Mr Wolf e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
Bene bene, se è come dici devo aspettarmi un Woody ad alto livello, tolto che a me piace pure quando è a "basso" livello.

joe strummer: anche in To Rome with Love? eheh
Mr Wolf: Ahah… Touché!
Opera: | Recensione: |
Bravo! Quasi mi fai cambiare idea sulla snervante (per me) ripetitività e prevedibilità dei gangster movie di Scorsese.

Opera: | Recensione: |
"Scorsese in fondo fa sempre lo stesso film sui gangster, dal 1973 a oggi." concordo e aggiungo che a me ha un po' seccato la pianta.

joe strummer: Ahaha 😆
joe strummer: Dopo aver visto due volte di fila Irishman mi sono guardato bene Goodfellas. È un 10/10 pulito
Mr Wolf: Anche a me Goodfellas piace molto, ma un 10/10 faccio fatica a darglielo.
perfect element: I grandi registi si cimentano con trame ed argomenti differenti, solitamente, come, ad esempio Kubrick, Forman....
JOHNDOE: Per me Good Fellas è troppo pompato. Bello quanto vuoi ma non lo considero un capolavoro.
joe strummer: anch'io la pensavo così, ero diffidente. ma l'ho riguardato e secondo me è un gangster movie perfetto. bisogna rivedere Goodfellas per capire al meglio Irishman, sono "complementari" nel linguaggio
JOHNDOE: è rivedendolo che 'ho svalutato (molto poco perchè è un grande fim che vuoi svalutare?) ...ma non è assolutamente tra i miei preferiti di MS. Ci tengo a ribadirlo perchè ho un manipolo di amici cinemari che pensano all'unisono che GF sia un capolavoro della madonna. Per me no, per me i capolavori sono Taxi Driver, Toro Scatenato e cmq prima di GF di Scorsese preferisco Re per una notte, Fuori Orario e forse persino Casinò...
joe strummer: Ma sono generi diversi. Parlando di gangster mi sono accorto che Goodfellas ha una ricchezza pazzesca che prima avevo non dico ignorato, ma sottovalutato. Casinò è ancora più esasperato ma senza GF non esiste Casinò, ne è figlio diretto e degenere :)

Goodfellas è geniale per come utilizza la voce narrante che spiega tutto per filo e per segno mentre tu sullo schermo vedi i sentimenti, l'amicizia, le cazzate, un po' di sangue in modalità comica. è una danza frenetica che non ha bisogno di spiegazioni perché intanto c'è sta voce onnipresente che sminuzza tutto. all'inizio lo vedevo come un limite ma questo gli permette di infilare in 2 ore e mezza contenuti che bastavano per 4 o 5 ore. è incredibile non ti fa vedere una "missione" seria che sia una. in questo anticipa certi aspetti di Pulp Fiction
JOHNDOE: è proprio la voce narrante che mi stucca un po'... gli preferisco anche Mean Streets ma sono gusti.
hjhhjij: Mo, va bene tutto ma dal 1973 al 1993 ci stanno "Alice non abita più qui" "Taxi Driver" "New York New York" "Toro Scatenato" "Re per una notte" "Fuori orario" "L'ultima tentazione di Cristo" "Cape Fear" e "L'età dell'innocenza". Ah e pure "Mean Streets" non direi che sia un film "di gangster". Quindi il virgolettato @[Mr Wolf] con cui concordi è una stronzata immane e un bel falso storico (i film coi gangster saranno con questo 4 in tutto) ed ecco anche la varietà di trame, generi e stili richiesta da perfect element. Se non vi va di guardarli i film, leggete almeno la filmografia su wikipedia, dai. Che sennò mi tocca immaginare Winona Ryder e Michelle Pfeiffer che ne "L'età dell'innocenza" si pigliano a revolverate per storie di uomini e partite di posate d'argento e pizzo contrabbandato.
Opera: | Recensione: |
Opera: | Recensione: |
Beh caro Conte le tue rece passionali meritano sempre la lettura, sul disco mi devo documentare. I bluesmen a cui lo paragoni sono grandi, grandissimi chitarristi, e qualcosa di loro amo, ma spesso trovo il loro blues meno "demoniaco" rispetto ad altri bluesman meno tecnici, o meno portati al tecnicismo, comunque ascolterò quanto prima.

IlConte: Beh Nobile Lupo ovviamente i suoni sono “moderni” e non hanno il fascino maledetto e tragico degli antenati questi è fuor di dubbio ma, a mio avviso, quella ripresa di blues da Steve in poi è una scena che merita parecchio e questo ragazzo ha davvero un anima grande, grande.
Thank, ragazzo
Mr Wolf: Certo, non è roba da poco SRV o altri, e non disprezzo minimamente neanche delle sonorità moderne e a volte più pulite (anche a ritroso ci sono, vedi anche un Albert King dei '60), ascolto anche blues nuovo, parlo più che altro di quel feeling a cui si riferiva tra gli altri anche Hendrix. Grazie a te anche per il ragazzo ;).
IlConte: Ahahahahahahah
Mr Wolf: Sto ascoltando e devo dire che è interessante il suo blues (sono arrivato al 4° brano del disco, poi finirò).
Mr Wolf: Finito di sentire e messo nella lista "cd da acquistare".
Opera: | Recensione: |
Bella recensione alcune imprecisioni, ad esempio "John the Revelator" non l'aveva mai suonata prima di questo disco e queste versioni anche di altri brani del suo vecchio repertorio suonano assai diverse, tanto che alcune di queste nelle prime versioni erano suonate anche con un band, mentre qui c'è Son con solo la sua chitarra o come dici bene a volte con le sole mani, ma al di là di queste mie puntualizzazioni da "professorino" devoto di House la rece trasuda passionalità, uno di quegli ingredienti che serve a fare del buon blues e che è richiesta ad un buon ascoltatore del genere. Questa riedizione in cd, non è altro che il disco capolavoro "Father Of Folk Blues" con l'aggiunta di qualche traccia rimasta fuori dalla versione del '65.

Mr Wolf: * O con la 2° chitarra e armonica di Al Wilson.
Dragonstar: Grazie Wolf, il tuo cinque mi lusinga molto data la tua esperienza in materia.
Mr Wolf: Meritato, non regalato.
Opera: | Recensione: |
Opera: | Recensione: |
Rece per me molto più bella del disco ;). È un genere che mi lascia del tutto indifferente. Sono sempre e comunque per il de gustibus, tanto che non ho mai amato né il dark, né la new wave, né il gothic, quindi potrai capire se anche questo disco non mi entusiasma.

Caspasian: La tua sensibilità al pari dei tuoi ascolti. In tenera età mi cadde un cucù (orologio) sulla testa... Percorsi. Grazie.
Mr Wolf: Di nulla, grazie a te per la bella lettura. Concordo, è questione anche di percorsi… Infatti, a differenza tua, io in tenera età mi sono rotto un pezzo di mascella.
Caspasian: Reincarnazione= rotture, in tutti i sensi. 🌹
Opera: | Recensione: |
Ottima la recensione. Il disco ricordo di averlo sentito all'uscita, l'avevo trovato piacevole ma nulla più, ma ho un vecchio ricordo.

Opera: | Recensione: |
Devo rivederlo, alla prima non mi ha convinto. Rece eccellente.