi e controsensi del 75 è uno dei tre dischi più belli di Mia Martini sicuramente, melodie da paura e voce infinita, eppure continuo a domandarmi il motivo di un testo simile, figlio di una ridicola e fastidiosa sottomissione femminile . Mi domando perchè abbia accettato di cantare uno schifo di testo simile. Su una melodia simile potevano ricamarci ben altro, ma tant'è...

Mia Martini Padrone


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Patty Pravo - Ragazzo triste (1966) si patty se tu eri sola bona come eri io sono un termosifone


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
poi dicono che la musica leggera di quegli anni era solo monnezza Gens Per chi


SandroGiacobbe
SandroGiacobbe |
Un posto al sole Angela scappa dallaltare

vai francoooooo ='( .... piango ='( sniff sniff