Sto caricando...

Muse
Black Holes And Revelations

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Più di trentatremila persone hanno assistito all'ultimo tour italiano dell'ormai famosissima band capitanata da Matt Bellamy. Perché? Le risposte sono molteplici; un buon numero di singoli di successo, certo (da "Bliss" non ne hanno veramente toppato uno), ma anche una (sana o no) propensione all'eccesso che molte band portabandiera di una certa semplicità e lagnosità nelle composizioni (Coldplay e Travis, pur ottimi, su tutti) non hanno.

Quindi; cos'ha combinato la Musa dopo un disco ("Absolution") che ha diviso tutti, ma proprio tutti (anche se ha venduto come il pane)? La risposta è: si è fermata in mezzo al guado. Certo, la partenza è da Eurostar; "Take A Bow" mette subito in chiaro che siamo in territorio Musaro, con la sua melodia in progressione ed il beat elettronico in sottofondo, destinato inevitabilmente ad esplodere nel finale. "Starlight" è stato, per passaggi radiofonici, uno dei singoli dell'anno, oltre che un'ottima canzone che punta tutto sulla grande vocalità di Bellamy e su un intreccio chitarra-tastiera anni '80 che più anni '80 non si può.

Ecco poi le prime rogne; "Supermassive Black Hole" sarebbe un buon pezzo, se non (diciamo così) "strizzasse l'occhio" ad una vecchia hit nientepopòdimenoche appartenente alla ormai finita Britney Spears ("Do Somethin'"). Provare per credere. E la successiva dance-oriented "Map Of The Problematique" rincara la dose ricalcando stavolta l'introduzione di un classico electro-pop anni '80, quella "Enjoy The Silence" ormai simbolo dei Depeche di Dave Gahan. Le cose, grazie al cielo, riprendono quota; dopo un'intermezzo chitarra e voce ("A Soldier's Poem"), arriva il nuovo singolo "Invincible", anch'essa in progressione e basata sull'epicità del cantato di Matt, oltre che su un giro di chitarra "acido" al punto giusto. Successivamente alla sfuriata heavy di "Assassin" (intro debitrice addirittura di certe cose degli ultimi System Of A Down), "Exo-Politics" (fra migliori brani del disco) affonda invero le radici in un pop-rock molto, ma molto orecchiabile e piacevolmente fruibile. Stessa falsariga per "City Of Delusion", mentre la miglior etichetta applicabile ad "Hoodoo" è quella di riempitivo buono solo a mettere in evidenza la notevole vocalità di Bellamy.

Last but not least, arriva la gemma dell'album, cioè "Knights Of Cydonia", ispiratissimo frullato di sonorità Morriconiane, hard rock invero un po' caciarone e cantato-slogan che ci conducono ad un finale intenso e perfetto per i bellissimi live del trio.

Un buon album, anche se giunti a quasi dieci anni di carriera i Muse continuano a non convincere sino in fondo. Ci sarà la svolta che metterà d'accordo proprio tutti? Vedremo, anche se a quei trentatremila sembra non fregare de meno.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantaSei

DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Questione di punti di vista, appunto: lo stile è quello loro, che piaccia o no. Le palle le hanno, la bravura compositiva un po' meno. Le idee mancano a molti oggi, e comunque ne hanno più dei muse.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Un disco per essere un capolavoro non deve per forza presentare un'innovazione profonda. Altrimenti avvaloreresti le opinioni dei critici che stroncano metà della carriera del tuo gruppo preferito.


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
E comunque al giorno d'oggi per sperimentare bisogna in qualche modo sacrificare il lato "facilità d'ascolto".


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Un disco per essere un capolavoro non deve per forza presentare un'innovazione profonda--> ho forse detto il contario? stavo solo rispondendo a mista che per prima ha parlato di innovazione, dicendo che manca sia nei muse che nei Symphony x, ma non li condanno certo per questo


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
saputè ma questa massima a cosa si riferisce ora? a qualcosa che ho detto io? non mi pare


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
e poi non è vero che i critici stroncano metà della carriera del mio gruppo preferito..la maggioranza dei critici ne stronca 2 massimo 3 dischi


mista
mista
Opera:
Recensione:
Sì direi che il discorso Muse vs. Simphony X può dirsi concluso dal momento che hai riconosciuto l'assenza di innovazione compositiva in capo ad entrambi. Rilevo solo che laddove per i Muse questa carenza te li fa definire pessimi, per i Simphony X la stessa carenza non è ostativa ad un giudizio positivo. Il fatto che consideri Petrucci migliore di Malmsteen come chitarrista significa davvero tanto (ti rimando ad un'altra discussione che ho già affrontato in tema di cui magari ti indicherò gli estremi) e di conseguenza preferisco anch'io non imbarcarmi in una querelle. Mi segnali, by the way, gli album/song dei Simphony che reputi migliori, così provo a fare un riascolto mirato per vedere se il giudizio che ho elaborato sulla base dei miei passati ascolti può cambiare.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Ma appunto mista, non è in base alle innovazioni compositive che giudico i 2 gruppi in questione, ma in base ad altro, te l'ho detto già, perciò preferisco i Symphony X. Che intendi con "significa davvero tanto"? Altra ironia?? Per ora ti rimando a The divine wings of tragedy, che ho anche recensito e che è il migliore dei Symphony X a mio avviso.


