Sto caricando...

The Black Keys
Brothers

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questa è una ricetta dei Black Keys. Il nome di questa ricetta è "Brothers".

Ingredienti: un vecchio giradischi dei primi anni settanta, una ciotola ricolma di blues, tre cucchiaiate piene di soul, due cucchiai di r'n'b, un pizzico di funk, mezzo litro di rock'n'roll. Per prima cosa disponete con cura in una impastatrice il blues, che deve essere grezzo e composto da due elementi fondamentali: la chitarra elettrica di Dan Auerbach e la batteria di Patrick Carney. Unite al blues il mezzo litro di rock'n'roll, preferibilmente stagionato e dal sapore antico, senza aggiunte di modernismi inutili. Otterrete un'amalgama liscia e corposa, che dovrebbe suonare come Everlasting Light e Next Girl. Aggiungete ora un pizzico di funk, meglio se fatto da Danger Mouse. Darà all'impasto una consistenza gradevole all'udito. Confrontare il risultato fin qui ottenuto con Tighten Up: se muoverete il piede a tempo vorrà dire che va bene. Mescolate ora insieme il suol con energia. Vi risulterà una meravigliosa crema color sabbia, lucida e senza grumi.

Prendete ad esempio The Only One e Never Gonna Give You Up per verificare che il suol sia davvero ben amalgamato al resto dell'impasto. In caso contrario riprendete ad ascoltare i due brani, fino a raggiungere la consistenza giusta. Infine, mettete con cautela i due cucchiai di r'n'b e girate con il mestolo dal basso verso l'alto, cercando di non sgonfiare troppo la crema fin qui ottenuta. Il risultato dovrebbe somigliare a The Go Getter, oppure, a Too Afraid To Love You. Ora infornate per circa 55 minuti l'impasto ottenuto ad alta temperatura. Cinque minuti prima di sfornare, aggiungete come guarnizione una ballata per dare quel sapore dolce e morbido, come in These Days. Servite agli amici buongustai con un buon vino bianco.

Se qualcuno chiede il bis, non esitate, e concedete "Brothers", questo capolavoro dei Black Keys, fino a quando tutti avranno goduto e assaporato questo meraviglioso disco. Buon appetito!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentUno)

Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Questo "Brothers" è stato molto pompato, l'ho ascoltato 3/4 volte, ma non l'ho trovato tutto 'sto capolavoro che dicono, anzi. Riproverò.


algol
algol
Opera:
Recensione:
Non mi piace. La rece è sentita.


federock
federock
Opera:
Recensione:
m'hai fatto venire appetito... un assaggio devo darglielo! Sperando non mi rimanga indigesto..


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
Ottimo album che sento spesso ultimamente, il meglio di questi tizi l'ha dato Dan Auerbach da solista con il suo "Keep It Hid", quello un vero capolavoro.


fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Accidenti, ma anche tu hai quella dannata e pessima abitudine di scrivere il nome al contrario? :) E' meglio che vado a cambiare le mie password... Bella recensione, comunque.


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
Ammé me piace. Certo, per chi ama il garragge più scorreggioso, sarà una sòla totale. Ma per gli altri (quelli che non hanno sbavato copiosamente ai primi vagiti dei "Keys") può suonare davvero bene, "groooovy & sooo sooulful" (E due spanne sopra ad "Attack & Release", che trovo essere la loro opera meno spompinabile!).


Core-a-core
Core-a-core
Opera:
Recensione:
Leggendo una nota rivista c'è, espresso in modo diverso, lo stesso concetto che esprimi tu. Solo che alle mie orecchie non suona un grandissimo lavoro. Ecco, non da 5. Però ritorno con più cognizione di causa.


Ociredef86
Ociredef86
Opera:
Recensione:
Vi ringrazio per i commenti, sono sempre ben accetti quando sono costruttivi come i vostri! =)


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
Anche a me piace, è sexy sto disco. L'Auerbach uno dei meglio l'anno scorso. Io il bianco no grazie, hai in giro un chianti?


federock
federock
Opera:
Recensione:
scusi l'impertinenza, signorina kosmo, ma per quello stacco di cosce lì, farei chilometri a piedi per procurarglielo io, il suo chianti!


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Secondo me questo è davvero pessimo! Già il solista di Auerbach mi ha lasciato un po' così, poco incisivo, e purtroppo l'anteprima di questa virata verso la black music -sexy sì però booohhhh non me ne capirò ma sembra super-telefonata e senza guizzi- l'hanno data col progetto hip-hop (scarsino) Blakroc. Vado a riprendere The Big Come Up ma ormai purtroppo credo mi stiano antipatici, non so forse sarà mio snobismo perché hanno incensato sto disco un po' ovunque... Cosa ne pensa psycho?


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
L'Auerbach era roba di altissimo livello, un disco veramente favoloso. Di contro questo non mi convince troppo, concordo appieno con il commento Numero 1. Nulla di che, comunque.


geb
geb
Opera:
Recensione:
A me le recensioni/ricette stanno sulle palle. Loro mi piacciono abbastanza, questo non l'ho ancora sentito.


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
Fest chiama psycho risponde: allora ero del tuo parere su tutti gli ultimi Keys, ma ho provato ad ascoltarlo e il suo perchè secondo me ce l'ha. Come dice Purpulan, molto meglio di Attack e Release che era decisamente + cerchiobottista. Questo prende una posizione, che sia ben accetta o meno, almeno è una virata netta nel sound del duo (che in sto disco è tutto meno che duo visto organo e basso onnipresenti); avevano poche alternative o il ritorno alle origini garagiste o una decisa virata soul che già avevano nel dna. Secondo me l'unico (ma grosso difetto) è la lunghezza eccessiva e le troppe tracce poco interessanti. E soprassiedo anche sul mix un po' troppo compresso della batteria che poco mi aggrada. Però alcuni pezzi struscia funk afroamericans do it better mi piacciono proprio. Però cazzo il trittico Big Come Up, Thickfreakness, Rubber Factory stravince.


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Also sprach Psychopompe.


Ociredef86
Ociredef86
Opera:
Recensione:
Psycho, ti do ragione, i primi tre album rimangono i migliori, senza alcun dubbio!


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Ed allora 5 a questo è troppo! :)


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Grazie psycho. Si anche a me è sembrato che nonostante la ridondanza e la piattezza avesse qualche freccia al suo arco, però con tutta la roba che c'è in giro da ascoltare soprassiedo volentieri a un ulteriore ascolto e da bravo zozzone aspetto il prossimo Left Lane Cruiser!


santalessio
santalessio Divèrs
Opera:
Recensione:
come il core alla 7.


coglionazzo
coglionazzo
Opera:
Recensione:
gulp! tutti quei degeneri, possibile? allora ne approfitto per fare una domanda da un milione $, per caso qualcuno sa il titolo di una canzone nel cui videoclip, un giocatore di football colpisce senza volere una cheerleader, e subito dopo le loro compagne prendono a inseguirlo per vendicare la loro amica? (e'tutto quanto ricordo e anche sfumatamente sorry..)- ah il video dovrebbe essere di circa 5-6 anni fa


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
cristo, sto disco è decisamente meglio di quanto scrivevo sopra, mantiene il difetto dell'eccessiva lunghezza (se si fermavano alle prime dieci tracce era il disco dell'anno), ma devo dire che merita decisamente


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Brothers è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link