Sto caricando...

Lou Reed / John Cale
Songs for Drella

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Il guaio con un classicista
guarda un albero
ed è tutto ciò che vede perciò dipinge un albero
il guaio con un classicista
guarda il cielo
non si chiede perché dipinge un cielo e basta

Questo è il guaio con i classicisti

Il guaio con un impressionista
guarda un ceppo
non sa chi egli sia mentre se ne sta lì
a guardare questo ceppo
e i ricordi surrealisti
sono troppo informi e protervi
mentre quei pittori macho di downtown
sono solo degli alcolizzati

Questo è il guaio con gli impressionisti


Il guaio con le celebrità
sono troppo prese dallo stile
è una faccenda troppo personale
sono innamorate della propria astuzia
sono come immigrati clandestini
che cercano di far soldi a tutti i costi
guidano un radiotaxi
ma pensano di essere su un camion

Questo è il guaio con le celebrità"

                                                                   ANDY WHAROL

"Facce e nomi, se solo fossero la stessa cosa
facce e nomi
non fanno altro che crearmi guai
facce e nomi

Se tutti avessimo lo stesso aspetto
e tutti avessimo lo stesso nome
non sarei geloso di te
o tu di me
facce e nomi

Mi innamoro sempre di qualcuno che ha l'aspetto
che vorrei avere io
sto sempre a guardare
qualcuno nell'atto di ferire
e quello ferito davvero sono io

Facce e nomi, mi sembrano la stessa cosa
se fossi come te
e tu fossi come me
vedresti che ci sarebbero meno guai

Facce e nomi mi piacerebbe che si dileguassero
sparirei in quel muro e non parlerei mai
parlare, non parlare"

                                                                   ANDY WHAROL

"Credo valga la pena ripetere le immagini
immagini ripetute di un dipinto
immagini prese da un dipinto
da una foto che vale la pena rivedere

Amo le immagini degne di ripetizione
le proietto sul soffitto
le moltiplico con degli schermi
le vedo con sensazioni differenti

Immagini, quelle immagini
immagini, quelle immagini

Dicono che le immagini non hanno emozioni
io penso ci sia un significato più profondo
la precisione meccanica o così sembra
provoca una sensazione assai più fredda

Amo la molteplicità di proiezioni
le cose che nascono di nuovo
mostrano nuovi significati
credo valga la pena ripetere le immagini
e ripetere e ripetere"

                                                                    ANDY WHAROL

 

Grazie Lou, grazie John!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
The Punisher
The Punisher
Opera:
Recensione:
Sul fronte testi nulla da eccepire, sul versante "musica" un disco abbastanza scialbo.


nofake
nofake
Opera:
Recensione:
Sì ma... dov'è la recensione? Meno male che il disco lo conosco.


DanteCruciani
DanteCruciani
Opera:
Recensione:
particolare anziche nò, la recension........;)


The Punisher
The Punisher
Opera:
Recensione:
Oh ohh...ma questa rece è copiata pari pari da Pagina non trovata - LouReed.it e il recensore NON ha citato la fonte! come la mettiamo ?! :-)))


Slim
Slim
Opera:
Recensione:
Ci sone dei pezzi veramente notevoli in quel disco (small town, nobody but you, hello it's me, work) però 5 stelle sono un pò troppe...


Randolph Chandler
Randolph Chandler
Opera:
Recensione:
cazzo e perchè è stata pubblicata questa rece se intere frasi sono scritte gia in altri siti?? ma non valeva lo jus primae noctis ?? oppure vale solo per me??


GATTINATOR
GATTINATOR
Opera:
Recensione:
ovvio la traduzione rimane sempre la traduzione e non ha nessun significato cambiarla. Ho voluto sottolineare in questa recensione, riportando alcuni frammenti dei testi di reed e cale, il dramma esistenziale di Wharol ( vedere anche la traduzione di smalltown ): gay, sovrappeso, albino e occhi rosa. La vita di un personaggio talmente eclettico e particolare all'infuori della realtà che i due cantautori hanno saputo narrare in maniera perfetta ed emozionante.


GATTINATOR
GATTINATOR
Opera:
Recensione:
non è fondamentale il voto alla mia recensione, ma quest'album è a dir poco stupendo: cantato e recitato, suonato divinamente e in alcuni tratti mi ricorda la magia dei vecchi velvet underground.
Quando usci all'epoca fu sottovalutato dalla maggior parte dei media ma per me rimane un capolavoro straordinario!


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Capolavoro. Già solo per i testi sarebbe capolavoro (che poi punisher una volta ha detto che Lou Reed non sarà MAI ricordato per i testi... vabè), le musiche sono a volte fenomenali, altre un po' meno. Però anche quando sono inferiori il talento nella voce e nei testi supplisce alla mancanza.


GATTINATOR
GATTINATOR
Opera:
Recensione:
My skin's as pale as outdoors moon, my hair's silver like a Tiffany watch.
Fa venire i brividi quando Lou alza leggermente il tono della sua voce!

Where did Picasso come from? There's no Michelangelo coming from Pittsburgh, if art is the tip of the iceberg, i'm the part sinking below.
Domanda e risposta, riflessiva e di sottovalutazione...........assoluta mente teatrale!


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
ciao a tutti,non è che per caso ieri qualcuno ha ascoltato radio rai tre che parlavano di debaser...io me lo sono perso e mi piacerebbe ascoltarlo...come cavolo si può fare????lo avete reg qualcuno???manddatemi un mes privato eventualmente..ciaociao


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
si scrive Andy Warhol


mashed_potatoes
mashed_potatoes
Opera:
Recensione:
beh...siamo nel duemila...bisognerebbe far tirare un pò d'aria nuova....che senso ha arroccarsi su posizioni tradizionali se poi in classifica arrivano i finley o gli artic monkeys?Reed & Cale sono due grandissimi...hanno le qualità x fare molto di più!Buona rece comunque e il sito è grandissimo!!!!Continuate così!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
vero...in questo disco compaiono testi davvero toccanti...sono due mostri del rock!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
GATTINATOR
GATTINATOR
Opera:
Recensione:
cavolo.........Andy Warhol


GATTINATOR
GATTINATOR
Opera:
Recensione:
ho sbagliato!


franc'O'brain
franc'O'brain
Opera:
Recensione:
Lou Reed e John Cale non potevano soffrirsi... almeno così dicono le biografie. E invece si mettono insieme e producono questo bell'omaggio all'eccentrico promotore del progetto Velvet Underground. L'ho su cassetta; e continuo ad ascoltarlo con piacere.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Songs for Drella è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link