JimMorrison
JimMorrison
Opera:
Recensione:
@DaveJon: <<<la maggioranza dei critici ne stronca 2 massimo 3 dischi >>> Mi sa che qui devi ricontare un po' meglio, Dave... Aloha. E corro.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
@Jim: la maggioranza dei critici stronca Obscured by clouds, The final cut e A momentary lapse of reason


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Obscured by clouds, dark side of the moon, I wish you were here, animals, final cut, momentary lapse fo reason, division bell. Ecco, questi li stroncano in moltissimi.


mista
mista
Opera:
Recensione:
Ci siamo capiti DaveJon. COn "significa davvero tanto" non volevo essere ironico. Semplicemente rilevo da questa tua preferenza una differenza di vedute tra di noi in tema di chitarrisiti che non mi sembra il caso di sviscerare o affrontare ora ed adesso. Per farti capire meglio ti posto il link di una rece in cui ho criticato Petrucci in favore di Malmsteen: Live in Denver - G3 - Recensione di Matt7 Riascolteò Divine, che dovrebbe essere già presente sul mio iPod!


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
EVVIVA BENVENUTI ALLA SAGRA DEL LUOGO COMUNE ACCOMODATEVI SIGNORI.. addirittura Dark SIde e Wish you were here si e The Wall no? Venghino signori che qui c'è il vino buono..


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
ok mista appena ho tempo andrò a leggere..ciaooo


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Molti criticano anche the wall, hai ragione: 8 dischi.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Forse la maggioranza di voi presunti critici debaseriani critica tutti quei dischi, andate a leggere vari pareri validi e vedete come stanno le cose..di questi 8 dischi che nomini, 5 o 6 hanno più critiche positive che negative


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Anche l'astioso Piero mi sembra che consideri solo 3 dischi inferiori al suo 6, tanto per dirne uno, ma anche il Bertoncelli mi sembra che dia 2 stelle al solo The final cut e ben 5 a Dark side e The Wall, e se vuoi ti trovo molti altri pareri, non solo italiani


Meurglys_III
Meurglys_III
Opera:
Recensione:
Allora, sulle stroncature ai Pink Floyd mi trovo pienamente d'accordo con DaveJon e vorrei capire chi è questo che si sogna di stroncare ben 8 dischi dei Pink Floyd!! Un pazzo!! (Sempre che sia una persona sola...)
Sui Muse continuerò ad essere contrario perchè non capisco veramente come fai a dire che copino interi assoli di gruppi italiani degli anni 70. E dire che di gruppi di quel periodo ne ho ascoltati a bizzeffe, soprattutto di prog italiano. Ma non ho mai trovato le somiglianze che dici tu. Io penso che i Muse siano uno dei gruppi più interessanti degli ultimi anni per la loro originalità in un panorama mainstream come quello di oggi. perchè, vuoi o non vuoi, a livello di mainstream la loro originalità è indubbia. Sempre nel loro ambito attenzione!! Che non è e non sarà mai quello dei gruppi che avete tirato inballo (Symphony X, Dream Theater....)


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Allora Meurglys: riguardo alle stroncature sui Pink Floyd, purtroppo c'è chi ha osato criticare quei dischi, ma fortunatamente si tratta di poche persone, e quasi tutte (se non tutte) sono qui su debaser, ma il parere della critica che un po' conta, fortunatamente, non si è lasciato influenzare dal fatto che i dischi pre-Obscured fossero immensi e potessero in qualche modo far sfigurare i successivi, ma come è giusto che sia si è focalizzato intorno al singolo disco da analizzare, e come sappiamo nei Pink Floyd ogni disco è un mondo a se e ha poco o nulla a vedere col precedente. Il parere della critica sui dischi in questione dei Pink Floyd è per lo più positivo, non capisco perchè negarlo. Poi, riguardo a Dt e Symphony X, non li ho tirati in ballo io, qualcuno ha pensato che il mio gradimento verso i Symphony X potesse essere una carta da usare a suo vantaggio e della quale penso di averne dimostrato l'incosistenza. Riguardo ai Muse, mainstream o no, originalità non ce ne vedo per nulla (in quel poco che ho ascoltato) e non capisco a cosa tu voglia riferirti in particolare. Ripeto, a parte i miei gusti personali ( che stanno da tutt'altra parte, ma non è questo il punto) cercherei anche di analizzare oggettivamente la band in questione, ma purtroppo ciò che ne traggo è che nelle loro strutture in generale, e soprattutto nei singoli passaggi, tutto sa molto di già sentito, una scelta stilistica abusata e per nulla originale o creativa o degna di nota, sempre i soliti schemi, un inefficace condimento alla rinfusa di ciò che, valido e non, c'è stato prima di loro, e risultano per nulla rilevanti, tecnicamente scarni e soltanto un discreto gusto melodico, nulla più. Ricordo un loro pezzo (non mi sovviene il nome, ma vedrò di cercarla) nel quale un assolo era IDENTICO per filo e per segno all'Ammonimento del Rovescio della Medaglia, altri passaggi sanno fortemente di Depeche Mode, tutto ciò mi ha convinto a non ascoltare più nulla dei muse, inoltre leggo nella recensione che addirittura hanno attinto da britneyspears, il peggio della musica (musica?). Tutto ciò mi fa ribadire ciò che ho detto nel mio primo post, ossia che sono pessimi. Se sono il meglio che in questi ultimi anni offre questo panorama, io mi preoccuperei. La cosa che mi sorprende è che un ascoltatore di gusto come te li possa apprezzare, sarei curioso di capire meglio cosa ci trovi di interessante, senza polemiche, davvero.


