Jade Warrior
Released

()

Voto:

[...] Personaggi della cui esistenza le giovani generazioni non sanno, neppure per sentito dire, e sigle che nemmeno all'epoca furono in grado di muovere le classifiche di vendita. Accanto a complessi e musicisti di notevole popolarità, e spesso di grandi guadagni (non sempre giustificati dalla qualità della musica proposta), è giusto e doveroso collocare, con pari dignità e onori, nomi familiari solo agli appassionati incalliti, che meritano una sistemazione più equa nella trattazione storica della musica rock per i propri (a volte sorprendenti) meriti musicali. [...]*

Incipit "doveroso" per una splendida opera relegata "ingiustamente" ai margini di un fenomeno musicale di vastissime proporzioni e portata quale il progressive.

Il "rispolvero" del suddetto album è dunque altrettanto "doveroso".

Si tratta di Released, anno 1972.

[...] In seguito allo scioglimento dei July, Tony Duhig e Jon Field formano i Jade Warrior e il vecchio compagno Patrick Campbell-Lyons, divenuto produttore alla Vertigo, offre al gruppo la possibilità d'incidere tre album per l'etichetta della spirale. Il secondo Released (1972) (gli altri sono Jade Warrior - 1971 - e Last autumn's dream - 1972, e ancora vari successivi lavori per la Island) può essere portato ad esempio della singolare proposta musicale,[...]*

I Jade Warrior, ottimo ensemble appartenente al "foltissimo" sottobosco progressivo d'oltremanica, sono fautori di uno sfavillante miscuglio sonoro "gravido" di sonorità mediterranee, africane e "violentemente" tribali.

Suoni caldi, bollenti percussioni, creatività ed originalità immersi in inebrianti atmosfere folk-jazz caratterizzate da un gusto piuttosto speziato, spiccate componenti esotiche e velate scorribande psichedeliche.

Paradigma del variegato e multiforme impasto sonoro dei Jade Warrior, Three Horned Dragon King, incanta per la sua freschezza compositiva e la ricchezza di contaminazioni presenti; notevoli gli intrecci fiatistici attorniati dal suono caldo ed ipnotico di bongoes, congas e  percussioni  oltre che da lancinanti sfuriate chitarristiche dai sapori fortemente hard caratteristiche non solo del suddetto brano ma dell'intera opera. (Eyes On You, Minnamoto's Dream )

Released, opera davvero poliedrica, svela inoltre una sorprendente (e latente) vena psichedelica; Water Curtain Cave "impregnata" di impalpabili umori acido-lisergici e sonorità marcatamente "cosmiche" ne è un candido esempio.

"Epitome" dell'album e totalmente strumentale, Barazinbar, con i suoi quindici minuti offre all'ascoltatore delle caleidoscopiche sonorità caratterizzate da granitici riffs di chitarra elettrica che scivolano su avvolgenti tappeti "jazzati" (sax & flauto) ed ammalianti percussioni; la fugace, liquida e delicata atmosfera introduttiva, scandita da bucoliche percussioni, si infrange contro un poderosa orgia sonora in cui hard, free jazz e folk si amalgamano splendidamente.

Marasma sonoro, vortice strumentale, Released si fregia anche di idilliache ballate acustiche (Yellow Eyes, Bride Of Summer) dai toni soffici, delicati e intrisi di malinconia; l'incedere è abulico, rilassato, effimera "evasione" dai frenetici ritmi peculiari dell'intero album.

Un'opera da "scoprire" o semplicemente da "ri-ascoltare".

[...] Ma (per quanto esile) resta un filo da seguire, la loro musica che vive ancora, che si può ascoltare grazie alla perversione di un music business che ciclicamente si adatta a riscoprire qualsiasi avvenimento del passato, che merita di essere ascoltata e amata almeno quanto quella dei fratelli favoriti dalla buona sorte. Far finta di nulla, evitare di attribuire a questa gente il dovuto riconoscimento sarebbe un errore imperdonabile. Per non dimenticare. [...]*

*: Tutte le citazioni da GianCarlo Nanni ( Il Rock Progressivo Inglese )

 

Questa DeRecensione di Released è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/jade-warrior/released/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Rieccoti! Credevo che ti fossi già stufato. Continua a scrivere!
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ho solo il disco omonimo, bellissimo. Sono gruppi che meritano di esser riscoperti. E sia sempre benedetta la Vertigo! Bella proposta e bella pagina davvero.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ardalo
Opera: | Recensione: |
Complimenti Ivo sei un ottimo recensore, oltre che un ottimo attore :) Ripescaggio notevole
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Questi proprio non li conosco. Te, invece, ormai sei una garanzia. Bravo bravo!
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Opera: | Recensione: |
Complimenti per la recensione. Di questo gruppo non ho ascoltato ancora niente, credo sia ora di approfondire.
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
bellissima recensione!! di loro sinceramente non so assolutamente nulla, ma da come li hai descritti meritano eccome se meritano :D
BËL (00)
BRÜ (00)

dlf
dlf
Opera: | Recensione: |
Si scava, eh! Ho sentito qualcosa del loro primo album (se non sbaglio questo recensito è il secondo ma correggimi se sbaglio): veramente particolari e poco catalogabili. All'epoca avevo altre priorità e non li degnai di troppa considerazione. Prometto di ripassarci sopra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ivo Avido
Opera: | Recensione: |
Un grazie "di cuore" a tutti voi per i voti positivi e gli incoraggiamenti vari! Sono come il solito lusingatissimo! @ DFL : si, questo è il loro secondo lavoro per l'etichetta Vertigo e ti consiglio caldamente di auscultarlo. Alla prossima.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
telespallabob
Opera: | Recensione: |
Ho presente il primo disco, omonimo, e ricordo che non mi convinse. Non m'appassionò, di conseguenza non mi buttai sugli altri. Magari ascoltando questo modifico il giudizio su di loro, nel frattempo elogio la recensione. Come sempre puntuale, bravo
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: