Sto caricando...

Faust
Faust

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Wümme, Germania, 1970-71. 

Reinventare il modo di concepire la musica. Spazzare via le strutture musicali precedenti, voltare pagina. Faust.

Una sberla scottante, veloce, che schiaccia letteralmente i Beatles e i Rolling Stones.
Qualcuno vuole delle carote?

Tra i rumori assordanti vengono rievocati suoni spaziali, lontani. E' la terza guerra mondiale, come stare seduti al centro di una bomba atomica. Come indossare cuffie di uranio, felicemente mangiando carote.
Ricordate le classiche strutture intro-verse-chorus-verse-chorus-bridge-solo-coda?
Bene. Cestinatele pure, tutte. Ed aprite le orecchie.

Ci si trova davanti ad uno dei più grandi e sconosciuti dischi di sempre. Solamente il fatto che questo gruppo è stato ignorato talmente tanto ci dovrebbe far inarcare le sopracciglia. Ma vedi che forse forse non è poi così strano.
Chi avrebbe potuto, sopratutto nei '70, capire la portata sconvolgente di questo disco e la genialità messa in mostra in esso?
Come avrebbe potuto raggiungere la fama un gruppo composto da individui schivi, poco disposti a farsi notare? Impossibile, nel mondo dove (per la maggior parte) raggiungere il successo significa vendersi alla società. Prostituzione artistica.
Il "folle volo" del Pugno tedesco, che non ha accettato tutto questo.

E quale migliore soluzione se non le carote? Come i conigli, corri corri prendi prendi scappa scappa. Il caos regnante della prima traccia si alterna tra attacchi improvvisi di altri strumenti. Assalto armato.
Poi i momenti più umani, un semplice scambio di parole fra individui X. Mai si era osato tanto nel mondo della musica, commerciale e non. Ma questa non è musica. E' un'altra storia, racchiusa in quella Germania oppressa dai ricordi, dai rimorsi di qualcuno, dalle ferite non ancora completamente rimarginate. Il Caos.
Quello che era racchiuso nella terra, nei mari, dappertutto. Anche negli animi di questi musicisti ultraterreni, il cui merito maggiore è stato (forse lo è ancora) quella capacità di trasmettere il Caos anche nell'ascoltatore ignaro, che vive in un altro mondo, lontano da tutto ciò. Eppure si riesce a collegare la propria mente a quel preciso momento in cui questa Opera veniva concepita, un po' del Caos fuoriesce per entrare dentro di noi.
E tutto sembra a tratti uno scherzo, poi mille grammi di serietà vengono iniettati nelle nostre orecchie.
La voglia di unirsi a tutti quei canti da ubriachi, canti da bar, di gente spensierata, apparentemente felice.
Indescrivibile. Do you want to climb down ?

Poi, dopo tutto questo, l'atomo si ferma per qualche attimo. Una chitarra acustica comincia a emettere suoni.
Semplici accordi. Qui sembra tutta un'altra storia. Infatti lo è. La domanda, la più importante, quella a cui non sappiamo dare ancora una risposta. Pronunciata come se niente fosse. Devastante.

"Are we supposed to be or not to be?"

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaCinque

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Tutt'altro che insolito. <...raggiungere il successo significa vendersi alla società. Prostituzione artistica> Agglomerati di banalità e iperboli. Come diceva qualcuno sopra, il solito insolito, appunto. Che palle.


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
Disco da psicopatici perfetto per la filodiffusione in manicomio :D


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
La recensione (a parte qualche errore) è originale anche se non mi dice molto sul disco in questione...
Voto 3,48 (periodico).
Non ho compreso la classificazione dei generi...comunque Ciao!


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
lucarandi80
lucarandi80
Opera:
Recensione:
recensione veramente bella (queste sono le vere recensioni!), non conosco il disco ma dalle tue parole mi sembra veramente affascinante....lo ascoltero


QualityRock
QualityRock
Opera:
Recensione:
Che cos'è un capolavoro? E' un'opera che regge la polvere e le rughe del tempo. Questo lo regge! Ma... è stato fatto negli anni 70!? Incredible sembra un disco venuto dal futuro. Grazie Faust!


xyz
xyz
Opera:
Recensione:
Disco immortale.


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Secondo me è un tantino esagerata. Disco assoluto.


lavalin
lavalin
Opera:
Recensione:
La recensione è un tantino sopra le righe, ma il disco è uno dei fondamentali della mia vita. che è cambiata, da circa un anno, da quando ho scoperto il kraut rock. ma come ho fatto a vivere senza fin ad allora??


Surferkangaroo
Surferkangaroo Divèrs
Opera:
Recensione:
Ah, dimenticavo i voti...


Neu!_Cannas
Neu!_Cannas
Opera:
Recensione:
Disco magnifico ma l'apice del kraut forse sta più nei loro rivali Can


Neu!
Neu!
Opera:
Recensione:
spiegami perchè 4 stelle, perchè? come si fa a mettere quattro stelle a Faust I? i Can gli fanno na pippa, Tago Mago e Future Days per quanto siano ottimi dischi non sono neanche un centesimo di Faust I, e che cavolo! 4 a Faust I proprio no!


insolito
insolito
Opera:
Recensione:
Mandrappa
Mandrappa
Opera:
Recensione:
QualityRock
QualityRock
Opera:
Recensione:
Secondo me i Faust, soprattutto con quest'album, stanno decisamente sopra i Can, kraut o non kraut-rock!


telespallabob771
telespallabob771
Opera:
Recensione:
capolavoro.sublimazione di genio e follia..se vi chiedete cosa ci sia negli arrugamenti del vostro/nostro(/loro?)cervello,bè,av ete solo da ascoltare..


telespallabob771
telespallabob771
Opera:
Recensione:
ecco,anch'io son capace di creare un disco così,dal basso della mia ignoranza caleidoscopica..questo è indubbio,è un disco che grazie all'immagine alter-a,diversa,atemporale e distorta, si guadagna automaticamente l'accesso al club della genialità,della frase banalissima che detta in un contesto simile assurge a massima fondamentale,sunto cinicamente ristretto di intuito divino e umanità..ciò che intendo è che anche il mio fruttivendolo mi chiede se voglio delle carote,la sua unica pecca è quella di non creare architetture soniche adatte a rendere quella semplice domanda un atto di pensiero divino...non credete?sopravvalutato..


insolito
insolito
Opera:
Recensione:
seguendo il tuo pensiero niente ha un senso profondo e tutto cio' che e' geniale e' reso tale solo dall'immagine che ci facciamo di qualcosa. Quindi non perche' e' veramente geniale, ma perche' e' una nostra illusione. Cosa non e' banale e sopravvalutato per te?


insolito
insolito
Opera:
Recensione:
e vaffanculo per l'uno al disco che manco ha ascoltato.


insolito
insolito
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
@Insolito: sei davvero un coglione!sei impazzito a fare questa recensione, credimi se ti trovassi per strada ti prenderei a calci come si fa con un barbone o in un coglione!come si fà come si dà!come si fà come si dà!come si fà come si dà!si fà!si dà! e tua madre della tua tipa è preoccupata ma non sara mica diventata una svergognata? a forza di leggere le tue recensioni, per la sfiga ci si gratta i coglioni!come si fà come si dà!come si fà come si dà!come si fà come si dà!si fà!si dà!.......QUEsto è mr. Simpatia, prova a fare la mia parodia….
Hey questo è mr. Simpatia, prova a fare la mia parodia-Hey questo è mr. Simpatia, prova a fare la mia parodia-E se qualcuno risponde a cio che dico è perché manda avanti l’amico dell’amico….
Nord Italia (applausi per fibra)…Centro Italia (applausi per fibra)…Sud Italia (applausi per fibra)…Tutta Italia (applausi per fibra)È meglio che ti fai i cazzi tuoi…Ho visto una tua foto vestito da cowboy…Sono quindici anni che esci con le tue recensioni…Sorrido perché hai fatto più scritti per un dissing…E le tue fan (CHE NON HAI)dicono… che delusione…
ISOLITO ha copiato a fibra una recensione…Il mio nome ce lo scritto sulla MINCHIA…Tira su le mani per Fabri FiGA…Bumbumcia FiGA Bumbumcia…Ce sempre qualcuno che dice che me lO FA'…Bumbumcia FiCA Bumbumcia…Ma poi io GLIELO Sbatto perché SO COME SI FA'...Ogni volta che lo faccio tutti parlano di me…Faccio IL PORNOSTAR dal ’93…E se tu speravi di copiare come SCOPO E SCRIVO - Faresti molto meglio a Pimparmi il motorino…Non capisci la mia frustrazione…
Chiama TUA SORELLA TU GUARDI E IO FACCIO UN ORGIONE ...Il mio nome è Fabri FIGA...Tira su le mani senti il tuono che arriva…


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
DAI INSOLITO FAMMI SCOPARE DA FABRI FIGA! E TU GUARDI E TI FAI LE SEGHE.........DAI CHE CHIAMIAMO ANCHE IL MIO NUOVO RAGAZZO!HA 30 ANNI PIU' DI ME E NON GLI SI DRIZZA MA HA UN SACCO DI GRANA!E GLI PIACE FARSI LECCARE LE PALLE CON LA BIANCHERIA DI MAMMA IN DOSSO!CHE PERVERTITO!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
MARCO CHE CAZZO DI USERNAME TI SEI DATO "INSOLITO" CHE CAZZO SIGNIFICA!?DAI CHE PORTO LA TELECAMERA E FILMIAMO QUELLA PORCA DI TUA SORELLA TU FILMI..........FABRI FIGA GLIELO METTE AL CULO E CONTEMPORANEAMENTE IO AVANTI LA METTIAMO IN MEZZO E TUO FRATELLO SI INFILA UN CAZZO DI GOMMA NERO IN CULO!MI RACCOMANDO PERO' NON DIRLO ALLA MAMMA CHE FACCIAMO QUESTE PORCATE


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
ilsolito perdente.........mentre qui tutti si scopano la tua famiglia l'unica cosa che tu sai fare è farti le seghe?fatti prestare il cazzo di gomma nero da tuo fratello e mettitelo prima in culo e poi in bocca!


insolito
insolito
Opera:
Recensione:
paloz
paloz Divèrs
Opera:
Recensione:
Discuccio... Una vera sberla.. Bravo


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
Grande disco, il mio preferito del gruppo. Ma dal 71, al 73, sono sempre stati su ottimi livelli.


PeachTree
PeachTree
Opera:
Recensione:
100 Greatest Rock Albums

ma io vorrei sapere... PERCHE'... PERCHE'... PERCHE' esiste così tanta gente che si va a vedere quella lista li (fatta da un autentico beota) e adegua il proprio modo di vedere il panorama musicale alle preferenze di Ciccio Scaruffi?!? Esistono molti album bellissimi nel rock e negli altri generi, ma tutti parlano degli stessi artisti dei 25 migliori album secondo Ciccio Scaruffi... vergognatevi!!! un pò di personalità cazzo... Neu, Faust, Can... grandissimi artisti, MA NON I SOLI. Ragionate con la vostra testa, non con quella di Scaruffi (pessimo affare).


JohannesUlver
JohannesUlver
Opera:
Recensione:
Sono d'accordo col commento sopra al mio: Neu!, Faust e Can sono dei grandissimi ma certamente non i soli degni di nota. Detto questo la recensione è scritta bene ed il disco per me è il migliore dei Faust, molto più creativo e godibile del pur bellissimo ma strombazzatissimo Faust IV.


Pseudodionigi
Pseudodionigi
Opera:
Recensione:
Andiamo bene! I “barboni “ che s’incontrano per strada si prendono a calci....bravo “anonimo “, ti auguro di finirci te per strada.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Faust è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link