Demo1069
Demo1069
Opera:
Recensione:
Mi sono fatta prestare questo cd da un'amica per sentire questa famosa canzone che dovrebbe essere ispirata a enjoy the silence.. anch'io l'ho ascoltata e riascoltata.. ma non trovo proprio nessun punto in comune!!!!


Meurglys_III
Meurglys_III
Opera:
Recensione:
Che alcuni passaggi sappiano di Depeche Mode non credo corrisponda alla realtà. Alcuni ci hanno visto qualche somiglianza in questo ultimo lavoro ma io non ne ho viste. Per il resto io credo che loro abbiano recuperato certe magniloquenze del passato, che io gradisco molto, che pochi hanno. Inoltre credo che Bellamy sia veramente un bravissimo musicista, molto poliedrico e capace di far venire i brividi con la sua voce. Poi sono molto "classici" nella costruzione di alcuni loro pezzi; prendi "Butterflies and Hurricanes" da Absolution oppure le progressioni di scale in NewBorn in Origin of Symmetry, il tutto rimanendo accessibili ai più. Io non credo sia cosa da poco. Al contrario mi sorprendo, invece, di come tu non li gradisca.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Non li gradisco, gradire i muse significa accontentarsi, e non mi sta bene. La voce del tizio nemmeno mi piace. Essere classici e accessibili ai più E' cosa da poco, non capisco perchè affermi il contrario. Li ascolterò meglio (forse), ma quel che ho ascoltato mi fa dire che valgono 4 soldi, e che anche nello scarno panorama musicale odierno si riesce a trovare di meglio. Se poi ti piacciono non posso certo farti cambiare idea, ma i loro meriti sono alquanto dubbi (riprendendo una frase di scaruffi sui beatles :D )


GrantNicholas
GrantNicholas
Opera:
Recensione:
@DaveJohnGilmour: non ti arrabbiare con me perchè non sono mie parole, ma dice la mia ragazza che siccome nn ti piacciono i Muse (e la voce di Bellamy) "non capisci niente!!!!!!!". Niente di personale, me l'ha fatto scrivere minacciandomi di non darmela per 2 mesi. Sai, il sacrificio... Peace.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
dì alla tua ragazza di ascoltarsi Hosianna mantra


GrantNicholas
GrantNicholas
Opera:
Recensione:
Eddai Dave. Ti sei arrabbiato??? :( Stava scherzando. Comunque capisco perchè non gradisci i Muse, guarda che neanche a me fanno impazzire. Credo che alla fin fine sia questione di generi musicali, quindi possiamo stare a parlarne all'infinito ma ognuno avrà sempre la sua idea. Ti fa onore che proverai a riascoltarli, non sono nessuno per darti consigli ma se riesci a provare di capirli in chiave più semplicistica forse li apprezzerai di più. Ciao Dave alla prossima.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Ma no Grant non mi sono arrabbiato..vi ho solo consigliato un dischetto eh eh.. comunque io potrò anche apprezzarli se come dici tu dovrò vederli in una chiave più semplicistica, ma il loro "valore" resta quello..


Meurglys_III
Meurglys_III
Opera:
Recensione:
Oddio di tutte le citazioni che potevi fare, proprio Scaruffi......per usare un eufemismo: non mi sta molto simpatico!!


floyd
floyd
Opera:
Recensione:
mi stanno simpatici:)


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Gruppo inutile e fastidiosamente barocco, fusione ultra-kitsch tra RATM
e Queen ( ascoltare x credere l'allucinante 'Knights of Cydonia').
E poi in Italia c'è chi spernacchia i Verdena..Vabbè!
P.S.-DaveJon, i PF hanno fine con 'The wall', l'ultimo lavoro degno d
cotanto nome; 'The final cut' è 'na vergogna nonché assemblato con scarti
del '79 dal despota Waters, il resto fino al '94 la 'David Gilmour Band'-
cover band del tempo che fu composta da tre miliardari in pensione.


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Black ne ho fatte a centinaia di ste discussioni..ma mo che c'entra scusa? :D


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Black Holes And Revelations è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link