Tool
Fear Inoculum

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


In 13 anni ne possono accadere e cambiare di cose, puoi finire tre scuole, puoi sposarti, divorziare e risposarti, puoi aver cambiato diversi posti di lavoro, aver cambiato diverse cinture di karate, avere ¼ dei capelli che avevi mentre tua figlia che ieri spingevi sull’altalena ora potrebbe essere diventata una gran figa che esibisce cosce, tacchi e drink in discoteca, ecc…

In ogni caso non sarà cambiata la tua voglia di un nuovo album dei Tool. Eh sì, anche ai Tool ne sono successe di cose dopo l’uscita nel 2006 di “10.000 Days”; vari progetti paralleli, incidenti, cause legali, una serie di accadimenti che hanno frenato la creazione dell’album senza mai però davvero spegnere la voglia di portarlo a termine.

In sostanza non è cambiato nulla, probabilmente perché molte idee erano sorte già una decina d’anni fa, ci si aspettava qualcosa di diverso dopo 13 anni ma alla fine ritroviamo i Tool più o meno come li avevamo lasciati. Tutto sommato ci può stare, mi viene da pensare che “Fear Inoculum” sia semplicemente la prosecuzione di un discorso cominciato con “Lateralus” e proseguito con “10,000 Days” e che questo discorso non fosse ancora del tutto completato. E così le nostre orecchie vengono ancora una volta deliziate da atmosfere claustrofobiche ed oscure che non nascondono un tocco vagamente tribale, passaggi di chitarra soffici, composti ma ipnotici, linee di basso metalliche, non eccessivamente pungenti ma tremendamente sofferte, drumming dalle molteplici sfaccettature, effetti sintetizzati, elementi tutti ben incastrati nelle dilatate trame psichedeliche, fino al momento in cui intervengono le sfuriate di chitarra distorta, abrasive e rabbiose al punto giusto ma che non sfociano mai nel metal estremo, è un po’ come una rabbia repressa che si trattiene finché può per poi liberare se stessa ma senza fare una vera carneficina. Rimane sempre un’ombra di dubbio su quanto siano effettivamente una band metal i Tool, dato che bisogna sempre attendere diversi e lunghi momenti di pacata sofferenza prima di arrivare agli sfoghi di chitarre distorte, forse bisogna essere prudenti e parlare di un progressive/alternative rock sofferto, oscuro e psichedelico che usa il metal solo per liberare lo sfogo; discorso a parte per il brano “7empest”, dove le ritmiche potenti prevalgono su tutto.

Tuttavia qui si vuole esagerare rendendo il tutto più dilatato che mai, le tracce infatti hanno quasi tutte una durata superiore ai 10 minuti, arrivando a riempire il riempibile del supporto fisico, quasi a voler dire “se dobbiamo tornare dopo così tanti anni dobbiamo farlo in grande”; la versione digitale ha anche tre tracce in più, onestamente evitabili, si tratta semplicemente di interludi composti da innocui fruscii sonori.

Si avverte però un certo senso di déjà vu in diversi momenti, la title-track sembra essere l’alter ego di “The Grudge”, “Pneuma” sembra la gemella di “Right in Two” ma un pochino anche di “The Patient”, gli arpeggi di “Descending” ricordano invece quelli di “Wings for Marie Pt. 1”. L’unico brano totalmente rivoluzionario per il sound della band è la breve “Chocolate Chip Trip”, un industrial malato dove pesanti suoni elettronici sono accompagnati da un intricato e selvaggio drumming.

Gran parte di quanto scritto in questa recensione potrebbe tranquillamente descrivere anche i dischi precedenti, almeno per il momento i Tool rimangono in territori amici e fanno ancora una volta centro, un po’ tutti usciamo dall’ascolto del disco soddisfatti per l’insperato ritorno ma anche perché quello che abbiamo ascoltato è pienamente conforme a quello a cui ci avevano abituati e che ci aspettavamo, poco importa se non si è fatto nessun vero passo avanti, la band saprà meglio di noi quando farlo, probabilmente sentiva che fare un passo azzardato dopo 13 anni non era la cosa migliore. Ora però crediamo davvero che i Tool possano rientrare in una produzione a pieno regime, la stessa band ha dichiarato di avere molta carne al fuoco e che probabilmente non si dovranno aspettare altri 13 anni per la prossima uscita, per il momento è sufficiente dare loro il “bentornati”.

Questa DeRecensione di Fear Inoculum è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/tool/fear-inoculum/recensione-splinter

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
io ho ancora il passaporto di Karate ma mi sono orientato su ju-jitsu e danza (sì non sembrerebberoavere niente in comune invece ce l'hanno ) ciao

splinter: Ho tirato fuori il karate perché l'ho fatto per qualche annetto smettendo dopo la cintura verde... poi molti anni dopo ho cominciato con le danze caraibiche e ho scoperto di non essere l'unico a fare questo passaggio, evidentemente ci sono delle analogie fra le mosse e le combinazioni di karate e le figure e le movenze della salsa, forse perché in entrambi serve una certa organizzazione e coordinazione per muovere piedi e braccia; oppure un'altra analogia la troverei fra i kata e le figure della rueda cubana, perché entrambi consistono in una sequenza di movimenti da eseguire...
algol
Opera: | Recensione: |
Non parlerei di immobilismo ma di lenta evoluzione. Poi un disco dei Tool suona Tool? Figa, meno male.

De...Marga...: Sottoscrivo ogni tua parola @[algol]
Hank Monk
Opera: | Recensione: |
Io però nn ho ancora capito. Uscirà mai l edizione normale?
Ho visto che dal minicinema siamo passati a un libercolo in negozio. Ma sempre 70 pleuri costa -.-

algol: speriamo in un ulteriore regressione del formato. Forse nel 2025
snes: Nella prossima versione dentro ci saranno 4 puffi Birba, Gargamella, una manina appicicosa, 7 pacchetti dell'album panini stagione 2006/2019, un aquilone con il logo della shell e un mese di abbonamento a netflix.
IltuoDeNome: ...o 70 toolleri che dir si voglia, ahahah!
puntiniCAZpuntini: OK Go Plans to Release Album on DNA | eTeknix

Siete vecchi, io c'ho tutta la discografia dei Bonj Jovi in Dark Matter.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Non ditemi che è già uscito il nuovo dei (Getro)Tull!
Son sempre l'ultimo a venire a sapere le cose.
Io.

Falloppio: Mannaggia è morto Peter O'Tool
joe strummer
Opera: | Recensione: |
sabato per il mio compleanno mi hanno regalato il ciddì!!!

algol: auguri cazzooooooooooooooo
Vituperio
Opera: | Recensione: |
Album der cazzo, band der cazzo.

Vituperio: Già dimenticavo i voti.
Vituperio
Opera: | Recensione: |
Già dimenticavo i voti.

lector
Opera: | Recensione: |
Ma davvero c'è bisogno di parlarne ancora?

splinter: Semplicemente avevo anch'io voglia di dire la mia soltanto che chi mi conosce sa che le mie recensioni arrivano sempre molto più in là dell'uscita perché sento che servono numerosi ascolti per poter cogliere tutte le sfaccettature; giuro, non capisco tutte quelle recensioni che escono come i funghi appena uscito un disco, come si fa a dare un giudizio completo dopo due ascolti...?!
lector: Certo, solo che - alla fine - hai ripetuto, bene o male, gli stessi concetti delle millemila recensioni già propinateci (non solo sul DeB) sul supporto fonografico in questione.
Nulla di male, se si ha tempo da perdere.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: