Sto caricando...

Vert
Some Beans & An Octopus

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Bè, quando ho visto la copertina di questo disco ho pensato che, fossi stato una ragazza, mi sarei facilmente innamorata di questo (purtroppo) sconosciuto Vert: prima di tutto perché è un musicista (ed è bravo) e poi al primo sguardo mi ha suggerito immediatamente una perfetta sintesi tra il bel faccino televisivo di Justin Timberlake ed il fascino intellettuale e maturo di Micheal Stipe. Ma chiudo qui la parentesi estetica…

Chi diavolo è Vert?

Vert (al secolo Adam Butler) è un varissimo e validissimo musicista e cantante inglese, ora stabilitosi a Colonia: partito con un'elettronica di lontana scuola Warp, con questo suo, per ora, ultimo album approda alle rive di uno sghembo pop cantautorale. Qualcosa che può suonare come un incrocio genuino e spiazzante di Tom Waits, cLOUDDEAD ed orecchiabilità alla Beck.

Qualche spruzzata d'elettronica resta in giro qua e là per l'album (Andi Toma dei Mouse On Mars è amico del nostro ed assiduo collaboratore, anche in questo Some Beans & An Octopus), ma a farla da padrone è un suono live dominato dal pianoforte e da un'attitudine assai swing. Quasi una moderna rivisitazione del genere meticcio per eccellenza: il ragtime. Si parte con due standard eccellenti nel mischiare rap, jazz dondolante ed un'urgenza comunicativa non indifferente: la spionistica Gretchen Askew e la tachicardica Velocity. Nello svilupparsi questo disco mostra infinite sfaccettature: la ninna-nanna tenerissima e perfetta October, la misteriosa ed affascinante The Familiar Girl… Yrs suona come i Subtle cui hanno regalato un pianoforte nuovo e se ne sono innamorati.

Ma tra un colpo di genio e l'altro sorge spontaneo un dubbio (positivo): non è che siamo di fronte al più accreditato erede di sua scalcinata maestà Tom Waits?

"Ai posteri l'ardua sentenza"…

 

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

MaledettaPrimavera
MaledettaPrimavera
Opera:
Recensione:
a me sembra brutto forte...


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
MaledettaPrimavera
MaledettaPrimavera
Opera:
Recensione:
Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
oceansize
oceansize
Opera:
Recensione:
Questa proposta l'hai presentata bene.


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
una questione importante: se la recensione è ben scritta ma esprime gusti diversi dai propri, bisogna votarla positivamente o negativamente? Bisogna considerare più i gusti del recensore o la sua bravura nell'esprimerli?


Kid_A
Kid_A
Opera:
Recensione:
Ho sentito un gran bene di questo album..ma trovarlo è una impresa. Ghemison bravo, anche se non eccelso stavolta..


Kid_A
Kid_A
Opera:
Recensione:
Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
thanx... bè, si trova su qualsiasi e-store o sul sito della casa discografica: www.sonig.com


sorciopeloso
sorciopeloso
Opera:
Recensione:
chiaramente il voto per la recensione va dato al di là dei propri gusti musicali, ché quelli sono legati al voto al disco; ma poi tanti mettono 1 al recensore per la sua scelta perché non hanno capito un cazzo, e magari nemmeno la leggono, la recensione. detto questo effettivamente maledettaprimavera non ha torto


Ghemison
Ghemison
Opera:
Recensione:
secondo è colpa della bassa definizione.


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
So much interesting.. To be tested! ;-)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Some Beans & An Octopus è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link